16 Comments

  1. Vabbe dai poverina, mica e’ colpa sua se e’ cosi goffa e malvestita..su perche prendersela con lei

  2. Ma è vero quello che ha scritto oggi Feltri, sul Giornale, di Filippo Facci? L’ha mazzuolato di brutto e gli ha dato del poveraccio (secondo me un giudizio addirittura lusinghiero, per il nostro Fili’).
    Dài, Filippo, rispondi mo’: è vero o no?
    Ciao,
    Michele

  3. Feltri e Facci fanno quel giochetto dei telefilm americani, lo sbirro buono e lo sbirro cattivo… ma giocano tutti e due dalla stessa parte

  4. Scusate se vado un po’ ot, ma secondo voi, perché sul blog di Gilioli, il più autorevole della rete, almeno secondo Blgbabel, non si può scrivere la parola “Ingegnere”?

    Grazie per l’attenzione.

    Addio

  5. Sembra il filmino di un matrimonio: parenti vari, semisconosciuti, figli illegittimi, tutti già abbastanza imbarazzati. Poi si avvicina per gli auguri uno di quei vecchi zii col parrucchino, spalanca bocca+dentiera in un sorriso inquietante e, gran finale, fa di tutto per mettere la mano sul culo alla sposa, o alla testimone. O, in mancanza, al prete.

  6. @ adrubale
    la classifica di Blogbabel non restituisce l’autorevolezza, ma quanto i post di un blog sono ripresi altrove, la misura dell’autorevolezza non l’ha ancora inventata nessuno

  7. beh, Facci può esser simpatico o meno, ma Feltri lo ha accusato di aver “detto balle” su due cose (il licenziamento di faltri da parte di Berlusconi e le scuse a Di Pietro); sulla prima non so, ma sulla seconda è palesemente Feltri che ha detto una balla: la vicenda della lettera di scuse a Di Pietro e la successiva “giustificazione” di feltri (testuale “dovevo farlo, c’erano 35 querele”) sono noti e facilmente reperibili*

    * http://archiviostorico.corriere.it/1997/novembre/09/direttore_dovevo_farlo_erano_querele_co_0_9711098395.shtml

  8. @ Filippo
    Che Feltri racconti palle è la scoperta dell’acqua calda: per questo mi sarei aspettato di trovare, su Libero di oggi, una bella articolessa di Facci, come quelle che riserva a Di Pietro.
    Ecco, magari non così noiosa e ripetitiva: ma mi sarei aspettato che Facci spiegasse se è vero che l’odiatissimo (da lui) Feltri l’ha graziato con il ritiro delle querele.
    “Non ho soldi”, avrebbe detto Facci a Feltri sr. (con la mediazione di Feltri jr.).
    Invece nulla: niente sulle palle di Feltri, niente su Facci che si prosterna di fronte a Feltri per non dovergli pagare un paccata di euro, che non aveva, pare.
    Poi ho visto la casa di Facci su Youtube (o meglio, sembra che l’intervista di Facci ad Annozero sia avvenuta nella casa di Facci): alla faccia della povertà. Ma allora era una palla anche quella che non hai i soldi? O quella piazza d’armi che è il tuo tinello, Facci, te l’ha prestato un amico?
    Bah.
    Qui tutti sparano palle e noi dovremmo essere i coglioni che ci credono.
    Ah, Gaber, ti ho amato di un amore immenso: specie quando urlavi, parlando della libertà di stampa e dei giornalisti, che “di fronte a tanta deficienza non avrei certo la superstizione della democrazia”.
    E che non hai potuto vedere la deficienza attuale.
    Allora, Fili’: aspetto chiarimenti sulle palle tue e sulle palle di Feltri, a mano che sparare palle non sia normale, come credo e temo.
    Michele

Rispondi