“The App”: una recensione cinematografica che la prende alla larga, sobria, che dice e non dice

Ieri, 26 dicembre, è uscito un nuovo film italiano originale Netflix. Si chiama “The App”. Regia di Elisa Fuksas.

Ora: io non è che possa parlare male di Netflix: quando ha debuttato in Italia ho detto alla radio, testuale: “Questo è il giorno che, in futuro, in Rai, Mediaset e Sky ricorderanno come l’inizio della fine”. Alcuni risero. Ora ridono meno.

E, allo stesso modo, non è che possa parlare male di Indiana, la casa produttrice italiana che l’ha finanziato, perché ha molto spesso prodotto cose italiane per cui essere grati.

Però, venendo al punto: “The App”.

Non possiamo limitarci a dire che “The App” è brutto.

Dobbiamo dire quanto è brutto. Serve una quantificazione, una scala di valori, un metro di giudizio da tramandare ai posteri che fissi su “The App” il limite estremo del brutto.

Ecco, “The App” è talmente brutto che la Cineteca Nazionale ha deciso di iniziare a restaurare i film di Boldi e gli ultimi di Aldo, Giovanni e Giacomo.

“The App” è talmente brutto che nell’altro film in anteprima su Netflix in questi giorni, invece che dimettersi, i due Papi si suicidano entrambi.

“The App” è talmente brutto che gli ultimi film di Scorsese sembrano durare 15 minuti.

“The App” è talmente brutto che “Roma” di Cuaron sembra a colori.

“The App” è talmente brutto che nella prossima stagione di “Stranger Things” lo fanno vedere ai ragazzi al posto del Demogorgone.

“The App” è talmente brutto che Greta Thunberg si è vista costretta a chiedere: “Lasciamo da parte un attimo questa cosa del riscaldamento globale e parliamo piuttosto di questa merda?”.

“The App” è talmente brutto che qualcuno è riuscito a perdonare Jar Jar Binks a George Lucas.

“The App” è talmente brutto che il Premio Tenco ha scelto di fondersi col Festival di Sanremo.

“The App” è talmente brutto che Luigi Tenco l’aveva previsto.

“The App” è talmente brutto che Gino Paoli ha iniziato a prendere lezioni di tiro.

“The App” è talmente brutto che la gente, a Roma, ha smesso di lamentarsi della spazzatura con la Raggi.

“The App” è talmente brutto che nel remake live-action di Bambi della Disney, alla notizia della morte della madre per mano di un cacciatore, Bambi dice: “Dai, un po’ se l’è cercata”.

“The App” è talmente brutto che se il produttore avesse fatto avere quegli stessi soldi all’Isis, avrebbe fatto meno danni.

“The App” è talmente brutto che Adam Driver e Scarlett Johansson alla fine fanno pace. Seguiti a ruota dal signore e la signora Kramer, e il signore e la signora Roses.

“The App” è talmente brutto che la versione cinematografica del musical “Cats” sembra prodotta dal National Geographic.

“The App” è talmente brutto che sono gli stessi titoli di coda a chiedere di saltarli.

“The App” è talmente brutto che invece che proporti qualcos’altro, l’algoritmo di Netflix ti chiede se piuttosto non preferisci costituirti.

(Visited 2.474 times, 17 visits today)

Commenta per primo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.