Quiz: ma cosa fai lì, pistola!

berettaIeri sera per strada, davanti alla sede di Rifondazione Comunista a Castro Pretorio, a Roma, c’era un tizio che sparava in aria con una pistola. Passando in macchina, ho fatto in tempo a vedere ancora qualcuno che gesticolava verso di lui dal marciapiede come per dire: “Ma checcazzo stai facendo?”. A questo punto, tutto d’un tratto, il nostro quiz! 1) Se il tizio aveva in mano una pistola vera, che cosa stava facendo? 2) Se era una pistola giocattolo, che cosa stava facendo? 3) Se era di Rifondazione Comunista, che cosa stava facendo?
(Visited 14 times, 1 visits today)

47 Comments

  1. E che vuoi che dica? La pistola era vera. Perché se fosse stata finta sarebbe ancora più assurdo. Ma voi non dovevate scatenarvi con le ipotesi più complesse? Dai dai…

  2. Se la pistola era vera iniziava ad impazzire in quel momento, se era finta scacciava i gatti, se era di Rifondazione Comunista e la pistola era vera, si suicidava senza vocazione, aspettando il proiettile vagante se la pistola era finta cercava di svegliare la luna rossa, se era un militare solo era deformazione professionale e se era un fascista, era ubbriaco e festeggiava Gaza.

  3. se era uno di rifondazione corrente di ferrero:
    credeva di aver visto Sansonetti sui tetti.
    credeva di aver visto Luxuria dentro la sede con Sansonetti sui tetti ed ha avuto un attacco di gelosia.

  4. 1. si voleva sparare sui coglioni, esausto dall’ultima faida.
    2. si voleva sparare simbolicamente sui coglioni, esausto dall’ultima faida.
    3. si voleva sparare sui coglioni al termine della strage nella sede, esausto dall’ultima faida.

  5. Se era mancino: la mano si era scissa in due fazioni e cercava di far fuori l’altra parte.

  6. Era un imbecille qualsiasi che si trovava lì come poteva trovarsi da qualsiasi altra parte, il mondo ne è talmente pieno. Basta accendere la Tv, farsi una passeggiata sotto casa o cliccare su un link a caso per constatare che una cosa che non manca in questo buffo mondo sono i pistola.

  7. Cercava di acchiappare i proiettili con la bocca dopo averli sparati in aria, come si fa con le noccioline. Perchè davanti la sede di rifondazione? perchè sperava di mettersi in mostra come nuovo dirigente di partito. Tanto li scelgono così, no?

  8. sicuro che non c’erano altri individui armati in giro?l’ultimo che sopravvive sarà scelto per la prossima isola dei famosi!
    Ovviamente per rilanciare il brand Rifondazione Comunista.
    Se la pistola era finta era solo una battle royale a paintball se sparava in alto è perchè il suo avversario ninja stava saltando sui tetti..

  9. era un quadro alitalia,momentaneamente non ospitato dai compagni,esponente di qualche comitato di base che cercava di ottenere un’adeguata platea per le istanze che rappresentava abbattendo un velivolo dell’ex compagnia di bandiera.L’ultima volta che avevano azzardato a questi livelli il tiratore volontario(centralinista i presume)colpì l’aereomobile di Fasulo che si schiantò sul Pirellone mancando Formigoni di 9 fusi orari

  10. Schatten, intendi dire un assistente di Fagioli che viene a recuperare i crediti dai rifondaroli per tutte le sedute di terapia che hanno fatto e che non hanno pagato?

  11. eh be’, quello o il gesto dimostrativo di un fan di Fagioli contro gli ingrati dissidenti.

  12. Era Fagioli stesso che cercava di spararsi sui coglioni, ma non li trovava, (non ce l’ha ?). Era l’ennesimo modo terapeutico (a suo modo) per cercarseli. Poverello!

  13. La fidanzata di quello con la pistola, lavora all’ufficio elettorale e dopo indagini accurate, era venuta in possesso di un elenco con i nomi dei compagni che , alle ultime elezioni, non erano andati a votare.
    Quello con la pistola con il gesticolante , da ore ormai discutevano la strategia migliore per sentirsi più vicini ai problemi delle masse; “dobbiamo essere più incisivi” diceva il gesticolandate e aggiungeva ” basta con questo moderatismo che ammazza gli ideali”. Fu come un lampo , quello con la pistola uscendo come una furia dalla sede del PRC , in una mano il foglio di carta e dall’altra la pistola rivolta verso il cielo, urlava :” devo vendicare i poveri ideali inermi, mai più questo genocidio idealista” .
    Il gesticolante con orrore gli corse dietro l’altro che , ormai preda della passione politica non sentiva nulla.
    Sbragato, nervosamente passeggiando su e giù per il marciapiede urlava: ” cazzo di un cazzo ma se devi fare le cose falle per bene, la pistola è a salve !!!”

    Proprio in quel momento era in transito un auto , dentro, si intravedeva appena la sagoma di un uomo, ma quel bagliore rosso non era il riflesso del semaforo…..

  14. 2) era una comparsa del film Il Caimano II
    1) era una comparsa del film Il Caimano II, con produzione Mediaset
    3) era un compagno che sballa

  15. @nice
    mi hai convinto, è come dici tu. Immagino che El Pistolero un paio di volte abbia anche gridato “assaltiamo il cielo! assaltiamolo!”, con sguardo folle e cuore latino.

  16. con tutta la gente armata che c’è , presto ne vedremo tanti a fare bang bang per le strade delle metropoli:

    “In Italia c’è un vero e proprio arsenale bellico «parallelo»: sono infatti circa 10 milioni le armi legali presenti nel Bel Paese, con oltre QUATTRO MILIONI di famiglie «armate», cioè in possesso di almeno una pistola.”

    il resto qui :
    http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=307906

    (scusate la fonte giornalistica di dubbia credibilità , almeno fidiamoci dei dati che sono presi da Eurispes)

  17. 1. Se era vera era un compagno che sbaglia.

    2. Se era finta è il solito infantilismo di una certa sinistra.

    2 bis. Sparava cazzate.

    3. Se era di Rifondazione Comunista sparava al cielo nemico e agli dei avversi maledicendo il destino cinico e baro.

    3 bis. Festeggiava il crollo di popolarità del PD. Muoia Sansone e tutti i Filistei.

    3 ter. Festeggiava l’inizio dell’anno con il consueto ritardo antagonista.

  18. è uno che anelando di divenire ateo e agnostico spara speranzo d’uccidere l’unico dio rimasto in terra,ossia il COMUNISMO.

    Grazie Marx,grazie Lenin,grazie Stalin.
    Ci mancate.

  19. C’ero anch’io!
    Io ero quello che sembrava dicesse:“Ma checcazzo stai facendo?”.
    In realtà gli stavo solo chiedendo: Allora?? l’esperimento è riuscito? Quanto hanno impiegato?

    Il tipo stava verificando, semplicemente, quanti secondi impiega un proiettiele per tornare indietro.

    roba seria!!
    :):):):):):)

Rispondi