L’utilità intrinseca dello scemo del villaggio globale

Il Guardian ci spiega il motivo per cui non dovremmo togliere l’amicizia su Facebook all’amico che si è rivelato un razzista, a quello che crede alle scie chimiche, o a quelli che seguono Red Ronnie o Mario Adinolfi.

Dice – il Guardian – che il motivo è che lui ha bisogno (tanto) di te ma, soprattutto, che tu hai bisogno di lui.

Lui, lo scemo del villaggio globale, è l’unica ancora che ti è rimasta a tenerti attaccato a un pianeta in cui la gente dice e pensa cose orrende che non sono quelle che dicono e pensano le persone di cui ami la compagnia e che hai scelto di frequentare. Cancellare chiunque non dica cose che ci piacciono crea un mondo caramelloso che a noi piace e però non esiste.

Chiudersi nell’armadio, tapparsi le orecchie e cantare forte forte non è una soluzione né nella vita reale né in rete.

Qui trovi l’articolo intero. Te lo consiglio: http://bit.ly/1OE750g

[sc name=”quarantadue-iscrizione” ]

(Visited 255 times, 1 visits today)

Commenta per primo

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.