Sono Lexi Amberson

Lexi Amberson e Filippo FacciUn bel gioco dura tanto: l’ultima cosa al mondo che avrei pensato, nel tardo luglio 2004, è che sarebbe durato sino alla fine del 2006.
E’ che dopo un po’ è diventato come una droga. La gente che scriveva; le foto che preferibilmente andava a cliccare; i penosi tentativi di adescamento nella malcelata convinzione che Lexi Amberson fosse un’ordinaria eterosessuale che non aveva ancora fatto l’incontro giusto.
Dio, quanto ci siamo divertiti. Sarebbe bello fare anche qualche nome, ma non sarebbe corretto, come si dice.


Lexi Amberson esiste, beninteso. Come esisto io. Il blog è suo, le foto sono sue (vero motivo di successo del blog, ciò che ha annebbiato la vista e l’intelligenza di tanti circa una serie di incongruenze) e moltissimi post sull’America e sulle scorribande e sulle sue avventure intimiste sono suoi: ma li scrivo io. Da anni.
Li scrivo nella lingua che potrete aver visto, nel linguaggio che è mio e che evito soltanto di rendere eccessivamente riconoscibile. I post politici o di genere italico invece sono tutti miei.

Lei esiste eccome, anche se ha ormai 24 anni e non 19 (nessuno ha notato che ne avrebbe 19 da più di due anni?) come è vero che ha una madre che vive in Italia e un padre nella California del Sud.

Ogni tanto torna. Io l’ho vista due volte in vita mia e ci ho parlato al telefono un 13 milioni di volte.
Lexi fa quella che è orgogliosamente lesbica, e in genere chi è omosessuale si traveste da bisex, mentre lei per sfida fa il contrario: è bisex ma si diverte e a presentarsi come orgogliosamente lesbica. Fa bene. Lo fa per prendere per il culo noi eterosessuali bavosi. Da questo punto di vista riscriverla è un piacere: lo era per forza, visto che il connubio è durato tanto.

Ora però la sta menando da mesi perchè vuol fare un blog su Los Angeles, e me non me ne frega davvero più una cippa: andiamo d’accordo su tante cose, ma il suo amore per gli States non è comunque il mio.

E’ vero che ha otto cavalli?
No, è vero che ogni tanto (ma tanto) va a cavallo: il resto deducetelo dalla radice greca del nome Filippo.

E’ vero che che canta e suona la batteria in un gruppo country?
Semplicemente: no.

E’ vero che adora parlare di culi, cazzi, fighe e pompini? Perdio, sì. Anche troppo. Tante volte le ho detto di moderarsi perchè sennò sembrava troppo fantastica per essere vera.

Per il resto, chessò, io niente sapevo del suo amore per Ashley, di sua nonna Alexandra, della guerra in Svezia tra nazisti e comunisti, dei suoi viaggi dalla California al New Mexico, di un sacco di gruppi musicali di cui mi frega meno di zero, anche perchè anche sulla musica i nostri gusti sono abissalmente o forse solo generazionalmente diversi: ma riscrivevo tutto.

Poi ci stava a pennello che fosse ‘di destra’ in Italia e ‘di sinistra’ negli States, sino a raccontarvi la balla siderale che la compagna del padre l’avesse abbracciata dopo il discorso di Berlusconi al Congresso. Cazzate. Erano tutte cazzate. Il bannerino sull’Occidente. I contras Castro, Guevara e compagnia.

Non è che fosse impossibile capire come stessero realmente le cose, o quantomeno insospettirsi. Sono stati fatti anche degli errori, delle imprudenze. Io del suo blog (dei suoi, dipende) tecnicamente sapevo e so zero, spedivo solo email. Però ogni tanto mi mettevo a commentare a suo nome su qualche blog (Macchianera compreso, of course) e solo successivamente lei mi disse di piantarla perchè in questo modo si rischiava che qualcuno potesse accorgersi che i commenti avrebbero portato a un IP milanese, o come si dice.
Cazzo ne so io.

In particolare Lexi si mise (io mi misi) a commentare sul blog Oce, dove tu guarda, nello stesso periodo commentava e aveva la password di autore anche Filippo Facci. La piantai di colpo, dopo la cazziata di lei, con una scusa qualsiasi. Allo stesso modo rifiutò (rifiutai) di scrivere come autore-autrice su Macchianera, adducendo la credibile ragione che mi fecesse cagare.

Eppure molti indizi li disseminavo apposta ed erano lì, belli provocatori.

Lexi, giornalisticamente parlando, mi avrà elogiato cento volte.
Ma poi: come potete credere seriamente che una mi consideri, come scrisse, “più bello di Brad Pitt? E che lo ripeta in continuazione?

Tra i milioni di commenti le hanno dedicato, infatti, qualche legittimo sospetto non a caso spuntava:

“Speriamo che non si lasci con quello/a che gli scrive i testi”
“Dimenticavo! Forse Facci (il “giovane” giornalista preferito da Marcello Dell’Utri) saprebbe scrivere le stesse cose. Gianluca, già conosci Filippo, lascia perdere almeno Lexi!”
“La ragazza scrive e pensa troppo bene per la sua età; c’è qualcuno dietro. E quel qualcuno è furbo”
Lexi sarà pure diciannovenne (?), ma chi l’ha abituata allo stile argomentativo e all’editing grafico della letteratura scientifica?”
“Peccato che, dopo la sua rimpatriata americana,i suoi rari commenti su blog italiani portassero ad un ip milanese… mah mah!!!”
“Le parti politiche le potrebbe scrivere qualunque trombone, quindi direi che l’interesse sta nelle parti personali. In realtà, a essere sincero, mi pare che l’interesse stia nelle parole “figa”, “ditalino”, “lesbiche”, “scopare”. Cioè, nel 2006 scopriamo che la figa è quello che attira sul web”

Questo mentre io, inteso come Filippo Facci, proseguivo la sublime presa per il culo con un commento che lei giudicò troppo scoperto (s’incazzò in inglese) e che conteneva già tutto. Ma passò impunito:

Lexi è la fidanzata dei miei sogni.?E la fidanzata dei miei sogni dev’essere così: in sostanza non esserci, forse neppure esistere, abitare un’altrove, non sporcare con il sesso il suo rapporto con me, essere lesbica il che va benissimo, essere intelligente il che appaia come una strada per essere più felice e non viceversa. Ama pure i cavalli: e ve lo dice uno il cui nome (Filippo) significa amante dei.? E’ l’unica Facci in gonnella che io abbia, anzi, che io non abbia mai conosciuto”.

E qui c’è una cosa che sinceramente non ho mai capito. Mi ero decisa a capirla una volta per tutte oggi, dico oggi 26 dicembre, ma Neri non risponde al telefono.
Non ho mai capito, cioè, se Neri fosse al corrente di tutto l’arcano. Credo di no, perchè altrimenti nell’arco di due anni e mezzo non avrebbe resistito a farmi capire che sapeva, ma il punto è un altro. La comica è un’altra. Il fatto è che Neri, arguii io, aveva senz’altro un suo qualche rapporto epistolare con Lexi (quella vera) e preservava gelosamente il rapporto così da rendere praticamente impossibile affrontare l’argomento.
Non so neanche se lo ricorda, ma io, un paio di volte a casa sua, quand’ero lì per la radio demente, tentai alquanto vagamente di affrontare l’argomento Lexi, ma lui glissò subito come se volesse preservare un qualche segreto istruttorio.

Sicchè, alla fine, son qui che scrivo e non so neppure se Neri sappia.
Abbastanza demenziale.

Ora: io potrei riempire pagine intere con tutto quello che ho capito in questi due anni e mezzo di falsa-ma-non-troppo identità. Ma non ho voglia. Che devo scrivere, ancora. C’è un blog intero. Ci sono migliaia di pagine, migliaia di commenti.
Il nulla oltre la siepe.

(Visited 711 times, 1 visits today)

50 Comments

  1. @Sergius: però delle incongruenze nel personaggio Lexi ci sono sempre state, almeno io talvolta ne ho trovate, ad esempio nelle fotografie che posta.
    Anche la storia dei commenti da un IP milanese era sospetta.
    Che poi Facci ci marci semplicemente sopra è un altro discorso.
    Quindi un “bravo” a Facci, che comunque vada ci fa un figurone e un “brava” a Lexi, che comunque vada rimane sempre una gran bella figliola.

  2. insomma, Facci si è fatto passare per una donna molto giovane (e – ahem – magra) per un paio d’anni e nessuno l’ha sgamato? Mah. Chissà perchè, io ci credo.

  3. @Cyberbiscottato
    Facci lavora.Non credo che abbia tempo di scrivere post “recitando”,rispondere ai commenti ect.
    Tutto questo per DUE anni, per fare uno scherzo a voi? Suvvia.
    E poi il Facci,e questo lo si puo intuire dalla sua storia personale, non ama il cammuffamento:lui ci metterebbe la firma anche sulla sua auto.Figurarsi se si presta a scrivere per 2 anni facendo finta di essere una teenager.

  4. Ma non è che fa finta di essere una teenager, la (non più) teenager esiste, lui la conosce, dunque il punto di partenza mi pare diverso.
    Poi acquisire che la ragazza sia mia coetanea e non ami solo una metà del cielo non so perché, ma le prendo come cose positive.

  5. @Sergius
    Sono d’accordissimo su Facci (come puoi poi leggere nel mio commento di prima).
    Quello che sostengo è come i post di Lexi alle volte siano comunque un po’ sospetti. Ad esempio ricordo foto di amiche “italiane” che di “italiano” avevano ben poco.
    Comunque mi stupisce come sul suo blog non ci siano tanti commenti; immaginavo sarebbe stata tempestata.
    p.s. è la seconda volta che invio perché ho dei problemi al browser.

  6. Quindi Filippo Facci è la “My Hun” :S
    Oh my God.

    Vabbè… chiunque sia scrive meravigliosamente bene tanto i post che i commenti. Chiunque sia non chiuda uno dei pochi blog che ancora mi diverto a leggere :P

    Buon Anno a tutti (o quasi :P)

  7. Ah, perchè è scritto male. Facci scrive male. E’ noto che Facci scrive male. Tu invece scrivi bene, o quantomeno ho cercato, io, di farmi un ‘idea di come tu intenda lo scriver bene. E sono andato sul tuo sito.
    Musicalità: siamo alla dodecafonia. Ritmo: neanche Maiorca riuscirebbe a reggere l’apnea necessaria.
    Ma vavangulo, va’.

  8. è marketing, anche di livello mediocre, ma siccome siamo un po’ tutti mediocri, passo dal ruolo di fedele lettore a quello di commentatore e dico la mia: credo che dietro lexi fossero + di uno, oltre a lexi stessa; insomma bufala era e bufala rimane

  9. Sono convinto che si tratti di un anticipato pescetto primaverile…
    Credo che la cifra di questa ‘confessione’ di FF sia da ricercare nel post di ASA del 13 dicembre; e chiaramente nel post di GN pubblicato a marzo.
    Date un’occhiata ad entrambi, e poi traete le vostre conclusioni.
    Ciò ricorda molto, fatte le debite proporzioni, tutto quello che concerne la copertina di Abbey Road…

    ..è che siamo tutti quanti, sotto sotto, dei piccoli teorici della cospirazione; e forse ci si dimentica che “it’s only blog ‘n’ roll”, dopotutto. -And I F’n like it-

    Sergius: trovo molto azzeccata l’analogia del criceto.

    Off Topic, una richiesta diretta a FF: esiste da qualche parte un elenco completo delle mini-biografie dei musicisti da lei scritte? Ho letto quelle disponibili su macchianera, e mi pare di capire che non siano state riportate tutte… grazie. (sì, sono un leccaculo e sì, sono *davvero* interessato a leggerle :)

  10. e dimenticavo di ribadire che se mi sbaglio, pazienza. non ci perderò il sonno. mi faccio un paio di risate, e avanti il prossimo.

    insisto, it’s only blog ‘n’ roll…

  11. in effetti, quello ‘scriviMI’ è un po’ inquietante.
    Qua s’inizia tutti ad impersonare chiunque.. :P
    Ecco! Ho capito, ho capito ! In realtà dietro a wittgenstein c’è Ferrara, mentre il vero chief editor di Macchianera è Guzzanti vecchio! Ah, adesso si provi a smentirmi… ^_^

  12. ma che..? un editing volante del mio messaggio?
    riscrivo la seconda parte:
    Ecco! Ho capito, ho capito (I can see the matrix)!
    In realtà dietro a Wittgenstein c’è Ferrara, e il chief editor di macchianera è Guzzanti vecchio.
    Ah, adesso si provi a smentirmi… ^_^

  13. ff,non dimentica qualke segretario? per dire recentemente uno con un nome da colla e un signor bianco?

  14. Oh no, troppo impegnativo.
    Era solo un aiuto alla divulgazione.
    Una specie di volontariato per le feste.

  15. beh, di gente in laboratorio ce n’è già abbastanza…
    forse dovrei dire “ce n’era”, ho sentito come un boom.

  16. Va bene, si sapeva già che le Lexi erano due, anzi tre, ma non sveliamo troppo la trama.
    Adesso cosa dobbiamo aspettare, il Natale 2007 perchè ci confessi di essere anche Robinik, non quello liberale, quello stronzo ma che scrive bene.

  17. E pure ‘sta Lexi Amberson, come ogni anno il Santo Natale, ce la siamo tolti dalle balle.
    Cos’è che non perdoneremo esimio alla giovin signora se non quello di averci mostrato oltre alla vulva ed allo sfintere anche l’anima mostrandoci chi le scriveva dentro.
    Lexi ha detto…
    “Il mio nuovo blog partirà a febbraio (il tempo di concludere la trattativa nientemeno che con Giulianone Ferrara) e sarà visionabile solo ad inviti. Nel senso che l’indirizzo verrà fornito solo dopo aver ricevuto richiesta via email e aver superato un test d’idoneità anti-idiozia”.
    Oddio, è quel forum elitario di cui Facci diceva non li legge mai nessuno.Gli inviti ai non idioti, praticamente ed è subito deserto.Io non ci sarò, per ovvi motivi del non distinguermi tra la folla.E chissà se Giulianone, che dovrebbe finanziare, lo saprà mai che il giocajouer che ci piaceva tanto si sta trasformando in un uso privatistico del suo danaro pubblico.
    Alla fine dice il saggio :
    Meglio un fake falso che uno vero.
    Altro che blog su Los Angeles, una Microtangamega a iniviti, quasi come un intelligente cecoslovacco sulla pace nel mondo, a questo punto meglio un calcio nelle palle.

  18. il post non asserisce che lexi abbia dei ghost-writer generici, sostiene invece (nel titolo) che lexi E’ ff (attenzione, pubblicità ingannevole), che lexi è ff nei suoi post di politica italiana e che lo fu su oce (corpo del post). tutto questo è falso. ff non ha capacità trasformistiche in questo senso, aver commentato con fake i suoi stessi post – per inciso, non ci sono post storici, la storia non si fa ancora attraverso i blog e non la si farà mai, si rassegnino anche i finti dileggiatori della copertina di time – per accrescere i commenti non basta.

  19. o’ren, sei il vero ” vero autore” di Lexi e stai morendo dalla voglia di dire tutto e di sconfessare Facci?

  20. Peccato che sconfessarmi sia impossibile. Semplice semplice. L’unica che potrebbe farlo è Lexi. E non è un caso che non si sia ancora fatta viva e che il suo blog sia fermo.

  21. no, maria, sei fuori strada. non c’è niente da sconfessare, patetico pallone gonfiato, il blog di lexi è navigabile e aggiornato con la stessa periodicità di sempre.

  22. un paio di cose ancora: mi duole ammettere che sebbene parzialmente questo post è riuscito nel suo intento ponendo enigmi, generando psicosi su pseudoidentità internettiane e tentando di prendere per il culo abbondantemente lettori di ogni genere – ché ve ne sono diversi di generi, lo sapevate? ci è riuscito in minima parte e molto lentamente, questo post è qui dal 26 dicembre, continua a campeggiare in apertura di pagina perché si aspettano ulteriori reazioni che mi auguro non verranno e la simpatica fotocomposizione è stata aggiunta nel pomeriggio dello stesso, proprio perché il post non decollava.

  23. @ricchiuti: benché gli orari siano forzatamente discordanti, il post “racconto di natale” è apparso in rete qui da noi dopo il post che stiamo commentando.

  24. O’ Ren, non conosco il motivo del tuo pervicace nervosismo, tuttavia adesso non esagerare.

    Il post è qui dal 26 dicembre e l’aggiornamento del blog di Lexi, se ci badi, pure. Dice niente?

    In secondo luogo ho già spiegato che la ‘fotocomposizione’ è stata aggiunta da Neri su mia richiesta (come è accaduto altre volte) pochi minuti dopo la pubblicazione, e solo perchè io non sono capace. Normale. Ordinario. Dopodichè vorrei ben vedere che un post non decolli come una lippa dal momento che è stato pubblicato nel pieno pomeriggio del 26 dicembre.

    Infine: se il post continua a campeggiare in apertura è solo perchè a quanto pare nessuno ha più postato niente. Che devo dirvi? Fatelo, provate e vedrete che non sarà più in apertura. Volete che lo faccia io? Lo posso anche fare.

  25. @ “O’Ren” non capisco come mai questo post ti tocchi così tanto (“psicosi” : ma dai) etc etc. bla bla.

    Ad ogni modo, ciò che trovo più irresistibilmente comico sono le congetture che fai riguardo le manovre tese a far decollare il post e suscitare altre reazioni . Non entro nel merito, ma più di tutto mi pare stia pesando il tuo contributo : “10 COMMENTI , 10 !
    Ven via.

    Anzi, mi sembri un pò troppo macchietta per esser vero : ho il timore tu sia più farlocco di Lexi Amberson..

    olà

  26. non assumo xanax; no, non dice niente; secondo il post neri non era informato e nemmeno raggiungibile; non è decollato neanche il 27;
    sì, scrivi qualcos’altro.

  27. O’ Ren, non renderti ridicolo da solo. Se non ‘dice niente’, tu capisce poco. Ma che se ne importa di questo. Ma a me che mi frega se un post ‘decolla’ o no, secondo i tuoi canoni? Se io resto uno dei più letti in circolazione (anche fuori di qui) mica lo misuro dai commenti in rete. I quali ogni tanto, non a caso, neppure prevedo.
    Presto posterò ancora, se ti fa piacere. E’ che un post immediatamente successivo a un’altro mio tanto elegante non mi pare. Autori, dove siete?

  28. “tu capisce, che se ne importa, un’altro”: riflettiamo.
    la quantità di commenti, per i post-cazzeggio beninteso, la valuti eccome. la percentuale dei tuoi post senza opzione commenti rispetto al totale è infinitesimale, basta frugare in archivio o cliccare sulle tag. nessun dubbio sul fatto che volessi lasciare la paginata intatta, data la sua eleganza.

  29. Ti trovo molto appassionato. O’Ren. Ricordi Daniel Oren, il direttore d’orchestra. Fasi cose e controlli e frugamenti d’archivio che io non so fare nè farei mai.
    Il fatto che io abbia il record del numero medio dei commenti e abbia scritto il post più commentato della storia di Macchianera, secondo te, è segno d’interesse. Ma ti giuro, che vuoi credermi, che il seguito che m’interessa è fuori di qui.
    In tuo onore, nel prossimo post non prevederò commenti.

  30. che a te da giornalista e scrittore non interessino i frugamenti d’archivio è preoccupante anzicheno. anche i tuoi due ultimi commenti mesti e dimessi lo sono, segno che forse gli oppiacei o forse tu che non sei proprio tu, oltre a non essere mai stato lexi amberson. vantare il numero medio di commenti e il fatto di aver scritto il post più commentato della vita di mn, è segno del tuo interesse. se il seguito che t’interessa è fuori di qui, perchè ostinarsi con la rete, dico io, e non prolungare invece all’infinito le tue sporadiche pause.
    nel frattempo, fuori gli autori.

  31. Parlavo degli archivi di Macchianera. Come sai. Sei già diventato noiosissimo, Daniel.
    Tuttavia chiedi: perchè ostinarsi con la rete? La domanda è più che pertinente. Diciamo che ho le mie colpe. Ciascuno si occupi delle proprie.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.