E se lo metti sotto un pentolino d’acqua, cosa scopri?

I fanboy dell’Apple che si aspettavano meraviglie dalla nuova presentazione di Jobs sono stati premiati: nei nuovi MacBook non c’è più il tasto sotto la trackpad! Non c’è! Perché si clicca direttamente la trackpad! Ci pensate?!? Wow! Direttamente la trackpad! Ecco, sono alla 5a riga e ho già finito i punti esclamativi. 

Ma voi magari non siete fanboy. 

Magari non siete nemmeno utenti Mac.

Magari state leggendo queste righe da un laptop qualunque, per intenderci di quelli sotto i 700 euro, sì?

Ho una sorpresa per voi. Puntate il cursore qui, e poi colpite la vostra mediocre trackpad due volte, velocemente. Dai.

Forte, vero?

Beh, adesso si può fare anche col Mac. Wow. Non vi fa sentire più fighi?

(Visited 11 times, 1 visits today)
About Leonardo 39 Articoli
Blogga dal 2001, con alterne fortune.

48 Comments

  1. In effetti è abbastanza facile fare ironia sugli utenti Mac, ma nel caso in questione forse hai preso un abbaglio. Infatti anche coi portatili Mac “vecchi” si può fare click colpendo due volte velocemente la trackpad. La differenza è che in quelli nuovi la trackpad si può proprio anche cliccare come fosse un vero e proprio tasto (insomma si muove).

    Detto questo, non so quanto questa novità sia effettivamente utile (forse sì, bisognerebbe provare). Quello che davvero mi lascia perplesso è che nei nuovi MacBook abbiano tolto la porta Firewire, indispensabile per esempio per scaricare video da Videocamere MiniDV.

  2. Si poteva con un Macbook anche in precedenza. La novità è che ora si fa SOLO così.
    E che, ovviamente, si possono usare i gesti (due, tre, quattro dita), per manipolare oggetti e attivare “azioni”. Questo, d’altra parte, era già presente da un po’ sui Macbook Pro e gli Air.
    Magari state leggendo queste righe da un laptop qualunque, per intenderci di quelli sotto i 700 euro, sì?
    Ecco, aprite una foto qualunque con un programma di gestione di foto. Ora con due dita girate verso destra.
    Dai, non è la fine (per arrivare a quella si fa intuitivamente click su “start”, ovviamente) del mondo.

  3. precisando che mi piace molto osx ma non riesco a farmi a piacere il macbook… ma… sbaglio o i nuovi macbook sono touchscreen ?
    se e’ vero, questo non e’ proprio da poco.

  4. Già, l’ironia di questo intervento fa sorridere per l’ignoranza, semmai… visto che la trackpad si può utilizzare per fare doppio click da eoni. Ricordo che già il Powebook G3 lo faceva. La differenza sta nel fatto che abbiano finalmente deciso di togliere un pulsante che, proprio per la comodità di utilizzare direttamente la trackpad, non utilizza quasi più nessuno… Io avrei evitato di metterlo del tutto: la possibilità di premere la touchpad mi sembra poco utile, ma bisognerà prima provarla. La filosofia di Ive è “less is better”, d’altronde

  5. Rimba, quello che hanno messo nei nuovi portatili è un pulsante che corrisponde a tutta l’area di puntamento, risparmiando spazio ed evitando immagino il problema dei click non intenzionali che si hanno con l’altro metodo.

    A proposito di caratteristiche ordinarie ribattezzate a nuovo splendore dopo la cura Cupertino, mi ha fatto sorridere quello che osservava che dopotutto il nuovo avveniristico processo di produzione non è altro che una lavorazione con delle comunissime e impolverate frese a controllo numerico.

    http://www.melablog.it/post/7035/lo-spacchettamento-del-nuovo-macbook/1#365939

  6. ahahaha

    dunque, facendo quello che il sig leonardo mi ha consigliato di fare e che evidentemente non ho manco capito, tutto quello che è successo è che mi si è cancellato il sapido commento che avevo già scritto (non questo, moooolto più sapido). digitato sulla tastiera di un mac book air.
    l’ultimo dettaglio era tanto per dare le definitive coordinate della mia dabbenaggine :D

  7. Scusate, posso intervenire da un desktop da 300 Euro compresi monitor CRT e licenza XP Home in bundle?
    Il ritmo con cui la Apple annuncia le sue ennesime rivoluzioni mi sembra sia ormai prossimo al collaso. Da un momento all’altro mi aspetto una bella implosione.

  8. @tonino:
    gli americani son famosi proprio per saper vendere mer*a a peso d’oro.
    ah, no, ooops, si chiama marketing :D

  9. Non so cosa diceva tal Ive , ma io ricordavo la filosofia “less is more” …

    Ma , soprattutto, c’è gente che usa la trackback anche non in condizioni di totale “emergenza”/”occasionalità” ? Per quanto mi riguardano il prezzo vero di un laptop è la cifra che si spende comprensiva di mini mouse ottico . Ad ogni modo per quanto marginale è sempre una innovazione , non è che tutti giorni si scopre la pennicillina, e poi che pretendevate per soli 1800 Euro ?

  10. Resta che la vera e unica rivoluzione degna di nota nell’interazione con i portatili, fu quando sui primi portatili l’IBM inserì quel belpulsantino rosso al centro della tastiera che per motivi che è qui superfluo spiegare, venne da molti subito battezzato “clito-mouse”.

    Lì sì che erano soddisfazioni, fare doppio click, altro che l’asettico bianco piatto della mela.

  11. Certo che se ci si deve ridurre a discutere se l’aver tolto un tasto della tastiera sia una rivoluzione o una cazzata vuol dire che di nuovo c’è ben poco.

  12. A dire il vero è la stampa che annuncia rivoluzioni della Apple. Stavolta mi sembra che i toni da Cupertino siano stati abbastanza pacati, in proporzione alle novità dei nuovi mac… (come si fa a cliccare sulla trackpad con i vecchi mac?)

  13. Ah, gli utenti Apple… così entusiasti di ogni cosa che fa Apple perché, evidentemente, non hanno cose più rilevanti da vantare nella propria vita. E allora viva il trackpad cliccabile, viva il dettaglio fico, viva lo spot dove loro sono fighi e gli utenti PC sono nerd, viva tutto quello che serve a farli dimenticare delle proprie, inaffrontabili miserie umane e del loro ineguagliabile spirito gregario. Ancora più ridicolo, perché gregario d’elite.

  14. @ammiratore
    questo non è mica un trattato di sociologia.
    ci divertiamo, amabilmente, a prendere per il culo i mac(ch)iettisti.
    niente di+ niente d-

  15. Vi scrivo con un Powerbook G4 (uscito nel 2003) dove gira fluidamente l’ultima versione del sistema operativo Apple.
    Conoscete qualcuno che usa Vista su un laptop che quasi 6 anni?

  16. Leonardo scusami, ma tu hai un blog da prima che esistesse internet, e fai doppio clic sui link nel browser come un vecchietto che guida col cappello?

    Siediti che ti rivelo una cosa: di clic ne basta uno.

  17. @sarah : si vede che sarò impedito .
    Personalmente lo trovo decisamente più scomodo , ma magari “it’s just me” , che io tra l’altro non trovo particolarmente piacevole tutta la “tecnologia touch” .

  18. Anche il mio meccanico ultimamente gode come un riccio (ma perchè si dice così poi…). Hanno fatto le pinze USAG con un nuovo rivestimento in plastica rosso-nera dei braccetti , e lui è milanista…

  19. In effetti mi aspettavo delle innovazioni più consistenti.
    Il trackpad va benissimo: stesse funzionalità sull’air e sul pro (alcune funzionalità sono le stesse sul touch screen dell’Ipod Touch).
    Quello che non ho gradito è la scelta sul FW e la tastiera air-style… Quella del pro era mille volte più bella. Non ho ancora verificato che sia presente la gestione della retroilluminazione come sul Pro.
    Ad ogni modo, i costi si sono ridimensionati rispetto al passato e al mercato PPC per intenderci ma sono ancora elevati purtroppo.
    Nonostante tutto, sono felice di aver “buttato” soldi per un macbook e mi accingo felicemente a fare altrettanto con un iMac 24″.
    Stile, performance, robustezza, sicurezza e design: purtroppo costano.

    A.

  20. @kluz
    è questione di abitudine.
    Spesso anche io evito di prendere il mouse. Ovvio che non è proprio la stessa cosa ma funziona alla grande.
    E poi si suppone che il portatile venga usato un po’ dappertutto, non sulla scrivania (altrimenti era un desktop:P )

  21. Uno dei post piu’ idioti che abbia mai letto su Macchianera. Per citare l’immortale poeta: tristezza a palate.

  22. Sì, Vic, hai ragione, basta un clic. Il doppio clic è una mia idiosincrasia, credo dai tempi dei 386.

    Io comunque continuo a credere che il “less is better” sia una cazzata che vi stanno vendendo a peso d’oro. Le interfacce sono più comode quando sono ridondanti. Davvero, se hai un paio di tasti sotto il pad, e hai imparato a usarli bene, dopo un po’ ti accorgi che il mouse non lo attacchi più, non ne hai bisogno.

  23. Leonardo per chi non ha tempo:
    non ho i soldi per permettermi un Mac e rosico.

    Ci sono passato anche io a prendere per il culo i macchisti, e i fanatici ancora mi fanno venire l’orticaria. Poi però ho comprato un MacBook Pro, il modello di due volte fa, e l’unica cosa che mi sono chiesto è: perché non l’ho fatto prima? Tutte le volte che per lavoro devo usare Vista mi viene il latte alle ginocchia. E pensa che quando sono usciti i 386 usavo il computer da almeno 5 anni (quando il mouse non si usava).

    A proposito dei gesti, sul mio MBP si può solo fare lo scroll a due dita, ed è così comodo che mi trovo a farlo pure sugli altri portatili, quelli da 700 euro (ma pure quelli da 1500) e ogni volta mi devo rendere conto che non va. Immagino che gli altri gesti con le dita siano ancora più addicting.

    Comunque, Leo, agli insegnanti la Apple lo sconto.

  24. Se il laptop (come si intuisce dal nome) non è Mac, allora dopo 5 min bolle l’acqua. E cmq a tutti quelli a cui la Apple sta sulle balle, ma chi ca**o vi dice di comprarvelo. Siete felici con le macchine che acquistate? Bene. Personalmente comincio veramente ad essere stanco di essere tacciato di essere cerebroleso/fighetto ecc ecc. solo perchè preferisco un prodotto piuttosto che un altro. Penso veramente che la Mela ha il segno di un morso dato per invidia da parte di chi non se lo può permettere.
    Senza cordialità da parte di un felice MAC USER dal 1989.
    Rob

  25. Rob, comunque la risposta era semplicemente: “l’acqua calda”.
    Era una solo battuta.
    Tutto il post era una bonaria presa in giro.
    Rilassatevi un po’, non vi invidia nessuno (per 300 euro in più? Se proprio vogliamo invidiare qualcuno, abbiamo degli obiettivi un po’ più alti). Ogni tanto qualcuno vi piglia per il culo, ed è tutto.

2 Trackbacks / Pingbacks

  1. Abro
  2. SegFault

Rispondi