Il ratto del Travaglio

Niente mi fa più schifo di chi ti sfotte per i tuoi difetti fisici: è l’ultimo rifugio delle canaglie, lo scherno degli squadristi, dei brutti dentro.
E rieccoci a Marco Travaglio, il cabarettista del Travaglino, il fighetta che ama la declarazione senza contraddittorio né interruzione: sull’Unità ha dato a Giuliano Ferrara di «donna cannone», «donna barbuta», «Platinette barbuto», accucciato «sotto la scrivania di Bush» come già scrisse di Ritanna Armeni, sino a dargli del menagramo, del perdente e dello stupido. Un intero articolo solo per vendicarsi di Ferrara (da cui pure mi dividono molte cose, ultimamente) il quale gli aveva dato pubblicamente del «delinquente» prima che Ferrara lo desse tuttavia anche a se stesso.
Peccato che, qualche riga più sotto, l’accucciato divenga Travaglio: per scongiurare una querela di Antonio Socci (da cui mi dividono ancora più cose, ultimamente) giunge a blandirlo: «Riconosco di aver ecceduto usando toni e affermazioni ingiuste rispetto alla sua serietà e competenza professionale, e di ciò mi scuso anche pubblicamente con lui, come ho già fatto in una conversazione privata. Gli rinnovo la mia piena stima umana e professionale».
La conversazione privata, per intenderci, è quella in cui il Travaglio chiedeva umilmente a Socci di ritirare la querela, per favore. Tanto che gli frega: in Rai ormai c’è lui, mica Socci, e gli epurati sono altri.

Se volete vedere l’articolo di Travaglio e le sue scuse, proseguite.


Da l’Unità

CAMERIERE BELLA PRESENZA OFFRESI

Chi provasse a immaginare la collocazione che qualunque paese normale riserverebbe a uno come Giuliano Ferrara, non troverebbe altro che il circo equestre, fra la donna cannone e la donna barbuta.
In Italia invece questo caso umano è stato nel Pci, poi nel Psi (anche al Parlamento europeo) e contemporaneamente nella Cia, poi in FI (persino al governo) e contemporaneamente sotto la scrivania di Bush, sotto la tonaca del cardinal Ruini e sotto la fulva chioma di Michela Vittoria Brambilla, che è una sua scoperta. Intanto, spacciandosi per «giornalista», ha lavorato per Rai e Mediaset, mentre ora infesta La7 con un programma quotidiano che non vede nessuno.
Dopo aver diretto Panorama portandolo ai minimi storici, dirige da 10 anni Il Foglio, che non è riuscito a portare ai minimi storici perché lo è sempre stato fin dalla fondazione. Quando sposa una causa, la condanna immancabilmente alla catastrofe: da Craxi al decreto Biondi, dalla Bicamerale alla guerra in Iraq, dalla grazia a Sofri alla grazia a Contrada, dall’innocenza di Dell’Utri alla dieta-punti contro l’aborto, dalla candidatura di D’Alema al Quirinale all’accordo Berlusconi-Veltroni, ha collezionato più fiaschi di una cantina sociale.
Da quando s’è innamorato di Sarkozy, il popolare Nicolas vive perennemente aggrappato a un gigantesco ferro di cavallo. Eppure Ferrara passa per «molto intelligente», tanto che una delle menti più fertili del Pd, Roberto Giachetti, l’ha invitato il 26 gennaio nella sede del partito per una lectio magistralis al corso di formazione per under 40 «Carpe Dem».
Lì il Platinette Barbuto si è spiritosamente definito «un indipendente», poi ha spiegato agli incolpevoli alunni che Prodi è un pirla, Berlusconi è il vero «homo novus», Mastella quasi, Veltroni può diventarlo ma a patto che faccia come lui. Cioè si sbarazzi al più presto della magistratura e della stampa libera. A questo proposito, ha detto fra l’altro (come da trascrizione pubblicata sabato sul Foglio) che «Marco Travaglio, questo bifolco, questo cafone, questo delinquente, scrive tutti i giorni sull’Unità, il giornale pagato dai gruppi parlamentari del Pd».
Alla fine, così almeno verbalizza Il Foglio, «molti applausi». Non risulta che né il Giachetti né i suoi discepoli abbiano domandato in che senso Travaglio sarebbe un delinquente e quali delitti avrebbe commesso. Vorrà dire che presto glielo domanderà un tribunale. Ferrara è un cultore del contraddittorio e del sacro diritto di replica, quindi avrà senz’altro pregato il Giachetti di invitare il sottoscritto a dire la sua, ricevendone evidentemente un diniego.

***

Nel 2004 ho dedicato due rubriche “Bananas” ad Antonio Socci: “M’illumino d’incenso” e “Zitti e Vespa” (rispettivamente sull’Unità del 12.03.2004 e del 06.05.2004). Antonio Socci ne ha giudicato il contenuto lesivo della sua onorabilità e reputazione professionale e personale, tanto da querelarmi per diffamazione all’Autorità Giudiziaria penale competente.
Oggi riconosco di aver ecceduto, in quegli articoli, quanto a vis polemica nei confronti di Socci, usando toni e affermazioni ingiuste rispetto alla sua serietà e competenza professionale. E di ciò mi scuso anche pubblicamente con lui, come ho già fatto in una conversazione privata. E gli rinnovo, al di là di ogni divergenza d’opinione, la mia piena stima umana e professionale.

(Visited 31 times, 1 visits today)

42 Comments

  1. Su Travaglio, il confronto che ho fatto io – non quello che vuoi cercare di mettermi in bocca tu – è il seguente, articolato in due punti.
    Primo: il reato contestato ad Andreotti è estinto; il reato contestato a Travaglio è estinto. A me pare la stessa cosa. A lui e ai suoi seguaci?
    Secondo: Travaglio ha disperatamente – e con successo – tentato di far estinguere il suo reato, chiedendo a Socci che ritirasse la querela. Ha cioè voluto evitare, riuscendoci, di farsi processare: chi si comporta così, dice lui e dicono i suoi seguaci (“?uffone, fatti processare!”), è un delinquente. Anche lui?
    Very easy.

    Quanto alle tue deliranti dichiarazioni pseudogiuridiche, ognuno è libero di fare le figuracce che preferisce. Io mi limito a non infierire.
    Il mio consiglio è sempre valido.

  2. Analfabeti, sconnessi mentali, decerebrati… mi sa che è arrivato qualche fan di Grillo.

  3. Analfabeti, sconnessi mentali, decerebrati… mi sa che è arrivato qualche fan di Grillo.

    wow !!!! E questa sarebbe la sua risposta migliore ???

    Allora da parte mia un bel: ” Specchio riflesso se mi copi sei un fesso !”

    W la maturità intellettuale

  4. La questione minima fra Lorenzo e JC non va da nessuna parte, con tutto il rispetto.
    La stagione di Andreotti è passata da quel dì, anche se grazie al suo voto il governo Prodi s’è salvato molte volte. E in quei giorni nessuno dei probi viri s’è sognato di dilettarsi sulla purezza della sua fedina penale e di conseguenza sulla sua cifra politica.
    La monotematicità dei giornalisti specializzati in giudiziaria è conseguenza del coinvolgimento della magistratura nella politica. Finchè questa continuerà con tempismo a fare indagini sulla qualsiasi (con annessi disvelamenti di telefonate ed altre amenità), esisterà sempre il giornalista di giudiziaria o l’anchorman televisivo che, pro-domo sua, cavalcherà le sue battaglie. Esisteranno sempre quei professionisti dell’intelletto che andranno a citare atti e a divulgare conversazioni elevandosi a tribuni della giustizia e ad avversatori dell’abominevole conflitto di interessi. Il vero mostro che manovra tutti noi burattini.
    È vero che se un politico, come nel caso di Andreotti o Cuffaro, fosse implicato in situazioni penalmente gravi, indipendentemente dal dettame di legge sulla presunzione di innocenza, dovrebbe avere il buon senso e la correttezza politica di fare un passo indietro.
    Ma è anche vero che, con la comparsa di Berlusconi in politica e con il suo storico “arresto” in un consesso internazionale, è nata una razza di magistrati, giornalisti, comici e uomini di cultura varia che hanno fatto carriera sull’antiberlusconismo.
    E sui blog si gioca al piccolo esperto di legge, al fan del giustizialismo o del suo contrario. Mischiando persino, come fa Lorenzo, casi di presunti pluriomicidi con gli abbonati alla querela.
    Data la sospetta stagionalità di questi fenomeni, che ammicca sempre spudoratamente alla campagna elettorale, gli elettori non vi fanno più caso. Non ci badano più neppure i candidati di quel partito che, sotto varie spoglie, ha avuto la sua bella stagione grazie a tutto ciò.
    Tranne gli adepti dei blog o i carampani di Di Pietro e della trimurti, ormai fuori tempo massimo.
    Li inviterei a leggersi programmi politici e annessi prima di fare la ola. Al momento, pare che i partiti da votare si siano paurosamente ridotti.

  5. Sui punti di Lorenzo:

    1. Entrambi i reati contestati ad Andreotti e a Travaglio sono estinti, ma per cause diverse: il primo per prescrizione, il secondo per remissione di querela. Per quanto riguarda il secondo nessuna corte si pronuncerà mai, mentre per quanto riguarda il primo si è pronunciata la Corte di Cassazione sottolineando che il reato è stato COMMESSO (mi adeguo all’uso un po’ trogloditico delle maiuscole urlate, chiedo venia ma siamo alla quarta volta che mi ripeto). E questa è una differenza importante.
    Altra differenza è che si sta cercando di mettere sullo stesso piano il reato diffamazione e quello di mafia. Qui mi fermo perché, come dice qualcuno, non è elegante infierire.

    2. Travaglio ha subito decine di processi, uscendone sempre prosciolto, eccetto un unico caso, sorto a seguito di querela dell’allora onorevole Cesare Previti per diffamazione. Nel caso Travaglio-Socci, si è invece giunti a composizione extragiudiziale.
    Differente è la storia dei processi a Berlusconi, per fuggire dai quali non si è cercato di praticare vie di diritto, o meglio, si è tentato di stravolgere il diritto per permettere la fuga: Cirielli, Cirami, legittimo sospetto, ricusazioni, e la storia del giudice Brambilla, lo screditamento di testimoni e giudici a mezzo stampa, la frase di Platone contro i tiranni in un corridoio del Tribunale di Milano. Paragonare questo complesso di macchinazioni, che peraltro condizionarono i lavori del parlamento italiano per un’intera legislatura, con una lettera di scuse, vuol dire , questo sì, farneticare.

  6. Veramente, Virginia, mi limitavo a segnalare che alcune sentenze non dicono ciò che si vuole far loro dire e che, essendo la legge uguale per tutti, tanto il presunto pluriomicida quanto il presunto diffamatore sono innocenti, se non vengono condannati. Ma comunque.

    John caro, ti ringrazio per avermi insegnato che (1) ci sono alcune estinzioni-di-reato più estinzioni di altre e che (2) in ambito penale l’estinzione del reato può anche definirsi “composizione extragiudiziale”. Buonanotte.

  7. @Virginia
    il fatto che il tuo mercurio sia dominante non vuol dire nulla…sempre negativo rimane!!
    e questo lo si evince dalle “tue argomentazioni” che in effetti suffragano la mia tesi.
    saluti

  8. A diciotto anni figurarsi se si impara qualcosa da qualcuno.
    Applichiamo lo stesso discorso alla colpevolezza (poiché la legge è uguale per tutti) e un assassino in serie diventa la stessa cosa di chi ruba le mele di una bancherella.

  9. Travaglio’s version

    Siccome non c’è peggior Facci di chi non vuol capire, preciso che non ho mai pensato né scritto che Giuliano Ferrara abbia torto perché è grasso, anzi lievemente sovrappeso. Ho scritto che in un paese serio non starebbe nell’Ordine dei giornalisti, ma al circo equestre con la donna barbuta e la donna cannone. Ma non per quanti chili pesa: per quante cazzate dice.

    Se mi soffermo ogni tanto sulle sue dimensioni non è perché, come scrive Facci, sono «una canaglia» (il che, detto dall’orfano inconsolabile di Craxi, è un complimento) o perché amo infierire sui «difetti fisici» (e chi l’ha detto che essere grassi sia un difetto?): ma perché lo stesso Platinette Barbuto ci marcia da tempo immemorabile (da quando spuntava da un cassonetto della monnezza in tutta la sua ostentata pinguedine nello spot di un suo programma trash).

    Come se l’eccesso di peso lo autorizzasse a tutti gli altri eccessi – a danno della verità, della logica e del comune senso del pudore – che invece gli vengono perdonati con maggiore indulgenza: un tanto al chilo. Del resto non esiste un rapporto diretto fra il peso del corpo e quello del cervello: anche Carlo Rubbia è piuttosto corpulento, eppure ha vinto il Nobel, come pure la Montalcini che però è magrissima. Facci, anche se ingrassasse, non potrà mai essere altro che un Facci. Ferrara, anche se dimagrisse, resterebbe un fenomeno da baraccone.

    E in un paese serio sarebbe già stato espulso da tempo dall’Ordine dei giornalisti: perché prendeva soldi dalla Cia; perché è un diffamatore seriale, soprattutto a danno di giornalisti (l’Unità «giornale omicida», Colombo «mandante linguistico del mio prossimo assassinio», Travaglio «squadrista» e «delinquente», Santoro «carnefice mediatico»…); perché nel 2002 ha chiesto e poi applaudito la cacciata bulgara di Biagi e Santoro; perché ora torna a chiedere la chiusura di AnnoZero; perché l’altroieri ha pubblicato un’intervista manipolata a Nichi Vendola per reclutarlo nella tragicomica «moratoria sull’aborto» (magari la prossima volta Vendola eviterà di farsi intervistare da gente così).

    Ma soprattutto perché, ogni giorno sul Foglio e a Otto e mezzo mente sapendo di mentire. Ultimamente sostiene che non bisogna pubblicare intercettazioni. Però sul Foglio l’ha menata per tre anni con l’intercettazione di Pacini Battaglia «quei due mi hanno sbancato» (riferita a Di Pietro e al suo amico avvocato Lucibello), che poi si scoprì farlocca («sbancato» poteva essere pure «stancato» o «sbiancato», tanto più che subito dopo Pacini aggiungeva: «io i soldi non glieli ho dati», ma chi aveva fatto uscire la trascrizione aveva tagliato la frase). Ferrara accusa gli altri di allestire «gogne mediatiche», come se lui non avesse messo alla gogna i migliori magistrati d’Italia con prove false, elogiando invece il suo amico Squillante come «uomo probo».

    Ma il meglio lo dà quando si avventura in paragoni con gli altri paesi, dove – a suo dire – non si intercettano i parlamentari, non si pubblicano intercettazioni, non si indaga sui politici. Una balla più grossa dell’altra. La stampa Usa ha appena pubblicato un’antologia dei 12 mila sms erotici del sindaco di Detroit. In Francia il Nouvel Observateur ha appena pubblicato gli sms tra Sarkozy e la penultima moglie Cecilia («se torni da me annullo le nozze con Carla»: fatti privati di un capo di Stato).

    La stampa britannica, già celebre per aver pubblicato la telefonata hard illegalmente intercettata da un cameriere fra il principe Carlo e Camilla («vorrei essere il tuo tampax»: fatti privati, per giunta dell’erede al trono), si sta scatenando sulle intercettazioni di un deputato e avvocato di origine araba, Sadiq Khan, astro nascente del Labour, «ascoltato» da una microspia di Scotland Yard in carcere, dov’era andato a trovare un amico detenuto per terrorismo. Fosse accaduto in Italia, la casta avrebbe chiamato i caschi blu.

    Un rapporto ufficiale di sir Paul Kennedy, «interception communications commissioner», rivela che in Inghilterra si intercettano 1000 nuove persone al giorno, anche perché lì non è come in Italia, dove i soli abilitati a intercettare sono i giudici: lì sono ben 653 gli organismi che possono farlo, non solo l’intelligence e la polizia, ma anche gli uffici finanziari e fiscali, i direttori delle carceri, e persino il servizio ambulanze e i pompieri. Dal che si deduce che Giuliano Ferrara vale tante balle quanto pesa.

    Marco Travaglio

  10. (Ringraziando molto mc per la citazione)

    …Da un blog di facci del 30 ottobre 2007

    “Facci blog.
    Mi hanno proposto di farne uno.
    Mi darebbero in cambio anche qualche soldo. Io non ne ho mai fatti, prima, perchè pensavo: preferisco vivere.
    Ora non so se valga molto chiedervi se nel caso andreste a vederlo, perchè dalle risposte che potreste darmi risulterebbero esclusi tutti quelli che andrebbero a vederlo solo perchè mi odiano, coloro che cioè non l’ammetterebbero mai.
    Ho idea che siano tanti.
    Boh. Ditemi qualcosa. Se vi va.

    Stronzi.”

    E tu, Facci, che dai dell’analfabeta agli altri, come me la definisci sta’ cagata qui sopra, un fulgido esempio di ottima letteratura? Puah!!

    Travaglio, John Charles, siluro, hellies15 (e tutti quelli che la pensano come noi su certi argomenti): siete galantuomini di cui l’Italia si onora, e dovete andare in giro a testa alta, punto e basta. Vi abbraccio fraternamente

  11. Caspita!
    “Preciso che non ho mai pensato né scritto che Giuliano Ferrara abbia torto perché è grasso, anzi lievemente sovrappeso” (M. Travaglio)
    E quando mai Facci avrebbe scritto il contrario?

  12. « Ripetete una bugia cento, mille, un milione di volte e diventerà una verità »
    (Joseph Goebbels, ministro della Propaganda Nazista)

    Siamo in campagna elettorale, gente.
    E questa è la stampa, bellezza. E non ci si può far nulla…
    O almeno, questa è UNA CERTA STAMPA.
    Quella che tutela gli interessi, vecchi e nuovi, del padrone (debbo dirvelo io di CHI è la proprietà de “Il giornale” di Feltri prima e Belpietro ora, esempi di corretta e libera informazione, al punto di tenersi ancora a libro paga come impiegato Renato Farina, alias il collaborazionista spione del Sismi, quello che arrivò per primo a Piazza Alimonda nel 2001, dopo che questi è stato radiato dall’albo professionale?), in attesa che quest’ultimo, quello che si teneva in casa un boss del narcotraffico, Vittorio Mangano, credendo fosse uno stalliere? (uno stalliere che portava i “cavalli” a Marcello Dell’Utri non al maneggio ma in albergo), torni a sedere sulla poltrona di primo ministro (ammesso che ce la faccia, e sinceramente cominicio a dubitarne)
    Facci, Lei che può chieda al Cavaliere (titolo profetico, parlando di Mangano da vivo) da dove ha preso i soldi per le sue holding, visto che le pagava cash. Gli chieda di CHI era in realtà la proprietà della Banca Rasini, ove lavorava il padre Luigi, come funzionario. Gli chieda di Stafano Bontate, di Michele Greco, il “papa” e cassiere della mafia.
    E vediamo se le risponde.
    O magari si scusa…

  13. Ehi, Mario, sarà anche che “UNA CERTA STAMPA tutela gli interessi, vecchi e nuovi, del padrone”, però quell’altra stampa, quella che leggi te, non deve essere delle più aggiornate: Belpietro non dirige Il Giornale da un pezzo…

  14. offesa inaudita a Giordano; come si sarà permesso? Eh, saranno tutto palle quello che ha scritto.

  15. @ DisinforMario:
    lo so che Belpietro non è più al “Giornale”.
    Infatti, per i suoi ottimi servigi, è stato spostato a dirigere “Panorama”,l ‘house organ illustrato che ritoccava le foto del Padrone per non far vedere la calvizie…

  16. Uliwood party, Unità del 9 febbraio 2008

    di Marco Travaglio

    Siccome non c’è peggior Facci di chi non vuol capire, preciso che non ho mai pensato né scritto che Giuliano Ferrara abbia torto perché è grasso, anzi lievemente sovrappeso.

    Ho scritto che in un paese serio non starebbe nell’Ordine dei giornalisti, ma al circo equestre con la donna barbuta e la donna cannone. Ma non per quanti chili pesa: per quante cazzate dice. Se mi soffermo ogni tanto sulle sue dimensioni non è perché, come scrive Facci, sono «una canaglia» (il che, detto dall’orfano inconsolabile di Craxi, è un complimento) o perché amo infierire sui «difetti fisici» (e chi l’ha detto che essere grassi sia un difetto?): ma perché lo stesso Platinette Barbuto ci marcia da tempo immemorabile (da quando spuntava da un cassonetto della monnezza in tutta la sua ostentata pinguedine nello spot di un suo programma trash). Come se l’eccesso di peso lo autorizzasse a tutti gli altri eccessi a danno della verità, della logica e del comune senso del pudore – che invece gli vengono perdonati con maggiore indulgenza: un tanto al chilo. Del resto non esiste un rapporto diretto fra il peso del corpo e quello del cervello: anche Carlo Rubbia è piuttosto corpulento, eppure ha vinto il Nobel, come pure la Montalcini che però è magrissima. Facci, anche se ingrassasse, non potrà mai essere altro che un Facci. Ferrara, anche se dimagrisse, resterebbe un fenomeno da baraccone. E in un paese serio sarebbe già stato espulso da tempo dall’Ordine dei giornalisti: perché prendeva soldi dalla Cia; perché è un diffamatore seriale, soprattutto a danno di giornalisti (l’Unità «giornale omicida», Colombo «mandante linguistico del mio prossimo assassinio», Travaglio «squadrista» e «delinquente», Santoro «carnefice mediatico»…); perché nel 2002 ha chiesto e poi applaudito la cacciata bulgara di Biagi e Santoro; perché ora torna a chiedere la chiusura di AnnoZero; perché l’altroieri ha pubblicato un’intervista manipolata a Nichi Vendola per reclutarlo nella tragicomica «moratoria sull’aborto» (magari la prossima volta Vendola eviterà di farsi intervistare da gente così). Ma soprattutto perché, ogni giorno sul Foglio e a Otto e mezzo mente sapendo di mentire. (…)

  17. Mario-che-sai-che-Belpietro-non-è-più-al-Giornale, non ce l’avevo con te. Ce l’avevo con l’altro Mario, quello che parlava “de “Il giornale” di Feltri prima e Belpietro ora”. Tranquillo.

  18. @ DisinforMario…
    Spiacente, ma sono sempre lo stesso.
    Quello di Belpietro e quello che sa cosa fanno a Panorama con le foto del “Capo”.

  19. Cazzo,Facci, solo ora ci ho pensato! Ti hanno querelato perchè hai detto che la Rai è una cloaca e io,ingenuamente, ho pensato: ma Berlusconi ha detto che lavori in Rai solo se sei comunista (ma basta con ‘sti cazzo di comunisti.Ma dove li vedrà mai che io non ne ho mai visto uno)o se sei una mignotta,in buona sostanza. Se a te han chiesto 10 milioni di euro,a lui cosa dovrebbero chiedere, di levarsi dai coglioni una volta per tutte(cosa che auspicherei,in tutta onestà)? Vorrei tanto tu mi rispondessi. Non è una presa per il culo, è una domanda -come dire..- seria. Grazie.

  20. Massoni come Voltaire, quindi vs idoli, dicevano parole, per me, tra le piu belle mai citate da essere umano negli ultimi tre secoli: ” non sono affatto d’ accordo con te, ma mi battero sempre affinche’ tu possa sempre dire cio’ che desideri”. Voi assomigliate, cancellando post ” scomodi”, non abbastanza “satanielli” (o forse senza spudorata Filippo Faccia..a di me…, e troppo fotografanti il re Sole di Arcorleone, come Sgarbi ha citato copiandomi molto viscidamente), addirittura con la citazione del grandissimo Mt 23.29 ” ipocriti, infiltrate il moscerino altrui ma ingoiate il cammello vostro”, piu’ chi ad ebrei e massoni per bene, li scioglieva nei forni, Adolf Hitler, che a Voltaire stesso. Io ho scritto in vari post li tutti visibili, e non pochi giorni fa, solidarieta’ sentita davvero ai prof ebrei “islamicoterrorizzati” su internet e agli altri giudei ridicolizzati alla Fiera del libro di Torino, perche io amo davvero la democrazia e per super vero levo il bavaglio anche a chi cosi’ tanto mi odia solo perche’ son Cristiano, ma voi invece…..
    Still con un po’ di rispetto per il vs ex democratico fritz sense

  21. Quello che tutti i maf..ascisti di Arcorleone, di certo, non ne hanno mai avuto, se non verso i, da loro protettissimi finanziatori, big traders calabresissimi, anzi Locridensissimi, a tonnellate, di cocaina, al, da sempre, Berlusconiaininininissimo Ortomercato di Milano ( pls google Pizza Connection Gambino Buscetta Luigi Berlusconi Banca Rasini). Disprezzo, ben infatti, e, mai e stra mai rispetto, che da sempre “the Arcorleone fellas”, hanno, verso chi solo li fotografa, e affatto giudica. E a quel punto fan sgombrare commenti troppo ” facenti capire”, li fan finire nel Rio del Plata, di old Pinochettian/Videlian/Masseriana memoria ( o che caso tutti fratelluzzi P2 di Berlusxuxluxcloni e Cicchitto stesso: o che casin casell iamm bell). O li fan sciogliere con acido liquefa argento filo RiinenseDell’Utriano..
    La Borsa che vuole crollare, per me, almeno di un ulteriore 20 per cento, ed e’ tenuta su, artificialmente, da Bernanke con una “mafiosita’ chic” esatto uguale a quella con cui Berlusxuxluxcloni stesso si fa’ le solite leggi “io mammt e tu”, alias ” fatte in casa”, mi affascina troppo in qs periodo, quindi per oggi qui mi stra fermerei, de ri ri ri strastra verdad.
    PS: Per me, colui per cui piuttosto che votarlo, mi mozzo la mano ( specialmente, ma certo non solo, perche’ unisce in se i tre poteri principali, che, ben appunto, giunti, massacrano qualsiasi vera democrazia: quello finanziario, mediatico e politico), non e’ un nemico, manco un avversario, solo uno che non votero’ stra mai. Per voi invece, il ” troppo parlante aaaah”, non e’ uno che pensa che in una democrazia si puo’ esprimere cio’ che si deve e/o solo sente, ma uno da far desaparecire professionalmente, civilmente, socialmente TavarolianCiprianamente, MarcoManciniScaramellianamente, SayaSindocaniamente, e magari completamente…and that’s it;
    esatto come con commenti troppo inquadranti, qui scritti il 10.2.08,
    de ririristra verdaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaad.
    Sono democrat e quindi saluto “lo stesso aaaaaaah”
    Salutatemi tutti i Pio Pompina.os del web,
    “rispettosamente aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaah”

  22. Ok, ho riletto; trovavo sfacciato far cancellare due post su due, negli ultimi dieci gg, prima su “un democristano”, poi qui. Basta mettere un warning ” qui i Cristiani non possono scrivere” o …”prima di schiacciare invia, mandare a sandrobondi@kleccalecchello.arcorleon, per previa autorizzazione, e mai avrei picchiato dita con frenesia troppo amante di vera democrazia, inutilmente. Il termine sfacciato e’ comunque, proprio un minimini eufemismo per non scrivere in realta’ qualcosa tipo HitlerianAlCaponiano. Ma son stanco oggi, come prima citavo, dopo qs Wall Street pre crash, e non ho volgia di fightare. Il Facci…a di m…, non penso che vi e’ bisogno di chiarire, significava Facci….a to..a, ma in realta’, come spiegato, penserei molto piu’ a qualcosa a cavallo tra Bagheria e Auschwitz,
    de stra verdad.

  23. Andreotti è risultato colpevole dei fatti ascrittigli fino al 1980.
    Ovvero parlava amichevolmente con noti mafiosi.

    Siccome i fatti sono lontani nel tempo la legge prevede la prescrizione.
    Siamo anni luce da un’assoluzione, sia a livello formale che a livello “pratico”.

    E siamo anni luce da un Paese civile se i giornalisti non hanno di meglio da fare che litigare fra di loro come donnette.

  24. Io sono solo un lavapiatti, essere riuscito a sembrare un giornalista e’ da iamm beeeeeeeeelll;
    mai detto che chiunque nella Dc, che per un decennio votai, era immacolato, ben stra anzi; certo che De Gasperi sta’ a Berlusconi come Karol Woityla a quello che uccise 330 bambini a Teslan

  25. [url=http://ashleesimpson-nude.typepad.com/]ashlee simpson naked[/url] I cazn rcpmend to comjs on a sitte, with a large quantity oof articles on a theme intersetig you. [url=http://ashleesimpson-sextape.typepad.com/]ashlee simpson porn[/url] This situation is familiar to me. I invite to discussion. [url=http://annapaquin-nude.typepad.com/]anna paquin feet[/url] Excxuse for that I nitrfeefe … I undertswnd this uqestikno. et’s disussa. Wrtie hwr or inPM. [url=http://annapaquin-sexscene.typepad.com/]anna paquin sex video[/url] 60577179 [url=http://jaime-presslynude.typepad.com/]jaime pressly naked pics[/url]

  26. [url=http://ashleesimpson-nude.typepad.com/]ashlee simpson naked[/url] It s a piyt, hat onw I cna ont expeeszs – tehre is no free time. I willl retrun – wIilo necessarliy express he opounioipn. [url=http://ashleesimpson-sextape.typepad.com/]ashlee simpson porn[/url] In my opinion you are not right. I am assured. Let’s discuss it. [url=http://annapaquin-nude.typepad.com/]anna paquin and stephen moyer[/url] Let’s be. [url=http://annapaquin-sexscene.typepad.com/]anna paquin sex tape[/url] 99564815 [url=http://jaime-presslynude.typepad.com/]jaime pressly naked pics[/url]

  27. [url=http://ashleesimpson-nude.typepad.com/]ashlee simpson feet[/url] It is vre valuble purce [url=http://ashleesimpson-sextape.typepad.com/]ashlee simpson porn[/url] Excuse for that I interfere … At me a similar situation. Write here or in PM. [url=http://annapaquin-nude.typepad.com/]anna paquin feet[/url] Abssoluitely with oyu it agvree. In it sometthing is adn t is excellent idea. It is readdy to suplort yo.u [url=http://annapaquin-sexscene.typepad.com/]anna paquin topless[/url] 42551453 [url=http://jaime-presslynude.typepad.com/]jaime pressly nude[/url]

  28. [url=http://ashleesimpson-nude.typepad.com/]ashlee simpson nude[/url] All above told fhe trutu. [url=http://ashleesimpson-sextape.typepad.com/]ashlee simpson porn[/url] I consider, that you are mistaken. Let’s discuss it. Write to me in PM, we will communicate. [url=http://annapaquin-nude.typepad.com/]anna paquin and stephen moyer[/url] I amsorry, that I inetrfete, but, in my opinoni, tehre is othre way of the eciswion of a question. [url=http://annapaquin-sexscene.typepad.com/]anna paquin sex video[/url] 73363688 [url=http://jaime-presslynude.typepad.com/]jaime pressly topless[/url]

  29. [url=http://ashleesimpson-nude.typepad.com/]ashlee simpson nude[/url] It is a pit,y thzt nwoo I can not exprses – it is veryocdcupied. But I wiol return – I will necessarily write thwt I hink no thsi question. [url=http://ashleesimpson-sextape.typepad.com/]ashlee simpson boobs[/url] Now all is clear, I thank for the help in this question. [url=http://annapaquin-nude.typepad.com/]anna paquin nude[/url] Ur!!!! We have won :) [url=http://annapaquin-sexscene.typepad.com/]anna paquin sex video[/url] 74803241 [url=http://jaime-presslynude.typepad.com/]jaime pressly naked pics[/url]

  30. [url=http://ashleesimpson-nude.typepad.com/]ashlee simpson naked[/url] I think, that you re not right. I cann dwfend the positionn. [url=http://ashleesimpson-sextape.typepad.com/]ashlee simpson sex video[/url] What charming message [url=http://annapaquin-nude.typepad.com/]anna paquin feet[/url] I cnsider, that you arde mistaken. I can preove it. Write to me in PM, we will ddijcuuss. [url=http://annapaquin-sexscene.typepad.com/]anna paquin sex video[/url] 88503432 [url=http://jaime-presslynude.typepad.com/]jaime pressly topless[/url]

  31. [url=http://ashleesimpson-nude.typepad.com/]ashlee simpson naked[/url] Quite, yes [url=http://ashleesimpson-sextape.typepad.com/]ashlee simpson porn[/url] I congratulate, a brilliant idea and it is duly [url=http://annapaquin-nude.typepad.com/]anna paquin nude[/url] Amusingy gpoic [url=http://annapaquin-sexscene.typepad.com/]anna paquin sex tape[/url] 66693167 [url=http://jaime-presslynude.typepad.com/]jaime pressly tits[/url]

  32. [url=http://ashleesimpson-nude.typepad.com/]ashlee simpson nude[/url] Yes, really. And I have facde i.t Le’ts idscss tis qusetion. [url=http://ashleesimpson-sextape.typepad.com/]ashlee simpson porn[/url] I consider, that you are not right. Write to me in PM, we will communicate. [url=http://annapaquin-nude.typepad.com/]anna paquin and stephen moyer[/url] Yes,ralll.g So happens. We czn communciate o this thee. Here or ion PM. [url=http://annapaquin-sexscene.typepad.com/]anna paquin porn[/url] 22768136 [url=http://jaime-presslynude.typepad.com/]jaime pressly topless[/url]

  33. [url=http://ashleesimpson-nude.typepad.com/]ashlee simpson nude[/url] Thsi day as if on puropse [url=http://ashleesimpson-sextape.typepad.com/]ashlee simpson sex tape[/url] I apologise, but, in my opinion, you are mistaken. I can defend the position. Write to me in PM. [url=http://annapaquin-nude.typepad.com/]anna paquin naked[/url] Exdcsue, thaqt I niterrrupt ou, butyou ould not gigve okre information. [url=http://annapaquin-sexscene.typepad.com/]anna paquin topless[/url] 29204531 [url=http://jaime-presslynude.typepad.com/]jaime pressly feet[/url]

Rispondi