Why The Economist has rotto i coglioni.

I don’t riesco a capire the reason per cui il prestigioso settimanale The Economist, da almeno 20 years, si ostina a dare pagelline to Italy.
Ce ne fosse almeno one che gli vada bene: now is the turn of future candidato premier Ualter Ueltroni, che l’ultimo number of The Economist ha dipinto così: «Poco nel curriculum di Veltroni suggerisce che sia l’uomo giusto per questo compito”.
Well, io potrei anche andarci to nozze: in found is probably vero.
The problem is that The Economist dice che gli italians sono sempre tutti «unfit», sempre tutti inadatti a tutto.
A Berlusconi, dal 1993 al 2003, The Economist has dedicated 234 articoli che persino one part of the sinistra italiana ha riconosciuto as ciarpame.
A Prodi, da premier or president of Comunità europea, nello stesso period The Economist ha dedicated 211 articoli to spiegare che era inadatto to guidare persino la sua bycicletta. Improbably.
The problem, also, is that The Economist negli ultimi 15 anni non ne ha azzeccata one.
We love The Economist, ci hanno write anche Luigi Einaudi and Beppe Severgnini. But the meglio che The Economist has saputo to product is Alan Friedman and Tana de Zulueta.
They dicano directly chi accident we dobbiamo candidare, stop balls.

(Visited 15 times, 1 visits today)

3 Comments

  1. Virginiaaaaaaaa, cucuuuuuuu! La relazione sulla lotta all’evasione fiscale è stata consegnata al Parlamento tra ieri ed oggi. I risultati non si discostano da quelli che avevo dato qualche mese fa in risposta alla tua gentile richiesta. Per chi volesse saperne di più basta andare sulle home-page di tutti i giornali on-line.
    Poi se uno vuole fare come le tre scimmiette, libero.

  2. Io l’Economist lo leggo e lo apprezzo perché è completo, nel senso che con un giornale ho le principali notizie di politica di Europa, Asia, America, Africa etc etc, i fatti economici e finanziari più grossi e importanti del mondo.

    Mi pare meriti. Poi, chiaramente, può capitare che pisci fuori dal vaso per l’eccesso di critica, ma meglio un eccesso di critica che eccesso di servilismo (non mi sto riferendo a lei, Facci, non la conosco abbastanza e so solo delle sue battaglie anti-Manipulite)

  3. porca puttana…. “foroci”. oh marò….. :-) un giornalista solitamente così polito…… f-E-roci, Facci….. f-E!
    Ah: comunque concordo sul discorso dell’anonimato internettiano e cose così. Molto meno sul nome e cognome; perchè se proprio ti senti offeso da un anonimo, puoi sempre far sì che gli inquirenti possano ottenere comunque le sue generalità.
    Dulcis in fundo: ma ki t’o fà fà……

Rispondi