Quelli sono strani

Non per insistere, ma uno come Andrew Sullivan non può aspettarsi di essere preso sul serio, e sostenere incondizianatamente per mesi un guerrafondaio oscurantista come Bush spacciandolo per il paladino della libertà da esportazione (“I have long been a strong supporter of this president’s extraordinary leadership in the war on terror. He has made some mistakes, but I stand by his broader record entirely.” – Ditemi se questa non merita di vincere il premio come ‘understatement dell’anno’), per poi indignarsi se un bel giorno il suddetto reazionario bacchettone propone – guarda caso – di mettere mano alla Costituzione americana pur di impedire a tutti i costi il matrimonio ai gay. Per tutti i queer neocons come Sullivan l’unica cosa che mi viene in mente è una celebre battuta da Will & Grace: “This is not weird, Grace. Gay republicans are weird.”

(Visited 6 times, 1 visits today)

2 Comments

Rispondi