5 Comments

  1. non so perche’, ma tutta questa faccenda (fatte le debite proporzioni) mi ricorda l’improvvida battuta di Maria Antonietta sulle brioches. Si sa come ando’ a finire allora. Il punto e’ che questa gente, adusa alla demagogia e nutrita di due o tre luoghi comuni di pseudoscienza economica (che fra l’altro fanno a pugni fra loro come: flessibilita’ del lavoro e incentivazione dei consumi), non conosce, proprio ignora, i problemi che quotidianamente devono affrontare le persone comuni.

  2. Scusa fabrizio, ma non penso che c’entri la cultura. La cdl ha vinto promettendo cose che non potevano essere mantenute e ora tirano fuori le scuse. Tutto qui.

  3. Il governo dovrebbe capire che nell’Italia precaria,pardon flessibile la gente non può essere ottimista verso il futuro incerto e quindi è riottosa ad aumentare i consumi.Dovevano pensarci prima,se vogliono l’Italia flessibile non avranno quella spendacciona.

  4. Aggiungasi una piiiicccoola cosa, che se è vero che l’Italia è una delle nazioni più risparmiosa, è anche vero che siamo fra i più tartassati al mondo dalle tasse, quindi appena possibile facciamo le formiche. Sinceramente ho sempre odiato quelli che spendono e spandono con carta di credito, poi scopri che o sono figli di papà, oppure sono pieni di debiti, il che va a finire in modo uguale: paga sempre qualcun altro!

Rispondi