Salto nel Buio(Buione)

BuioBuioneIn seguito al mio intervento di qualche giorno fa su Luigi Crespi, punto.com e il Nuovo, la redazione di BuioBuione (al quale il sottoscritto, storicamente, sta sugli zebedei) ha replicato indignata: “‘Quell’inutile soprammobile che è il Nuovo’. Mi chiedo con quale coraggio tu possa esprimerti in questi termini rispetto ad un giornale che di fatto hai scelto per avere le news sulla vecchia versione di Clarence. Mi fai paura. Mi fa paura la tua ipocrisia. Mi fa paura il modo che hai di prendere in giro le persone alle quali ti rivolgi. Non chiedere scusa per i loghi. Inizia a chiedere scusa perché hai spinto tu per primo ‘il Nuovo’ attraverso Clarence. Han ragione: le news fornite da il Nuovo fecero capolino qualche anno fa sulla homepage di Clarence, per qualche mese. Le anime belle di BuioBuione avrebbero rifiutato: io, dal momento che il Nuovo per ottenere quello spazio ha pagato, me ne sono guardato bene dal farlo. Perché io non sono affatto un’anima bella. E perché quelle news (così come i banner, gli sponsor, i calendari, le tette e i culi che di tanto in tanto han fatto capolino nella homepage) hanno permesso ad un’intera redazione, per quattro anni, di aver garantito uno stipendio e, soprattutto, di scrivere ciò che ha voluto, quando ha voluto, come ha voluto, prendendo per i fondelli aziende e potenti, sfanculando cum gaudio e senza ritegno chiunque se lo meritasse. Clarence, rispetto a quando fu lanciato nell’ottobre del ’98, è diventato grande. E, come tutte le cose grandi, costa. E siccome costa, si deve poter mantenere. Per questo motivo abbiamo scelto che da semplice hobby diventasse un lavoro, con la certezza che abbandonando la vocazione amatoriale, BuioBuione e le sue 500 pagine viste giornaliere ci avrebbero degnamente sostituiti. Sbaglio, a dire così, perché, senza alcun dubbio, quelli di BuioBuione sono orgogliosi di scrivere per pochi eletti. Fanno bene. A me, però, a causa di un semplice fenomeno di reciprocità, le anime belle, i duri e puri che non sanno concedersi neanche cinque minuti di disimpegno al giorno, stanno francamente sulle palle. Se so che BuioBuione boicotta qualcosa, me lo vado a comprare. Se ce l’ha con Mc Donald’s, vado di corsa a mangiare un Mc Royal Deluxe. E, già che ci sono, ordino anche un Happy Meal, solo per il gusto di scartarlo e tirare fuori il pupazzetto della Disney che, in quanto multinazionale, non possono non detestare. Se parla male delle aziende petrolifere non mi faccio scrupolo di violare le mie convinzioni e corro a fare benzina. Però, dal momento che possiedo una macchina diesel, ci riempio lo Zippo. Già, vero: fumo, alla faccia dei fumatori passivi. E fumo Philip Morris, monopolisti della peggiore specie. Non acquisto caffè equo e solidale perché bevo solo Illy. Faccio la spesa all’Esselunga, che pare tratti male i dipendenti, e possiedo un paio di jeans, una maglietta e una felpa di Gap, che pare sia peggio dell’Esselunga.A me i pasdaran della coerenza fan paura, sul serio. Nutro la convinzione che chi non riesce a garantirsi cinque/dieci minuti di disimpegno al giorno tenda pericolosamente al disturbo ossessivo-compulsivo. Sono certo del fatto che quelli di BuioBuione deplorino i banner dei siti sexy e che, al colmo della lussuria, riescano a concedersi tuttalpiù qualche saltuaria pippa equa e solidale: esclusivamente con la sinistra. Per questo, più che volentieri, lascio a BuioBuione l’ingrato compito di salvare il mondo in mia vece. Sapere che esitono mi fa sentire sicuro tanto quanto gli abitanti di Metropolis sono confortati dal sapere che quel tizio volante col costumino azzurro e il mantello rosso veglia su di loro.

(Visited 26 times, 1 visits today)

15 Comments

  1. e’ incredibile quanto abbia scritto Neri per questa antipatica scoreggia…
    caro manager (ex Cuore, eh, diciamolo), ma lascia perdere!!

  2. d’accordo, non esageriamo con il moralismo duro e puro. Però neanche dall’altra parte: può darsi che alcune cose che dice BuioBuione non siano per forza delle vaccate…..non fare la spesa all’Esselunga ha un senso, per esempio: mesi fa “la sicurezza” della suddetta ditta ha fermato un tunisino, lo ha pestato ben bene accusandolo di furto, poi notando sulla registrazione della telecamera che non era lui il ladro, lo hanno lasciato andare, consigliandogli di non farsi più vedere….

  3. touchè! duole dirlo… ma questa è la classica reazione di chi sta nel torto, o di chi non sa dove parare…

  4. Consiglierei un paio di scarpe Nike e un bel Nescafè bollente… Scherzi a parte la reazione mi sembra eccessivamente forte, ma mi sembra altresì che la critica di BuioBuione sia fuori luogo: il fatto che Clarence abbia ospitato le news de “Il Nuovo” non significa che per forza debba ritenere che sia un buon prodotto o un prodotto di successo. Anche perchè in effetti l’inutilità intrinseca de “Il Nuovo” mi pare evidente e innegabile. Saluti

  5. A me ilnuovo non è mai parso “inutile”. Non più di altri siti. Certo, se magari sapessi quanto costa a chi lo fa magari mi ravvederei. Comunque sia ha i suoi lettori, che non sono pochi, fra cui me stesso medesimo, ed è per questo che mi ha inquietato il recente passaggio di proprietà verso le larghe braccia di Crespi. Resta il fatto che se te la sei presa così tanto per un’osservazione fatta da uno che ha un sito con 500 accessi, allora forse vuol dire che un minimo di coda di paglia sotto sotto, magari, ci deve essere…

  6. Caro Gianluca,

    non ti nego che aprendo la mail questa mattina e leggendo la segnalazione di un amico sul tuo ultimo intervento non ho potuto non provare stima nei confronti di chi, pur appartenendo ad un mondo che non mi piace ha voluto nuovamente regalare spazio alla voce di un sito che tu stimi avere soltanto cinquecento pagine viste al giorno. Noi ne contiamo almeno quattromila ma i numeri, come sappiamo restano una opinione. Almeno sul web.

    Non ci sei antipatico, non ci sei mai stato antipatico. A volte ti lasci trasportare troppo dall’impazienza. Così facendo rischi di smorzare la dialettica, la discussione e la critica trascinando tutto su un terreno troppo personale che rischia di occuparsi di aspetti della tua personalità che riguardano soltanto te ed eventualmente un problema di accettazione di te stesso che sinceramente non ci riguarda.

    Hai un blog. Un diario, una pagina e all’interno di questa ti esprimi e divulghi. Questo ti sottopone ad una analisi da parte di chi ti legge perchè le persone, noi, ti prendiamo sul serio. Ti ascoltiamo. Stiamo a sentire cosa hai da dire. Sei l’anello tra un mondo che non conosciamo e il mondo che viviamo. Il mondo in cui viviamo è fatto di tante cose e soprattutto di difficoltà. Le difficoltà per noi che facciamo soltanto “500” pagine al giorno non sono comparabili con le tue. Non importa se cinquecento pagine al giorno dal nostro punto di vista richiedano più attenzione e più sforzo dei tuoi milioni di utenti unici. Non importa il livello di coerenza e il limite di compromesso che ognuno di noi decide di accettare. E’ soggettivo. E’ legato allo strato. Alla cultura. E’ legato alla sincerità, alla stima che si ha dei propri lettori e alla necessità o meno di portare ad essi rispetto e gratitudine.

    Dunque, caro Gianluca, non ti lasciare trasportare da giudizi avventati. Noi fumiamo. Le Diana fanno schifo anche a noi. Le MS le conosciamo perchè ci è capitato di averle scroccate. In città non usiamo soltanto la metropolitana. E pensa, anche noi andiamo in vacanza. Addirittura, grazie anche a Clarence, ci siamo appassionati anche a “grande fratello” e alle tette di Mascia.

    La linea di confine che ci separa ma che non deve irritarti è che noi ricordiamo. E su quella linea di confine possiamo discutere lasciando ad altri ipocrisia e bugie.
    Le news del nuovo sono state presenti fino all’ultima versione di Clarence e non “fecero capolino qualche anno fa”. Non che sia un male ma le tette e i culi sono predominanti su Clarence e soltanto da poco hanno guadagnato apparentemente minore visibilità (http://digilander.libero.it/buiobuione60/tumbaile.htm).

    Il punto per noi è un altro. Nel momento in cui racconti qualcosa, nel momento in cui ti schieri, ti prego, non prescindere da quanto hai scritto o fatto il giorno prima. Soltanto così puoi guadagnarti la stima (non la simpatia) delle persone. Amiamo le tette e i culi di clarence e con affetto e con stima continueremo a leggere le sue importanti battaglie sulla legalizzazione delle droghe leggere e sul suo no alla guerra. Ma vogliamo farlo senza sentirci presi in giro.

    Crediamo con l’anima agli argomenti che anche tu affronti e per questi ci battiamo con il cuore da sempre. Non vogliamo che qualcuno possa svilirli. L’unico modo per farlo, per impoverirli è unirli alle menzogne. E questa è l’unica cosa che davvero, con il Cuore in mano, ti chiediamo di non fare più.
    Con stima,
    I 500 lettori di Buiobuione

    p.s. A nostro avviso la tua somiglianza con Fedro è impressionante

  7. Se ci fosse ancora la classifica tette-culi di Cuore oggi davanti a Panorama e all’Espresso troveremmo sicuramente Clarence

  8. Leggo solo le note sotto: “per commentare bisogna per lo meno avere le palle”. Quindi rettifico la firma e l’email del mio messagio sopra

  9. sai cos’e’ la cosa piu’ antipatica di questo tuo intervento, gianluca? il tono. il tono di quello e’ arrivato che deve insegnare a questi ragazzini come vanno le cose mondo. una caduta di stile che, davvero, da te non mi aspettavo

  10. Non mi appassiona particolarmente la querelle in questione, ma, leggendo ciò, la prima cosa che ho pensato è stata: a Gianlù, strozzatici coll’amburghero e goditi il pupazzetto fabbricato da qualche schiavetto nel sud-est asiatico.

    Poi ci ho ripensato: usare argomenti alla Giuliano Ferrara, e raggiungere vette di “simpatia” alla Giuliano Ferrara, è già una punizione più che sufficiente, per chi fa satira.
    Pensaci. Lo dico da amico. Certo non “duro e puro”, che però certe stronzate da Porta a Porta non si aspettava certo di leggerle su GnuEconomy.

  11. Gianluca si è concesso la sua stronzata quotidiana. Essendo logorroico, oltrechè intelligente, ha esagerato, nulla di più. Personalmente adesso ho inserito Buio buone tra i siti da leggere, quindi , da domani 501 accessi, e via!

Rispondi