Siamo numeri o caporali?

Rimanendo in tema di statistiche, pare davvero che – contro ogni aspettativa e anche ogni logica – questo weblog vada alla grande. Ed è strano, perché magari uno scrive qui per non avere l’assillo delle pagine viste. In ogni caso, abbiamo avuto punte oltre i 1000 visitatori diversi quotidiani e vicine alle 6000 pagine viste ogni giorno. Un grazie non ve lo toglie nessuno.

P.S.: Si, lo so, ho fatto il tipico siparietto di quando Striscia ringrazia per l’audience del giorno prima. Prendo atto che mi sono giocato il Jolly e non posso più utilizzarlo per il Fil Rouge.
(Visited 4 times, 1 visits today)

14 Comments

  1. Ahiaiaihi Gianluca. Dovresti sapere ( e le regole di Pancalid&Olivieri) parlano chiaro ) che nel fil rouge non si può giocare il jolly.
    Guarda che ti mando Fazio eh .. (Fabio intendo)

  2. Beh, uno cerca di essere umile, ma questa è una provocazione. Allora anch’io: Wittgenstein.it ieri ne ha fatti 857 di singoli visitatori (non compresi quelli sulla pagina del Foglio). Ciao, complimenti. L.

  3. Io ancora non ho capito come destreggiarmi tra accessi, visite, pagine, singoli, multipli, file, reload, cazzi e mazzi. E i contatti? Tutto ciò fa molta impression

  4. Ma per chi scrive un blog quanto contano le statistiche…Neri ci confessa proprio che ha creato gnueco per non avere questo assillo…e voi?

  5. Le statistiche, per quanto riguarda le chiavi usate nei motori di ricerca sono il meglio dell’umorismo su web: qualcuno è arrivanto sul mio blog cercando su google “ristoranti dove passare il capodanno in compagnia a Bergamo”, argomento peraltro da me mai affrontato…

  6. Oscilliamo tra l’invidia e l’ammirazione. EBBRAVI! Però, pure Tom va benino, per essere ancora un bebè. Complimenti, Gianluca

Rispondi