Sull’aria di Summertime

Un aggiornamento di stato di Simone Storci su Facebook che non posso non condividere, dedicato agli idioti che di mestiere si scandalizzano, si indignano, sognano la galera, sempre, per tutti. E quando sentono la parola “galera” si illuminano in faccia, gli piace proprio: cullano l’idea di mandarci a marcire perfino il pestatore di piedi in metropolitana. E quindi più galera c’è, più gente stipiamo nelle celle per dimenticarcene, e meglio è per tutti. Gente che avercene, di galere, altro che sovraffollamento: costruiamone di più. Ecco, a quelli lì.

Dunque, Sofri. per fare la riforma delle carceri, allo scopo si presume di renderle meno antipatiche alle corti internazionali che giudicano di violazioni di diritti umani, il contributo di qualcuno che in carcere ci sia stato, magari non brevemente, è senza dubbio utile. Ci sono tuttavia due problemi: chi è stato a lungo in carcere di solito ha commesso un grave reato e a molti pare inaccettabile che chi ha commesso un grave reato diventi un consulente dello stato. costoro, in verità vi dico, sono degli ignoranti, in quanto ignorano che, secondo la nostra costituzione, la pena serve a rieducare le persone, a renderle, cioè, tra le altre cose, di nuovo in grado di essere degni consulenti dello stato e anche dei Rolling Stones, se ai Rolling Stones interessa. Il secondo problema è che le persone che hanno scontato lunghe pene detentive *e* hanno la levatura intellettuale necessaria a dare allo stato consigli inclusivi di qualche congiuntivo sono, non so, cinque? due? una? A me ne viene in mente solo una e guarda caso si tratta di Adriano Sofri. dunque i tizi di cui parlavamo prima, oltre che ignoranti perché ignorano sono anche coglioni perché coglionano il prossimo raccontando ad esso che Sofri è indegno mentre quel che pensano è che Sofri è un simbolo, al quale si deve dire no sempre e comunque, financo nel caso in cui si presenti un’incombenza a cui esso solo in tutto il paese potrebbe efficacemente attendere. Tutto questo a me, che vi giuro di Adriano Sofri non sono mai stato un fan, mi dà la nausea.

(Visited 134 times, 1 visits today)

3 Comments

  1. “la pena serve a rieducare le persone,”..

    Vediamo….Sofri fine pena prevista (condanna a 22 anni) 2019….

    Sospensione della pena per motivi di salute.

    NOn mi sembra che possa ancora considerarsi rieducato.

  2. Tutti quelli che sono stati condannati penalmente ma in galera fisicamente, per varie ragioni, non ci vanno sono comunque da considerare non particolarmente “maleducati”?

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.