La Grande Bellezza, le scie chimiche e il complotto pluto-giudaico-massonico

20140306-050333.jpg
Per la cronaca, al di là di una felicità simil-calcistica da festeggiamenti per la vittoria dei mondiali, a me il film è piaciuto ben poco (per quel che conta il mio parere – e conta poco -: una fotografia strabiliante, il riconoscimento a Sorrentino di essere l’unico, oltre a Virzì, in grado di far recitare la Ferilli; e quattro grandi idee affogate in un pastone sconclusionato che, all’apparizione dei fenicotteri, il vaffanculo va proprio a cercarselo), ma devo dire che poche volte nella vita mi è capitato di leggere – tutte assieme – una tale quantità di stronzate complottiste come in questo articolo di “Informare per resistere”

(Visited 464 times, 1 visits today)

2 Comments

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.