Mai nella vita ho sentito più la mancanza del “Chissenefrega” di Cuore

La stagione 2008/2009 di “Quelli che… il calcio” si rinnova dal punto di vista contenutistico ma non dal punto di vista dello “stile”. Per tutte le puntate del programma Simona Ventura indosserà solo abiti Dsquared² per il secondo anno consecutivo. […]
Gli stilisti Dean e Dan Caten, a cui fa capo il marchio considerato tra i più creativi del prêt – à – porter, hanno studiato per Simona un look elegante, raffinato, molto femminile e accattivante, che si discosta da quello più aggressivo della scorsa stagione. Niente pantaloni per la bella conduttrice ma tubini avvitati e gonne a vita alta che si fermano al ginocchio dai colori composti ma decisi.
Molto sensuali le scarpe che completano e caratterizzano le mise, sdrammatizzando abiti dall’apparenza rigorosa. Tacchi vertiginosi, cocco, vernice, raso champagne con punta a contrasto nera, ma anche materiali insoliti e irriverenti come il tartan, vero must della stagione.
Aspettiamo fiduciosi l’inizio di una nuova divertente stagione all’insegna dei (ritrovati) gol e collegamenti dagli stadi in compagnia di SuperSimo.

(Comunicato ufficiale, dal MySpace di Simona Ventura)
(Visited 77 times, 1 visits today)

50 Comments

  1. Miiii, non ci posso credere, il mio postatore di messaggi tipo “sul treno che mi riporta a milano” preferito! Che giornata, che giornata!

  2. E questo è niente. Avete sentito la pubblicità del nuovo (e sempre vecchio) programma di Alda D’Eusanio su Rai Due? “Non abbiamo mai smesso di lavorare per voi…”.

    Paura, eh???

  3. Il tartan irriverente è la mia preferita.
    Mi chiedo chi debbano “riverire” gli altri tessuti.
    Son tutte riverenze tra cocco e vernice con raso di champagne

  4. Un look elegante, raffinato, molto femminile e accattivante…non ci fa più vedere le bocce????

  5. Ma il “Tartan” non era il colore (ma oramai è utilizzato anche per intendere la superficie stessa ) delle piste di atletica e campi da tennis in terra ?
    Mi pareva , almeno nell’ universo dei maschi che bevono birra guardando il superbowl , che l’ unico significato fosse quello .
    Addirittura il modello maschio base (senza il sopracitato aggiornamento sport 1.5) con la sua visione a 16 colori , non sarebbe in grado di percepire tale colore .
    “Il tessuto tartan , Kilt ” : file not found .

  6. I redazionali che escono dalle case di moda sono qualcosa di rivoltante. È un tipo di spazza(lettera)tura prodotta da ignoranti assoluti travestiti da artisti pensosi.
    “Irriverente, sdrammatizzare, la donna di, molto semplice, chic, easy, concettuale, riferimenti, sbarazzina, convenzioni, impalpabile, icona, musa…”
    Non se li fila nessuno.
    Kluz, se puoi, prova a considerare l’ipotesi:
    http://i27.tinypic.com/243jndz.jpg

  7. Virginia,
    come ti quoooto!
    Stesso linguaggio insulso dei prodotti di bellezza, “un fondotinta impalpabile, setoso”, “per il tuo inverno”, “rossetto trendy per le serate all’aperto” (e poi magari abiti sulla statale di Mo..dr… e le serate le fai con le zanzare che ti fanno ciaociao dopo averti succhiato pure femori e bicipiti).

    Senza trascurare che la mattina è già assai se arriviamo a sputarci in faccia nello specchio, controllatina a occhiaie e peli superflui, e ad avvitare la macchinetta del caffé.

  8. P.S.
    Sono quella del blog quasi omonimo ma con una “s” in più (per vari motivi :)

    Riconoscetemi sennò piango fino all’alba.

  9. il tartan (detto pure “scozzese”) ingrossa.

    ma bim e bam lo sanno, sì?

    OT – ben tornata caramella masticabile ;)

  10. Ma parliamo piuttosto di un concetto che sta a monte di tutto: la texture. Coi suoi derivati, tipo: mano albicocca, setosità, Tutto Molto Naturale.

    rwidam, le trame orizzontali ingrossano. Le altre se mai ingentiliscono o, come minimo, assecondano.

  11. Tornando a prima:
    io quando parlo con commesse di texture, minchiure, allure e affini, mi chiedo: ma LORO (“dico lòòorooo” cit. sorcina) ci credono? E soprattutto: dove cavolo imparano a parlare così?
    Hanno avuto la stessa balia di Valentino, forse?

  12. cara virginia,

    il tartan, essendo composto da linee orizzontali e verticali che si incontrano ortogonalmente, tende a ricoprire el cuerpo come una mappa.
    hai presente un planisfero?

  13. …..usate tutti Google Chrome che non siete capaci di ingrandire i font della pagina per non scartavetrarvi gli occhi?!
    …..Probabilmente non siete nati a Capaci e tanto meno usate Seamonkey come me…… dehdehdeh

    un po’ Ot, ma neanche tanto.

  14. @dehdehdeh: fino a ctrl+mousewheel ci si arriva anche con la volpe, è che il font usato per le citazioni fa letteralmente rivoltare gli occhi nelle orbite.

    @Morossita, rwidam, Virginia, viscontessa: che fortuna essere uomini, a volte ;) . Se solo stiamo alla larga da GQ e Men’s Health non abbiamo ne’ problemi di autostima – a torto o a ragione – ne’ per fortuna uno stupro semantico continuo fatto ad hoc per convincerci che la solita bischerata di stagione in realtà non lo è.

    cheers

  15. ah ma allora le donne (o almeno alcune) se ne rendono conto delle puttanate che occupano il 78% delle pagine di IoDonna et similia. ok tiro un sospiro di sollievo.
    allora perché foraggiare quel mondo?
    la risposta è “la follia della donna, quel bisogno di scarpe che non vuole sentire ragioni” (grazie, elio).

  16. Contenuto di alcuni giornali in questione:
    “vai in vacanza, vuoi diventare secca?”
    -Rientro dalle vacanze:” wow, vuoi ritornare secca?” (ammesso che lo sia stata)
    -Cenone di capodanno: come non prendere chili nell’abbuffata delle feste.
    La Befana: la dieta brucia grassi che ti promette – 3 kg in 15 gg.
    Ma dico io, casso, ma se io magno è perché voglio magnà e ci sta pure che magari metto in conto di accarezzarmi un rotolo!
    Perché questa società, soprattutto in campo estetico, predica di riparare agli eccessi e tiene in piedi fuochi fatui in televisione o imbecilli che firmano mutande?

  17. Poi ci sono le tisane.
    La prima che conosco che SERIAMENTE e con costanza si prepara tisane al finocchietto o al carciofo me lo faccia presente che inizio a venerarla nel prossimo calendario.

  18. Secondo me, è cominciato tutto con il vino.

    Le descrizioni evocativo-ammiccante, la creazione di un linguaggio incongruo per un bicchiere di rosso, che a un certo punto diventava un’esperienza metafisica con rotondità, retrogusto, corpo (di bacco), sentore. Un modo per dire che se non cogli ‘ste cose, cosa vivi a fare, puzzone di un plebeo, che poi si è esteso.

    Comunque, non è che essere maschi sia più facile, dal punto di vista dell’aggressione targettata del markenting.
    Da zero a cento in 8 centesimi di secondo, e non devi chiedere mai, e falla impazzire a letto, e gli addominali di beckam, e il pacco del modello di dolce e gabbana, e la barbina mezza rasata e mezza no, e una sfilettatura di pizzatto da gengis khan nei giorni che si svegliava cattivo, e come fare carriera in tre mosse, e la palestra e un uccello da ricovero per priapismo ostinato e però il nuovo uomo che segue i figli, i genitori, la moglie. E, ovviamente, la vicina di casa, e se ci provi sei un maiale e se non ci provi sei la prova chei maschi di oggi hanno il testosterone di una cipollina borrettana, mica pensate che sia facile…

  19. Ciao, Pituccio di zia!!!
    Secondo me è cominciato tutto con Simona Ventura e le sue occhiaie.

  20. piti mi sto a scompisciare! è vero!
    muta forse solo la quantità (cioè la percentuale di uomini che leggono giornali da uomo è inferiore a quella di donne che leggono giornali da donne) ma la merda è dello stesso tipo.

  21. @rwidam: au contraire!
    penso anzi che voi siate la prova vivente di come le donne non meiritino affatto il florilegio di psicodrammi-on-demand con i quali alla fine vengono convinte ad aprire i cordoni della borsa. il caso limite sono i capelli: a seguire il markètting non importa come sono, fanno schifo – lisci non hanno volume, ricci sono indomabili. mi dispiace seriamente per voi, che a noi basta farci vedere un po’ di topa e si va perfino in guerra :D

    @piti: ti trovo aggiornatissimo sulle ultime tendenze maschili (viene in mente quello spledido pezzo del facci, direi su grazia, in cui inanellava il fitness il wireless e l’homeless), fai coming out e dichiarati assiduo lettore di GQ e Men’s Health, vedrai che andrà meglio ;)

  22. @404: hai ragione, adesso basta: non ce lo meritiamo di essere trattate così che poi ci convincono sempre che non siamo mai belle abbastanza e che i capelli ricci sì, poi no, lisci fanno schifo e il tartan fa mappamondo ma pure la linea orizzontale ti misura, e poi il finocchio sgonfia ma il carboidrato fuori pasto non ingrassa, e la zeppa stronca la caviglia pesante e noi sempre lì ad aprire i cordoni della borsa quando basterebbe aprire…
    insomma perché alla fine si scopre che basta avere la topa, pensa tu!

    ma: liscia o riccia?
    perché sai, non vorrei sbagliare, dato che riccia è indomabile, ma liscia non ha volume e a sentire le ultime tendenze 2008-2009 pare che…

  23. Una cosa che aspetto da anni,
    e che, chissà, forse magari già esiste sul mercato, è qualche spuma o balsamo nutriente/protettivo non per i capelli ma……
    avete capito, no?

    “Vuoi la tua “ciucina” sempre in ordine, dopo salsedine, cloro..”

  24. moross, se vuoi tenere a posto la ciucina devi fare come quando ti fai una feritina e non hai il pronto soccorso: usa la saliva. Se 33 vertebre sono poche per consentirti di farlo da sola senza rischiare l’osso del collo, usa quella di un amico.

    f.to
    un amico

  25. non ti togliere le costole, donna: chi trova un amico trova un vile porcello.

    f.to
    gabriele rapagnetta

    (questo per far vedere che ho un minimo di cultura)

  26. No, ho paura dell’anestesia.

    Eleonora tua
    (questo per far vedere che ho un minimo di cultura)

  27. @ Piti e Moross: continuate l’epistolario: siete fantastici!
    (un fuoriuscito dal Classico, 1981, quando si studiava).

    P.S. Quanto alla Simo: non c’è più Gene, quindi a quell’ora dormicchio.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.