(scusate, II)

Eh no, non è che io “in teoria” potrei anche aver torto ma se querelo eccetera. Io ho ragione e basta.

1) Io ho scritto una fiction. Non era chiaro? Ne dubito. Dovevo e dovrei scrivere che è una fiction? Accolgo il suggerimento, resta che il mio scritto non ha arrecato danno a nessuno, non ha attribuito comportamenti inesistenti a persone esistenti e non ha prefigurato reati per altri nè per me stesso.

2) La cosa di Falloppio, invece, diventava la rivelazione (falsa) che la mia fiction era realtà (falso) peraltro sputtanandomi, attribuendomi comportamenti inesistenti e peraltro illeciti. Il che costituisce un precedente non ammissibile, perchè un domani chicchessia potrebbe rinfacciarmi comportamenti ma esistiti e però validati da una mancata smentita in proposito. Conosco il meccanismo. Se permettete, vorrei essere io a fare eventuali rivelazioni sulla mia vita tossica o sessuale, o, se altri volessero farle, vorrei perlomeno che queste persone esistessero. Quindi, in conclusione, non solo è palesemente falso che “era abbastanza chiaro che il mio racconto era una finzione” (anche perchè travestito da testimonianza anonima) bensì sembrava vero e rendeva falsamente reale anche il racconto mio.

3) No mi va neanche bene che tutto sia travestito da scherzo e chiudiamola qui, vogliamoci bene eccetera. Mi spiego. E se Leonardo non cancellasse, se putacaso tenesse duro? Esito: io dovrei per forza querelare, il che non voglio fare, Neri non desidera e Leonardo neppure. Dovrei legalmente coinvolgere anche Neri, il che io non voglio e Neri non vuole e Leonardo neppure. Inoltre, per coerenza e autotutela, dovrei non scrivere più una riga su macchianera giacchè non potrei scrivere in un posto dove mi hanno calunniato e dove potenzialmente possono calunniarmi (dato il precedente) il che io non voglio io, Neri non vuole e Leonardo neppure.

4) Sia chiaro che parte del danno è comunque fatto, perché comunque resterà qualche deficiente che seguiterà a pensare che quanto scritto sia vero e che io mi sia scaldato tanto proprio per questo.

5) Dopo milioni di discussioni sulla rete e sulla libertà dei blog, forse sarebbe anche ora che i vari autori e tenutari di blog conoscessero l’abc e si responsabilizzassero. Io di quello che scrivo rispondo tutti i giorni (penalmente) e so che dovrà risponderne anche un direttore e un editore: e ve lo dice una persona che ha preso 144 querele senza farne tuttavia neanche una. E la rete non è un porto franco, dovreste comiciare a ficcarvelo in crapa.

6) Neri può anche fare l’iper-liberale, benissimo, ma non è uno che passa per strada e che cerca di dividere i contendenti: perchè l’appartamento dove i due si stanno azzuffando è il suo, quindi i danni e i cocci sarebbero i suoi in ogni caso.

7) In conclusione, dunque, Leonardo i consigli li dia a se stesso, o ad altri come lui: tutti possiamo sbagliare, e anch’io, ma, come cantava quello, vediamo di sbagliare almeno da professionisti. Perchè ora, invece, la morale è che Leonardo passa per sprovveduto (come i bambini) ma se ci sono dei cocci non sono suoi, non sono di Leonardo, ma sono solo miei.
E però mi sono rotto i coglioni, perchè non è la prima volta che mi capita, e sono stufo di perdere tempo con chi alla fine, come pena massima, passa per dilettante.
Io, su questo sito, metto, quale che sia, il mio nome e cognome. Gli altri sono fanti. Scherzate con loro, grazie.

(Visited 70 times, 1 visits today)

50 Comments

  1. Piantatela, siete inutilmente prolissi e francamente della vita privata di Facci non ce ne po’ frega’ de meno, è quella pubblica, a inquietarmi.

  2. Vergognoso, spesso mi sono trovato ad essere daccordo con la tua direttezza, la trovavo anche sensata….ma in questo caso solo i muscoli hai potuto utilizzare e non la forza della ragione.

  3. Che il tuo post fosse “fiction” era chiaro. Restava dubbio quanto fosse stato attinto,o almeno ispirato, da un accadimento autobiografico , ma ciò mi pare frequente e “Vanessa” ad ogni modo sarebbe restata una fantomatica. La risposta di Leonardo , a mio avviso, rendeva ancor più evidente che la vicenda fosse di carattere inventivo .

    Pensa che la mia reazione è stata >( Diletto che,teoricamente non sarebbe scemato nell’ altro caso, plausibile, che ti avesse voluto fare il verso per gioco. )
    Peccato che, con mio grande stupore, non fosse così e anzi si è andati a sfociare in una situazione sgradevole.

    Ora, il mio punto di vista, per quanto non richiesto ma che presuntuosamente ritengo condivisibile , consta nel ritenere il comportamento di Leonardo magari un pò azzardato. A scanso di equivoci, potevi venir interpellato o quanto meno sarebbe stato opportuno segnalare * “frutto di fantasia”.

    Ripeto : I comportamenti inesistenti e peraltro illeciti attribuiti alla tua persona non li avevo presi in considerazione come reali, ma piuttosto come funzionali al racconto .
    (Poi ,detto sinceramente , fossero stati anche verità non è che me ne sarebbe fregato più di tanto.)

    Ovviamente ha ragione di premurarti che sia palese che non hanno nessun fondamento, dato che ci metti il nome etc. etc. e sono cose scritte su un “qualcosa” di pubblico etc. etc.)
    Posso giustificare il tuo disappunto ma non riesco a biasimare più di tanto “Falloppio”.
    Ritengo che gran parte del problema sia insito nella mente, non sempre brillante, di una fetta del pubblico (partecipante) di Macchianera.net e nei loro conseguenti commenti, pensieri.
    Il tuo rapporto conflittuale con essi non giova .

    Comuque è una problematica, con tutti gli aspetti che scrivi nel punto 4,,5 6,7, interessante e in cui è doveroso trovare una linea di condotta definitiva per evitare pericolose ambiguità .Chiaramente non mi riferisco alla vicenda nella specifico ma faccio una riflessione generale verso queste situazioni nel web che essendo relativamente inedite non sono state del tutto , per così dire , regolamentate.
    E’ sicuro che a metterci il nome, in rete, io ci starei sulle spine.

    olà
    Kluz ( : difatti)

  4. Testo tagliato dal commento sopra.
    la mia prima reazione è stata : “Che bischeri, si sono messi d’ accordo per fare “una cosa” in cui vi erano le due versioni a contrasto.Divertente.”

  5. ma fatevi per davvero una fumata collettiva e rilassatevi… dopo vi passerà anche la voglia di adire a vie legali.
    (peraltri il Facci una parte di ragione ce l’ha…. però si sta tirando un po’ troppo per le lunghe tutta la faccenda)

  6. Ma che casino, quante piume svolazzanti. Cmq il post di Facci sulla “Deficiente” era esilarante.

  7. Sei una gran testa di minchia, dovresti vergognarti.
    Se non accetti le parodie degli altri, disdici il tuo abbonamento internet e vatti a nascondere, coglione, coniglio.
    Vergognati.

  8. La querela di Facci poteva pure starci, però l’accanimento ora no. Leonardo ha già smentito e Facci pure, quindi non vedo più il problema.
    Secondo me l’avviso che si tratta di fiction andrebbe messo, comunque. Il blog per sua natura, sebbene Macchianera possa scostarsi dai comuni blog, nasce come diario personale. Non ci si deve stupire se qualcuno poi fraintende verità con finzione o viceversa.
    Per quanto riguarda i deficenti di cui si parla nel post, quelli esisteranno sempre, dentro e fuori la rete :).

  9. Bene ff. Ma sappi che la prossima volta che mi mandi, non importa come, “affanculo”, ti querelo anche io – e di certo ricorderai la sentenza della Cassazione.

  10. il comportamento di facci e’ p e n o s o. triste triste triste.
    a casa, facci, se non ti piace giocare sulla Rete… c’era prima di te e non puoi controllarla con la tua violenza legale…

  11. > Dimmi tu da cosa si doveva capire che era una fiction. Non era chiaro? No, per niente. E aggiungo al lettore francamente non importa gran che se sia una storia vera o meno. Se per te è importante mettici un avviso.

    >
    O forse, al contrario, con la seconda si capiva che era tutta invenzione pure la prima. Cosa che, ripeto, non so quanto capirebbero a leggere il racconto. Adesso che non esiste più non lo possiamo certo sapere. Non capisco perchè chiedere la cancellazione. Bastava un avviso, un post di spiegazione, qualsiasi cosa, una nota a margine che rendesse esplicito che erano solo due racconti e il discorso era chiuso.

    >
    Certo, il danno è fatto, ma non perchè “qualche deficiente” seguiterà a pensare che sia vero ma piuttosto perchè il comportamento che hai avuto in questa vicenda, quello si ritenuto vero è autentico, è sotto gli occhi di tutti. Non c’erano altri modi per salvaguardare la tua reputazione che non pretendere una cancellazione sotto minaccia di querela? Se mi trovo a discutere con Tyson e, per dimostrare che ho ragione, devo fare a cazzotti, forse che forse ammetto subito di aver torto. Così non hai dimostrato di aver ragione, ma solo di avere le spalle più grosse di leonardo. Se di fronte ci fosse stata una persona più pratica di questioni legali, magari un avvocato, dici che non partiva una controquerela per calunnia? Senza contare ovvio tutta la questione che hai elencato, rottura dei rapporti con macchianera e via dicendo.
    PS 144 querele e non ne hai fatta neanche una? Giusto per capire mi spieghi come funzionano queste cose?

  12. Mi associo ad Andrea; la prossima volta che Filippo Facci mandera’ a fare in culo qualcuno, prendero’ in considerazione l’idea di querelarlo; quasi sicuramente non lo faro’ ma ora so che Filippo non trovera’ niente da dire su questo e che accettera’ con serenita’ il giudizio.
    Questo commento non svilisce la persona di Facci ma il suo comportamento da bullo della rete.
    Sono triste perche’ Filippo ha piu’ volte detto di aver subito la censura sui suoi articoli e anche pressioni legali; mi dispiace quindi che abbia rinunciato a tutti i suoi principi e sia passato ai metodi di chi lo ha tartassato.

    Riposto qui un commento del 2003 di Filippo Facci, ripreso da un commentatore di Leonardo:

    e allego il link di seguito:

    http://rolli.clarence.com/archive/029827.html

    Chi ha letto il blog di Leonardo lo conosce, chi non lo ha fatto ha uno strumento in piu’.
    Nonostante che quella sia una dichiarazione compromettente, mai cancellata da Rolli, di Filippo Facci, non mi ha fatto pensare all’autore come ad una persona indegna.
    Ora che si fa?
    A proposito: che vuol dire: “mezzo cocainomane” ?

    :-)

  13. Ho deciso di querelare Manzoni.
    Ero promessa sposa e non se ne fa più nulla, qualcuno ha detto “questo matrimonio non s’ha da fare”.
    Mi pare chiaro il riferimento alla mia vicenda.

  14. Chiedo scusa, non ha accettato il testo incollato per dei caratteri non regolari.
    Il link e’ comunque piu’ che sufficiente.

  15. Che senso ha scherarsi con l’uno o con l’altro, peraltro giudicando e/o offendendo? Il mio parere (inutile e non richiesto): sono apprezzabili le scuse di Leonardo come sono sacrosante le osservazioni di Facci. Qualcuno si scandalizza leggendo il termine “querela”: benvenuti nel mondo reale.

  16. Oggi commento a rate.
    Mi sono dimenticato di mettere il mio nome: Stefano Calzetti.
    Per precisazione: l’identita’ di Leonardo e’ conosciuta nella rete, egli non la nasconde.
    Ovviamente per quel che riguarda queste identita’ (di Leonardo e la mia) vale il concetto, come dice Facci, “quale che sia”.
    La cosa buffa e’ che per me anche il minacciante querele era uno sconosciuto prima di incontrarlo su Macchianera.
    Volendo scherzare (chiaro Filippo?), F.F. potrebbe essere anche un fake del vero Filippo Facci che potrebbe a sua volta essere un giornalista tradizionale, totalmente ignorante della Rete e consapevole che qualcuno scrive usurpando il suo nome.

    Santo Stefano Calzetti

  17. Che senso ha scherarsi con l’uno o con l’altro, peraltro giudicando e/o offendendo?

    Nessuno. Il “problema” è che uno dovrebbe sapere quando fermarsi e non calcare la mano. Dalla ragione si passa al torto.

    E poi questo: E però mi sono rotto i coglioni, perchè non è la prima volta che mi capita, e sono stufo di perdere tempo con chi alla fine, come pena massima, passa per dilettante.
    Io, su questo sito, metto, quale che sia, il mio nome e cognome. Gli altri sono fanti. Scherzate con loro, grazie.

    Se anche io sono dilettante e non ci metto nome e cognome, non significa che non posso contestare quello che Facci o Sabelli Fioretti o chi per lui scrive. Contestare educatamente, che c’entra. Ma solo perché lui si chiama Facci e io sono la signora nessuno, non posso esprimere la mia opinione?

  18. In questo blog cominicia a tirare aria pesante: chiusura di commenti, querele…mah!

  19. Facci, ci facci (per dirla alla fantozzi) il piacere, per favore: prima si diverte a romanzare la sua vita con finti aneddoti stile trainspotting per darsi un certo tono da uomo vissuto e a pubblicarli incurante dei rischi che una simile condotta comporta, e poi si spaventa se qualcuno ci ricama sopra.
    Come fa a dire che la sua fiction era chiara a tutti: in un blog quando uno scrive in prima persona dovrebbe sapere che diventa difficile per il lettore distinguere il narratore interno a focalizzazione interna, dall’autore vero e proprio che racconta i fatti suoi. Non stiamo mica leggendo un romanzo.
    In questo caso, poi, parlare di diffamazione è un pochino azzardato; al massimo si potrebbe discutere di plagio, se davvero le sembra il caso di scomodare la giustizia italiana per queste stronzate.

  20. la minaccia di querela di Facci è ridicola. Lui ha libero accesso e possibilità di scrivere quello che vuole e adesso minaccia Neri di querelarlo perchè non ha fatto il censore?
    ma fermatelo e sopratutto mollatelo. non vogliamo che Facci scriva più su macchianera!

  21. in effetti il racconto di facci poteva anche essere visto come un racconto autobiografico, un pò romanzato ma con un fondo di verità.

    il racconto di leonardo invece era “chiaramente” una parodia (e quindi chiaramente finto) di quello di facci, e anche divertente a parer mio.

    secondo me facci ha proprio travisato tutto, noi lettori non siamo mica scemi: era ovvio che leonardo avesse fatto una parodia (meno evidente che il racconto di facci fosse inventato invece).

    mi schiero con leonardo!!!
    non verrò mica querelata per questo vero?

  22. Ah, ma scrivi sul Giornale?
    Ma allora è tutto chiaro…

    Evidentemente da quella parte politica non ci puoi stare se non sei un ignorante maleducato presuntuoso, il presidente del consiglio fa scuola… e tu sei un ottimo allievo.

    Perchè non vai a parlare ai giudici come persona informata sui fatti?

    Come dicono quei buffoni che commenta il wrestling su Italia1: “figurremmè”. Campione mondiale di figurremmè, complimentoni. Vergognati.

  23. A latere della discussione sui post, vi volevo ricordare di nuovo che, con cifre accettabili, molte assicurazioni europee offrono la copertura legale per i casi più frequenti (incidenti stradali, querele, divorzi,…
    In particolare, se uno vuole scrivere su un blog di politica e persone, e non vuole rischiare casi simili (ricordo anche quello del “famoso” presentatore di raidue che ha querelato un paio di bloggers), spendete ‘sti 200 euro l’anno, e vi sentirete più tranquilli.
    PS: io non lavoro per una società di assicurazioni.

  24. Che noia, Falloppio. Il testo scomparso era, come sempre, illeggibile per quella solita arietta da moralizzatore da pianerottolo. Fortuna che Facci voleva querelarne l’estensore, almeno il post è stato cancellato. Una volta tanto.

  25. Fabrizio, 200 euro l’anno per prendere per il culo Facci mi sembrano troppi, francamente.

    Del resto, qui si parla di uno sprovveduto, uno che alla fine come pena massima passa per dilettante. Ma sono io?

    Sono io che non ho ancora capito che in un blog molto spesso la gente parla dei fatti propri in prima persona?

    Sono io sprovveduto al punto tale da lasciare su uno di questi blog una serie di pezzi come questo (http://www.macchianera.net/2006/01/26/verklarte_nacht.html) in cui un personaggio che assomiglia pericolosamente a me (gli piace Schonberg) decide di farsi una pista da 25 cm.?

    Sono io quel dilettante che se lo firma col nome e col cognome, senza neanche cautelarsi di mettere nero su bianco che è un racconto, che è fiction, una libera creazione, che io non sono quel tipo di persona che si reca a Porta Ticinese a procurarsi questo genere di conforto?

    Sul serio, sono io quello sprovveduto che ogni tanto, per bullarsi, gioca ad associare il proprio nome e il proprio cognome con la cocaina su un blog molto frequentato, salvo poi pretendere che nessun lettore tragga conseguenze che a me non piacciono sul mio nome e sul mio cognome, che io, io solo, io unico, ho il diritto di sputtanare?

    Se sono io quello sprovveduto, se sono io quel dilettante, è giusto che qui qualcuno m’insegni l’educazione. Non importa quanti anni ho. Ogni giorno s’impara qualcosa.

  26. Meno male che grazie a questa querelle da comari abbiamo depistato l’attenzione dalla chiusura dei commenti di questo blog (avvenuta per cause incomprensibili) per dedicarci alla tifoseria da stadio per i due interpreti principali di questa recita condominiale.
    Ovvia, ora che tutti gli scemi hanno passeggiato e son rinsaviti, si può ricominciare con cose serie come questa.
    Sembra di essere ad una puntata di “Amici”.

  27. Facci, peggio di un bambino che piange e pesta i piedi c’è un adulto che piange e pesta i piedi. Per fortuna tu adulto non lo sei, come stai dimostrando. Poi vorrei capire com’è che tu puoi sentirti libero di mandare affanculo chiunque qui dentro ma poi non riesci a farti una risata su un pezzo che ti riguarda. Ah, si, l’ho capito… vedi inizio del mio commento.

  28. Ma ci sarà pure un modo di difendere la propria onorabilità, senza agitare la querela come fosse una clava ? No, perchè quì siamo a livelli insostenibili.
    Ma da quando è che è tra i giornalisti si è diffusa questa moda, che prima si querela e poi si discute ?
    E poi gli stessi si lamentano degli infiniti tempi della giustizia italiana, ti credo, se i giudici devono essere impegnati a esaminare tonnellate di querele inutili… ( oltretutto a Facci di questo passo gli ci vorrà un giudice tutto per lui, un giudice ad personam )…

  29. Leo, sono 200 euro l’anno per non dire “tengo famiglia” di fronte a persone che dietro hanno gli studi notarili, oppure che non hanno famiglia. Oppure se hai di fronte una società.
    Pensaci.
    PS: Non me ne voglia F.F., è un discorso generale.

  30. Mah.
    A me il pezzo di facci piaceva tantissimo, ma ero convinto che fosse vero (magari un po’ romanzato in alcuni punti, ma sotto sotto basato su fatti realmente accaduti).
    Adesso che so che è tutto inventato mi piace molto meno.
    E… no, non era evidente neanche un po’ che fosse inventato.

  31. Anch’io ho creduto che il pezzo originale di Facci fosse, almeno in parte, vero. Non mi ricordavo scrivesse su “Il Giornale”, noto feulletton quotidiano di fiction varie ed eventuali… :D

    A parte questo, mi pare tutto un pò esagerato, esasperato, artificiale. Pare un reality….

  32. Filippo Facci, la gente del tuo calibro di merda non si smentisce mai, ma proprio siete veramente tutta una merda umana possibile? La generazione del Foglio dovrebbero chiamarvi, cavolo, da non crederci. Tua madre è una troia. Querelami cazzone.

  33. Filippo Facci, la gente del tuo calibro di merda non si smentisce mai, ma proprio siete veramente tutta una merda umana possibile? La generazione del Foglio dovrebbero chiamarvi, cavolo, da non crederci. Tua madre è una troia. Querelami cazzone.

  34. oh se poi decidono di chiudere ai commenti pubblici non stupiamoci eh? Basterebbe un link a questa pagina senza bisogno di aggiungere altro…

  35. proposta per gianluca neri:
    – si devolve il ricavato di “un soldino per macchianera” a “un soldino contro le querele di FF”
    – Leonardo ripubblica il pezzo, che era chiaramente di satira
    – FF querela, e così tra l’altro la smette di vantarsi di non aver mai querelato, e Leonardo ha il back-up economico dei lettori di macchianera per pagarsi l’avvocato
    – quando tra 4-5 anni di cause FF perderà, si useranno il soldi di FF per una bella blogfest

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.