50 Comments

  1. Ieri è arrivata anche a me via mail questa lettera…e dopo averla stampata come prova di una presa x il culo mi sono sentito dire dal mio capo: “Vi tolgono e vi lamentate, vi danno e vi lamentate…..”
    Lascio a voi commentare…

  2. Che spasso. Voglio dire: è veramente meraviglioso poter staccare un assegno di un euro e quarantadue a Silvio. Chissà tra quanti commenti arriva quello che se la prende e rovina tutto.

  3. Tranquillo Pablo, vedrai che tra poco il solito genio se ne uscirà con: “Anche per questo la sinistra è perdente”. Sperando che ci risparmi: “E i treni arrivavano in orario”.

  4. No, no, secondo me il solito genio se ne uscirà con una frase del tipo “A Cuba e in Corea del Nord è peggio”.
    E poi giù con Stalin, col fatto che siamo antiamericani, che ci puzzano i piedi

  5. Il resto gli conveniva tenerlo per pagare la tassa sul conto corrente, che e’ aumentata piu’ o meno di quella cifra (0,72 euro al mese)…

  6. i soliti comunisti che buttano via i soldi! ;) con 1,42 euro in piu’ gli e’ costato piu’ l’assegno circolare del caffe’..

  7. e che volevate da un governo di destra? è ovvio che avrebbe abbassato le tasse ai ricchi…che sono gli unici che spendono…sempre a lamentarsi sti sinistri

  8. Anche io l’ho appesa sulla mia scrivania…Epocale veramente.
    Contro questo personaggio non si può proprio nulla se non buttarla sul ridere in maniera tale da combattere sul suo stesso terreno.
    Mi auguro di avere bisogno di meno medicine di lui…….
    Crepasse…

  9. sapete qual è il problema? che i DS / Ulivo / Unità etc. non hanno le palle per mandare in tivù spot in cui lo prendono per il culo, lui e i suoi slogan da pirla sulla sinistra che porta terrore miseria etc…

  10. Non sarebbe invece una cattiva idea se tutti coloro che hanno beneficiato di un aumento dello stipendio simile a quello del sig. Edgardo, prendessero la medesima iniziativa.
    Dopo le monetine a Crazi (si può dire Craxi??), gli assegnucci a Berlusconi.

  11. caro max, la sinistra invece che prenderlo per il culo dovrebbe rimboccarsi le maniche ed imparare a mettere giu’ un programma serio, che l’unica cosa che sa fare e’ discutere dei nomi e provare a capire se vuole o no ritirare le truppe dall’iraq. il resto e’ solo dare contro, ma sinceramente io nonostante tutta la buona volonta’ in questa unione, triciclo, salcazzo come lo vogliamo chiamare, non ci trovo niente proprio che mi spinga a votarla.
    il fatto e’ che siamo un paese di coglioni, dalla a alla z, da sinistra a destra, nessuno escluso. perche’ l’italia e’ l’unico paese in cui chi sa fa, chi non sa, governa..

  12. “i DS / Ulivo / Unità etc. non hanno le palle per mandare in tivù spot in cui lo prendono per il culo”

    Moruzzi, la trova lei una TV disponibile a trasmettere spot del genere? :D

  13. beh ma max.. la sinistra per ora mi presenta solo limiti. che cosa mi offre di concreto? alla fine della fiera il nano riuscira’ a dimostrare di aver fatto per la gran parte le promesse fatte.. e entrera’ nella storia per aver “resistito” per la prima volta in piu’ di 50 anni di repubblica con un governo che non e’ stato sputato e reimpastato fino ad essere totalmente deligittimato. non so non so. sono scetticissimo. la sinistra non mi offre alcun programma.

  14. Forse avrebbe fatto meglio a tenerli per ripagarsi almeno in parte degli aumenti su gasolio e benzina che hanno appena deciso per pagare i bus ecologici.

  15. Natalino Russo Seminara, io non godo di qua e non godo di là, ma che sarà secondo te che la prendo sempre in culo e non godo mai?

  16. Con la tua seconda risposta che non avevo letto ho capito tutto: chi si accontenta gode.
    L’importante è non illudersi, le dimensioni non contanto…..

  17. Natalino io credo che leggendo attentamente in questo covo di “comunisti” che è Macchianera, non ti sarà difficile constatare che questa sinistra non piace proprio a nessuno. Non piace Prodi, non piace Fassino e per carità, non pronunciamo invano il nome di Rutelli che rischiamo il linciaggio peggio che a nominar Berlusconi (che se non altro è fonte inesauribile di spunti satirici).
    Siamo onesti, diciamoci che la sinistra così com’è è ridicola, ma siamo altrettanto onesti e ammettiamo che Berlusconi non ha le capacità politiche per condurre il nostro paese.
    Mi fermo qui, ma mi farebbe piacere che tu, guardandoti intorno, ammettessi in tutta onestà che grazie al Cavaliere nel nostro paese oggi si vive meglio di ieri.
    Porca miseria, non voglio farmi pubblicità occulta, ma ho scritto oggi sul mio blog un pezzo di vita quotidiana nel quale, giuro, non ho romanzato neanche una virgola.

  18. Natalino, guardati questo documento. E’ la relazione generale di Visco, Ministro del Tesoro del 2001. http://www.dt.tesoro.it/Aree-Docum/Analisi-Pr/Documenti-/Relazione-2/2001/volumeI1.pdf

    Guardatelo con calma. Guardati in particolare le tabelle 13 a pag.82. Alla voce entrate ci sono 70.000 miliardi di tasse recuperati in due anni. Poi vai alla tabella 15 di pag 86, verificherai che la pressione fiscale scende dal 96, con un picco sull’eurotassa del ’97 restituita al 60%. Una discesa ancora maggiore è nel 2001, per le misure prese nel 200 ma non è riportato nella tabella. Conclusione visco recuperò evasione, non aumentò la pressione fiscale, ciò vuol dire che diminuì le tasse: diminuì, l’Irpef, diminuì l’Irpeg, L’Irap era solo l’unificazione di 7 tasse preesistenti, le addizionali erano la conseguenza del decentramento fiscale.
    La lotta all’evasione iniziava a dare i risultati e, aiutati da un buon andamento dell’economia, si contenne il deficit, si rientrò di 20 punti del debito, da 127% a 109% e si entrò in Europa. La crescita, complice la congiuntura favorevole nel 200 passò al 2,9% ad un passo dalla media europea. Il paese si era salvato. Altro che sono tutti uguali. Vis, tu non gli credere, Ciampi, Prodi e Visco hanno salvato l’Italia, riscutendo un grande successo in Europa per il miracolo economico, quello sì che lo è stato. Non è un caso che Prodi è diventato presidente della al risanamenti italiano.
    Poi è arrivato Berlusconi, ha promesso il miracolo italiano, il boom economico, e PATAPUNFETE siamo entrati tutti sfiduciati e ci sentiamo più poveri.
    L’Ulivo promise l’ingresso in europa ed il risanamento economico e mantenne le promesse. Berlusconi vince le elezioni con la promessa di far diventare tutti ricchi ed eccoci qua, andiamo indietro da tutte le parti, inoltre ha portato l’inciviltà di 5 condoni fiscali.
    La sinistra ha fatto un paese più ricco, e più giusto, nei 5 anni. Berlusconi ha portato illusioni, bugie, illegalità e più povertà. Questa è la verità.
    Berlusconi l’altra sera a Tribuna politica ha detto che la sinistra ha aumentato la pressione fiscale di due punti. Non è solo una misera bugia?

  19. Vento, non si tratta di credere o meno a Natalino, io ai miracoli non ci credo nè che provengano da destra nè da sinistra, non fosse che perchè l’andamento della nostra economia è strettamente legato a quello dell’economia mondiale.
    Tutt’al più si può parlare della capacità di un governo o di una altro di riconoscere il treno gisuto e di mantenere il corretto passo di corsa per raggiungerlo.
    E poi l’interpretazione di ogni singolo fatto è soggettiva (vedi la riduzione delle tasse) e ad ogni fatto se ne possono opporre migliaia contrari o favorevoli.
    A me basterebbe che Natalino si limitasse a valutare il risultato di questo governo tastando il polso del malcontento che serpeggia ovunque.

  20. Non è solo questo, Vis. E’ che a Berlusconi gli mancano proprio le premesse, non ha nessun interesse a fare provvedimenti che facciano trasparenza nello stato dell’economia: sommerso, evasione. Uno che va in giro a dire che è immorale pagare le tasse, che toglie la tassa sulle successioni da miliardi, che fa quel rientro immorale dei capitali a 2,5%, che non ha interesse a toccare a fondo l’economia insana della criminalità. Ce lo vedi Berlusconi ad attaccare mafia, camorra, ndrangheta? E poi abbiamo perso credibilità internazionale.
    La missione di Berlusconi era quella di sanare Mediaset e uscire indenne dai processi. Non ha nessuna motivazione reale a far migliorare lo stato dell’economica italiana. Non ha nessuna spinta etica e ideale. Io non credo ai miracoli, però credo alla buona volontà, alla trasparenza ed alla competenza. Non abbiamo mai avuto nella storia della repubblica un governo così competente, almeno nell’economia, come quello con Ciampi, Visco e Prodi. Purtroppo la gente, in particolare quella italiana, e Berlusconi lo ha capito bene, preferisce sognare e ritrovarsi con il muso nella cacca, che migliorare il proprio stato generale e la propria consapevolezza. E’ il popolo dei sette miliardi giocati sul 53. E’ la nostra tara nazionale, sentirsi furbi prendendolo nel di dietro. Ma i giochi stanno per finire, perché sono finiti i sogni da vendere.

  21. Natalino, Prodi risanò l’IRI, come ha risanato l’Italia insieme a Ciampi. Fu proprio Ciampi che lo rinominò all’IRI nel secondo mandato. Prodi portò L’IRI da 3000 miliardi di perdite ad un attivo di 1250 miliardi. http://biografieonline.it/biografia.htm?BioID=982&biografia=Romano+Prodi E iniziò le privatizzazioni e le liberalizzazioni. Bloccate solo per l’affare SME, di cui dobbiamo ringraziare il cavaliere mascarato e Craxi.
    Per cui fate attenzione a valutare le persone.

    Per quanto riguarda il risanamento, le condizioni dell’economia erano più favorevoli, è vero, ma la situazione del paese era tragica, e ci diedero fiducia solo perché c’erano persone conosciute in Europa e considerate affidabili. E questa fiducia fu ricambiata.

  22. com’è che quello che dice Visco sono dati di parte, mentre il buco propagandato da Tremonti è verità assoluta?

  23. Ciò che volevo evitare era proprio di entrare nello specifico dei fatti perchè ogni fatto ha più interpretazioni e più chiavi di lettura.
    Se ai 516 euro del tuo pensionato di oggi corrisponde un aumento della vita pari al suo aumento di pensione, è ovvio che l’aumento perde ogni significato.
    Il mio sito non ha molta importanza, volevo solo evitare di fare nuovamente un elenco di ciò che nella nostra piccola esistenza di cittadini qualunque, non solo non ha ottenuto nessun miglioramento ma anzi è sicuramente peggiorato.
    Comunque ti svelo un segreto, se vuoi vedere il sito di un commentatore, basta che clicchi sul suo nick in blu in basso a destra. Vale per tutti!

  24. Io non credo troppo neanche questo Vento, purtroppo penso che Berlusconi nella sua sconfinata presunzione, non solo si sia candidato per salvarsi il culo, ma anche perchè era convinto che i suoi metodi, così efficaci nella sua azienda, lo sarebbero stati anche per governare il nostro paese.
    Come applicare i metodi educativi che si utilizzano per il cane, al proprio figlio.

  25. Troppe cose tecniche fanno diventare noiosi, e poi io non sono neanche un tecnico, ma solo uno che cerca di informarsi. Per cui la chiudo con questa risposta.

    1. L’ingresso in Europa si è portato con l’euro la stabilità monetaria, l’inflazione bassa al 2%, il basso costo del denaro, ed anche la moneta forte che, se, in parte, penalizza le esportazioni, abbassa il costo della produzione perché incide positivamente sugli acquisti, e fa risparmiare miliardi (e parliamo di euro, non come Berlusconi che quando parla di tagli alle tasse e di infrastrutture ritira fuori il cadavere della lira) di bolletta energetica. Pensate alla liretta alle prese con l’aumento del prezzo del greggio ed immaginatevi di stare alla deriva, perché è dove saremmo adesso. Senza parlare di quanto ci avrebbero fatto pagare l’eccesso di debito con i tassi di interesse e la perdita di prestigio internazionale che sarebbe andato sotto ai piedi. Un dramma enorme evitato per la determinazione, come si diceva allora degli “euroentusiasti”. E per il contributo di tutti noi e della tanto vituperata eurotassa (restituita al 60%) servita per abbattere il deficit dal 7% al 2,7% e rientrare nei parametri di Maastricht.

    2. Invece il controllo delle speculazioni enormi fatte su tutta la catena distributiva, con la conseguenza grave di una grande e ingiusta ridistribuzione del reddito, era compito del governo, e di chi sennò? Niente di tutto questo è successo negli altri stati europei. Il governo doveva alzare le antennine e vigilare, cosa che non ha fatto: doveva convocare le categorie dei commercianti allora, non adesso quando i buoi erano già scappati. Ma, come si sa, era impegnato a fare leggi ad personam, e a chiudere un occhio verso certe categorie che, diciamo, non erano state propriamente ostili alle elezioni. Non ultimo, il governo è pieno di euroscettici, che mal sopportano le regole dell’Europa ed il suo rigore finanziario, e non solo, per cui erano portati più a dare la colpa all’europa e all’ulivo, invece di governare il passaggio di valuta.

    3. L’attivo dell’IRI non c’entra niente con le vendite che vanno in conto capitale e non nel bilancio corrente. E’ la stessa differenza che c’è tra il deficit dello stato, ed il suo debito. Dire che le aziende erano in attivo vuol dire che producevano reddito. E poi le aziende vendute o messe in vendita erano quasi tutte risanate, come la SME, che era quasi in pareggio.

    Il risanamento dell’IRI è una cosa storica che sta lì, incontrovertibile.

  26. Finchè sfornavi numeri, Natalino, eri credibile e persino interessante.

    Poi l’ultimo post ha dimosrato che sei a fondo di argomenti.

    Non ci dormo la notte perchè non so se ci arrivo, io, fino al 2006 senza finire sotto un mare di debiti.

    (Ps: Ocalan vs. Cirami…. )

  27. Natalino lascia stare che stai facendo la figura del pappagallo, cioè ripeti a vanvera le poche cose confuse che disse berlusconi o che hai letto sul giornale di belpietro. Quando, a conferma delle cose che dici, riporterai un qualche link magari del dipartimento del tesoro, cioè di un documento ufficiale (come ha fatto ventomare) forse sarai un po’ più affidabile e credibile. Per ora ti stai solo dando la zappa sui piedi. Ti do una dritta su cosa cercare: mandami un bel link, in cui c’è una tabella ufficiale dove possa “contare” il famigerato buco da 40.000 mld fatto da visco. magari parti da qui a cercare:

    http://www.dt.tesoro.it/Aree-Docum/Analisi-Pr/index.htm

    buona fortuna!

  28. Cavolo!!!!!!
    Sicuramente i produttori di petrolio si terranno per loro l’aumento delle accise e non scaricheranno niente sui consumatori. Si sa che è sempre andata così, o no?
    Per quanto riguarda le pensioni ci sono ancora migliaia di invalidi civili al 100% che poirtano a casa la bellezza di 244 euro al mese e che quest’anno hanno avuto un aumento di ben 4 Euro.
    E, prevenendo Natalino, almeno quelle che conosco io non sono persone che truffano lo stato, ma persone con seri problemi che nonostante siano iscritte al collocamento speciale non riescono a trovare lavoro.

  29. Io non nego e non affermo niente.
    Solo che in questo momento non è Prodi a dire di aver aumentato le pensioni a tutti. E ci mancherebbe altro che tu ti mettesi a discutere l’invalidità di persone che neanche conosci.

  30. NRS direi che è pienamente in forma:

    (a) mette sullo stesso piano le cose dette a voce da Tremonti e un documento sul sito del ministero dell’Economia. Forse Google non gli funziona.

    (b) continua ad essere convinto che la prescrizione implichi un “non giudizio”, nonostante l’ultima assoluzione del suo non-idolo sia scattata per prescrizione dopo la concessione delle attenuanti generiche.

  31. ve lo ricordate l’orso Ciro? un giocattolo, quello con la cravatta, che quando gli premevi il pancino diceva con un improbabile accento napoletano “viva la pizza” e amenità simili? all’inizio erano divertenti, poi a forza di sentirle ripetere, risultavano insopportabili.
    Smettete di premere il pancino di natalino, per favore.

  32. Comunisti cattivi, appena vedono un forzitaliota lo sequestrano e lo torturano!

    (PS: Meglio un deBenedetti presidente o un mafioso (Previti attraverso Berlusconi)? )

  33. Vedo che il signor Natalino quando non sa cosa rispondere semplicemente non risponde e tira in ballo altri argomenti.

  34. Natalino, tanto per farti capire la spinta etica ed ideale che ha il presidente del consiglio ti giro l’ultima chicca che ha tirato fuori la rivista Russian Newsweek facendo una ricerca sugli orologi che indossano gli uomini politici.

    Italian Prime Minister Silvio Berlusconi wears the most expensive watch – Constantin Vacheron for $540,000

    http://english.pravda.ru/main/18/90/361/14979_watch.html

    Ma come si fa ancora a difendere un tale burino senza vergogna? Uno che se ne va oltretutto in giro in televisione a dire che ha dato 10 miliardi in beneficienza.

    Natalino, quando andrai a votare, mettiti una mano sulla coscienza ed una sul portafoglio, che se continui a dare il tuo voto a questo qui, non ti/ci rimarranno nemmeno gli occhi per piangere.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.