Questione di abitudine

Capita spesso di essere in metropolitana e che i vagoni siano pieni, ma nessuno ti chiede scusa quando ti pesta un piede o ti dà una spallata. Tanto è normale.
In treno esiste questa sorta di gara per chi occuperà l’unico posto libero e non importa se per ottenerlo qualcuno ti darà gomitata di troppo. Tanto è normale, che vuoi che sia?
E per strada? Non ti lasciano nemmeno il tempo di attraversare sulle strisce pedonali perché fermarsi per far passare un pedone è una perdita di tempo. Ma anche questo è normale.
Tutte le mattine la stessa storia. Tutti i giorni la stessa strafottenza, lo stesso menefreghismo, la stessa mancanza di rispetto.
Chissà perché non ti stupisci nel leggere di persone che vengono bruciate per un litigio in strada o di qualcuno che prende a sprangate quanlcun altro semplicemente per il gusto di farlo.
Non è che si resti insensibili ai fatti, no.
Ci si fa soltanto l’abitudine.

(Visited 3 times, 1 visits today)

15 Comments

  1. pezzidivetro: ma hai anche la bava ala bocca?
    no, e’ che da qua sembri idrofobo.
    una domanda: se una cosa e’ giusta e sacrosanta perche’ smette di esserlo se aumentano le persone che leggono?

  2. s: una domanda e’ una domanda e’ una domanda… :)
    sarei curioso di sapere se c’e’ una logica a sostenere l’astio di pezzidivetro o se e’ solo un’antipatia senza una ragion d’essere. legittima, figuriamoci, ma assolutamente ignorabile.

  3. pezzi di vetro sei abbastanza triste,non hai argomenti ma sai solo insultare,poverino,mi spiace.resta nel fango che stai tirando e trova una ragione per esistere bye bye

  4. Pezzidivetro: ma di cosa ti droghi per essere così? No, è interessantissimo. Continua.
    1000 visitatori unici al giorno? Scusa, bado troppo poco a queste cose per farci caso.
    Non li ho mai contati e non inizierò a farlo. Il tuo astio verso chi può scrivere qui basta e avanza per fare le pulci a tutti i blog su cui passi.

    Non è che mi pulisci anche lo spam? Grazie.

  5. NOTA: pezzidivetro esiste solo da che scrivo io. Commenta solo i miei post o altri post esclusivamente per parlar male di me.
    Di lui sappiamo che ce l’ha con me per motivi divini, che spulcia il mio blog, che cambia IP (nonostante sia sempre friulano) e che non esiste.
    Direi che è stato con noi fin troppo.

  6. Interessante come questo post sull’attitudine all’aggressività abbia preso una piega un po’ aggressiva. A parte questo, credo che la componente razzista ci sia, secondo me un bianco non l’avrebbero ammazzato. Ma non credo che il post di Ninna, concentrandosi sulla progressione dell’inciviltà, abbia voluto per questo escluderla.

  7. Rossella, quando verrai a New York, se provi la metropolitana… mi saprai dire la differenza con quella Italiana :) Qui basta che ti sfiorino e ti chiedono subito “sorry”…

  8. Bello, mi ricorda tanto la mia prima riunione di condominio.
    Altro che metropolitana.
    Poi ci si lamenta se uno si butta a destra. :D
    Secondo me la metà dei commenti anonimi tra le righe dicono una cosa : gnee gnee, se lei è autrice su cotanto blog , perchè non lo posso fare io che sono unsacco ma usacco-unsacco maunsacco più intelligente ?

  9. Camu: non vedo l’ora!

    Marco: sì, ma sono tutti geni. Peccato che non siano nemmeno in grado di scrivere un commento con un argomentazione valida.
    Vorrei tanto leggere le loro perle di saggezza. Ma tanto, eh? ;)

  10. Camu : non me ne volere per favore, ma sarebbe carino se ogni tanto esprimessi un parere su qualcosa senza fare per forza riferimento OGNI VOLTA al fatto che TU vivi negli Stati Uniti. Non sei ne il primo ne l’ultimo, questo ribattere continuo di quanto tu sia “fortunato” o “furbo” è sinceramente snervante.
    Ognuno vive dove vuole, non credi?

    Ninna : è la tua opinione, in quanto tale deve essere rispettata. Il mio consiglio è di smettere di rispondere ai commenti, ciò che dovrebbe essere visto come educazione (cosa rara in tanti blogger che non si degnano mai di rispondere) viene vista come assenza di vita. Smetti di rispondere, prova e vedrai. :)

2 Trackbacks / Pingbacks

  1. site
  2. cigarette electronique

Rispondi