About Makkox 119 Articoli
Classe '65. Adolescenza in pieni '80 tra Tenax e Frigidaire (in mezzo c'è tutto). Attualmente, assieme ad altri 8 ragazzi realizziamo volantini per i supermercati. Di segno da sempre e... uff. Mò m'ha preso tristezza per quella cosa dei supermercati e non riesco a finire il profilo. C'è roba mia su www.canemucca.com e su canemucca.tumblr.com

25 Comments

  1. ahhhh si, proprio una gran vignetta.
    difficile resistere alla tentazione di specularci sopra, eh ?

  2. @melzi7
    uhm, in altri casi in cui son avvoltoio e beccamorti, t’avrei dato ragione, ma le uscite di alemanno da destra e del sindaco di torre annunziata da sinistra, entrambe identiche e identicamente inopportune, m’hanno fatto girare i coglioni sul serio.

    Ho immaginato che se avessero violentato mia moglie, ammazzato il mio cane, e pestato me quasi a morte, non avrei voluto sentir dire che me la sono cercata.
    Probabilmente avrei avuto già un macigno sul cuore per non essere riuscito a difendere la mia famiglia. Illogicamente avrei avuto già la sensazione che tutto fosse successo per colpa mia.

    E poi, le parole di quei Primi Cittadini son suonate come attenuanti per i criminali. Immagino già gli avvocati difensori che si presentano al colloquio con gli assistiti ghignando “Ragazzi è fatta: il sindaco è con noi”.
    Hanno fatto una figura di merda tutti: destra e sinistra.
    E’ mancata umanità, comprensione, tatto.

    Fortunatamente Alemanno ieri ha fatto quel che andava fatto prima, recandosi dai due turisti olandesi, e non sono il tipo da dire “ora è tardi”. Meglio tardi che mai.

  3. Secondo me il signor Luca io ci vorrei aprire la pelle sulla schiena come fosse un portacappotti ed entrarci dentro ed essere lui.
    Ecco.
    :)

    suona creepy ma vuol essere altro.

    non ho preso il mio litio oggi.

  4. @makkox: sai cos’e’ che critico ?
    non tanto la vignetta in se, ma il ragionare sulle cose e trarne delle considerazioni (io semplicemente pensandolo tra me e me, tu tramite una vignetta, altri in altre maniere) basandosi sulle prime cose scritte sui giornali e sulle frasi riportate sempre dai giornali stessi.

    ora, al di la delle proprie idee politiche, credo che all’unanimità si possa affermare che i politici spesso sono tutto tranne che cretini e sono molto attenti alle dichiarazioni che fanno, e francamente dubito che Alemanno abbia detto le cose esattamente cosi’ come sono state riportate.

    Sinceramente, mi fido di piu’ delle parole della vittima dopo la visita di Alemanno stesso all’ospedale, la quale ha detto di aver capito cosa esattamente intendeva (o, forse, cosa non ha detto) Alemanno.

    Non mi stanchero’ mai di ripeterlo: tutto quello che dice la stampa va preso con molte, grosse, enormi pinze, che venga da destra o sinistra.

    Ecco perche’ mi ha dato fastidio quella che ho reputato essere una facile ‘speculazione istantanea’ sull’accaduto.

    Del resto, c’e’ qualcuno che puo’ negare veramente che accamparsi in quella maniera, per quanto assolutamente legittimo (e a tutti piacerebbe un mondo dove potersi accampare in totale liberta’ e sicurezza), sia poco responsabile, pur comprendendo perfettamente che, per una coppia che viene dall’olanda, sia per loro normalissimo e sicuro accamparsi in piena campagna ?

    Per concludere, ho guardato il tuo sito e le tue altre vignette, e devo dire che mi sono piaciute molto.

  5. melzi7, hai ragione sulle storpiature della stampa. Quanto al fatto che in certi posti sia pericoloso fermarsi, allora però va a pallino tutta la campagna elettorale di Alemanno e anche quella di berlusca e della Lega. Se la sicurezza è del tipo “sì però” andava bene anche Veltroni e anche Prodi, che almeno risanava il Paese e non odiava visceralmente i lavoratori.

    Se io pago un body guard dopo non posso prendere le botte perchè uno grosso ha menato lui e me: le botte le so prendere anche da solo e gratis.

  6. melzi7: Hai ragione a prendere con le pinze l’informazione, sacrosanto. Ma, oltre alla giusta osservazione di piti, le parole dell’olandese chi le ha riferite? Io ho trovato solo questo: “Il sindaco, che aveva parlato di imprudenza riguardo alla scelta dei due di accamparsi in un posto isolato, ha aggiunto: “Loro hanno capito il senso delle mie parole che non volevano essere offensive”.

    Quindi, ricapitoliamo: le parole di comprensione degli olandesi nei confronti del sindaco sono state riferite ai media dalla stessa persona che aveva dato loro degli stronzi irresponsabili due giorni prima. Sbaglio?

  7. @piti

    se proprio vada a pallino non lo so.

    di sicuro, c’e’ che gli esponenti di sinistra hanno iniziato a prendere seriamente in considerazione la questione sicurezza solo dopo che hanno visto la destra raccogliere facilmente consensi utilizzando questo tema; ancor di piu’ l’hanno capito dopo i risultati elettorali.

    altrettanto sicuro e’ che la completa totalita’ del territorio non e’ presidiabile come non lo e’ in nessuna parte del mondo (ma se dico questo allora tu mi dici che va a pallino il tema sicurezza usato dalla destra), oppure lo presidiamo maggiormente, ma poi a sinistra si inizia a urlare al fascismo, alla militarizzazione, alla limitazione della liberta’, al razzismo verso i rom che, poveretti, loro sono tanto delle brave persone che non fanno male a nessuno e siamo noi brutti sporchi e cattivi e razzisti che non li vogliamo.
    (parentesi: non so se hai amici rumeni, ma io per lavoro ho conoscenze a bucarest, e ti rendo noto che la cosa piu’ carina che generalmente i rumeni dicono sui rom e’ “dategli fuoco”. magari non lo dicono in pubblico, ma in privato te lo dicono, eccome).

    come ne usciamo da questa dicotomia ?

  8. uhm, non è che voglia star qui a far le pulci ai io ho detto, lui ha detto, però un po’ d’ordine e obbiettività ci fa solo bene.

    inizio dal mio intervento e lo chiarisco.
    Quel che trovo ingenuo, ai limiti dello stupido, da parte di entrambe le parti politiche in questa occasione come in altre, è l’aprir bocca e dargli fiato senza pensare all’enormità delle conseguenze.

    Quando si diede malamente voce a delle (legittime a mio parere) *preoccupazioni* nei confronti della criminalità prodotta dalla situazioni borderline civile/legale in cui vivono molti rom e molti immigrati, si finì con i linciaggi a furia di molotov nei campi di sti disgraziati.

    Le parole che un uomo, investito d’un alta carica di rappresentanza, pronuncia anche quando è solo al cesso, sono come sassi lasciati cadere lungo un pendio innevato.
    Rotolando vengono amplificati, distorti, arricchiti, gonfiati… e giù a valle arriva la valanga.
    Però, difficilmente le parole vengono inventate.
    Troppa tecnologia menmonica abbiamo intorno pronta a ricordare (recordare) il minimo sbadiglio che ci scappi.

    Io dico che i DUE sindaci hanno detto una cosa di buon senso (forse!) nel momento sbagliato.
    E il momento è tutto.
    Un rutto al picnic genera ilarità. Meno, se lo fai in chiesa nel mezzo del funerale di tuo nonno. (per dire)
    Eppure è lo stesso rutto.
    (ciò gli esempi grevi, ellosò)

    Inoltre, non dobbiamo affannarci a scusarli e giustificarli noi i DUE sindaci, visto che almeno uno (Alemanno) ha detto che le due povere vittime hanno capito (anche per loro ammissione) il senso di quelle parole.
    Parole che quindi son state dette e mai negate.

    Guarda, che io sia di sinistra come valori di riferimento, non ci piove, ma che sia fazioso, be’ qui ci piove un po’ di più.

    Comunque, il discorso è quello di spiderman: a grandi poteri corrispondono grandi responsabilità.
    Abbiamo una classe politica (TUTTA) che a confronto di quella di paesi a cui amiamo guardare e riferirci, ha una capacità di gestione del Potere Della Parola d’un bambino isterico di 8 anni.

  9. @makkox,
    nemmeno io voglio a stare a far le pulci, e di difendere Alemanno mi puo’ importare relativamente.

    Alla fin fine, lui puo’ essere al massimo accusato di aver detto, come hai scritto tu, una cosa vera detta in un contesto sbagliato e, sempre alla fin fine, se devo dare un giudizio politico, da questa vicenda Alemanno ne esce sostanzialmente bene.

    Tu dici che le parole non vegono inventate ?
    Io dico che su tutti i giornali c’e’ una strumentalizzazione che, a parte quella fisiologica, sta ormai rasentando il ridicolo.
    Ritengo che i giornali di oggi siano assolutamente illeggibili.

    Ti faro’ un esempio stupidissimo, ma veramente stupido, che pero’ rende molto bene il senso:
    intervista a Mourinho (pubblicata integrale sulla gazzetta on line) da parte di un giornale portoghese sulla questione-shevchenko.
    Mourinho, vuoi per convenienza, vuoi per pensiero reale, ne parla molto bene, spiega il perche’ e il per come sheva, al chelsea mentre c’era Mourinho stesso, non abbia reso come nel Milan e bla bla bla.
    Dice la sua, aggiungendo una considerazione distaccata: sheva nel milan era trattato benissimo, come un principe, cosa che non avveniva al Chelsea, e forse questo l’ha messo in forte difficolta’.
    Punto.
    Stop.
    Detto cosi’, senza cattiveria, come pura considerazione.

    Cosa salta fuori sul corriere on line?
    “Mourinho: Sheva ? Un Principino”.

    Enno’ cazzo, son due cose completamente diverse.
    Tu questa come la chiami ?
    (parentesi, anche qui mi puo’ fregare relativamente di difendere mourinho visto che sono milanista)

    Estendendo il ragionamento, questa votla su cose serie: se su una puttanata come questa viene stravolto totalmente il senso dell’intervista e delle dichiarazioni cercando di creare il caso, quando si tratta invece di dichiarazioni di un politico, dove ci si gioca i voti tutti giorni, dove gli argomenti scottano, dove tutto puo’tornare utile, secondo te quanta manipolazione/distorsione c’e’ ?

    Per questo io ti dicevo “non ti ci buttare a capofitto su quello che scrivono i giornali”.

    Non ci si puo’ piu’ fidare di questa gente che scrive su (ormai solo sedicenti) ‘giornali seri’, la stampa italiana e’ veramente al capolinea.

    Ora, al di la del prendere con le pinze i giornali, posso comunque aggiungere anche altre considerazioni: giusta la critica nei confronti di questa societa’ italiana, sia la societa’ civile sia quella politica, su molte cose mi trovi d’accordo ma…. c’e’ un qualche comico/satirista/vignettista che in grado di prodursi in commenti feroci anche sui rom ?

    o continuiamo a ignorare che ogni giorno c’e’ un romeno o un albanese che ha combinato qualcosa ?
    o le vignette feroci le dedichiamo solo per criticare e colpire (giustamente, per carita’) gli idioti ragazzotti italiani che ammazzano e si ammazzano al volante perche’ pieni di coca e alcool ?
    c’e’ qualcuno che riesce a essere veramente bipartizan nel vedere i problemi della nostra societa’ ?

  10. @mel

    90 su 100, non lascio una discussione inevasa. Non è puntiglio, è rispetto.
    Quindi ti dirò che hai fatto un esempio spettacolare: quello di mourinho.

    L’ultima cosa che dice i mister al giornale portoghese
    “sheva nel milan era trattato benissimo, come un principe, cosa che non avveniva al Chelsea, e forse questo l’ha messo in forte difficolta’”
    è una roba che quando si è in quella posizione (ormai hai capito cosa intendo per posizione) non deve MAI scapparti.
    La feroce, impietosa, ma non mendace sintesi che ne hanno fatto alcuni saltimbanchi della stampa “Mourinho: Sheva, un principino”, purtroppo ci sta.
    Ci sta nel sistema d’informazione in cui viviamo.
    Tutto vien espresso per sintesi, per icone riconoscibili, deformando in modo quasi grottesco parole e fatti.
    Ne abbiamo avuto esperienza diretta quasi tutti, magari per un piccolo episodio di cronaca di cui siamo stati testimoni e poi letto quasi irriconoscibile sul giornale.
    Quindi sì, applicare filtro a quel che si vede e si legge sui media, ma non porsi con ottusa incredulità.
    Se si hanno dubbi, si scava. Un’idea più precisa alla fine ce la si fa.

    Ora, è ovvio che le vignette pizzichino sempre chi ha responsabilità di fare e dire, non i rom o i marocchini. Anche perchè è un atto di grande razzismo esprimere un giudizio (anche ironico) su di un’etnia, un gruppo religioso, una comunità.
    Io potrei fare la vignetta sul rom, ma nome e cognome. Dovrei aver motivo di parlare di LUI non di loro.

    hehehe
    rido perchè però è vero che ai leghisti tendo a dargli in culo come gruppo! vavè, anch’io sbaglio, mica no.
    (ma loro un po’ se la cercano eh? son meridionale, io)

    problemi ce ne sono, come dici tu. vorrei veder TUTTI, e intendo destra e sinistra, piantarla di star lì ad aspettare in balconata il momento di dire A-HA! VISTO?!

    cmq, concludendo, e grazie per l’occasione che m’hai dato per riflettere su quanto non mi senta rappresentato da un cazzo di nessuno al momento, dico che vorrei vedere più serietà. responsabilità. a cominciare dalle parole.
    …e dalle vignette (hehehe) ok, ok…

    a risentirti presto, mak

  11. Quelli che usano il fatto degli olandesi per dare addosso ad Alemanno sulla sicurezza, è come se avessero sentito questo discorso pre-elettorale di Alemanno: “Cari romani, io prometto sicurezza a tutti voi. Non solo a voi, non solo per le strade della città e sui bus o sui metrò che vi portano al lavoro tutti i giorni. Ma anche fuori, anche in aperta campagna. E anche se non siete romani. Io prometto sicurezza a tutti i turisti, anche al di fuori dei campeggi. Mettetevi pure a dormire all’aperto, perché io vi proteggerò”. Ora, a me sembra che Alemanno un discorso del genere non l’abbia mai fatto. Ma forse mi sbaglio io…

  12. @observer
    ma qui si discuteva su cosa avesse detto a caldo in questa occasione.
    checcazzo, e protrà sbajà st’omo, o no?
    ha fatto una cazzata, e vabè, poi è andato a trovare quei due poveracci (e lo applaudo senza ironia, perchè ha fatto una cosa bella).

    mica ce l’ho co’ Alemanno di default! NON VOGLIO NEMMENO PENSARE A COSA CAZZO AVREBBE DETTO RUTELLI! (dio dio…)

    ;)

  13. xMelzi7:
    continuiamo anche ad ignorare che ogni giorno c’e’ un romeno o un albanese che ha subito qualcosa da un italiano?
    (non se ne esce se affrontiamo il discorso in questi termini. Conta il singolo, la persona)

Rispondi