Cambiamo gioco: ci dicono che…..

Ci dicono che l’inquinamento sta distruggendo il nostro pianeta ma
continuano a pubblicizzare ossessivamente la vendita di automobili.
Ci dicono che il trasporto pubblico è l’unica soluzione possibile al
traffico delle nostre città ma i comuni sopravvivono grazie alle multe
agli automobilisti.
Ci dicono che il tasso di natalità del nostro paese è così basso che la
maggior parte della nostra popolazione è ormai vecchia, ma ci
richiamano alla necessità di mantenere intatta la nostra identità
culturale.
Ci invitano al proletariato di fatto: riprodursi copiosamente per
fornire nuova forza lavoro in grado di sostenere l’Inps è l’unica
speranza di ottenere prima o poi una pensione, ma non ci sono asili
nido sufficienti neanche per i pochi bambini in circolazione ad oggi.
Ci insegnano il rispetto linguistico per i disabili invitandoci a
definirli diversamente abili, ma non esistono percorsi diversamente
strutturati per chi è senza gambe.
Ci dicono che l’importante è essere belli dentro ma ieri sera è
iniziato l’ennesimo concorso di Miss Italia e la vincitrice sarà
soprattutto bella fuori.
Ci parlano di prevenzione e ci fanno aspettare sei mesi per una tac.
Ci vietano le droghe e poi ci drogano con gli antidepressivi.
Ci dicono che viviamo in un paese libero, ma ci negano la libertà più intima di cui ogni individuo dovrebbe disporre.
E ci obbligano a vivere anche quando la natura ha già da un pezzo decretato la sua volontà.

(Visited 4 times, 1 visits today)

15 Comments

  1. mi spieghi un po’ più chiaramente questo punto:
    “Ci dicono che viviamo in un paese libero, ma ci negano la libertà più intima di cui ogni individuo dovrebbe disporre.”
    ?
    ciao, Damiano.

  2. Ok,ma esattamente cosa vorresti dire?
    C’è dietro una riflessione da sviluppare o è un semplice banale sfogo riconducibile al “si stava meglio quando si stava peggio”?

  3. si questi post sembrano un pò fini a se stessi a volte…senza offesa ovviamente!
    cioè li apprezzo..ma alla lunga sembrano la classica lamentela italica (e non) su tutto (e niente)…
    le contraddizioni sono insite in tutto..ma non ora..anche al tempo dei romani il predicare e il razzolare non andavano di pari passo…
    nel tuo elenco ovviamente su alcune cose sono d’accordo e su altre no..
    ci dicono tante cose però intanto la tac aspetti ma la fai anche se sei l’ultimo in italia…
    ok il belli dentro e il belli fuori..ma mi sembra l’ultimo dei problemi (per lo meno per chi ci crede davvero che conta qualcosa di più della facciata)

    ma alla fine questo post ci ha fatto riflette più approfonditamente su qualcosa?

  4. ci raccontano che o lavoriamo fino ai 95 anni oppure i nostri nipoti non percepiranno la pensione,dimenticando di dirci che l’Inps per ciò che concerne i contributi ai fini pensionistici ha un bilancio brillante,ma le spese sanitarie(accorpate al bilancio dell’ente)sono una voragine di cui non si riesce a vedere il fondo.Il tutto mentre le case farmaceutiche fanno utili miliardari e il servizio reso dai presidi sanitari è mediocre

  5. @Come funziona l’aereo che parte con i serbatoi vuoti e torna con i serbatoi pieni?-

    Ad alta quota ci sono venti ad oltre 600 kmh

    Se fai salire un aereo tipo aliante che sfrutti i venti come una barca a vela (poppa, bolina, lasco…) con una normale turbina puoi caricare serbatoi di aria compressa, oppure batterie, oppure trasformare acqua in idrogeno

    parti con quel tanto che basta per salire in quota, e poi ti metti nelle correnti d’aria facendo girare la turbina a vento

  6. io continuo a leggere cose gravi di cui tutti sanno,ma non vedo la volonta di fare qualche cosa per fermare questo schifo.

  7. Ci dicono che combatteranno l’evasione fiscale e poi lo fanno, recuperando in un anno e mezzo circa 25 miliardi di euro sui 100 totali.
    Ed il governo Prodi è al 30 per cento di consenso.
    Dunque, la domanda viene spontanea: “E’ meglio la società o il governo attuale?”

  8. E’ il mondo del politicamente corretto, della forma che vince sulla sostanza.
    “ci dicono che…” e non “Fanno affinchè…”, Oddio, poi non è che noi alla conta dei fatti siamo molto meglio di “loro”.

    Ps. Diamonds non ti preoccupare, ci penso io: Ventomare, bella favola, bella favola…

  9. …’ci dicono che la retorica buonista e pedante sia fuori moda
    ma a giudicare da questo post è viva e vegeta e pontifica in mezzo a noi…’
    è tempo di guru e moralisti a quanto pare

  10. Hai ragione Giorgio, è una favola! E veramente una favola che 365 persone (notizia di ieri), tra i più ricchi in Italia, hanno “donato” al fisco 500 (CINQUECENTO) milioni, solo tra gennaio ed agosto 2007.

Rispondi