Zonker

Ho lasciato la mancia al boia per essere sicuro
che mi staccasse la testa in una volta sola
e ti assicuro
non lo pagai sperando di fermarlo
come mai si ritirò?
è un mistero e il motivo non so spiegarlo
ma so andarmene lontano
se nessuno mi trattiene
e tornarmene a Milano nonostante le catene

Ho lasciato la mancia al boia, sai quanto
mi servisse
un orologio Bulova
se il tempo lo scandiva la mia tosse
tanto che poi in cambio ottenni acqua
e un sorriso che pensai
fosse un rischio persino per lui
per capirmi è necessaria la curiosità di Ulisse
di viaggiare in solitaria
vedendo il mondo per esistere…

E chissà che poi non capita che ad uccidermi
sia per caso la pallottola amica di un marine
ma se chi dovrebbe darti aiuto
respinge il tuo saluto cosa fai?
Bestemmi o preghi il dio del vetro
andando marciandietro via dai guai
e vai all’inferno
che la differenza in fondo non ci sta

Ho lasciato la mancia al boia per essere sicuro
che mi staccasse la testa in una volta sola
e ti assicuro non lo pagai sperando di fermarlo
come mai si ritirò?
è un mistero e il motivo non so spiegarlo
ma nel giro di un minuto
dietro a un paio di lenzuola
è sbucato il sostituto
con in mano una pistola

Finalmente un po’ di musica
ma che nostalgia di quando avevo preso
la chitarra elettrica e l’ho data via
chissà se gli errori del passato
sono ancora adesso in garanzia
e se mi verrà mai perdonato
il fatto che io spesso andassi via
Un bacio a tutti, quanti sogni belli e quanti brutti
i miei occhiali si son rotti
ma qualcuno un giorno li riparerà…

Finalmente un po’ di musica
ma che nostalgia di quando avevo preso
la chitarra elettrica e l’ho data via
chissà se gli errori del passato
sono ancora adesso in garanzia
e se mi verrà mai perdonato
il fatto che non fossi a casa mia
Un bacio a tutti, fate sogni belli e pochi brutti
i miei occhiali si son rotti
ma qualcuno un giorno se li metterà
e a occhi semichiusi
attraverserà posti distrutti
e silenziosi…

(Samuele Bersani, “Occhiali rotti”)

Enzo Baldoni - Zonker, 8 ottobre 1948 - 26 agosto 2004“Vorrei che tutti fossero vestiti con abiti allegri e colorati. Vorrei che, per non più di trenta minuti complessivi, mia moglie, i miei figli, i miei fratelli e miei amici più stretti tracciassero un breve ritratto del caro estinto, coi mezzi che credono: lettera, ricordo, audiovisivo, canzone, poesia, satira, epigramma, haiku. Ci saranno alcune parole tabù che *assolutamente* non dovranno essere pronunciate: dolore, perdita, vuoto incolmabile, padre affettuoso, sposo esemplare, valle di lacrime, non lo dimenticheremo mai, inconsolabile, il mondo è un po’ più freddo, sono sempre i migliori che se ne vanno e poi tutti gli eufemismi come si è spento, è scomparso, ci ha lasciati.
Il ritratto migliore sarà quello che strapperà più risate fra il pubblico. Quindi dateci dentro e non risparmiatemi. Tanto non avrete mai veramente idea di tutto quello che ho combinato.
Poi una tenda si scosterà e apparirà un buffet con vino, panini e paninetti, tartine, dolci, pasta al forno, risotti, birra, salsicce e tutto quel che volete. Vorrei l’orchestra degli Unza, gli zingari di Milano, che cominci a suonare musiche allegre, violini e sax e fisarmoniche. Non mi dispiacerebbe se la gente si mettesse a ballare. Voglio che ognuno versi una goccia di vino sulla bara, checcazzo, mica tutto a voi, in fondo sono io che pago, datene un po’ anche a me.
Voglio che si rida – avete notato? Ai funerali si finisce sempre per ridere: è naturale, la vita prende il sopravvento sulla morte – . E si fumi tranquillamente tutto ciò che si vuole. Non mi dispiacerebbe se nascessero nuovi amori. Una sveltina su un soppalco defilato non la considerei un’offesa alla morte, bensì un’offerta alla vita.
Verso le otto o le nove, senza tante cerimonie, la mia bara venga portata via in punta di piedi e avviata al crematorio, mentre la musica e la festa continueranno fino a notte inoltrata. Le mie ceneri in mare, direi. Ma fate voi, cazzo mi frega. Basta che non facciate come nel Grande Lebowski”.
(Enzo Baldoni, 8 ottobre 1948 – 26 agosto 2004)
(Visited 5 times, 1 visits today)

12 Comments

  1. “..la vita prende il sopravvento sulla morte..”
    ..e credo che quanto più possiamo fare è il non dimenticare.

  2. Mille ricordi di lui, ero in croazia quando lo rapirono e ogni giorno cercavo il giornale per sapere, per cercare buone notizie che purtroppo non arrivarono. Scoprire che avevo letto tantissime sue parole su Linus senza sapere che fossero sue mi rese molto triste. Grazie per avercelo ricordato ancora Gianluca.

  3. Anche la rivoluzione ha bisogno di copywriter

    E’ vissuto bene e morto male, il povero Enzo G. Baldoni. Due anni fa.
    Del corpo nessuna traccia, anche perché il Governo italiano dell’epoca non è che si fosse sbattuto molto a cercare di salvare e – poi – di recuperare una persona che f…

  4. Io continuo a chiedermi perchè non hanno fatto nu cazzo per salvarlo.
    Non che volessi far morire là la due simone o la sgrena, perl’amordiddio.
    Ma la morte di Baldoni ha comunicato (se ancora ce ne fosse stato bisogno) che l’Italia è il paese dei Santi Protettori.
    Se non ne hai, sei del gatto.
    RIP

  5. Più che la questione dei Santi Protettori, penso che abbia evidenziato la specialità tutta latina che ad Agosto stanno tutti in vacanza e nessuno muove il culo..

Rispondi