Peperosso Weekly

nullDi che soul food siete? — E voi, lo avete il cibo dell’anima, che “vi fa rivivere emozioni, infanzia, terre natie”? E il “comfort food”, che “scalda consola e gratifica”? Confessatevi dài, una bella confessione “collettiva campanilista, sincera, calorica”.
Continuavano a chiamarla “banda del latte” — Gente simpatica i produttori di latte per bambini. Dopo le sanzioni [9.743.000 euro. Avevano fatto cartello per mantenere alti i prezzi], arrivano i sequestri: 30 milioni di litri di latte Nestlè ritirato dal commercio. Era all’inchiostro.
Carovita insostenibile — Scatoletta a 110 mila euro!!! E non è che uno dice: la apro!
Continuavano a chiamarla “banda del latte” 2 — Gente simpatica i produttori di latte per bambini. E burlona. Peter Brabeck per dire – presidente di Nestlè – prima ha svelato un accordo con il Ministero della Salute per smaltire il latte all’inchiostro. Poi, minacciato di querela dal ministro Storace [solo minacciato, va da se’] ha detto che no, che lui scherzava.
Come ve la cavate con i prodotti tipici — Golosa pasta Latini in cambio di avvistamenti.
Come ti promuvo l’ambiente — Internet, mostre, spettacoli, cose buone da bere e da mangiare… Macché, oggi l’ambiente Italia si promuove con i calendari. Come quello ideato e finanziato dall’Ente Parco dei Nebrodi. Con le donne nude.
Non facciamoci prendere per il glutine — Come si chiamano i frollini a nido d’ape, dài… ecco: Gran Turchese Colussi. Prezzo medio al kg 4.50. Esiste la versione senza glutine? Quella per celiaci intendo. Siii, trovata! Prezzo medio al kg. 22.67. Ventidue-euro-e-sessantasette-centesimi?
Continuavano a chiamarla “banda del latte” 3 — Gente simpatica i produttori di latte per bambini. Sequestrato anche il latte all’inchiostro di Milupa, che secondo la Regione Marche si era rifiutata di ritirarlo nonostante le comunicazioni dell’Asl di Milano.

(Visited 2 times, 1 visits today)

5 Comments

  1. Sicuramente le quaglie farcite con la pancetta on il risotto alla milanese.
    Oppure il brasato con i funghi e la polenta.
    Con tutti i pasticci che con la polenta mi insegnava mia nonna.
    Nonna che si faceva mettere il gorgonzola nella polenta ancora prima di mangiare la pietanza principale.
    La crosta della polenta da rubare direttamente dal paiolo.
    E poi la sera per smaltire la mangiata del mezzpdo una bella tazza di polenta e latte.
    PEr non parlare della polenta pasticciata mangiata il giorno dopo.
    mmmm … mi è proprio venuta fame …

Rispondi