10 Comments

  1. ehi ragazzi, voi che siete sempre sulla notizia,
    12 ore dopo lo scossone continentale della Francia all’Europa siete ancora qui a rimestare le vostre beghe di bottega?

  2. la lingua italiana sfortunatamente impone il maschile per riferirsi a un gruppo indistinto. E quello io facevo, perché non dicevo _solo_ a te, ma a tutti gli autori che ignorano tranquillamente l’unico tema degno di discussione oggi, per privilegiare temi grandiosi come le beghe della nostra sinistrucola (oddio speriamo che tornino tutti insieme) o geniali e originalissime analisi dell’avvento dell’euro (porcatroiaunavoltanabirracostava4000lireadessocosta4eurogovernoladroberslusconiboia, vedi il post di Francesco).

  3. Giusy: fallo tu, no? Anche qui, nei commenti. Sono certo che non se la prenderà nessuno se vai un poco fuori tema. Anzi, chiunque ti ringrazierà per la pregevolezza della tua analisi.
    Ah, il post di De Collibus è stato scritto prima dell’esito del voto francese (anzi, prima ancora che aprissero le urne). Va bene tutto, ma esigere facoltà medianiche dall’autore di un blog mi sembra eccessivo.

  4. E poi Giusy non è mica obbligatorio parlare dell’argomento del giorno.
    Magari uno compra un quotidiano e legge lì quello che gli interessa.

  5. ammetto che la mia critica al post di Francesco era più dovuta al suo facile qualunquismo che all’intempestività.

    Per il resto mi ha irritato vedere il MN, di solito così reattivo alle minime stupidaggini della politica italiana, reagire a qualcosa di così importante con tale indifferenza. Si direbbe che ogni notizia politica che non possa essere usata per attaccare Berlusconi e scatenare la solita gazzarra comunista vs. fascista non abbia nessun interesse.

  6. Io direi più semplicemente che certe notizie politiche hanno bisogno di qualche giorno di incubazione maggiore per trovare una loro versione satirica.
    Non mi pare di aver mai letto su questo sito la semplice telecronaca politica degli eventi.

  7. Vis: ah no? e il post sul quale stiamo commentando cosa sarebbe secondo te? (fermo restando il diritto di Melba di scrivere su tutto quello che le pare).

  8. Giusy,credo tu abbia inquadrato benissimo la situazione, ma Macchianera ormai mi piace anche per queste sue piccole amnesie.

  9. Quello di Melba è un tentativo di satira su un argomento già “satirizzato” (mi compiaccio del neologismo).
    Una battuta chiamata da una barzelletta già raccontata.
    Sull’argomento da te auspicato, bisogna ancora lavorarci su.

Rispondi