«…uan-ciù-tri-for, Uganda me senti?»

©tangherlini.itDiego BrugnoniMario Landolfi, Roberto Calderoli, Gianfranco Miccichè, Rocco Buttiglione e Giorgio La Malfa: nomi e cognomi che puoi ritrovare, uno ad uno, sotto la voce “Governo dello Stato italiano”. Da oggi. E allora va da sé (ma non è una novità): «lo Stato peggio che da noi, solo in Uganda».
Passerà anche questa, dicono; chino il capo, aspetto e penso.

Penso a Mario Landolfi, quello che «…se esistesse l’istituto della revoca [Mario Luzi] andrebbe destituito da senatore a vita». Lo stesso che tentò di piazzare l’amichetta per poi farsi denunciare in diretta tv. Lo stesso di cui si è già parlato.
Penso a lui e cerco di immaginarlo Ministro dello Stato italiano.

Penso a Roberto Calderoli, perché sono buono e generoso e non mi dimentico mai di nessuno.

Sono un medico e da medico so che se la cancrena avanza occorre amputare alto: mi fermerei a Pesaro. Un colpo di forbice, e non necessariamente sterilizzata.
(R.Calderoli)
Qui l’antimeridionalismo era diffuso, ma non aveva voce. Noi abbiamo dato un nome e un cognome a questo sentimento: Lega Nord!
(R. Calderoli)

Penso a lui e cerco di immaginarlo Ministro dello Stato italiano.

Penso a Gianfranco Micciché, uno sul quale grava come un macigno l’ironia popolare. Allorquando balbetterà una stupidata dinnanzi ad un microfono, infatti, il popolo sarà crudele – a torto o a ragione – ricordando che l’abuso di stupefacenti è dannoso alla salute.
Penso a lui e cerco di immaginarlo Ministro dello Stato italiano.

Penso a Giorgio La Malfa, quello del trasformismo come dogma politico.

Il PRI sta nel centrosinistra da sempre, sono gli altri partiti che hanno cambiato la loro posizione.
(G. La Malfa, 19 aprile 1998)
I repubblicani che stanno con la sinistra sono analfabeti, venduti e traditori.
(G. La Malfa [quello sopra], 5 febbraio 2005).

Penso a lui e cerco di immaginarlo Ministro dello Stato italiano.

Penso a Rocco Buttiglione, ma lo spazio per i pensieri è quello che è.

Con il che, alzo il capo e smetto di pensare. Per guardare l’orologio.

(Visited 10 times, 1 visits today)

22 Comments

  1. “Penso a lui e cerco di immaginarlo ministro dello Stato italiano”, scrivi di Calderoli. Ma o mi son persa io, o Calderoli c’era già nel Berlusca one, e non c’è nessun bisogno di immaginarlo, purtroppo.

  2. Non ti sei persa niente, c’era già Calderoli. Così come Buttiglione (Pol.Comunitarie).

    Ma i ministri dello stato italiano me li immagino diversi. Tutto qui.

  3. Una panchina per Milano

    Milano cambia le panchine.

    Ma, grazie a Dio, non le decide Albertina (dato che l’ultima volta che si è seduto su una panchina probabilmente c’era ancora un papa italiano), ma le fanno scegliere a noi. Noi che le usiamo per mangiarci dei panini, p…

  4. pare che lasciar commenti tipo “mi piace” oppure “non mi piace”, senza troppo motivare, non vada bene.
    vabbe’.
    comunque ‘sto post mi piace tanto.

  5. Habemus Governum

    Annuntio Vobis gaudium magnum: Belusconi vara il suo bis-Governo. Manco fosse la Serbelloni Mazzanti Viendalmare.

    Scompare Sirchia, probabilmente accusato di aver fatto perdere i voti dei fumatori alla CdL, arriva Storace, spunta La Malfa. Per la se…

  6. Il motto di Raztinger non e’, come credevamo, il ramoscello di olivo benedettino, ma: “GOT MIT MIR”
    viviana

  7. Ti sei dimenticato del “trombato” Storace, nuovo ministro della sanità. Una farsa che per fortuna durerà pochi mesi.

  8. La fantasia supera la realta’. Pensa se a scuola si promuovessero i bocciati! Eppure la politica lo fa. Si chiama ‘ fare un governo bis’.
    ….
    “Quindi”. Tremonti si dimise per aver mandato a picco le finanze italiane, bocciato. Berlusconi lo promuove vicepremier. L’Udc e An minacciano sfracelli contro Tremonti per cui vogliono far cadere il governo, ‘quindi’ Berlusconi ripesca Tremonti e lo fa vicepremier…

    Scajola che dovette dimettersi dopo il ‘rompicoglioni’ dato al consulente morto, perche’ il governo gli aveva negato una scorta, diventa ministro delle attivita’ produttive, dove ‘produrra’ “altre emerite stronzate.
    ….
    Micciche’, quello che si faceva portare la cocaina direttamente al ministero, ottiene il ministero dello sviluppo e coesione territoriale. Ora cocaina gratis per tutto il territorio parlamentare ! Si svilupperanno i buchi del naso per una coesione anche meglio dello spinello.
    ….
    Storace, dopo aver perso le regionali, per aver rovinato la sanita’ del Lazio come governatore, ottiene in premio di rovinare quella dell’intero paese come ministro. Le sue prime parole famose da ministro della sanita’ sono state: “A me la sanita’. Così riformo la psichiatria e curo Berlusconi”. (Chi la fa, l’aspetti).
    Le sue ultime parole famose nel Lazio erano state: “E’ stata un’ecatombe”.
    Invece che ministro della Sanita’ potevano farlo becchino.
    Promette che aumentera’ l’occupazione italiana come ha fatto nel Lazio, creando posti per tutti quelli di AN, parenti ed amici. Praticamente un ministro della sanita’ occupazionale, come contraltare del ministro del lavoro che licenzia gli ospedali.
    …..
    Masochismo. Dopo aver fatto tanto sconquasso per diminuire il potere della Lega, l’Udc ha ottenuto un governo dove il potere della Lega e’ aumentato. Quando si dice farsi del male da soli! In piu’ l’Udc che aveva tre ministri e un vicepremier si ritrova con un solo ministro che e’ per giunta Buttiglione. Davvero un bel risultato!
    ….
    Buttiglione, reduce dalla tournèe europea, dove ha fatto ridere tutti fragorosamente, replica sul territorio passando ai beni culturali, con la pièce “Le farse di Rocco Nappa!”.
    ….
    Per indicare il livello di questo governo basti dire che c’e’ entrato anche l’ignoto Caldoro e, per meriti padrii (non patrii), l’inetto Giorgio La Malfa, detto anche ‘il ministro che cammina’ , perche’, oltre che a camminare, non sembra che sappia fare altro.
    ..
    Fedelta’ ben ti sta! Berlusconi punisce il fedelissimo Gasparri, sempre pronto a firmare, sorridere e presenziare, si vede che alla fine ha stufato pure lui. Eppure il poverino era riuscito anche a imparare a memoria diversi discorsetti sul digitale di cui in origine non sapeva niente. Non e’ chiaro se sia stato cacciato nonostante questo, o a causa di questo.
    ..
    Sparisce Sirchia, quello che ha migliorato la salute degli italiani con le risate, che ha tolto il vizio del fumo e che disse che, se i consumi alimentari erano diminuiti, era grazie alla sua campagna contro l’obesita’. Non sara’ rimpianto. Fumiamoci sopra. Forse vorranno recuperare i voti dei fumatori e dei sovrappeso!
    ….
    Sparisce Urbani che allegramente difese il territorio patrio svendendone i pezzi uno a uno ai capitalizzatori, cosi’ che ora palazzi e musei saranno svenduti da uno piu’ veloce di lui che li svende due a due. Svenduto anche lui. Andra’ a far compagnia a Sgarbi che aveva licenziato per ribellione. Nessuno lo ricorda. Una volta per uno tocca a tutti. Tocchera’ anche al padrone.

    Confermato l’impagabile Calderoli “la stella alpina padana”, detto anche “Il provolone delle Dolomiti” che dichiara: “Saro’ il ministro di tutti, con le modifiche costituzionali faro’ fare un salto sia al Nord che al Sud”. Il Nord in su, il Sud fuori dai coglioni.
    ….
    Viviana

  9. Bel post, Diego Brugnoni.
    Tra tutti, forse, e sottolineo forse, Miccichè è l’unico con cui val la pena di trascorrere una serata …

  10. Se fosse comparso anche il nome di Fitto oltre a quello di Storace avrei avuto una moto di commozione e di quasi ottimismo per le prossime elezioni politiche.
    Di certo Berlusconi non segue il modello napoleonico nella scelta degli uomini.

  11. Vogliamo parlare dei mitici ministri del precedente governo di centro sinistra? No,tanto per farci 4 risate, dai.
    Ve lo ricordate il mitico Luigggi Berlinguer alla cultura? E il fantasmagorico Burlando hai trasporti, recordman imbattuto deragliamento treni. Rosybindi alla sanità è da commentare?
    E poi,dai, Fantozzi alle finanze!!!, Giovanni Maria FLICK alla giustizia e il padrone del Costarica, Lamberto Dini,agli esteri. Aggiungiamo Pecoraro Scanio, Antonio di Pietro e un sotto segretario mito come Willer Bordon e avremo la più incredibile accozzaglia di incapaci che mente umana ricordi.Dimenticavo Bianco, l’uomo che quasi riuscì a non farci votare. Ah,nostalgia dei bei tempi andati!!

  12. Hai ragione Bongo, d’altronde come faccio a non parlarne, ci ho abitato due anni, sono sposato con una ragazza dell’isola da 10 e ho due splendidi bambini italocubani di 9 e 4 anni.
    A volte è proprio vero che l’apparenza inganna, non trovi?

  13. Chissà perché ma dopo l’intelligente commento di gianfilippo continuo a pensare lo stesso che questo governo sia fatto da gran coglioni.

    Il ritorno di Tremonti e Scajola (viene da toccarsi solo a sentire il nome) e la conferma di Calderoli (e della Moratti) è quello che assicura matemanticamente la sconfitta di questa coalizione alle prossime politiche.

    Grande, grandissima viviana.

  14. Lungi da me l’idea di difendere Calderoli, anzi al solo pensiero rabbrividisco. Semplicemente sembrava ,che gli imbecilli fossero presenti solo nei governi di centro destra quando invece, e abbiamo le prove, erano abbondantemente distribuiti anche nei governi di parte avversa.

  15. Non c’è dubbio che considerando il valore dei nomi del Berlusconi bis, solo l’Uganda è peggio di noi.
    Ma bisognerà aspettare meno di un anno, così in caso di vittoria elettorale dell’Unione di Prodi, nemmeno l’Uganda sarà peggio di noi.

  16. Lette oggi su un vecchio blog:

    Ma e’ vero che Vespa ha chiesto a Berlusconi “Ma lei si paragona a Gesù?” e il cattolico Silvio ha risposto ” Non credo proprio con la fine che ha fatto……”?

    Banane&mazzette
    ….prima o poi qualcuno dei suoi fans trovi il coraggio di avvertirlo che sia Stalin che Papà Cervi sono morti (come Bach, Giulio Cesare, Garibaldi..) e che Michelangelo non è solo una motonave

    ELLEKAPPA fa dire ai suoi personaggi: …IL DISPERATO CASO DI BERLUSCONI: ORMAI SOPRAVVIVE SOLO ATTACCATO GIORNO E NOTTE AL TUBO CATODICO…

    mah
    avremo bisogno che tornino a liberarci gli alleati?
    viviana

Rispondi