Dalla merda nascono i fior

Era la dannazione di Pelle di Seta, Riccardino. Se lo sognava di notte. Che la picchiava. Che la guardava con quei suoi occhi furbi e dolci e imprevedibilmente la colpiva, e lei si svegliava sudata, Pelle di Seta, col batticuore ed il fiatone, sul letto, come se avesse corso.
Giustamente Pelle di Seta la dette su. Era, come tanti, educatrice per sbaglio. Ora fa la postina ed è più contenta. Nessuno la picchia e per Natale le danno le mance.
Con Sandro, Riccardino non ci pensava neanche un po’ di colpirlo.
Bastava che Sandro alzasse lo sguardo e lui, un attimo prima, si fermava. Neanche a dirlo, Sandro non l’aveva mai toccato se non per giocare o fare i covini. Eppure Riccardino aveva timore di lui. Gli premeva troppo la relazione.


Chissà che Sandro non si arrabbiasse poi davvero, e quindi perché essere così matto da picchiarlo, così poco furbo? Come dicevano i maestri dell’Ecole de Bonneuil: non si è mai matti 24 ore al giorno (come non si è mai sani). Era meglio giocare con Sandro, cantare e ascoltare la musica, fare gli scherzi e saltare.
Eccoli al fiume. Loro due, altri ragazzi ed operatori più in là; vacanza estiva: come si sta bene!
Lontano dall’istituto, dalla noia dei giorni sempre uguali, con gli educatori tutti per sé: che spasso!
Fanno dei giochi Riccardino e Sandro, si divertono con la sabbia, si spruzzano l’acqua, si rincorrono sui sassi.
Ora Sandro prende il sole e si asciuga; Riccardino di fianco continua a pastrocciare col fango: si mette a massaggiargli la schiena, tenero, ad accarezzarlo con le mani sporche. Sandro è contento ma sente un po’ di puzza.
“Cosa fai Riccardino? ”
Ma è troppo tardi. Riccardino lo ha spalmato di cacca, la sua cacca, un lavoro profondo, bello e pulito.
Ci sono molti modi di esprimere l’affetto.
Certo questo è uno dei più puzzolenti.

(da HP n°3, Maggio-Giugno 1996)
(Visited 14 times, 1 visits today)

2 Comments

  1. Toucheè, monsieur Mauro.

    La morale quindi è che Pelle di Seta ha sicuramente fatto la scelta giusta ma ci sono forti dubbi sulla bontà della scelta di Sandro: ho capito?
    Come non invidiare a Sandro un amico così affettuoso e pieno di attenzioni :)

Rispondi