Corso per seminatori di Zizzania. Lesson One.

CyranoNon so se avete presente la scena del Cyrano de Bergerac nella quale il protagonista sta aspettando di conoscere Cristiano, il giovane e bell’amato dell’amata cugina Rossana? In seguito Cyrano deciderà di cedere al ragazzotto le proprie parole ispirate (“Io te ne presterò. In cambio, la potenza dei tuoi fascini prestami. Uniamo i benefici, e facciamo un eroe da romanzo”), ma fino a questo momento non lo conosce, nè l’ha mai visto. I Cadetti di Guascogna, mentre Cyrano narra con enfasi una delle proprie imprese, si affrettano a spiegare al novellino Cristiano che una sola parola non va nominata in presenza dell’eroe della spada: il naso. Cristiano, il gradasso, non trova migliore idea per farsi accettare e ammirare dai Cadetti che pungolare Cyrano ed interromperne il racconto, sostituendo alle rime non ancora finite battute sul naso. All’ennesimo riferimento, Cyrano sbotta e invita tutti i convenuti ad abbandonare la stanza e lasciarlo solo con Cristiano. I cadetti commentano: “La tigre ecco si desta! / Ora gli fa la festa! / In fette? / In un pasticcio /Per carità, tacete; io raccapriccio! / Non ne lascia briciola!”.
Tutto questo popò di introduzione per spiegare il mio senso di terrore misto a preoccupazione per ciò che potrà succedere quando, sul blog di Massimo Mantellini (autore, tra l’altro, della rubrica “Contrappunti” per conto di Punto Informatico), ho visto apparire il seguente commento, a firma Fabio Metitieri, proprio in risposta ad un intervento del curatore del weblog: “Spari a zero e a effetto: ‘gli editori per esempio (…), attingono dalla rete a piene mani incuranti di ogni regola’. Per mia curiosità, mi fai degli esempi? Tutti gli editori con cui ho avuto a che fare io finora (direi almeno 4 o 5 importanti) secondo me non copiano e non pubblicano cose copiate, non senza riportare la fonte. Per i libri qualcuno è addirittura un po’ paranoico e ti chiede di togliere le citazioni troppo lunghe e di riassumerle (a me e’ capitato). Persino per gli articoli su argomenti statunitensi, dove per noi risalire sempre alla fonte primaria quando non c’è un comunicato stampa sarebbe troppo complicato e oneroso, l’unico che ho visto (in passato di certo, ora non lo leggo quasi più) copiare brutalmente (o più spesso tradurre male) e d’abitudine da un solo articolo o da una sola agenzia, senza aggiungere nulla di originale al lavoro e spesso anche senza citare la fonte, è Punto Informatico.
Se per caso Metitieri vantasse un qualche pur remoto ma utile grado di parentela con una qualche Rossana, questa potrebbe essere l’ultima occasione adatta per annunciarlo.

(Visited 8 times, 1 visits today)

3 Comments

Rispondi