Il giornalismo in ginocchio

Il giornalismo non è fatto solo di braccia rubate all’agricoltura. Esistono anche penne regalate alla circonvenzione d’incapace. Siamo allo scorso aprile: Adusbef, Codacons e Federconsumatori denunciano l’ingannevolezza del dispositivo prodotto dalla Tucker di Mirco Eusebi all’Antitrust, la quale, richiedendo una perizia all’Enea, accerta che l’utilizzo del famigerato tubo non produce alcuna riduzione dei consumi o dell’inquinamento. In ritardo di cinque mesi (ma in anticipo di uno rispetto all’arresto del fondatore della Tucker e di altri sette dirigenti con l’accusa di associazione a delinquere finalizzata alla truffa e alla violenza privata), su Panorama appare, firmato da Marco Cobianchi e sotto il titolo “Profitti e opere pie: l’imprenditore buono”, il seguente articolo: “In genere è la vita che dà spunti per il cinema. Mirco Eusebi ha invece preso spunto da un film per rifarsi una vita. Tutto inizia da Francis Ford Coppola e dal suo Tucker, un uomo e il suo sogno. All’uscita dal cinema Mirco Eusebi, allora ventenne venditore di aspirapolvere, aveva la faccia di chi aveva appena assistito a una rivelazione. «Rimasi folgorato» racconta. Entrò in una chiesa e lì fece un patto con il Cielo. Più o meno disse: «Smetto di fumare, smetto di andare a donne, do in beneficenza una parte di tutto quello che guadagno ma Dio, ti prego, fammi diventare come Preston Tucker». Preghiera esaudita. Oggi, a 38 anni, Mirco Eusebi non fuma più, si è sposato e ha appena donato 750 mila euro all’associazione pro disabili Anffas. La sua azienda, che ovviamente si chiama Tucker, quest’anno dovrebbe chiudere con 50 milioni di euro di giro d’affari. «Un miracolo» dice, o, più laicamente, un sogno diventato realtà. Tanto che, per rimanere in tema, nelle lettere che invia a fornitori e clienti, sopra la firma, al posto dei banali «sinceramente vostro» o «cordiali saluti», lui scrive «Un uomo e il suo sogno», firmato Mirco Eusebi. La Tucker S.p.A. ha sede a Riccione e produce un dispositivo per ridurre l’inquinamento atmosferico provocato da caldaie e scaldabagni civili e industriali. Il Tucker è capace, parole sue, «di abbattere anche fino al 100 per cento le emissioni inquinanti nell’atmosfera provocate dal combustibile. Qualunque esso sia». Se fosse vero, sarebbe una rivoluzione. Eusebi avrebbe dovuto essere acclamato al summit per l’ambiente di Johannesburg. Beh, a quanto pare è tutto vero. Quello che Eusebi chiama «il dispositivo» è stato testato dalla sede italiana dell’ente di certificazione tedesco TüV Industrial Products. I risultati? «Esaltanti» dice «al punto che le Ferrovie dello Stato hanno iniziato ad adottare il Tucker per le loro littorine. Quando hanno visto i risultati sono rimasti strabiliati». La storia della Tucker inizia nel 1988 all’uscita della chiesa dove Mirco Eusebi strinse il patto con Dio. «Per anni mi sono arrangiato facendo decine di altri mestieri. A un certo punto ho scoperto il mondo del magnetismo e le sue applicazioni in ambito industriale. Insieme a quattro amici elettromeccanici abbiamo cominciato a vedere se si poteva costruire un dispositivo anti inquinante». Il 100 per cento della società è in mano alla famiglia, in particolare alla moglie Ivana, Mirco è il presidente, la sorella amministratore delegato. La rete di vendita in Italia fa capo alla Master Communication «che» dice «ho creato e poi venduto al mio migliore amico e allievo» ed è formata da circa 8 mila persone che vendono porta a porta”. L’autore Marco Cobianchi nel ’96 partecipò ad un convegno in cui sostenne che “nessuno, purtroppo, chiede al giornalista che ha riportato una notizia inattendibile di dedicare la sua professionalità a miglior causa”. Non è vero: ci ho messo sei anni, ma eccomi. Cobianchi nel frattempo ha fatto carriera: è a Panorama, e sono finiti i tempi in cui bazzicava da stagista le redazioni. Una scalata superflua, fatta salendo i gradini in ginocchio: a dire di Clinton, Monica Lewinsky, praticante ma professionale, ne faceva di migliori.

(Visited 37 times, 1 visits today)

26 Comments

  1. L’articolo su Panorama l’ho letto anch’io e mi aveva lasciato interdetto, sembrava quasi un publiredazionale.
    Andrea, alla luce di quanto è venuto fuori dopo e che già si sapeva prima, mi sembra che il cummento di Gianluca su Cobianchi sia fin troppo soave.

  2. Cobianchi ai tempi ne parlò, con un pseudo-spot ma ne parlò.
    Ci sono altri colpevoli oltre a Panorama, tutti colpevoli di omertà.

    Da mesi sui newsgroup tipo it.consumatori.tutela giravano valanghe di messaggi, quasi tutti concludevano con un “comunque ho scritto a Mi manda Rai3, presto vedrai che ci fanno una serata sopra..” .

    Invece niente, Marrazzo e compagnia hanno buttato nel cestino per mesi lettere ed email , spesso corredate da documentazioni scentifiche e da testimonianze dei venditori truffati.

    Tanta accondiscendenza verso la creatura di Eusebi e’ facile da spiegare, aveva avuto idee genieali, non c’e’ che dire:
    Ha messo in mezzo la religione e la beneficenza; poi c’erano le laute offerte a enti caritatevoli , sermoni da prete di campagna, feste a scopo benefico con corredo di vip e soubrette.

    Tutta roba che funziona, in Italia soprattutto.
    Poi c’e’ il fatto che la Tucker comprava paginoni pubblicitari a tutto spiano , buon cliente, quindi calma con le inchieste pungenti.

    Per fortuna l’Eusebi non calcolo’ il rischio Gabibbo, però attenzione, abbiamo corso dei rischi.
    Gia’ mi vedevo Mirko Eusebi Presidente del Consiglio….

  3. Per amor di cronaca “Mi manda RaiTre” si e’ occupata diverse volte dell’Eusebi nel corso delle sue varie “incarnazioni” degli ultimi anni (e relative truffe). La scorsa settimana hanno dedicato l’intera puntata alla Tucker.

  4. Il fatto che Mi Manda Rai tre si fosse gia’ occupata in passato delle aziende dell’Eusebi (ma non della Tucker) e’ un aggravante: Il fenomeno Tucker utimamente era diventato eclatante, loro avrebbero dovuto intervenire prima , conoscendo gia’ il soggetto. Nemmeno la sponsorizzazione del PalaVobis ha fatto suonare il campanello d’allarme a Rai tre.
    Eppure Eusebi era una vecchia conoscenza, perche’ hanno lasciato a Striscia il compito di sollevare il polverone?
    Perche’ non hanno dedicato la serata intera alla faccenda prima che ne parlasse Striscia?
    Invece hanno fatto la serata speciale solo dopo che il Gabibbo aveva fatto da apripista.
    Troppo comodo e pure fallimentare dal punto di vista giornalistico.

  5. Salve sono stefano da trieste mi spiegate come mai il sito della Tucker è ancora aperto? chi deve cascarci ancora per poterlo far chiudere silvio berlusconi? ditemi qualcosa

  6. Salve sono stefano da trieste mi spiegate come mai il sito della Tucker è ancora aperto? chi deve cascarci ancora per poterlo far chiudere silvio berlusconi? ditemi qualcosa

  7. Salve sono stefano da trieste mi spiegate come mai il sito della Tucker è ancora aperto? chi deve cascarci ancora per poterlo far chiudere silvio berlusconi? ditemi qualcosa

  8. Ma secondo voi perchè in nessuna trasmissione è mai stato consentito a qualcuno della Tucker di controbattere? Mi pare che fino al caso Tucker questa fosse una prerogativa se non altro di ‘Mi manda Raitre’. E poi perchè il dispositivo non è mai stato provato assieme ad un istallatore dell’ azienda? (Che avrebbe la conoscenza tecnica per farlo funzionare al contrario di tutti quegli scienziati a cui ho sentito sparare un sacco di stupidaggini più o meno in buona fede). E poi… io mi faccio malmenare e solo dopo aver appreso la notizia che l’azienda, che mi ha fatto delle molestie, è sotto accusa mi faccio avanti e mi rendo vittima. Aspetto ciò o vado subito dai carabinieri? Avete pensato se il tubo funzionasse sul serio, “CHI NE PERDEREBBE”? Ragionate e riflettete Signori, riflettete. Vi do un piccolo indizio: la maccina ad idrogeno 15 anni fa è stata soppressa per lo stesso motivo e cioè perchè dava fastidio a QUALCOSA DI GROSSO e CHE COSTA TANTO. *La verità verra fuori*

  9. No, mettiamo una cosa in chiaro:

    IL TUBO TUKER NON FUNZIONA

    Non e’ una mia opinione , e’ un fatto. Le prove sono state fatte e dicono che non funziona per nulla.

    Tralaltro credo che nessuno abbia proibito a quelli della Tucker di far sentire la propria voce, ma di sicuro sono troppo occupati a mettere al sicuro un po’ di capitale.
    (Eusebi aveva approntato all’uopo qualche mese fa una società esterna di cui non risulta proprietario per salvare la grana…).

    E’ la classica bufala multi-level , pensare a complotti contro un miracoloso dispositivo e’ infantile e assurdo.

    Senza offesa.

  10. Ma chi ha finanziato Eusebi?
    C’è chi parla di un investimento pubblicitario, durante i mondiali dell’estate 2002, di 4-5 milioni di Euro. http://www.anteprima.net/Baseball/riceviamopubblichiamo/articolo.asp?articolo=241
    Alla cifra vanno poi aggiunte le varie sponsorizzazioni, le donazioni, etc… Mirko teneva tutti questi milioni di Euro sotto il materasso? Non ci sono state per caso banche o venture capitalist compiacenti che davanti a un business plan basato sul “Multilevel Marketing” hanno finito con il legittimare nei media un’operazione fin dall’inizio poco credibile? Com’è che un oscuro impiegato del Centro per l’Impiego ha rifiutato le offerte di lavoro di Tucker fiutando l’inghippo mentre nessun finanziatore ha fatto 2+2? Chi finanzia certe operazioni senza sicerarsi del passato professionale, del piano di marketing, delle certificazioni di qualità del prodotto non è colpevole quanto il lestofante Eusebi di turno?

  11. Vorrei riportare a tutti voi che siete interessati al caso “tucker” una e-mail che io ho mandato personalmente al TUV in modo che anche voi possiate provare e trarne le vostre conclusioni.

    salve gentili signori,
    il motivo per il quale vi scrivo è solo per avere delle delucidazioni in
    merito al caso tucker energy saving che vi ha visto coinvolti. La mia
    perplessità sta nel fatto che leggendo un articolo su internet di un certo
    ing.Raimondini del Cir pare che voi siate degli emeriti incapaci ma
    onestanemente non mi risulta visto che ho persone di fiducia mie amiche che
    hanno lavorato spesso con voi e sono sempre rimaste soddisfatte. Ma allora
    mi domando come mai non dite niente a queste persone che stanno infangando
    il vostro ente, ma soprattutto un’ultima curiosità…il Tucker ha funzionato
    nelle prove alle qualiavete assisitito? Fiducioso della risposta vi porgo i
    miei Saluti.

    Risposta:

    Egr. sig.Pellegrini,
    è nostra abitudine confrontarci sui fatti anzichè sulle parole.
    Chi ci ha criticato non è mai stato poi disponibile ad un confronto sul
    campo e comunque ci riserviamo di agire con loro nei tempi e nei modi
    dovuti.
    Per quanto riguarda il funzionamento, possiamo dire che gli impianti da noi
    visionati presentavano effettivamente dei vantaggi con l’utilizzo del
    Tucker.

    Distinti saluti.

    E.Ferrari – TUV Italia

    P.s. vi siete domandati come mai non sono state fatte verifiche dai clienti ?

  12. IO HO FATTO IL CORSO D’ISTALLAZIONE DEI PRODOTTI TUCKER E NON SI E PARLATO DI MARKETING MA SOLO DI MONTAGGIO E QUELLA PROVA SU RAI TRE NON ERA FATTA A NORMA TUCKER PERCHE NON HANNO MONTATO IL DISPOSITIVO COME DICE LA TUCKER MA A MODO LORO COSI UIL DISPOSITIVO NON PUO FUNZIONATRE CON QUEI PARAMETRI

  13. UN PRODOTTO SU UN SETTORE COSI DELICATO COME GLI IMPIANTI DI TRASPORTO COMBUSTIBILE COME E STATO POSSIBILE AVERE IL BREVETTO.
    ALLORA ERA POSSIBILE CHE DOPO MONTATO POTEVA ANCHE ESPLODERE?
    E ALLORA LA COLPA DI CHI ERA?
    RICORDATE CHE IL TUCKER ERA UN APPARECCHIO ELETTRICO AD ENERGIA CONTINUA

  14. vorrei solo sapere se esiste qualcuno che ha un’idea seria su come farsi rimborsare i soldi del franchisee. io non ho fatto ancora denuncia e non so cosa fare. Aiutatemi

  15. vorrei solo sapere se esiste qualcuno che ha un’idea seria su come farsi rimborsare i soldi del franchisee. io non ho fatto ancora denuncia e non so cosa fare. Aiutatemi

  16. COSA VI DEVO DIRE! DOPO LA STRAVOLGENTE NOTIZIA MI SON TROVATO CON IL POSTERIORE PER TERRA! STRANO CHE IN TELEVISIONE DOPO 11 MESI IN TV NESSUNO PARLA DI SVILUPPI DEL CASO ! MI SONO TIRATO UN PO’ SU CON LA MIA VITTORIA ALLA CORRIDA 2OO3 CON LA CANZONE di Louis ARMSTRONG WHAT A WONDERFUL WORLD (Questo mondo meraviglioso) se devo andare dietro alla traduzione del titolo e’ ben lontana la mia conferma, ma il mio era un augurio e sorpresa ai miei figli….questa fregatura comunque rimarra’ in me per tutta la vita!

  17. UDITE UDITE!!!! MR TUCKER E’ TORNATO NEL COMMERCIO!!! DOPO IL MIRACOLOSO DISPOSITIVO CHE HA RIVOLUZIONATO LE LEGGI DELLA TERMODIANMICA E DELLA CHIMICA ECCOLO PRONTO A COSTRUIRE UNA INECCEPIBILE RETE DI DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI QUALI GENERI ALIMENTARI, BENI TECNOLOGICI E VIAGGI PER METE ESOTICHE… UN PANIERE DI BENI ETEROGENEO E DIFFERENZIATO PER UN IMPRENDITORE ECLETTICO COME LUI… WOW EUSEBI, CHE UOMO!!!! CHE MITO!!! CHE GARANZIA!!! (di giustizia che non c’è)…

  18. volevo solo dire che ora che ci sono le prove che il tucker funziona …e non sono io a dirlo ma due universita’…come farete a pagare i danni? …li paghera’ forse Marrazzo?….che ha affermato ” ve lo dico io..il tucher non funziona”…questa frase la pagherete cara….economicamente intendo…..e non saremo solo noi a chiedere i danni ma tutti i ragazzi che da un giorno all’altro avete lasciato a casa senza entrate…e prima di sentenziare la prossima volta pensateci…spero che questo vi servira’ da lezione….

  19. Ma possibile che un venditore di aspirapolvere dalla dubbia efficienza si sia dovuto mettere a vendere un tubo salvaenergìa PER NIENTE efficiente?

  20. Adesso anche al processo ha testimoniato l’ingegnere dott Pessina,che ha provato il tubo tucker e ha scoperto,guarda un pò,che funziona…e ora???

  21. …ciao…mi rivolgo a chi si e’ firmato ABBASSOTUCKER o comunque a chi ci vuole male…che con il proprio accannimento…dimostra di non avere una propria vita…e cerca quindi di distruggere quelle degli altri…
    …forse e’ ora che cominciate a farvela sotto!…la verita’ potrebbe essere vicina…

Rispondi