Braccia tornate all’agricoltura

Speciale legge Bacchelli: menti geniali del passato hanno bisogno del nostro aiuto. Ce ne occuperemo man mano, un rimbambito per volta. Si parte con Michele Serra, che su Repubblica, riguardo a “Mani Pulite”, ha scritto: “L’esultanza liberatoria di quegli anni, culminata nell’ orribile lancio di monetine a un Craxi già in disgrazia, non appartiene ai souvenirs più nobili della nostra democrazia. Io, ai tempi, facevo un giornale di satira, e avere trasformato le sbarre in una brillante occasione di spasso non è tra le imprese delle quali vado più orgoglioso”. Cuore, dopo titoli storici come “Torna l’ora legale, panico tra i socialisti”, abbinò la foto di Craxi in cella al commento “Pensiero stupendo” e il riquadro dedicato a Bobo in gattabuia a “Pensierino stupendino”. Erano esempi di satira, arte, impegno, che chi come noi era a Cuore ricorda quasi con commozione. L’esilio dorato di Serra dimostra che la fuga dalla città per l’aria buona della campagna fa bene ai polmoni, ma ha effetti deleteri per le palle di chi ti legge o ascolta: lo schifo, per saperlo commentare con ironia, bisogna averlo attorno. Serra, ormai, va usato al contrario di un lenzuolo di Legambiente: lo esponete fuori dalla finestra, e se dopo una giornata a contatto con le polveri sottili se ne esce con una delle sue vecchie intuizioni acute e pungenti vuol dire che vivete in una citta di merda, morirete probabilmente di tumore ai polmoni ma, almeno, non rincoglioniti.

(Visited 7 times, 1 visits today)

2 Comments

  1. viviamo nel medioevo della informazione ?
    mi hanno dato delle informazioni gli organi di Stato
    che in sicilia si consumano due milioni e mezzo di tonnellate
    tra benzina e gasolio : io ho calcolato che 5 milioni
    di siciliani dovrebbero consumare mezza tonnellata annui
    di benzina e gasolio sarebbero due litri cioe’ 200 km
    al giorno ?????””’ secondo i miei calcoli hanno
    messo uno zero in più .
    e sempre secondo i miei calcoli 250 mila tonn. se
    consideriamo che un ettero produce dieci tonn. di olio
    di arachidi basterebbero 250 km2 cioè l’uno per cento
    del territorio siciliano per non importare la materia prima
    e per dare occupazione e richezza ai poveri siciliani .
    le arachidi non producono solo olio ma dalle buccia possiamo
    ricavare pellet cioè legna per camini , possiamo vendere
    le arachidi di migliore qualità ai supermercati mentre
    il resto lo trasformiamo in olio , possiamo coltivare nello
    stesso anno arachidi e poi lattuga risparmiando concimi azotati
    e soprattutto risparmiando acqua dato che l’acqua cade in inverno
    nel momento propizio per la crescita della lattuga , e primavera per
    l’inizio della crescita delle arachidi .
    diminuiamo l’inquinamento delle industrie di fertilizzanti azotati
    diminuiamo lo smog delle auto col biodiesel diminuiamo le spese sanitarie
    sulle malattie e decessi .
    per coltivare le arachidi è necessario un gruppo di
    agricoltori una macchina scavatrice insomma ci vorrebbe
    una forza di inventiva alla disastrosa coltivazuone delle arance
    che bisognano molta acqua che durante la durata del caldo fino ottobre
    se non piove sono guai .
    insomma a voi il giudizio su cosa fare .

Rispondi