2011: sarà l’anno del nucleare?

Abbattere le emissioni, questo è l’imperativo principale. Ma per raggiungere l’obiettivo le strade sono molte e il mix di possibili fonti energetiche da utilizzare include anche il nucleare. Anche se è la più controversa tra le fonti di energia che possono contribuire ad abbattere le emissioni di CO2 e degli altri gas serra, anche se è il tema più controverso della ricetta energetica per il futuro, anche se rimangono vivi i dubbi sulla sicurezza, sullo smaltimento delle scorie radioattive, sui costi e sui tempi di realizzazione dei progetti.
Anche se tutto questo anima un dibattito molto acceso sul nucleare italiano, il progetto va avanti, tanto che, nel frattempo, il governo italiano ha fatto l’identikit dei reattori di casa nostra che, secondo le caratteristiche individuate, saranno reattori di terza generazione.

Continua a leggere …

(Visited 6 times, 1 visits today)

7 Comments

  1. Il nucleare rappresenta il terreno ideale per coloro che, inopinatamente, ragionano applicando il “PRINCIPIO DI SELEZIONE”.

    Ovvero, che significa ?

    Significa prendere un processo complesso e considerarne le caratteristiche solo nell’ottica di esaltare una delle sue vantaggiose manifestazioni, ignorando interamente le altre e negandone le relative correlazioni.

    E’ noto che il processo di combustione nucleare genera poca o nulla CO2, ciò è per se sufficiente, ammesso che sia vero, per stabilire la supremazia di una tecnologia rispetto alle altre ?

    A parte il fatto che, includendo una analisi LCA di tutta la filiera, la CO2 generata non è poi così bassa (c’è lo scavo nelle miniere, i trasporti, il processing del combustibile, la costruzione della centrale, la manutenzione, il decommissioning, tutti generatori ausiliari di CO2).

    Basta solo questo fatto per considerare i vantaggi/svantaggi di una tecnologia ?

    Assolutamente no. Abbiamo di fronte problemi di approvvigionamento, di indipendenza tecnologica, di stimolo ai consumi (che di riflesso producono ulteriore CO2), il problema delle scorie, l’esauribilità del combustibile (non credete a chi afferma che è infinito), la bonifica dei siti inquinati, i pericoli di eventuali fughe radioattive, e soprattutto i COSTI SPAVENTOSI.

    Al netto, il nucleare è FALLIMENTARE, ma grazie al “PRINCIPIO DI SELEZIONE” se ne isola un singolo vantaggio, la poca produzione (relativa) di CO2, e su questo si vincola l’intera bontà della scelta, confondendo le idee anche a qualche climatologo.

    Insomma, siamo su una china insostenibile.

    Ing. Paolo Marani

  2. Terza generatione, concepita negli anni ’80; i primi entrati in esercizio negli anni ’90. Per i reattori che andranno in esercizio negli anni ’20 in tutto il mondo si lavora alla III+ e alla IV generazione; ma soprattutto a reti molto estese geograficamente di solare termico e eolico (vei i progetti in Sahara e nel Mare del Nord).
    Praticamente vi stanno vendendo un modem a 14.4 per collegarvi ad Internet.

  3. e si dai molto meglio bruciare petrolio e carbone, poi quando finiranno si vedra no? L’unica fonte veramente rinnovabile di energia sarebbe bruciare gli ecoimbecilli….

  4. Massimo, informati su quanto petrolio e carbone ci vogliono per estrarre l’uranio, quanto per costruire le centrali, quanto per costruire e tenere in vita TUTTA la filiera nucleare, quanto per il decommission degli impianti.
    Il nucleare, oggi, in Italia, e’ fine a se stesso. Portare il nucleare oggi in Italia e’ l’ultima occasione nucleare per Enel e Co. di ipotecare il futuro energetico dell’Italia spalmando i costi su tutti noi, prima che la NON convenienza del nucleare sia talmente palese per tutti.

  5. la lobby del nucleare sta mettendo in giro le sue panzane con uno spiegamento di forze notevole
    avete visto lo spot con cui stanno martellando per lanciare
    http://www.forumnucleare.it

    un sio che è in vero e proprio bidone radioattivo di balle sul nucleare, con Testa Chicco in testa,
    nella strategia comunicativa cerca di “vendersi” come luogo dove attingere informazione seria e equilibrata

    han visto un bel gruzzolo di soldi pubblici e si stan scatenando …

Rispondi