Liu Xiaobo, il falso Nobel cinese e quella sedia vuota

Al premio per la pace, la Cina risponde con uno alternativo (il Premio Confucio) e una lunga lista di censure per sminuire il valore della cerimonia di Oslo. Anche Russia, Iran, Iraq, Afghanistan e Arabia Saudita appoggiano la linea di Pechino.

Continua a leggere…

(Visited 4 times, 1 visits today)

Commenta per primo

Rispondi