Italiopoli

Nel giorno del diciottesimo anniversario dell’inchiesta Mani pulite (Mario Chiesa fu arrestato il 17 febbraio 1992) chiunque continua a parlare di «nuova Tangentopoli» straparla o più semplicemente ignora. Che poi, a voler fare i precisi, il procedimento contro «Chiesa Mario» nacque in realtà nel settembre 1991, giacché la prima richiesta di proroga delle indagini – senza la quale un fascicolo, dopo sei mesi, dovrebbe essere chiuso – fu infatti del marzo 1992. Nessuno comunque prevedeva quanto sarebbe successo: «Non immaginavo che dall’arresto di Chiesa potesse nascere quello che è nato», ammise nel 2000 anche il procuratore capo Francesco Saverio Borrelli, «ma credo che non l’immaginasse nessuno. Non l’immaginava certamente Di Pietro». E’ un’altra piccola differenza tra allora e oggi: nessuno la prevedeva e però ci fu, oggi di tangentopoli se ne preannuncia una ogni mezz’ora: e non c’è mai.

Tangentopoli era un sistema-Paese in cui il finanziamento illegale della politica, un tempo fisiologico e necessario, era degenerato a Milano come nel resto del Paese. Nella capitale morale ogni appalto doveva sovvenzionare la politica in quote prestabilite (tot alla Dc, tot al Psi, tot al Pci eccetera, secondo il consenso acquisito) e le imprese a loro volta potevano prestabilire i vincitori delle varie gare in barba al libero mercato, formando così un «cartello» che escludeva altra concorrenza e falsava i costi. Maggioranze e opposizioni conducevano un gioco delle parti che dietro le quinte diveniva complicità e spartizione degli affari: a Milano accadeva che per determinati appalti ci fosse un  cassiere unico che poi ridistribuiva agli altri partiti. Il sistema era talmente oliato da rendere praticamente impossibile il comprendere chi, tra imprese e partiti, avesse il coltello dalla parte del manico. Gli imprenditori si definirono come ricattati dai politici, i politici come assediati da imprenditori ansiosi di offrire: in concreto «era un sistema», come disse Bettino Craxi, o nondimeno era una «dazione ambientale» come la descrisse Di Pietro: ispirato, in realtà, da un altro magistrato che si chiamava Antonio Lombardi. Era un sistema tuttavia malato di elefantiasi e degenerato negli effetti pratici ed economici. Più costose e durature erano le opere e più grande era la torta da spartire. Il mercato era sfalsato e così pure la selezione delle offerte migliori e più convenienti. Va da sé che affianco al finanziamento della politica «si era diffusa nel Paese», come disse ancora Craxi il 3 luglio 1992, «una vasta rete di corruttele che segnalano uno stato di crescente degrado della vita pubblica… I casi sono della più vasta natura, spesso confinano con il racket malavitoso e talvolta si presentano con caratteri particolarmente odiosi».

Oggi è tutto un altro mondo. E’ cambiata la legge sul finanziamento alla politica (ora beccano un sacco di soldi) e i partiti strutturati sono scomparsi. Non c’è più un sacrale primato della politica, non ci sono più i voti di preferenza coi signorotti delle tessere e le loro campagne elettorali spendi & spandi, non ci sono più (quasi) i politici professionisti e i parlamentari con l’orgoglio di esserlo: spesso conta di più il grado parentale, il legame di letto ma soprattutto l’imponibile netto. E’ cambiata l’immunità parlamentare, il sistema elettorale,  la spesa pubblica, la pubblica amministrazione, il falso in bilancio che è stato depenalizzato. Una spazientita pretesa popolare di maggior efficienza e celerità, al tempo, da una parte ha favorito il disboscamento di leggi e leggine e regolamenti burocratici (vale per esempio per infrastrutture, grandi opere e protezione civile) ma di converso ha irrobustito i margini di discrezionalità e quindi anche le possibilità corruzione: che non è più «sistemica» ma pare tuttavia pericolosamente fisiologica, nonché – questo sì – in discreto aumento. Le statistiche giudiziarie  dell’Istat – molto più serie e affidabili delle cazzate di Trasparency International – evidenziano che i denunciati per corruzione, oggi, sono circa il triplo del periodo immediatamente precedente a Mani pulite. E però la politica resta spesso sullo sfondo: a episodi di clientelismo  o piccola corruzione locale – il caso di Milko Pennisi a Milano, tutto sommato, rientra nella categoria – si sono affiancate più che altro grandi corruzioni finanziarie: Parmalat, Cirio, la scalata di Antonveneta, quella di Unipol a Bnl, le maxi speculazioni immobiliari.

Detto in gergo da bar: ai tempi di Mani pulite c’erano dei politici che si finanziavano illegalmente e talvolta erano dei ladri; oggi invece folleggiano non di rado dei personaggi che non si sa bene se siano politici ma che sono sicuramente dei ladri, e spesso di polli.  Sparito il finanziamento illegale, sono rimasti loro in una quota proporzionata alla solidarietà ambientale che raccolgono. Inutile credere che in Friuli si corrompa come in Calabria. E non c’è studio, sul tema, che non sottolinei come a essere più diffusa – svaporato il sistema partitico – sia oggi la corruzione della famigerata società civile, coi suoi professionisti, i suoi tecnici e funzionari pubblici, storie di incarichi e appalti e licenze, certo, ma anche di esami comprati, rimborsi gonfiati, sanità saccheggiata, sino alle ricevute non date e non chieste, agli scontrini dimenticati.

Ci si dovrebbe chiedere, del resto, perché Mani pulite a un certo punto ebbe fine. Il problema non fu la serpeggiante impressione che Mani pulite fosse ormai agli sgoccioli, stanca, talvolta astratta, con tutti quei cronisti che ciondolavano per i corridoi facendosi domande sul proprio futuro. Altri colpi di scena non sarebbero mancati, com’è noto. Il problema, come il Pool non comprese per forma mentis, fu che l’inesorabile fine di una stagione non potè non coincidere con quell’indagine sulla Guardia di Finanza.

Quegli imprenditori che cominciarono a confessare d’aver pagato anche i finanzieri, perché chiudessero un occhio, fu l’inizio di una voragine che in potenza non avrebbe mai avuto fine. Un reparto accusò l’altro, un reparto arrestò l’altro. Intere legioni di militari finirono in carcere e alcuni erano collaboratori del Pool, come visto. Anche nel corpo delle Fiamme Gialle malfattori e galantuomini certo non mancavano, ma quell’immagine di finanzieri che iniziavano ad arrestarsi tra di loro divenne la metafora di un Paese che si stava divorando. Onesti e disonesti, concussi e concussori, taglieggiatori e vittime: parole sempre più svuotate di significato, termini utili per delimitare, secondo fazione, le proprie simpatie e i propri interessi.

Nel Paese in cui tutti pagavano tutti si scoprì che, poveretti, gli agenti della Guardia di Finanza incassavano mazzette perché avevano stipendi da fame, e trescavano con l’esercente che, poveretto, senza fatture false avrebbe chiuso bottega, e trescavano col grande stilista che, poveretto, senza fatture false la bottega non l’avrebbe neanche aperta.

Si scoprì che la famosa dazione ambientale, che da lontano e sui giornali pareva solo un’associazione per delinquere, era vicina, vicinissima: dal fiscalista, dal commercialista, dal certificatore di bilanci, dall’impiegato comunale e regionale e statale, dall’avvocato, dal notaio, in negozio, al bar, nelle famiglie, con la domestica, nel 740, nello scontrino che non ti hanno dato, ma che tu non hai preteso.

La cosiddetta inchiesta «Fiamme sporche», nel 1994, contò centinaia e centinaia di indagati ma  comincerà a trasfigurare lo spettacolo di Mani pulite agli occhi del suo pubblico, a confondere proscenio e platea, a disamorare progressivamente da un’ubriacatura legalitaria ormai triennale e che dapprima era parsa tuttavia così liberatoria, espiatoria, deresponsabilizzante. Ora non più.

Il terzo tempo di Mani pulite nasceva morto. Nel primo, folle oceaniche plaudivano all’arresto dei politici ladri e corrotti, alcuni graziati e altri esiliati. Nel secondo, folle già più sparute plaudivano all’umiliazione degli industriali pure ladri e corrotti, immunizzati talora e suicidati talaltra. E ora il terzo: folle che plaudivano più stancamente e che cominciavano a chiedersi se i soldi, che scarseggiavano, fossero finiti tutti nei conti di Craxi; e finanzieri che arrestavano finanzieri perché si era addirittura scoperto, nel Paese dei 150 mila miliardi non denunciati ogni anno, che la base della corruzione era proprio il nero dell’evasione fiscale. Ed era finita. Perché la sedicente società civile, con le mani ancora doloranti per gli applausi, nel tardo 1994 cominciò anche a chiedersi se per caso quel grezzo dualismo da fase orale – onesti e ladri, vittime e carnefici, magistrati e politici, Eni e Montedison, Cagliari e Bernabè, Craxi e Di Pietro, poi Berlusconi-Di Pietro – non celasse una qualsiasi lotta tra fazioni, tra un potere e un altro potere, tra un magistrato che indagava il ministro dei Lavori Pubblici ma poi, chissà, magari un giorno ne avrebbe preso il posto.

Nell’indagare sulla metà oscura dell’italiano medio, Di Pietro esplorava se stesso: nella patria che aveva il record mondiale delle seconde case, lui, era giunto ad averne cinque; nel regno degli abusi edilizi, diciamo così, aveva avuto i suoi modesti problemi; nel Paese che conservava le annate di «Quattroruote», s’è visto, prendeva la Mercedes per l’amichetto e la Lancia per la moglie; nel Paese dei furbi sarebbe diventato lo scroccone che sappiamo e che riuscirà, quindici anni dopo, nel 2008, a intestarsi l’intero finanziamento pubblico dovuto a un partito politico.

Ma nel 1994 il manipulitista medio, moderato, tutto questo lo percepiva appena. Nella prima estate di quell’anno Antonio Di Pietro era ancora quello che arrestava i corrotti per rendere il mondo migliore. Era il braccio armato di una Procura che operava vigilanze preventive e ammoniva quanti già parlicchiavano di decreti antimanette. Questo da una parte. Dall’altra, appunto, le manette.

Chiederanno molti anni dopo a Francesco Saverio Borrelli:

Quando vi siete resi conto che l’atteggiamento dell’opinione pubblica nei vostri confronti stava cambiando?

«Direi più o meno in coincidenza con l’indagine sulla Guardia di finanza… finché si trattò di colpire l’alta politica e i suoi rappresentanti, i grandi personaggi dei partiti che cominciavano a stare sullo stomaco a tutti, non ci furono grandi reazioni contrarie. Anzi. Ma quando, con l’indagine sulla Guardia di finanza, si andò oltre, apparve chiaro che il problema della corruzione in Italia non riguardava solo la politica, ma larghe fasce della società, insomma che investiva gli alti livelli proprio in quanto partiva dal basso. A quel punto il cittadino medio ebbe la sensazione che questi moralisti della Procura di Milano volessero davvero passare lo straccio bagnato su tutta la facciata del paese, sulla coscienza civile di tutti gli italiani. Parlo del cittadino medio, che vive spesso di piccoli espedienti, amicizie, raccomandazioni, mancette per poter campare e rimediare all’inefficienza della pubblica amministrazione. A quel punto, ho l’impressione che la gente abbia cominciato a dire: adesso basta, avete fatto il vostro lavoro, ci avete liberato dalla piovra della vecchia classe politica che ci succhiava il sangue, ma adesso lasciateci campare in pace. Quando abbiamo toccato la Guardia di finanza, a parte le reazioni ovvie del mondo politico, anche una parte di imprenditori si è sentita toccata troppo da vicino da quest’ansia di pulizia che veniva dalla Procura… Ci si stufa delle guerre, figuriamoci di Tangentopoli».

Dirà Piercamillo Davigo:

«Le vicende che mi hanno più impressionato non sono state quelle delle grandi tangenti… Sono le piccole vicende a deprimermi. Mi sono capitati due o tre processi dove centinaia di persone hanno pagato somme di qualche milione per non fare il servizio militare. Parliamo di centinaia di persone, non di qualcuna. Questo vuol dire, in primo luogo, che io pago non solo per non fare il servizio militare, ma anche perché altri lo facciano al mio posto… È la stessa cosa, in grande, del non rispettare la fila. In secondo luogo, manca una percezione della gravità del comportamento tenuto. Eppure tutti i giovani venivano da buone famiglie che li finanziavano, perché a diciannove anni non si hanno dei milioni cash nel portafogli. Questo la dice molto lunga sulla diffusione di certi comportamenti e sulla valutazione che di essi viene data nel complesso della società»

Scriverà proprio Enzo Carra, l’ex portavoce democristiano che Davigo aveva fatto condannare, oggi parlamentsare

«Mani pulite fu in ultima analisi un piccolo squarcio nei nostri vizi pubblici e privati; poteva essere una grande occasione per metterli sotto accusa, questi vizi, insieme ai corrotti e ai corruttori. E’ stata una grande occasione mancata per cambiare le regole e i comportamenti nella nostra società… Con un’eccezionale prova dell’italianissima arte di arrangiarsi il cammino è ripreso come prima, o quasi… Invece di cambiare sistema si è cambiato discorso».

Ecco perché l’ex procuratore aggiunto Gerardo D’Ambrosio, oggi, lamenta che per una nuova Tangentopoli «manca il consenso popolare». Nostalgia canaglia.

(Visited 9 times, 1 visits today)

35 Comments

  1. Il pesce puzza dalla testa, la sostanziale impunità di Craxi e compagnia di Mani Pulite e il devastante esempio offerto dalla cricca Berlusconiana, sono stati un formidabile impulso per la platea di predisposti, che nel nostro paese è sempre stata molto vasta

  2. Per piacere, nessuno sa se online posso riesumare l’articolo di lunedi’ o martedi’ di Facci in prima pagina dove si scagliava su Travaglio? Me ne sono accorto tardi ad edicole ormai chiuse…

  3. Quindi se ho capito il senso, poichè nonostante le inchieste ancora si rilevano casi di corruzione i magistrati avrebbero fallito la loro missione.
    In realtà secondo me la missione fallita è quella della politica che avrebbe dovuto creare le condizioni perchè non ci fosse più corruzione e siccome la politica è la società io penso che il fallimento sia attribuibile appunto all’intero sistema paese ma questo è abbastanza chiaro a tutti (con qualche eccezione).

  4. @Luigi

    L’articolo di Facci lo trovi sul sito della rassegna stampa della Camera dei Deputati (rassegna.camera.it), basta che cerchi nell’archivio degli articoli di Libero in data 16/02/2010.

  5. L’articolo di Facci su Travaglio non è niente di eccezionale, come quasi tutti i suoi articoli. Si inventa elogi inesistenti di Travaglio a Mieli, passa a dire che Pennisi non è Mario Chiesa, e finisce ovviamente con Travaglio che ha il suo riferimento con Di Pietro. Per la verità si sperava che la smettesse, almeno adesso che lo ha criticato in queste settimane ( e non è la prima volta) , ma Facci proietta le sue tare verso Travaglio: lui con le sue imbarazzanti apologie di Craxi e che è irrimediabilmente incapace di criticare Berlusconi (piuttosto si sparerebbe ad un piede).
    L’unica cosa un pò interessante (ma neanche tanto) è l’opinione di Bocca su Travaglio, che secondo il giornalista di Cuneo da l’impressione di non saper esprimersi senza verbali. A parte che Bocca ha parlato male di chiunque, a stupire è che Facci chiosi così: “Poi dicono che Bocca non è lucido”.
    Che strano. Deve trattarsi dello stesso Facci che, in occasione del contestatissimo articolo di Bocca sui carabinieri collusi, partorì la solita sconclusionata articolessa per dire in sostanza che Bocca ormai è bollito, e che ” un grande giornalista che ormai legge poco, si documenta poco, giudica con parametri superficiali e datati – ai suoi tempi gli opinionisti tuttologi andavano forte, oggi un po’ meno”.
    La famosa coerenza facciana.
    Facci, dai retta, ritorna a parlare di musica classica.

  6. Grazie della dritta.
    Posto il mio disprezzo per Travaglio, leggo questi articoli solo per curiosità sulla nota antipatia reciproca dei due.
    Per me Facci stavolta avrebbe potuto essere più tagliente.

  7. Io non capisco perche’ Facci e i suoi seguaci continuano a dare addosso ai magistrati invece di dare addosso ai ladri .
    Ma possibile che ogni volta che un politico viene inquisito in italia si parla sempre di giustizia persecutoria? ma volete che tutti imagistrati ce l’abbiano coi politici?
    I magistrati indagano perche’ qualcuno ha denunciato un misfatto e sono obbligati a farlo.
    Ora e’ chiaro anche ai ratti che i politici sono dei ladri , non tutti , ma molti .
    Di perseguitati alla Tortora ce ne saranno l’1% , il resto devono andare in galera se lo meritano.
    Ci Facci un piacere Facci una bella inchiesta sul passato del suo padrone , Mangano e compagnia cantante, su Libero, il giornale Libero (dai comunisti)

  8. “Io non capisco perche’ Facci e i suoi seguaci continuano a dare addosso ai magistrati invece di dare addosso ai ladri.”

    io invece lo capisco benissimo :(

  9. beh, se tangentopoli ha fallito, cioè se siamo da capo – come sapevamo benissimo – è proprio grazie in primo luogo ai facci e a quelli come lui che fanno campagna costante contro l’operato della magistratura. una volta erano sgarbi e liguori, ora c’è facci e c. a sparare a zero sui giudici.
    un es.? la sua orrenda difesa, su mattino5, dell’orribile servizio di studioaperto in cui si pedinava il magistrato che ha stabilito il risarcimento che berlusca deve a debenedetti.

  10. Ieri ad Annozero c’erano Porro e “roy batty” Belpietro che non trovavano di meglio che fare le “pettegole d’ufficio” su presunte cose di travaglio, invece di parlare della faccenda bertolandia (chissà perchè)

    Ecco, confesso di aver pensato che un Facci a battibeccare con travaglio era più alla pari e meno carognetta inviperita di un porro.

  11. Porro e Belpietro, ieri sera, hanno confermato, se mai ve ne fosse stato bisogno, di come ci si comporta ad un dibattito televisivo quando non si ha nulla da dire.
    Quando con le argomentazioni si sta a ZERO !!
    Quando il GIUSTIFICAZIONISMO di ogni porcata è elevato all’ennesima potenza quando si tratta di alcuni.
    Il classico di chi stà da quella parte.
    Penosi.
    Credo che Travaglio non avrebbe dovuto cascarci in quella patetica pettegolezzata inscenata dal duo porrobelpietro.
    Loro sono bravi solo in quello.
    Infatti Santoro, più astuto, ha cazziato Travaglio prima per poi cazziare Belpietro dopo.

  12. “Nell’indagare sulla metà oscura dell’italiano medio, Di Pietro esplorava se stesso: nella patria che aveva il record mondiale delle seconde case, lui, era giunto ad averne cinque; nel regno degli abusi edilizi, diciamo così, aveva avuto i suoi modesti problemi; nel Paese che conservava le annate di «Quattroruote», s’è visto, prendeva la Mercedes per l’amichetto e la Lancia per la moglie; nel Paese dei furbi sarebbe diventato lo scroccone che sappiamo e che riuscirà, quindici anni dopo, nel 2008, a intestarsi l’intero finanziamento pubblico dovuto a un partito politico.”

    Insomma, un po’ come avere conti esteri pieni zeppi di danaro, lingotti e banconote nel cesso, frutto di reati. Stessa roba, eh.

  13. @balthazar

    sono d’accordo, doveva lasciare che facessero la figura delle serve.
    Dal sorrissetto biforcuto di Porro mentre con nonchalance sibilava “deficiente” era chiaro che quello è andato a fare..

  14. Eh, bei tempi quando i politici credevano nei propri ideali, e rubavano per finanziare illegalmente il partito, e per comprare una stazione televisiva alle proprie amanti e per comprare la villa al propri figli e un appartamento a new york….

  15. E che ne so!!!io ho solo copiato il tuo coicde :(Che faccio? Ho anche provato a rifare tutto ma mi viene sempre uguale.Se vuoi i miei codici per entrare chiedimelo pureBacio

  16. Are you able to add a Blackberry template? This page is difficult to read otherwise for those of us browsing with cell phones. Otherwise, in the event you can place a RSS link up, that will be great also.

  17. Thanks for the concepts you discuss through your blog. In addition, several young women that become pregnant never even make an effort to get medical insurance because they fear they won’t qualify. Although some states today require that insurers produce coverage despite the pre-existing conditions. Costs on these kind of guaranteed plans are usually larger, but when taking into consideration the high cost of health care it may be your safer approach to take to protect your own financial future.

  18. Thanks for revealing your ideas on this blog. Furthermore, a fable regarding the lenders intentions whenever talking about property foreclosures is that the traditional bank will not have my payments. There is a certain amount of time that the bank will take payments in some places. If you are too deep inside hole, they’re going to commonly demand that you pay the particular payment entirely. However, i am not saying that they will have any sort of repayments at all. In the event you and the lender can find a way to work something out, a foreclosure process may stop. However, when you continue to miss out on payments underneath the new strategy, the foreclosures process can just pick up exactly where it was left off.

  19. Thanks for your post. Another issue is that being a photographer consists of not only problem in capturing award-winning photographs but also hardships in getting the best digital camera suited to your needs and most especially struggles in maintaining the standard of your camera. That is very genuine and clear for those photography fans that are into capturing the particular nature’s captivating scenes – the mountains, the forests, the particular wild or perhaps the seas. Going to these adventurous places surely requires a video camera that can surpass the wild’s hard settings.

  20. Hi, Neat post. There is a problem together with your web site in web explorer, could check this… IE still is the marketplace leader and a large element of people will pass over your excellent writing because of this problem.

  21. An fascinating dialogue is value comment. I feel that it is best to write extra on this matter, it won’t be a taboo topic however usually individuals are not sufficient to talk on such topics. To the next. Cheers

  22. I found your weblog website on google and test just a few of your early posts. Proceed to maintain up the excellent operate. I simply further up your RSS feed to my MSN Information Reader. Searching for ahead to studying extra from you afterward!

  23. Oh my goodness! an incredible article dude. Thanks Nonetheless I’m experiencing challenge with ur rss . Don�t know why Unable to subscribe to it. Is there anybody getting an identical rss downside? Anybody who is aware of kindly respond. Thnkx

  24. There are definitely numerous particulars like that to take into consideration. That may be a nice level to carry up. I supply the ideas above as normal inspiration however clearly there are questions just like the one you carry up the place a very powerful factor shall be working in trustworthy good faith. I don?t know if greatest practices have emerged round issues like that, however I’m positive that your job is clearly recognized as a good game. Each girls and boys really feel the affect of only a second�s pleasure, for the remainder of their lives.

  25. The subsequent time I learn a weblog, I hope that it doesnt disappoint me as a lot as this one. I imply, I do know it was my option to learn, however I truly thought youd have one thing fascinating to say. All I hear is a bunch of whining about one thing that you could repair if you werent too busy in search of attention.

  26. An interesting dialogue is worth comment. I think that you must write extra on this topic, it might not be a taboo topic however generally people are not sufficient to talk on such topics. To the next. Cheers

Rispondi