Via Gradoli e Romano Prodi (ma anche, Moro si poteva salvare se Cossiga aveva Google)

 

via_gradoli

Con la scandalo Marrazzo – il “trans gate” – è tornata clamorosamente alla ribalta una strada, Via Gradoli, tristemente nota per il sequestro Aldo Moro da parte delle Brigate Rosse. Durante il sequestro, le BR avevano in quella via nella zona nord di Roma, una base logistica di primo piano (mentre Moro, fisicamente, era rinchiuso in Via Montalcini); da qui operavano molti brigatisti (Balzerani, Morucci, Faranda tra gli altri) ma soprattutto il loro capo, Mario Moretti, che aveva preso in affitto quell’appartamento nel 1975 sotto il falso nome di Mario Borghi e che lì andava a dormire la sera mentre faceva la spola con la prigione di Moro in via Montalcini.

La polizia si presenta in Via Gradoli per la prima volta il 18 marzo 1978, appena all’inizio del sequestro Moro, solo due giorni dopo la strage di Via Fani. I cinque poliziotti vi vengono inviati dalla Direzione Generale di Pubblica Sicurezza ma si limitano a bussare alla porta, andandosene dopo la mancata risposta degli inquilini. Il secondo episodio data 2 aprile 1978, la famosa seduta spiritica officiata da Romano Prodi nella campagna bolognese, a Zappolino, durante la quale alcuni commensali attorno a un tavolo invocano gli spiriti di Giorgio La Pira e Don Sturzo, facendo muovere un piattino su un tavolo alfabetico e ricavandone le parole: Gradoli, via Cassia, Viterbo, 6, 11. Prodi, solo dopo due giorni dalla rivelazione – i weekends sono sacri – riferisce l’informazione alla segreteria della DC, la quale la trasmette a sua volta al ministero dell’Interno che scatena, per risposta, perquisizioni a tappeto nel paesino di Gradoli (non la via) in provincia di Viterbo senza trovare nessuna traccia, ne di brigatisti, ne di Aldo Moro. A nessuno verrà in mente di perquisire Via Gradoli sulla Cassia (che tra l’altro sta al civico 96, interno 11) non ai dirigenti che avevano ordinato la perquisizione il 18 marzo e nemmeno al ministro dell’Interno, Cossiga, anche perché, spiega, la via non era nelle pagine gialle della capitale. Ultimo capitolo, il 18 aprile, il covo viene scoperto dai vigili del fuoco che intervengono su richiesta dell’inquilino sottostante per una perdita d’acqua che filtra attraverso il soffitto. Il motivo? E’ stata lasciata aperta la pistola della doccia, che allaga il bagno del covo BR. Invece di tenere segreta la scoperta, dato che gli inquilini non sono ancora rientrati, la notizia viene diramata a giornali e TV ed è lo stesso Cossiga a telefonare alla Rai, a Sergio Zavoli, perché sia informato dell’accaduto. Di Moretti e compagnia nessuna traccia. Passeranno ancora 21 giorni prima che Aldo Moro venga ucciso, il 9 maggio 1978, dal commando dei brigatisti.

Un bel pasticcio. Altro che Marrazzo. A complicare il tutto emerse poi che quell’appartamento, affittato dal capo delle BR sotto falso nome, era di proprietà nientemento che dei servizi segreti italiani.

A parte quelli che credono alle sedute spiritiche e alle coincidenze, per tutti gli altri ci sono due spiegazioni per queste vicende intricate: 1) Prodi faceva parte, come Cossiga, di quel complotto interno alla DC che vedeva volentieri l’epilogo tragico della vicenda Moro e cercava in tutti i modi di tenere informati i brigatisti, in maniera indiretta, sull’andamento delle indagini, allarmandoli sul fatto che il loro covo fosse “bruciato” e perché cercassero di sfuggire alla cattura; 2) si tratterebbe di una colossale e maldestra pagliacciata all’italiana, con atteggiamenti ambigui e opportunisti dei politici, impreparazione delle procure e delle forze dell’ordine, devianze a destra e sinistra dei servizi segreti con messaggi che partivano con le migliori intenzioni ma si perdevano nel caos dei compartimenti stagni, nel doppiogiochismo delle intenzioni (l’informazione del covo arrivata a Prodi sarebbe partita nientemeno che dal KGB) con conseguenze comiche e grottesche.

Personalmente, dato il paese in cui vivo, sono portato a credere in egual misura a entrambe le ipotesi o a un mix delle due, a piacere.

Decisamente per la prima ipotesi propendeva invece uno smagliante Paolo Guzzanti, allora a capo della Commissione Mitrokhin, in questo curioso stralcio di intervista del 1997, in cui il progenitore di quei formidabili assi della satira che sono Corrado e Sabina, sfoggiava un misto di indignazione e umorismo, senza risparmiare il già famoso giornalista di Nessuno TV, Mario Adinolfi.

(Visited 138 times, 1 visits today)

20 Comments

  1. ma perchè tutti rompono le scatole a prodi per la storia della seduta spiritica e nessuno mai cità baldassarri (senatore di an, ex viceministro di berlusconi) che era presente pure lui alla seduta e a sempre confermato la stessa identica versione.
    qual è la colpa di prodi di aver ricevuto per vie misteriose un’informazione vitale e di averla comunicata a chi indagava?
    a me sembra più un merito che una colpa.

  2. in realtà come scritto nei commenti del video su youtube (che ricordano perchè nessuno rompe le scatole a baldassarri) guzzanti si rigira la frittata come gli piace e tra l’informazione di prodi e l’abbandono del covo passano 15 giorni.

  3. a differenza di qualcun altro,Marrazzo si è almeno sospeso dall’incarico.Mal comune, mezzo gaudio,eh?

  4. Volevo segnalarvi questo bell’articolo:
    http://
    www.
    vuotoaperdere.org/dblog
    /articolo.asp?articolo=118

    Effettivamente perche’ tutto gira attorno a quella palazzina, con appartamenti di proprieta’ dei servizi?
    Non e’ che spuntera’ fuori che anche l’appartamento di Patrizia, il trans amico di Lapo, stava in un appartamento di proprietà del SISMI?

  5. Strano che ancora si sia convinti dell’esistenza delle brigate rosse! Credo sia noto a tutti ormai che moretti riceva una lauta pensione dallo stato per i suoi servi.zietti! Voi credete che totò riina sia in carcere? col 41bis? [sembra un autobus dell’atac… ih ih ih.. non passa mai] Qualcuno incontrò mambro e fioravanti a fare shopping per prati… qualche anno fa… confermando le convinzioni di noi complottisti… Sveja… ce vo’ un bel caffé… Magari i trans di marrazzo [quando lo penso minTazzo] erano militari tra-vestiti di vecchi merletti!

  6. @rosa rossa: riguardo a Mambro e Fioravanti,guarda che esistono anche i permessi premio.In quanto a Moretti,sono anni che sento notizie contraddittorie.Potresti citarmi le tue fonti?Mi interesserebbe approfondire la questione.

  7. Scusa ma di quali permessi premio possono godere queste persone!? Ma stai scherzando?! I permessi premio li prende chi lavora non i delinquenti……avete proprio perso il lume della ragione.
    Va là che se c’era chi dico io alle 22:09 non eri su internet a dire ste boiate……ragionare prima di parlare!!!

  8. “Strano che ancora si sia convinti dell’esistenza delle brigate rosse! Credo sia noto a tutti ormai che moretti riceva una lauta pensione dallo stato per i suoi servi.zietti!”
    Cara RosaRossa a non credere all’esistenza delle BR sei rimasta solo tu che evidentemente non hai studiato le carte. Il vitalizio a Moretti (ammesso che Fonti avesse detto il vero) glielo darebbe lo Stato caso mai per non parlare del ricatto che lo stato fece alle BR per costringerle a uccidere Moro. Altro che non si poteva trattare, tutto dipende da per cosa uno tratta.

    “I permessi premio li prende chi lavora non i delinquenti……” Evidentemente neanche tu, Gigi, sai bene di cosa stai parlando. Chi e’ in carcere puo’ avere i permessi premio in funzione della sua condotta e della sua non pericolosita’ all’esterno. E anche dal seguire un percorso di riabilitazione in carcere. A chi li vorresti dare tu i permessi premio? Ad un operaio della FIAT? Se c’era chi dici tu, internet non esisterebbe nemmeno e a te sarebbe negata la possibilita’ di esprimerti (anche per dire cose inesatte)

  9. Brigate Rosse è una denominazione rossa come dire NERA oBLU.Quando si dice NO è SI e a quei tempi facevano vedere che erano coinvolti i servizi segreti americani.Ha quanto sono stanco ho viaggiato pertutto il tempo e ho problemi di fuso orario.Quale fuso? Il viaggiatore è stato sempre in Italia e la storia Moro è completamente italiana.Come mai non si è indagato Pietro Ingrao su questa vicenda? Molto probabilmente il sig.Ingrao era ed è tuttora nonostante i suoi 98 anni il capo delle BR? O le BR sono un nucleo speciale operativo delle forze armate o dei servizi segreti deviati? Nessuno ha voluto intromettersi per liberare Moro eppure volendo con tutti i navigatori satellitari p0ssiamo sviare i piu’ smaliiziati poliziotti facendo passare inosservato un omicidio semplicemente facendo imitare a perfezione nell’immagine,nei movimenti e nella voce lsa vittima cosi non destando alcun sospetto.Oppure Moro non e’ morto perche’ il capo delle BR era lui?

  10. There are actually plenty of particulars like that to take into consideration. That could be a nice level to convey up. I provide the ideas above as common inspiration however clearly there are questions just like the one you convey up the place an important factor will likely be working in sincere good faith. I don?t know if finest practices have emerged round issues like that, however I’m certain that your job is clearly recognized as a good game. Each girls and boys really feel the influence of only a second�s pleasure, for the remainder of their lives.

  11. Youre so cool! I dont suppose Ive read anything like this before. So nice to seek out anyone with some unique thoughts on this subject. realy thank you for starting this up. this website is something that is needed on the internet, someone with a bit originality. useful job for bringing something new to the internet!

  12. A powerful share, I simply given this onto a colleague who was doing a little evaluation on this. And he actually purchased me breakfast as a result of I discovered it for him.. smile. So let me reword that: Thnx for the deal with! However yeah Thnkx for spending the time to debate this, I really feel strongly about it and love studying extra on this topic. If doable, as you turn out to be experience, would you thoughts updating your weblog with extra particulars? It’s extremely useful for me. Large thumb up for this weblog put up!

  13. Youre so cool! I dont suppose Ive read anything like this before. So nice to seek out anyone with some unique thoughts on this subject. realy thank you for starting this up. this website is something that is needed on the internet, someone with slightly originality. useful job for bringing something new to the internet!

  14. A powerful share, I just given this onto a colleague who was doing a little bit analysis on this. And he in truth bought me breakfast as a result of I found it for him.. smile. So let me reword that: Thnx for the treat! But yeah Thnkx for spending the time to discuss this, I feel strongly about it and love reading more on this topic. If attainable, as you grow to be expertise, would you mind updating your blog with more details? It is highly helpful for me. Massive thumb up for this blog publish!

5 Trackbacks / Pingbacks

  1. Scalo a Gradoli [Marrazzo Groundhog Day] « Almanacco Americano
  2. ViVI TUTTI I GIORNI DELLA TUA VITA COME SE FOSSE L'ULTIMO. - Pagina 357 - I Forum di Investireoggi
  3. Almanacco dell’Anno – 1 Jan. 2009 « Almanacco Americano
  4. L’Arma dei Carabinieri pronta per il nuovo padrone, lo stesso di Assange & Co.? Via Gradoli e gli assalti ai portavalori | Escogitur.it
  5. L’Arma dei Carabinieri sotto attacco. I ‘nuovi fideliters’, gli stessi di Assange & Co.. Via Gradoli e assalti ai portavalori | Escogitur.it

Rispondi