Intanto a Kabul

In sintesi Vittorio Feltri, che era direttore di Libero, ora è direttore del Giornale e ha raccontato che il direttore di Avvenire, Dino Boffo, è un molestatore; la vicenda era già stata raccontata sommariamente da Panorama, diretto da Maurizio Belpietro, che ora però è direttore di Libero; la vicenda di Boffo, ormai ex direttore di Avvenire, è stata ri-raccontata anche da Panorama non più ditretto da Belpietro – che era già direttore di Libero – bensì da Giorgio Mulè, che era direttore di Studio Aperto prima che diventasse direttore Mario Giordano, a sua volta direttore del Giornale prima che arrivasse Feltri che a suo tempo era stato sostituito da Belpietro prima che Belpietro diventasse direttore di Panorama: il quale, in compenso, su Libero, ha raccontato che il direttore di Repubblica, Ezio Mauro, pagò un attico parzialmente in nero, vicenda che era già stata raccontata dal direttore di Italia Oggi, Franco Bechis, il quale doveva diventare vicedirettore del Giornale ma poi è diventato vicedirettore di Libero: vicenda che oltretutto – quella di Ezio Mauro evasore fiscale, ma anche quella di Dino Boffo – l’Unità e Repubblica considerano una ritorsione di Berlusconi per via della campagna di Repubblica, querelata da Berlusconi assieme all’Unità, che intanto si chiede: che farà Santoro? Marco Travaglio, intanto, prepara un nuovo quotidiano, mentre Gianfranco Fini, dopo l’annunciata querela di Dino Boffo contro Vittorio Feltri, ha querelato pure lui Vittorio Feltri che però aveva detto «le querele si fanno, non si annunciano» anche se due anni fa aveva annunciato querela contro Milena Gabanelli di Report, la quale, pochi giorni fa, ha lamentato che le querele contro Report non verranno coperte dalla Rai, azienda che, un anno e mezzo fa, annunciò querela contro Vittorio Feltri per la pubblicazione di un’organigramma politico dei dirigenti Rai, azienda che, due anni fa, ha querelato anche me per dieci milioni di euro, con ciò impedendomi di andare ad Annozero a confrontarmi con Marco Travaglio, che un anno e mezzo fa ha querelato Giuseppe D’Avanzo di Repubblica per una faccenda di cattive frequentazioni siciliane, già coautore – D’Avanzo – della campagna su Noemi & Escort ai danni di Silvio Berlusconi, che ha querelato Repubblica (e l’Unità, dove scriveva Travaglio) dopo che Repubblica aveva querelato Berlusconi che aveva invitato a non fare inserzioni su Repubblica. Uh, dimenticavo: due anni fa Vittorio Feltri mi ha querelato. Poi l’ha ritirata.

(Visited 3 times, 1 visits today)

32 Comments

  1. Il centrosinistra che, a prescindere da chi sia, difende il nemico del suo nemico, e’ veramente triste.

  2. Una volta tra gentiluomini la si risolveva a pugni. Volevo proporlo al cantante che mi ha querelato, ma è un tipo troppo zenzìbbile – tant’è che ha 4 avvocati.

  3. Filì, ma che cazzo scrivi?
    il principio fondante per essere un buon giornalista sarebbe verificare le fonti delle notizie prima di sbatterle in prima pagina e dare la giusta proporzione alla gravità dello scandalo riportato dovrebbe sancirne l’indipendenza.

    quello che hai scritto si chiama “buttarla in caciara”, pessimo servizio per il cittadino.
    cos’è, se qualcuno mi dice che suo cugino sa che tu non hai pagato una multa presa col vespino rossobordò nel ’89, non saresti più credibile come giornalista?
    anche se scrivi che fassino &C si volevano pappare la bnl con tanto di intercettazione telefonica?

    cerca di non esagerare. io penso che tu sia una persona in gamba, ma non travalicare quel confine che passa dall’argomentazione alla presa per il culo che ti ci si manda in un batter d’occhio, filippuzzo beddu.

    ed intanto a kabul…

  4. a costo di apparire cretino (oltre che pedante) e consapevole del fatto che FILIPPO FACCI (peraltro del tutto legittimamente) non risponderà, lo stesso gli chiedo: ma come ca… faccio a leggere i suoi articoli su Libero, posto che non ne voglio sapere di comprare il suddetto quotidiano???? Esiste, sull’edizione web di Libero, un collegamento che mi rimanda ai suoi pezzi, così come tale link esisteva sul Giornale? Mi fai vedere, FILIPPO, (anche con un’illustrazione) come devo fare, dove devo andare (oltre che dallo psichiatra)????

  5. Per Michele: i miei articoli su Libero non sono online, perciò ne posterò qualcuno qui o in giro. Presto comunque saranno online anche su Libero, che ha un sito penoso ma in totale rifacimento. Dallo psichiatra comunque vacci lo stesso, che male non fa.

    Per gli altri: non ho mai sporto una sola querela in tutta la mia vita, benché tentato più volte di farlo. Sono sempre riuscito a dirimere la faccenda – quasi sempre con anonimi internettiani poi individuati, oltretutto – prima di ogni odiosa carta bollata.

  6. “Sono sempre riuscito a dirimere la faccenda – quasi sempre con anonimi internettiani poi individuati, oltretutto – prima di ogni odiosa carta bollata.”

    Filippo…essù diobono!

  7. ma rilassatevi ragazzi, se non vi piace cio’ che scrive potete benissimo andare su un altro sito o non sapete come scaricare la vostra frustrazione?

  8. Grazie, FILIPPO. E, già che ci sei, mentre “posti” ALCUNI tuoi articoli “in giro”, spediscili TUTTI anche qui: michele2103@tiscali.it, così che – tra una seduta psichiatrica e l’altra – non devo fare la fatica di girare in Internet per ore (ed evito di venire su ‘sto blog dove, non so perché, mi salta sempre la connessione).

  9. >non ho mai sporto una sola querela in tutta la mia vita, benché tentato più volte di farlo. Sono sempre riuscito a dirimere la faccenda – quasi sempre con anonimi internettiani poi individuati, oltretutto – prima di ogni odiosa carta bollata.

    >Attenzione: questa pagina è stata oscurata e bloccata a scopo cautelativo a seguito di minaccia di azioni legali contro i redattori della voce e/o Wikimedia. Verrà eventualmente ripristinata alla fine della vicenda che la riguarda.
    da http://it.wikipedia.org/wiki/Filippo_Facci

    Mah…

  10. Non capisco il senso di questo post. Il quid, diciamo. Significa che nell’informazione italiana girano sempre i soliti 15-20 nomi che, a turno, occupano poltrone e direzioni scambiandosi di posto?

  11. 1. se feltri ricicla una notizia vecchia sul direttore di repubblica e la tratta da scoop direi che siamo perlomeno legittimati a sospettare che non l’abbia fatto, diciamo, per caso.
    2. se feltri unisce un decreto penale con un’informativa anonima spacciandola per un atto compiuto da un ufficiale giudiziario tanto per dire che boffo è gay, ecco, forse non è proprio correttissimo.
    3. se travaglio parla dieci minuti ad annozero, coi presenti che ben sanno di cosa parlerà, e non riescono a zittirlo, be’, direi che non ci serve lei a ripetere a pappagallo un “non è vero” su fatti veri, nè si può imporre a santoro la Sua (sgradevole) presenza. si accontenti di mattino 5, per cortesia.
    4. scriverebbe anche bene, signor facci. peccato per il contenuto.
    saluti.

  12. Ho riassunto qui di seguito il balletto di poltrone descritto da Facci:

    http://www.mamma.am/mamma/articoli/art_3391.html

    Riporto il testo della mia ballata qui di seguito a beneficio dei lettori.

    ———–

    Alla Fiera Mediaset
    per due soldi
    un giornalista Berlusca comprò

    E al “Giornale” se ne va Giordano
    che al mercato Berlusca comprò

    Alla Fiera Mediaset
    per due soldi
    un giornalaio Berlusca comprò

    E poi su “Libero” se ne va Feltri
    che va al “Giornale”
    dove se ne va Giordano
    che al mercato Berlusca comprò

    Alla Fiera Mediaset
    per due soldi
    due direttori Berlusca comprò

    E su “Panorama” se ne va Belpietro
    che va su “Libero”
    dove se ne va Feltri
    che va al “Giornale”
    dove se ne va Giordano
    che al mercato Berlusca comprò

    Alla Fiera Mediaset
    per due soldi
    tre pennaioli Berlusca comprò

    E poi su “Studio Aperto”
    se ne va Mulè
    che va a “Panorama”
    dove se ne va Belpietro
    che va su “Libero”
    dove se ne va Feltri
    che va al “Giornale”
    dove se ne va Giordano
    che al mercato Berlusca comprò

    Alla Fiera Mediaset
    per due soldi
    quattro scrivani Berlusca comprò

    E arriva Giordano
    Che va a “Studio Aperto”
    dove se ne va Mulè
    che va a “Panorama”
    dove se ne va Belpietro
    che va su “Libero”
    dove se ne va Feltri
    che va al “Giornale”
    dove se ne va Giordano
    che al mercato Berlusca comprò

    Alla Fiera Mediaset
    per due soldi
    tutti sti stronzi Berlusca comprò

  13. fabio V, ma di che sproloquio parli?

    vedi, io ho l’impressione che stiamo raggiungendo il punto più basso della nostra repubblica.
    soprattutto il giornalismo, cosa gravissima.
    e non ne posso più di vedere dei fatti chiarissimi rigirati talmente tanto da rientrare nella tolleranza.

    a facci voglio bene come ad un cugino di secondo grado e mi fa incazzare quando prende questo andazzo, proprio perchè non lo giudico per nulla un cretino.

    che ti devo dì? chiudesse i commenti come ogni tanto fa cosciente delle reazioni che potrebbe provocare.

  14. Ehi Fili’,
    ma è vero che a Libero t’hanno dato la scrivania di fronte a quella della Maglie e di fianco a quella di Giordano?
    E chi va alla macchinetta a prendere i caffè? Fate i turni o ci mandate sempre Giordano?
    Ciao Fili’, bella la tua lenzuolata di ieri su Di Pietro: è incredibile come tu riesca a vendere lo stesso articolo da dieci anni, cambiando solo un avverbio qua e là.
    “Vendere un articolo”: ma che bella immagine, mi piace proprio.
    Ciao Fili’, domani vacci tu a prendere i caffè alla macchinetta e metti trenta gocce di EN (o anche del generico) nel the della Maglie: la guerra vera non è ancora cominciata e lei già smania per i bombardamenti a tappeto con defoliante al napalm: si calmi un attimo…
    Ciao Fili’.
    Michele

  15. 11 oziose domande

    “Ogni uomo ha un prezzo” è il motto di Berlusconi.
    Quanto gli costa V. Feltri?
    Gli passa lo stipendio o lo paga a prestazione: 50% prima e 50% dopo?
    Il tutto viene regolarmente fatturato e dedotto da Berlusconi alla voce “contributi previdenziali e assistenziali obbligatori versati per addetti ai servizi domestici e familiari” oppure detratto alla voce “assicurazioni sulla vita e contro gli infortuni”?
    Gli passa la fotografia della vittima all’ultimo minuto oppure è il Direttore che gli sottopone un pacchetto ‘all inclusive’?
    È vero che a Villa Certosa e a Villa San Martino sui cancelli hanno appeso gigantografie di V. Feltri con la scritta ATTENTI AL CANE?
    Per garantire la libertà e l’indipendenza della stampa italiana in un regime non ancora pienamente post-comunista, non bastava un V. Feltri direttore di ‘Libero’? forse da lì non riusciva a prendere bene la mira?
    È offensivo insinuare che Berlusconi passi a V. Feltri dossier giudiziari: che li pagherebbe a fare i suoi avvocati?
    È oltraggioso per V. Feltri insinuare che Berlusconi gli indichi col dito dove sparare. Se insistete, dovrete vedervela anche con l’orgoglio professionale dell’avv. Ghedini.
    È vero che V. Feltri ha sottoposto la propria biografia a un diffuso intervento di chirurgia plastica, perché “si sa mai, con certi giornalisti in circolazione…”?
    V. Feltri ha formalmente diffidato chiunque dall’affermare che lui e il Suo Direttore e il Fratello del Suo Direttore stiano attuando una campagna intimidatoria mirata contro chi attacca il Presidente del Consiglio. Nel mirino c’è anche chi non ne parla bene. Mattia Feltri ha già ricevuto un avviso di garanzia scaduta.

    Scusate se mi celo vigliaccamente dietro un nickname: da piccolo ho, a volte, giocato ‘ai dottori’ – e non vorrei che uno di questi giorni V. Feltri mi sbattesse sulla prima pagina del Suo ‘Giornale’ una foto compromettente o le dichiarazioni di una qualche compagna di giochi dell’epoca o un’informativa dell’allora SIFAR.

  16. Una domanda che non c’entra niente: quanto sa Facci di imatematica? Spiego perchè: prima o poi dovrà fare i CONTI con il livoroso e vanaglorioso Scanzi, che dal suo blog dichiara di aver preso 5.5 a matematica (evidente bugia perché nel ’93 il voto di materità era complessivo in sessantesimi e nessuna indicazione vi era sulle singole materie) cioè molto si dichiara scarso in tale materia, quindi sarebbe un pianto vedere fare i CONTI fra due che non sapessero contare.

  17. Hello There. I discovered your weblog the use of msn. This is an extremely well
    written article. I will be sure to bookmark it and
    come back to learn extra of your helpful information.
    Thank you for the post. I

  18. My programmer is trying to convince me to move to .
    net from PHP. I have always disliked the idea because of the costs.
    But he’s tryiong none the less. I’ve been using WordPress
    on numerous websites for about a year and am nervous about switching to another platform.

    I have heard fantastic things about blogengine.net.
    Is there a way I can import all my wordpress content
    into it? Any help would be really appreciated!

  19. Hey there I am so excited I found your web site, I really found you by accident, while
    I was searching on Aol for something else, Anyways I am here
    now and would just like to say cheers for a tremendous post and a all round interesting blog (I
    also love the theme/design), I don’t have time to go through it all at the moment but I have saved it and also added your RSS feeds, so when I have time I will be back to read much more, Please do
    keep up the fantastic job.

3 Trackbacks / Pingbacks

  1. Wittgenstein
  2. Vita di un IO » Blog Archive » Best of my feed #28
  3. Il circo delle bufale « Blog del circolo online del PD “Barack Obama”

Rispondi