Bruciate, troie

formiche

Casa mia è invasa dalle formiche. In un primo momento volevo sterminarle tutte quante col Flit, poi l’ho deciso di risparmiarle. Osservando il loro comportamento, ho capito che le formiche sono individualiste.

E altre cose di vostro sicuro interesse.

  • Le formiche sono in grado di sollevare una briciola enorme, ma non sempre riescono a trasportarla altrove soprattutto se tu, grazie al tuo pollice opponibile, tieni ferma la briciola prendendola dall’estremità opposta.
  • Le formiche che si mettono in fila indiana sono mediamente più tonte di quelle che gironzolano per conto proprio.
  • Una processione di formiche presa dal panico inverte il senso di marcia e tenta di raggiungere ordinatamente il formicaio, però se ne schiacci un paio a caso, le superstiti rompono le righe e schizzano da tutte le parti, riparandosi dove capita.
  • Se spruzzi il Vetril contro una formica, questa si dibatte per qualche secondo e poi riparte di slancio come se niente fosse.
  • Il cadavere di una formica viene ignorato dalle formiche ancora vive, che non fanno nulla per rimuoverlo o celebrare in alcun modo la dipartita di un membro della colonia.

Risalendo con lo sguardo controcorrente rispetto al senso di marcia della processione, ho individuato il pertugio del formicaio: le minuscole bastarde si erano annidate nel battiscopa.

Poiché era notte fonda e non avevo gli strumenti adeguati per bruciarle, a meno di mandare a fuoco tutta la casa, ho preso il Bostick e le ho murate vive una volta per tutte.

Stamattina c’erano di nuovo formiche ovunque.

(Visited 210 times, 1 visits today)

34 Comments

  1. la formica con Bostik
    si prepara un bel picnic

    col Vetril poi si disseta
    prima di tornare a meta

    trasportando, la forzuta,
    una briciola caduta.

    Ci vorrebbe un formichiere
    che fa un loro un gran sedere

    ma poi vedi coi tuoi occhi
    che ti porta dei pidocchi.

    Lo ammazzi col giaguaro
    un felino molto raro

    che scompare sempre piu’
    ma se in casa muori tu.

  2. O Gaia, hai provato a mangiarle? Dicono che arrostite son buone, ma parlo per sentito dire, eh?!

  3. Odio gli insetti, so per certo che superano di gran numero i mammiferi, passo il mio tempo libero a testare veleni contro di loro, ultimamaente ne ho trovato uno fantastico: piccole esche zuccherine che gli animaletti trasportano nel formicaio avvelenendo inconsapevolmente tutta la riserva di cibo della colonia. Subldolo ma maledettamente efficace.

  4. Io invece le ho beccate che entravano da un buco a circa 20 cm di altezza, sul muro. Allora ho preso un vecchio giradischi e l’ho piazzato sotto al buco. Poi l’ho acceso. E allora le formiche entravano e cadevano e cominciavano a ruotare. Puoi aggiungere alla lista che hanno senso del ritmo.
    Che io poi alle elementari avevo scritto una storia su un formicaio. Solo che i miei genitori, essendo io secondogenito, non si ricordano dove sia finito.

  5. Suggerisco le trappoline della Bayer, poichè se il nido non è raggiungibile con gli spray e le schiume ammazzatutto, sono l’ideale.
    Le formiche morte per qualsiasi motivo fuori dal nido, non vengono cannibalizzate.Quelle che muoiono all’interno si.
    Quindi si avvelenano da sole mangiandosi tra di loro.
    Hai capito la Bayer, ha perfezionato il metodo di sterminio…delle formiche ;P

  6. Anzichè con in Vetril, prova con lo Svelto Piatti o con qualsiasi altro detersivo per piatti AL LIMONE.
    In pochi minuti muoiono tutte.

  7. mi è già capitato di ricorrere a lord bygon in complicazioni come queste,il vetril è contro la convenzione di ginevra.Tra qualche mese quando dovrai studiare la Psicopatologia della vita quotidiana dei gechi ho paura che i toni dei tuoi resoconti saranno meno spavaldi

  8. Qualcosa tra i punti elencati mi ha ricordato la città New York..o meglio i newyorkesi..

  9. da quando vivo a milano ò scoperto le seguenti cose:

    – che le formiche non soffrono le polveri sottili
    – che gli indigeni ànno il terrore degli insetti peggio che di Gozilla
    – che può essere di aiuto l’aceto, diluito nelle pulizie

    io ò un buon rapporto con le bestiole, specie con le vespe, che per tanti terrore è dire poco, si perde completamente il lume della ragione per un esserino che al massimo punge se teme per la sua vita.

    cioè, sono di compagnia!

    invece vengo rimbesuito da grida belluine “Le formicheeee! Vieni immediatamenteee!”, che neanche se andasse averamente a fuoco la casa.
    Allora mi metto lì. calmo calmo, e uso le supposte via anale, che la formica muore dolcemente, senza soffrire

  10. murare vive le formiche è da guinness, comunque :D

    (@mauro soprani: ammiro l’uso fantasioso e personale della lettera h).

  11. sarà che ho vissuto in campagna ma io le mie formiche le chiamo per nome:-)

    ps occhio, che anche le formiche nel loro piccolo si incazzano!

  12. Ahahah! Hai provato con le miccette o i miniciccioli? :)) Io da bambino le combattevo così :)))) Mi hai fatto venire in mente anche quando bloccavo le mosche dietro le tende della finestra di camera mia e le infilzavo con ago e filo per poi tenerle al guinzaglio :)

  13. le formiche del mio giardino entrano in casa ogni anno.
    l’anno che sono riuscita a sbarrare la strada con del semplice borotalco sparso su tutti i davanzali, e nei cassettoni delle tapparelle, sono uscite dal giardino, sono entrate dal portone condominiale e poi si sono infilate sotto la porta di casa!

  14. Io consiglio di ingaggiare una scutigera. Una scutigera sta alle formiche (ma anche mosche, zanzare, cimici, etc.) come un gatto sta ai topi. È vero, le scutigere non sono belle come i gatti e anzi qualcuno potrebbe sostenere che siano orripilanti, però funzionano.

    Oppure va bene il consiglio che ti ha dato hophop, credo che una miscela acido borico/zucchero sia l’ideale per sterminarle. L’acido borico si trova in farmacia, è un solido cristallino non tossico. Se preferisci posso portartene un po’, ne ho acquistato un barattolo anni fa in preda a una pulsione irrefrenabile e ora non so che farne (per le formiche ho le scutigere).

    Oppure potresti convincere un umano a catturare una ad una le formiche con una pinzetta, per poi depositarle in un barattolo. Il gioiso volontario si premuerà poi di liberare i piccoli insetti in località agreste. Volontari cattura-formiche ormai si trovano ovunque.

  15. ..preferirei essere mangiato dalle formiche sull’uscio di casa che assumere a servizio una scutigera(andate a vedervela lontano dai pasti.Di peggio ho visto solo le cucarache e i topi che scalano ridendo una superficie liscia di quattro piani)

  16. le formiche si portano via i cadaveri, se gli date tempo :D

    chi non ha letto “Formiche” lo faccia

    se non volete le formiche cercate di eliminare quel che le attira, di solito basta poco, anche una bottiglia impiastricciata di sostanza zuccherosa, un giacimento di briciole o cose del genere

    una fila di formiche può solo voler dire che c’è qualcosa del genere a tiro, rimossa l’attrazione il problema si risolve

  17. diomonds non essere così duro con le scutigere, è vero, non sono molto fighe ma non scassano la minchia e mangiano insetti che rompono il cazzo. Esiste anche un fan club scutigera
    http://www.scutigera.cjb.net/
    Se ti abitui al loro aspetto, se lavori un po’ sulle tue sensazioni, se elabori, arriverai a trovarle attraenti. Poi ti sorprenderai a masturbarti nei bagni pubblici pensando alle scutigere. Quando accadrà non ti allarmare, ci siamo passati tutti.

  18. In realtà quando trovo l’invasione di formiche nella casa di Verona (che è in campagna) le raccolgo con la scopa e la paletta e le porto in fondo al giardino dove c’è un formicaio. A Milano è più difficile restituirle al proprio habitat, anche perché hanno eletto il mio portatile a formicaio: si radunano tutte sotto l’ibook che tengo sul tavolo della cucina, forse lì sotto c’è un bel caldino, ma di certo niente da mangiare. La prima volta che ho visto una formica uscire da sotto, l’ho sollevato e un centinaio di formiche sono schizzate da tutte le parti: una scena horror. Da allora devo tenere il computer in freezer e le provviste appese al lampadario.

  19. cioè, solo per dire a marco che l’uso dell’accento al posto della acca è attestato dalla grammatica, quindi niente di fantasioso né di personale

  20. bah Procellaria,mi avessi detto una scolopendra forse avrei anche potuto credere che parlassi sul serio

    p.s. da quando hanno scoperto che sono povero e non faccio briciole le formiche vengono solo per portarmi da mangiare(o almeno a me piace pensarla così)

  21. Il sale funziona e non è cruento. Basta mettere sale fino sui percorsi e le formiche da lì non ci passano più. Ce ne vuole un bel po’ (altrimenti passano fra i granelli) e sarà necessario metterlo un po’ di volte, ma alla fine le formiche spariscono. Io le ho avute per anni, dopo un paio di stagioni a sparger sale sui bordi, non le ho più viste.

  22. “Da quel buco venivano fuori cose malvagie.Ogni mattina,la prima persona che entrava in cucina veniva spaventata da una fuga convulsa di goffe blatte marroni.Joyce chiamò il dipartimento di igiene che prescrisse alcuni prodotti.Ma il DDT le faceva solo inciampare in modo che finivano sui loro ampi dorsi agitando allegramente le zampe.Di notte si siusciva quasi a sentirele,mentre si lasciavano andare a un bestiale abbandono.”

    “Full of life”-John Fante(l’unico brano dell’autore capace di mettermi paura)

  23. io da bambino avevo scoperto che le formiche non affogano. le mettevo sul fondo di un bicchiere pieno d’acqua le lasciavo lì delle ore poi le liberavo. sembravano morte ma dopo una decina di minuti si riprendevano e correvano via.

    ps
    non ero un sadico: sperimentavo!

    ps2
    perchè ucciderle?

  24. “Le formiche che si mettono in fila indiana sono mediamente più tonte di quelle che gironzolano per conto proprio. ”

    ci sarebbe molto da dire su quest’osservazione, anche rapportandolo ad altre specie a noi vicine…

  25. beh,le formiche possono dare fastidio,ma alla fine non sono così ripugnanti.io una trentina di anni fa abitavo in affitto in una enorme casa inizio’900 e ho subìto un’invasione di enormi(ma ENORMI)scarafaggi neri.mia madre non sapeva più cosa fare,sembravano immortali…di notte se dovevo andare in bagno camminavo in punta di piedi e pattinando,per non rischiare di schiacciare gli enormi carapaci e sentire il repellente rumore(scroc)…avevo letto E.A.Poe da poco,e il suo racconto “i ratti nel muro”mi faceva pensare a intercapedini in cui sciamavano migliaia di schifosi bacarozzi affamati di carne umana…un incubo!OK,prendevo droghe in quel periodo,ma credetemi,ero l’unico in famiglia a farlo.poi mia madre deve aver azzeccato qualche strategia vincente,perchè ad un certo punto sono scomparsi…però per un bel pezzo mi è rimasto il riflesso condizionato di andare in bagno in punta di piedi.

  26. Procellaria, il tuo commento ha attirato una scutigera nella mia dimora. Non sto scherzando: l’ho appena vista infilarsi in un pertugio nel muro mentre fumavo una sigaretta fuori in cortile. Stavo esaminando una piccola crepa nel muro, quando è uscito una specie di lombrico con tante zampette laterali, lunghe e sottili. Sembrava proprio una scutigera, che orrore. L’ho istintivamente schiacciata con una ciabatta, da perfetta idiota, senza pensare che avrebbe potuto essere la mia unica salvezza contro le formiche. Speriamo che in giro ce ne siano altre. Intanto sono arrivate anche le zanzare del naviglio (cattivissime) e una famigliola di scarafaggi. Voglio traslocare subito.

  27. ho subito l’invasione sabato sera, ed avevo in dotazione solo l’oust.
    Credevo di gassarle, e invece le ho solo deodorate.
    In passato, una spruzzata di Narciso Rodriguez le elimino’ seduta stante.
    Lascio a voi le considerazioni.

Rispondi