23 Comments

  1. Sant’Obama dice che la crisi e’ prossima alla fina poi ic sara’ la ripresa….se lo dice berlusconi ovviamante e’ un buffone e il PD gli grida di smetterla, ma al sant’uomo nessuno osa rispondere?

  2. berlusconi è un buffone a prescindere!per quello che riguarda obama,avevo pensato di chiamarlo e dirgliene 4,ma non riesco a prendere la linea.quelle del PD non sono grida,sono sussurri!

  3. Quel che c’era di edibile nel pattume l’hanno ramassato i Gianluca Neri ed altri guru della Old Economy , chi prima chi poi , una puntatina tra i rifiuti toccherà a tutti. Fino al giorno in cui pochi saranno i rifiuti proprio in generale ed allora si raschieranno i muschi dai muri. Le unghie dei blogger sono rinomate in California perchè raschiano più muschi e licheni di altre categorie di ex-“lavoratori” del terziario.

  4. gia il nemico e’ sempre un buffone a prescindere! abbiamo ragione noi e basta ! cicca cicca cicca!

  5. Questione di abituarsi allo Zeigeist: ci hanno insegnato che esiste la neurogastronomia, la neuroletterartura, la neurodidattica, la neuroeconomia, adesso ci mancano la neurocrisi e la neurouscita dalla crisi. Un cicchettino di serotonina, la gente riprende a comprare e le borse torneranno su.

  6. tranquilli,hanno un piano.Se non riescono a convincerci che siamo ricchi faranno senz’altro un sondaggio telefonico per sentire il nostro parere(tariffa da fisso 1 euro,da mobile secondo il contratto stipulato col proprio gestore)

    p.s. il ricavato andrà a decrementare un debito pubblico che per il cinquanta per cento è la risultanza dei danni pagati per una guerra dichiarata e persa in partenza

  7. Mai visti per ora segnali di crisi (gente che fruga nei cassonetti? ma quando mai!) vedo invece un popolo ricco e consumista quanto basta. Del resto sono proprio gli allarmisti che vaneggiano di crisi quelli che la crisi non l’hanno mai vista né mai la vedranno. Però ne parlano.

  8. “l’ottimismo è il sale della vita…”;cribbio,tu puoi fare le scarpe a quello in età che faceva la pubblicità a non so più che cosa.sono giunto alla conclusione che berlusconi fa lo stesso effetto della cocaina:tutto è possibile.il problema è che quando passa l’effetto ti ritrovi peggio di una merda.riguardo al popolo ricco:di che popolo parli?del popolo delle libertà?del popolo bue?dei venusiani?ti porto a conoscenza del fatto che nelle mie zone la gente lavora 3 giorni a settimana;non tutti ,certo,ma per una regione che sembrava fosse la locomotiva d’italia mi sembra indicativo…qui si sta raschiando il barile;ma rimani pure ottimista,per carità.

  9. “Mai visti per ora segnali di crisi (gente che fruga nei cassonetti? ma quando mai!) vedo invece un popolo ricco e consumista quanto basta.”

    Vero…rispetto al Burkina Faso, questo è vero. Siamo ricchi e la nostra spazzatura a volte è pure commestibile, per non parlare dei caldi golfini della nonna che si possono trovare…

  10. E’ da almeno il 1993 che l’Italia va verso la rovina. Il debito pubblico che abbiamo , da solo , provoca un +2% di disoccupazione annuo , con un punto di stallo , caduta e non-ritorno (ed una disoccupazione attorno al 25%) che era previsto dagli economisti piu pessimisti tra il 2014 ed il 2015. E’ stato anticipato dal collasso produttivo del petrolio , iniziato nel 2004 e che ha concluso il suo ciclo distruttivo con il prezzo alle stelle a metà del 2008 (fatto che ha causato “la crisi”). Poi tutto quello che verrà è miseria nera , a partire dalle grandi città.

    Eravate avvertiti , ma stavate impegnati ad ingrassare chattando sul web con fighe che non ve l’hanno data. O nel migliore dei casi eravate con una negra a 30 €.

  11. allora oggi compro il pane.Per il resto aspetto l’imminente saccheggio dei supermercati(chi suona la lira,chi?)

    titus.chez-alice.fr/Propellerheads%20-%20History%20Repeating.mp3

  12. Certi prof so’ strani.Ma la gente e8 strnaa, in generale.Mia figlia e8 sempre stata sfigatissima, con i suoi.Gli ultimi due anni delle superiori incappf2 in una prof di italiano estremamente malvagia e non era manco la prima che trovava: gie0 alle elementari era stata massarata da una cosec, e io rimpiango di averla avuta giovanissima solo per questo: perche9 mi presero alla sprovvista e non seppi difenderla come la avrei difesa se fossi stata pif9 adulta.Questa delle superiori divenne un incubo, era determinata a convincerla che era scema. Offensiva, distruttiva, mortificante. In quinta, io avevo mia figlia in lacrime tutti i santi pomeriggi, pareva una malattia.Mio marito andf2 a parlarle e finec con lei urlante, una piazzata paurosa.Andai io e quasi non parlai: mi convinsi che era pazza e uscii cosec come ero entrata.Non c’era niente da fare.Tra l’altro, l’influenza negativa di questa donna si era estesa a tutto il consiglio di classe, erano tutti le0 a schifare gli alunni. A volte succede.Poi la Pupi prese in mano la situazione e decise che lei la maturite0, in quella scuola, non l’avrebbe fatta. Non voleva essere esaminata in una simile situazione.E, a marzo della quinta liceo, mi disse che voleva andare in Spagna.Subito.Ed io, pif9 pazza di lei, la appoggiai.Con il resto della famiglia che ci voleva sparare, entrambe, e il mondo che dava l’anno per perso.Traducemmo tutti i suoi documenti scolastici a tempo di record, trovammo gente disponibile al provveditorato spagnolo, facemmo una specie di miracolo e, ad aprile, lei era iscritta all’ultimo anno di una scuola equivalente alla sua in Spagna.A luglio fece la maturite0: aveva cambiato paese, professori, lingua e tutti i programmi. E la passf2.In due mesi, ce la fece.Una soddisfazione che non ti so manco dire.Un trionfo, porca miseria.L’ultimo giorno nella scuola italiana mia figlia ci andf2 apposta per fare il tema con la prof stronza.E invece del tema le scrisse una lettera.Me la raccontf2 dopo, nel pomeriggio.Una lettera gentilissima, garbatissima. Le raccontf2 di se9, dei sogni, delle aspettative deluse, della mortificazione, dell’insicurezza che le era venuta, della sofferenza dell’andare a scuola, tutte queste cose qua.Le disse: Io, con lei, ho smesso di essere capace di imparare. Una lettera molto bella, fu.Poi consegnf2 sto tema e, appunto, se ne andf2.Se a me capitasse una cosa simile come prof, credo che mi sparerei, guarda.Comunque mo’ fa l’universite0, la Pupi. In una lingua diversa da quella in cui e8 cresciuta.E la fa bene, e felicemente.Certe volte, l’obiettivo e8 sopravvivere alla scuola.

1 Trackback / Pingback

  1. raspberry ketone

Rispondi