9 Comments

  1. le regole di ingaggio le ha scritte,di proprio pugno,”Alì il comico”,invitato per l’occasione a villa certosa(dal momento che si ritenevano non adeguate le capacità prestidigitative degli uffici stampa operativi fino a ieri)

  2. Ancora e’ fresco nei Balcani il sangue di coloro che furono trucidati dai  secessionisti, i quali, tramite   le ronde, delimitarono e pattugliarono il territorio, intimidirono chi  secessionista non era e scrissero a pochi chilometri dal nostro confine, una delle pagine più animalesche e feroci della storia contemporanea europea.
    E’ scritto nei manuali dei secessionisti che l’ atto primario e fondamentale per preparare la secessione di un territorio è disporre sullo stesso di una propria capillare organizzazione che abbia potere di controllo e di intimidazione verso la cittadinanza senza che le Istituzioni si oppongano.
    I secessionisti del Nord Italia  hanno già pronte le proprie ronde e compiranno una determinante svolta nella strategia secessionista se passerà la legge che darà ai Sindaci dei Comuni da loro controllati il potere di organizzarle, di dar loro direttive e di retribuirle a spese della Comunità.
    Si ripete la stessa tragica sottovalutazione che fece proliferare le “camicie nere”, allorquando i socialisti, che stavano cacciando a pedate dalla città di Livorno le “camicie nere” furono richiamati dalla cecità politica di Bordiga ed invitati a ritirarsi ed a prendere legnate piuttosto che mettersi al livello dei picchiatori fascisti.
    E’ storicamente acclarato che i fascismi senza il supporto intimidatorio delle ronde partitiche non avrebbero avuto modo di affermarsi, come le secessioni balcaniche non sarebbero state possibili se si fosse impedito ai secessionisti di autoinvestirsi di potere poliziesco in violazione delle più fondamentali leggi democratiche dello stato di diritto.
    I difensori delle Istituzioni repubblicane sono a perfetta conoscenza che il Parlamento è pieno di secessionisti e che  del  Governo fanno parte personaggi che odiano e disprezzano l’ Italia Unita, promettendo da anni  ai propri iscritti  una loro nazione liberata e staccata dal resto dell’ Italia, irridendo l’ articolo 241 del codice penale che prevede 30 anni di galera per chi attenta all’ unità nazionale.
    Le ronde senza identità giuridica, al servizio dei Comuni ad orientamento anticostituzionale, porteranno ad abusi, persecuzioni e violenze senza che i cittadini possano difendersi.
    Francesco Miglino
    segretario del Partito Internettiano.

  3. AGLI “IMBESUITORI” I POLITICI AFFIDANO IL COMPITO DI DISTRARRE LE MASSE PER NASCONDERE INCAPACITA’ E TRUFFE.
    Grazie agli “imbesuitori” oggi scatenati più che mai nel fare regredire il cervello della gente all’ età mentale di 10 anni, il nostro paese si avvia verso la perdita del proprio PATRIMONIO SOCIALE costituito dalla consapevolezza che un popolo ha dei problemi collettivi da risolvere e di come affrontarli insieme per progredire.

    Gli “imbesuitori” saturano quotidianamente la testa della gente con pettegolezzi, canzonette, dissertarzioni inconcludenti, trame concepite per facili coinvolgimenti emotivi che per ore, mesi, anni impegnano i cervelli dei culturalmente indifesi senza lasciare loro un attimo di respiro sino a mutilarne il bisogno di riflettere ed il senso critico, suprema conquista del cervello umano che crea il varco fra l’ universo dell’ uomo e le altre specie del regno animale.

    Le più corrotte ed ottuse classi politiche hanno bisogno assoluto del lavorio incessante degli “imbesuitori” per fare vivere in ottundente spensieratezza i sudditi.
    I volti degli “imbesuitori” entrati nelle case e recepiti come familiari dal popolo vengono poi utilizzati dai corrotti per campagne pubblicitarie finalizzate a far passare scelte e leggi che colpiscono proprio gli interessi dei sudditi.

    Immaginate per un attimo la nostra informazione senza gli “Imbesuitori” e finalmente gli italiani possano conoscere in dettaglio l’ agire ed i nomi dei politici che hanno indebitato ed indebitano il nostro paese, umiliano la scuola e la ricerca, creano inefficienza sistemando parenti ed amici impreparati in delicati ruoli istituzionali e sociali, duplicano il costo dei lavori pubblici, entrano nei ministeri da nullatenenti ed escono da proprietari di appartamenti, trascurano l’ avvenire dei giovani… ecc…ecc..
    Le stesse masse che gli “imbesuitori” convogliano settimanalmente negli stadi, aprirebbero gli occhi e dopo pochi giorni di informazioni corrette chiederebbero a gran voce giustizia sia nei luoghi istituzionali che sotto le case dei peculatori il cui cielo sarebbe annuvolato dagli elicotteri per la fuga.
    Usare la massiccia distrazione di massa come arma politica per nascondere le proprie malefatte è un pericoloso e perverso atto antisociale utilizzato dalle feroci dittature sud americane e che oggi viene tristemente e quotidianamente praticato in Italia.
    francesco miglino – segretario del partito internettiano

  4. PECHINO DECLASSA L’ AMERICA E L’ ACCUSA DI DISPREZZARE GLI INTERESSI DEI CREDITORI CON LE SVALUTAZIONI DELLA MONETA AMERICANA. IL POPOLO DI INTERNET CONSTATA CON TRISTEZZA CHE IL DECADIMENTO AMERICANO AVVIENE SOTTO LA PRESIDENZA DI OBAMA, PRIMO PRESIDENTE DEL GLOBO, ELETTO CON L’ APPORTO DETERMINANTE DELLA POTENZA DELLA RETE CHE HA AGGREGATO UOMINI LIBERI NON PIU’ CONDIZIONABILI DALLE INTERESSATE INFORMAZIONI DEI POSSESSORI DELLE COSTOSE ROTATIVE DELLA CARTA STAMPATA.
    Di francesco miglino

    OBAMA HA PERSO LA GRANDE OCCASIONE DI SALVARE LE BANCHE TRASFORMANDO GLI AIUTI CON DENARO PUBBLICO IN AZIONI A FAVORE DELLO STATO AMERICANO.

    IL CONTROLLO PUBBLICO DELLE BANCHE SAREBBE STATO LA CARTA VINCENTE, IL SEGNALE DELLA NECESSITA’ DELLA SVOLTA EPOCALE, L ‘OCCASIONE DI RIVALSA AI TRUFFATI, LA DETERMINAZIONE D’ IMMUNIZZARE LA PERICOLOSITA’ DELLA FINANZA SENZA CONTROLLI, LA SCELTA INEVITABILE PER IMPEDIRE, CHE L’AVVENUTA DEVASTAZIONE DELLE ECONOMIE OCCIDENTALI POTESSE RIPETERSI.

    LA SVOLTA DI ENTRARE CON CAPITALE PUBBLICO NELLE BANCHE SAREBBE STATA POSSIBILE CON IL SOSTEGNO POPOLARE DEI MOLTI CHE AVEVANO SUBITO SULLA PROPRIA PELLE LE SCELTE IRRESPONSABILI E CRIMINALI DEL POTERE FINANZIARIO.

    lA SVOLTA EPOCALE NON C’ E’ STATA, IL CAPITALE FINANZIARIO HA RIALZATO LA TESTA ATTIVANDO IL MARKETING PIU’ SUBDOLO E PERVASIVO CONTRO OBAMA CHE RISCHIA, PER LA MANCANZA DI DETERMINAZIONE NELLE SCELTE SUGGERITE ED ATTESE DAL POPOLO DI INTERNET, DI PERDERE POTERE DECISIONALE.

    E’ ALTO IL RISCHIO CHE LE SCELTE DELLA FINANZA AMERICANA POSSANO , ANCORA UNA VOLTA, COLPIRE GLI EQUILIBRI DELLE ECONOMIE DEL MONDO OCCIDENTALE E SCONVOLGERE LA VITA DEGLI UOMINI.

    NON DEVE ESSERE PIU’ POSSIBILE AI DETENTORI DI IMMENSE RISORSE FINANZIARIE DI PORTARE ANGOSCIA, DISPERAZIONE E MISERIA OLTRE LE FRONTIERE DEGLI STATI CHE HANNO LOTTATO PER CONQUISTARE ORDINAMENTI E COSTITUZIONI A GARANZIA DI EQUILIBRI SOCIALI E PACIFICA CONVIVENZA DEI PROPRI CITTADINI.

    E’ IL POPOLO AMERICANO INTERESSATO A PRETENDERE REGOLE E CONTROLLI AFFINCHE’ I CENTRI FINANZIARI DIANO GARANZIE E VANIFICHINO LA SFIDUCIA NEL DOLLARO CHE POTREBBE PRECIPITARE ED INDURRE ECONOMIE FORTI A CONSIDERARE ALTRE MONETE COME RIFERIMENTO NELLE TRANSAZIONI.

  5. “INDIGNATI”, NON SBAGLIATE MIRA: E’ LA CORRUZIONE AL POTERE CHE DISTRUGGE IL VOSTRO AVVENIRE. SONO I POLITICI CORROTTI ED INCAPACI CHE AVVILISCONO IL VOSTRO PRESENTE E MINANO IL VOSTRO FUTURO.
    Di francesco miglino

    “INDIGNATI”, per dare un incisivo e valido apporto al rinnovamento, dovete identificare i nemici del vostro progredire, i diretti responsabili del decadimento della societa’, i fautori del debito pubblico. Dovete appurare se i politici entrati nei luoghi istituzionali della Repubblica hanno operato ed operano per il bene comune e se la gestione del denaro pubblico, frutto del contributo fiscale degli italiani, è stata ed è esercitata nell’ interesse di tutti.

    Per poter esprimere un giudizio probo ed imparziale è necessario che rifuggiate dal giornalismo schierato con i poteri forti o peggio connivente con la politica, ricorrendo invece alla voce di rari personaggi-testimoni, ex appartenenti a partiti politici o a strutture istituzionali che hanno, con i loro scritti, sentito il dovere di informare i cittadini sul vero agire dei politici e dei pubblici amministratori.

    Un uomo giusto, un magistrato della Repubblica, che ha percorso e conosciuto numerosi luoghi istituzionali, ha consegnato una illuminante e preziosissima testimonianza che svela agli uomini di buona il volontà l’agire di una classe politica che ha impoverito tutti noi e messo sulle vostre spalle, quelle delle future generazioni, uno dei debiti pubblici più elevati al mondo. La restrizione alla diffusione capillare di denunce scomode è avvenuta ed avviene grazie a media diretti da giornalisti ad assunzione clientelare, che hanno il compito di coprire quei personaggi pubblici che, per le loro malefatte, dovrebbero essere stati da tempo allontanati dalle istituzioni.

    Il testo estratto dalla pagina 29 della pubblicazione Koinè: ” Tangenti ad alta velocita’ ” scritto dal magistrato F. Imposimato, da G.Pisauro e da S.b Provvisionato, è fondamentale per capire in quali mani è la nostra Repubblica e che il rinnovamento è possibile solo e soltanto liberando le istituzioni da coloro che, pagati da tutti noi per difendere lo Stato, fanno scempio delle leggi e degli ordinamenti democratici per arricchirsi illecitamente.

    “Treno ad alta velocità. Una sfida europea, non solo italiana. Un investimento di migliaia e migliaia di miliardi per rendere più moderno un sistema ferroviario e di conseguenza il paese che lo ospita. Eppure, anche in questo, come in mille altri casi, i predoni hanno assaltato la diligenza., svuotandone le casse che trasportava.

    Ma mai come in questo caso, come nel caso dell’ Alta Velocita’, i predoni si sono coalizzati ai più alti livelli: imprenditori, affaristi d’ ogni risma, dirigenti d’ azienda, ma anche politici e burocrati, mafiosi e avvocati. Essi si sono assicurati la protezione di alcuni magistrati incaricati di indagare sul grande imbroglio:controllori che colludevano con i controllati. Il giro di burocrati si è allargato fino a comprendere alti ufficiali incaricati di svolgere le indagini e burocrati deputati a controllare la regolarità dell’ operazione.

    Qualsiasi grande scandalo dell’ era Tangentopoli impallidisce di fronte a questo assalto predatorio che alcuni esperti hanno valutato nell’ astronomica cifra di 140 mila miliardi di lire. Uno scandalo svelato, uno scandalo portato alla luce del sole grazie all’ azione della magistratura e di chi nella società civile si batte per una gestione trasparente della cosa pubblica. Chiusa la lunga inchiesta condotta prima dai magistrati di la La Spezia e poi da quelli di Perugia si attende la fase del giudizio, nell’ indifferenza generale.

    Ma gli elementi per costruire non solo la cornice , ma anche il quadro di quella che qualcuno ha voluto definire <> ci sono già tutti.

    Questa è la cronaca di un grande scempio. Un vero atto di pirateria non solo annunciato, ma anche -e a lungo- inutilmente denunciato da un giudice scomodo, divenuto parlamentare e membro della Commissione antimafia.

  6. APPELLO A BARACK OBAMA PER LA SOLUZIONE PACIFICA DELLA CRISI SIRIANA
    7 settembre 2013


    Egregio presidente BARACK OBAMA,
    il POPOLO di INTERNET si batte affinché nell’ ERA INTERNETTIANA sia bandita la violenza contro la sacralità della vita di cui ogni uomo è portatore e in Lei ha visto sempre un propugnatore di questo principio.

    Osservatore della tragedia siriana, questo POPOLO La invita ad una negoziazione ferma e pacifica: soprattutto per coerenza alla Sua base elettorale, vuole che Lei prenda le distanze dall’ agire dei Suoi predecessori, Presidenti americani scelti ed agli ordini delle lobbies e degli stampatori di moneta a debito, che disumanamente ed impunemente hanno loro imposto di devastare città ed innocenti popolazioni per poi depredarle.

    E’ possibile in alternativa utilizzare proficuamente le vie diplomatiche con argomenti congrui e persuasivi ed è possibile anche rendere partecipe del Suo intervento il POPOLO di INTERNET tramite i canali diretti e bidirezionali realizzati dai costruttori dell’ ERA INTERNETTIANA.

    Per la sensibilità sociale ed istituzionale emersa dai Suoi discorsi, nonché in qualità di premio Nobel, opti per la PACE e risolva con grande umanità i gravosi compiti a Lei assegnati, respingendo coloro che Le chiedono di ordinare vili massacri e di macchiarsi le mani del sangue di popolazioni inermi ed incolpevoli.

    La soluzione diplomatica delle controversie La conclamerà UOMO di PACE inondando di speranza il mondo e di orgoglio il POPOLO di INTERNET che L’ ha sostenuta e votata portandoLa da uomo libero dalle lobbies alla più alta carica istituzionale, da dove può custodire e valorizzare i principi della Costituzione Americana concepiti dai Coloni, empatici al punto da sancire il diritto alla felicità di ogni cittadino americano.

    Non deluda il POPOLO di INTERNET: chi infligge sofferenza e versa sangue rallenta il cammino verso la conoscenza e la consapevolezza su cui milioni di uomini di buona volontà si incontrano, si alleano ed empatizzano per costruire una comunità umana di progresso e di vera libertà che prevalga su Caino.

    Con grande fiducia.
    Francesco Miglino
    Segretario Partito Internettiano
    http://www.partitointernettiano.it/

2 Trackbacks / Pingbacks

  1. Silvio, Zero Assoluto | globb
  2. Un 25 aprile condiviso | globb

Rispondi