Il nuovo leader

Direi che la giornata ha chiarito senza ombra di dubbio chi è in questo travagliato momento il nuovo leader della sinistra: Beppino Englaro.

(Visited 18 times, 1 visits today)
About Leonardo 39 Articoli
Blogga dal 2001, con alterne fortune.

21 Comments

  1. Beh, dai: partiti e leader si erano volutamente messi sullo sfondo oggi pomeriggio.
    Altrimenti bisognerebbe anche ammettere che l’unica iniziativa politica attiva oggi in italia è quella dello sbattezzo (l’unico banchetto che campeggiava ai lati)!

  2. io l’ho fatto! (lo sbattezzo)

    Beppino Englaro, o anche Mercedes Bresso, che mandò a dire a muso duro ai vescovi che non siamo in Iran. Purtroppo temo che nessuno dei due sia nè disponibile, nè troppo ben voluto nel loft del piddì…

  3. Il fatto che abbiate disperatamente bisogno di un leader non significa tirar dentro per forza un uomo a cui spetta un po’ di pace.

  4. ah…allora son loro che lo tirano dentro?… mi sarebbe dispiaciuto pensare che ci si stesse buttando dentro da solo con il cadavere della figlia ancora caldo

  5. Quel che è certo, Barynia, è che il PSI di Craxi era infinitamemnte più “di sinistra” dell’attuale PDI.

  6. il PD non è un partito di sinistra, lo hanno detto loro stessi e sarebbe ora che ci entrasse in testa, tanto che non entrano nemmeno nel PSE
    il che ovviamente c’entra poco con Craxi e ancora meno con Englaro, che non è qualificato per fare il leader pur essendo una degnissima persona.

    alla sinistra serve un progetto condiviso diverso dalla presa del potere fine a se stessa, al PD serve ancora un po’ di tempo per completare la sua nemesi, sempre che il nano non collassi prima rianimando le truppe

    il PD non è di “sinistra” e non vuole nemmeno esserlo, se lo dimentichiamo rischiamo di parlar di niente o di vivere nell’illusione

  7. (si possono fare un sacco di congetture lasciando in pace quest’uomo una buona volta). Il leader attuale della sinistra è Gianfranco Fini e il PSI sta un po’ più a sinistra della Democrazia Cristiana, sì.

  8. Ieri Franceschini è stato proclamato (anche le ‘primarie’ sono già un lontano ricordo!) nuovo segretario del PD ‘a termine’ dall’Assemblea nazionale. In tutto ciò c’è, tuttavia, una coerenza di fondo: segretario ‘a termine’ per un partito già al termine di vita…
    Saluti
    Luciano Bubbola

  9. Nei post di segnalazione il contenuto non è rilevante, potrebbe essere semplicemente “leggete questo”. Ho letto e in effetti non mi sarebbe capitato altrimenti.

  10. Franceschini è cazzuto, spariglierà le carte. Butterà fuori a calci tutti quelli che non accetteranno i principi base dell’autodeterminazione dell’individuo, alle europee prenderà il 23% e scenderà in piazza nudo a festeggiare insieme a quattro albanesi (ci sono ancora gli albanesi? sembra che i rumeni li stiano surclassando su tutti i fronti, albanesi svegliatevi!) e tre magrebini. Tutti lo prenderanno come un segnale di temerarietà e il suo petto villoso conquisterà le prime pagine dei giornali. Berlusconi si cacherà sotto, il suo sistema immunitario si affloscerà e verrà stroncato da un’encefalite. Fini si masturberà all’istante. Tra gli ex-FI si scatenerà una ferocissima lotta per accaparrarsi il dominio. Tremonti e Formigioni la spunteranno e tra loro sanciranno un patto di sangue per la spartizione del potere. Un gruppo di balordi rapirà il ciambellano Gianni Letta a cui somministreranno allucenogeni, stimolanti sessuali e altre sostanze psicotrope in grandi quantità, poi lo rilasceranno a un concerto dei Tokyo Hotel dove molesterà numerosi ragazzini. Nonostante l’esame tossicologico lo solleverà da ogni responsabilità, le fotografie che lo ritrarranno mentre infila il suo turgido pene nell’ano di ignari spettatori faranno il giro dei media, verranno mostrate nei programmi pomeridiani RAI, saranno sulle copertine delle riviste scandalistiche e la sua reputazione di fidato maggiordomo vaticano verrà irreparabilmente intaccata.

  11. Ma io voglio aprire un brevissimo dibattito sulle primarie, questa storica stronzata falsa ed inattuabile vendita come la panacea di tutti i ma(ia)li. Andrò con ordine:
    1. le primarie sono americane e lì funzionano da sempre ma in maniera diversa rispetto a quanto vorremmo fare noi importando di sana pianta un modello che non ci appartiene e che non abbiamo la cultura adatta per fare nostro (per capirci: qui in Italia nessuno sarebbe disposto a fare una campagna elettorale per le primarie velenosissima come quella di Obama e Hillary e poi, una volta sconfitto, stringere lealmente la mano all’avversario e dire ‘adesso sei anche il mio candidato, farò di tutto perchè tu venga eletto’, senza considerare che quelle locali sono farse pilotabili con 100 euro (prendo 100 euro dal mio portafogli e pago il voto di 100 miei amici che altrimenti non sarebbero venuti a votare ma neanche sotto tortura perchè magari non gliene frega una cazzo o sono di destra e lo fanno solo perchè gliel’ho chiesto io e sto pagando l’euro del contributo);
    2. io signor Rossi, simpatizzante del partito X, non sono troppo contento se il mio partito X per decidere le candiature anche a rappresentante d’istituto della scuola elementare ‘Collodi’ mi viene a chiedere il parere: signor Rossi, secondo lei chi dei 45 candidati del partito X è il candidato giusto? Ma come, lo chiedi tu a me? Dovrei chiederlo io a te! Me lo devi dire tu, santodio! Devi assumerti le tue responsabilità, mi devi assicurare che quello che hai scelto è il MIGLIOR candidato in assoluto e se poi non è vero io non ti voto più. Cosa ben diversa sono le primarie di coalizione in cui ci sono diversi candidati che ambiscono alla carica di leader di coalizione e allora lì mobilitiamo tutto il centrodestra o centrosinistra e vinca il migliore;
    3. immaginiamo una competizione primaria tra 4 candidati del partito X per stabilire chi sarà il candidato sindaco di RoncoBilancio. Beh, ill partito X, il giorno i cui si vota, si ritrova con: signor A al 25% dei consensi, il signor B con al 26%, il signor C al 21% e il signor D al 28%. Bene: mi sapete dire che cazzo di vittoria è questa? Che partito esce da questa primaria? Un disastro, evidentemente.

    Ho detto una cazzata?

  12. ti prego massimo, non mi paragonare la Bresso a Englaro. ha fatto solo questa uscita buona in 4 anni di governo del piemonte… per il resto è paragonabile al fantasma di una ameba. e tutto il suo entourage in campo forestale è anche peggio… lasciamo perdere la bresso, per favore!

Rispondi