Portiamo 1 kg di sale a Letizia Moratti

La Moratti non ha letto le previsioni del tempo – o guardava le previsioni del tempo delle Maldive – e quindi non si aspettava tanta neve a Milano. E poi, l’altra sera aveva invitato diversi amici a casa per cena, e quindi le era rimasto poco sale…

Portiamole 1 kg di sale a testa a Palazzo Marino! Questo è un gruppo NON virtuale. Vogliamo andare per davvero a Palazzo Marino col sale.

Iscriviti al Gruppo su Facebook per decidere come e quando.

(Visited 7 times, 1 visits today)

35 Comments

  1. come non riesci a iscriverti ?

    se sei già iscritto a facebook, devi fare login.

    se non sei iscritto a fecebook, devi prima iscriverti cliccando sul bottone verde “Sign Up” in alto a sinistra.

  2. No, non si sta esagerando.
    Da una settimana tutte le trasmissioni meteo davano la notizia di abbondanti nevicate in pianura, Milano compresa.
    Non è assolutamente accettabile che una metropoli che si appresta ad ospitare l’Expo sia stata presa così alla sprovvista.
    E la mancanza di sale è solo la parte più ridicola.
    La carenza di spazzaneve, di assistenza, di qualsivoglia provvedimento in merito ha fatto passare a chi vive a Milano un paio di giorni da incubo.
    E, ripeto, non è accettabile.

  3. certo che ascoltandovi sembra che sia nevicato a Napoli invece che in una città del nord. Ma non dovreste essere abituati? tipo: mettere le catene agli autobus è peccato?

  4. Scusate l’intrusione
    ma non vi crediate che a Londra quando nevica (molto meno) la situazione sia molto migliore: caos totale (pur avendo mezzi pubblici strafunzionanti)
    non credo lo sia in nessuna grande capitale europea (in cui non nevichi regolarmente) con tutta la neve che e’ scesa in questi giorni
    non per difendere la moratti, ma mi ricorda un po il “piove governo ladro” di antica memoria….

  5. nevica, sindaco incompetente!

    Giovanna: se la Moratti avesse detto: Milano non è e non è mai stata attrezzata per mezzo metro di neve, nè vale la pena che si attrezzi, perchè succede 1 volta ogni 10 anni, allora, forse, potrei anche darti e darle ragione.

    Ma che:

    a) dica che non era prevista tanta neve – falso!

    e

    b) non abbia SALE – non dico mega spazzaneve da montagna, ma SALE a sufficienza, beh…

  6. Eh ma mi sa che il sale da cucina non è lo stesso che si usa per la strada (cloruro di sodio vs cloruro di calcio).

  7. Bello leggere tutti i Vs. commenti, da ex cittadino milanese dico che la sig.ra “MORATTI” ha perso una grande occasione per stare zitta…..Non c’è mai un politico che si prenda le sue responsabilità.

  8. Domenica passando in macchina ho visto 6 spazzaneve fermi parcheggiati nel piazzale del cimitero monumentale.
    Intorno non si circolava e nel 70% della milano che non è corso como la neve si occupava di creare il caos del quale si è parlato.

    Mancava il gasolio, evidentemente, oltre al sale, visto che con 6 spazzaneve (in più) in giro per Milano certo non risolvi ma di sicuro fai una figura migliore di quella fatta muovendoli solo per andare a parcheggiarli là fuori.

    Per quanto riguarda il sale, poi, la questione è ancora più ironica.
    Nei giorni precedenti alla grande nevicata, quelli della settimana scorsa per intenderci, a Milano le strade erano quotidianamente coperte di sale pure se non era sceso un solo fiocco di neve.
    Anche nella mia zona non proprio centrale né di particolare valore (anzi), oggi infatti ignorata dagli spazzaneve, le strade erano coperte di sale fino all’ultima via privata.
    Questo immagino per risolvere (efficacemente, va detto) il problema delle gelate notturne.

    Allora com’è?
    Il sindaco non può avere il sale necessario per la neve ma ne ha avuto tanto da spargerlo pure nei tombini quando di neve non si parlava?
    Il problema è il sale o chi le ha suggerito di usarlo TUTTO quando non nevicava senza lasciarne due sacchi per la più che prevista abbondante nevicata dei giorni successivi?
    Ok manca il sale ma il gasolio c’é e allora non si capisce perché almeno gli spazzaneve non siano stati usati tutti nonostante fossero lì in bella vista, oppure oltre al sale a milano manca pure il gasolio perché quello di cui sopra le ha suggerito di usarlo tutto per spargere tutto il sale quando di neve non ce n’era traccia?

    Qui non si tratta di stupirsi per la neve a Gennaio, ma per le tonnellate di sale in ogni angolo di periferie quando la neve non c’era e gli spazzaneve fatti uscire solo per parcheggiarli quando al contrario ne è scesa in quantità biblica.

    Insomma, due dubbi sulla capacità di valutazione della realtà della Signora sindachessa direi che è legittimo farseli venire.

  9. PS:

    Dubbi (sulla sua capacità di valutazione della realtà) che per altro erano già sorti in abbondanza quando si mostrò stupita nello scoprire che il governo non aveva nessuna intenzione di lasciarle la gestione della valanga di soldi dell’Expo2015.

  10. Il problema è che noi milanesi siamo diventati come i napoletani e ci lamentiamo tutto il tempo e non facciamo la nostra parte. Penso che condomini e negozi DEBBANO spazzare nella parte di marciapiede a loro competente e non l’hanno fatto, ad esempio. Poi, la situazione poteva essere gestita un pò meglio, si, ma 40 cm di neve a milano non si vedevano da tanti anni, quindi in parte il disagio lo si sopporta, eddai. Poi quello lì sopra che vede 20 cm a milano almeno una volta all’anno, mi sa che vive ad helsinki e sta ancora, un pò confuso, cercando la madonnina.

  11. Sì certo tutti in strada armati di pala e con il sacco da 25 di sale sulle spalle.
    Poi magari fuori in brughiera a cacciare una lepre e al parco lambro a fare un pò di legna per riscaldare le case con la caldaia esplosa.
    E le tasse perchè le paghiamo allora?

  12. Di Moratti,
    dai Letizia,
    cerca sale,
    trovi Expo,
    ma tu,
    infine,
    non sparger male,
    ma trovaci del bene
    anche se eccede.

  13. Il sale è utile per nevicate leggere, inutile per grossi quantitativi di neve. La soluzione migliore è lasciare uno strato di neve battuta, così come si fa nei paesi nordici, tanto più che Milano non ha salite tali da rendere necessarie le catene. Piuttosto mi chiedo quanti sconsiderati circolino con le gomme estive.

  14. diamonddog, non devi avere studiato molto l’educazione civica a scuola.

    E neanche le ordinanze comunali.

    In ogni caso i milanesi civili, quando nevica, prendono la loro brava pala, escono di casa, spalano la neve che si trova sul marciapiede liberandone una parte e vi spargono il sale e la segatura.

    Capito ora, genio?

  15. Ustia sono dieci anni che sto a Milano e a parte calpestare le vecchiette e fare le corna a chi mi chiede un informazione non ho ancora trovato il tempo per comprarmi una pala.
    Che, abitando al settimo piano di un condominio, potrei usare per darla in testa a quello del piano di sotto quando rompe i coglioni con la “colegiala”.
    A parte tutto questo è bello immaginare Milano come Gressoney.
    Tutti vestiti con lo shearling e con la pala in mano pronti in cortile a partire al via dell’amministratore.

  16. diamonddog, sono dieci anni che abiti a milano e non ti eri mai accorto che la buona parte dei marciapiedi sono puliti, dopo una nevicata, non per gli spalatori del comune ma grazie a commercianti e portinai? bene, hai imparato una cosa nuova. forse perchè in questi dieci anni non ha quasi mai nevicato, in effetti. Ah, la pala, una (chè ne basta una) tutti i condomini ce l’hanno, tranquillo, non la devi andare a comprare

  17. diamonddog comunque massima solidarietà a te per il vicino che ascolta la colegiala! ;)
    la musica latinoamericana è terribile!

  18. Azz…una sera sono andati avanti fino alle 4.
    Stavo per scendere con l’accetta tipo Jack Nicholson quando si affaccia alla porta del bagno in Shining ma un amico fortunatamente (per me, sotto erano tutti ‘mbriachi fradici) mi ha trattenuto.
    I sudamericani sarebbero anche vitali simpatici e anche lavoratori.
    Ma levate
    li quegli stereo alla dogana, perdio.

  19. La pulizia del proprio pezzo di marciapiede è un dovere di residenti e commercianti.
    Le strade sono competenza del Comune.

    Detto questo, non può uscirsene con la minchiata della neve inattesa .

  20. Ammazza quanto la fate lunga per un giorno di neve. E che sarà mai?
    Siete proprio sicuri che il mondo si sarebbe fermato se mercoledi ve ne fosti state a casa a godervi il calduccio?
    Sono d’accordo, c’è chi deve andare in giro per forza, ma con meno workaholic che credono che il loro lavoro sia essenziale prima che a tutti a loro stessi, anche chi era obbligato a spostarsi lo avrebbe fatto con meno problemi.

  21. Che poi, in realtà, il sale Milano ce lo aveva anche.
    E’ che ha dovuto prestarlo a Torino, qualche giorno prima della nevicata, perché i sabaudi ne erano rimasti senza.
    Da notare che i torinesi sono rimasti senza sale sia prima dell’ultima nevicata (e hanno risolto chiedendolo a Milano), sia dopo l’ultima nevicata (e sono rimasti nella palta come Milano).
    Ora mi aspetto che si apra un gruppo di facebook anche per Chiamparino….:)

    Ps: avevo commentato in modo simile ieri, con tanto di link, ma i miei due commenti sono finiti chissà dove.

  22. Sfortunatamente ero a Milano a trovare i mie, fortunatamente non vivo più nella trasandata capitale lombarda da alcuni anni.
    Il 7 gennaio ho fatto un viaggio da incubo da milano nord ad orio al serio non riuscendo poi a partire.
    Chi difende la Moratti non puo’ essere che palesemente in malafede, oltre all’incompetenza (che già si conosceva dai tempi della rovina dell’istruzione, quindi la furbetta conferma solo la sua incapacità) è anche arrogante ed abusa della religione per prendere in giro gli altri consapevole di farlo, doniamogli un quintale di sale da mettere nella sua zucca per renderla presentabile. Io avrei voluto incontrarla a quattr’occhi nella landa desolata da milano nord ad orio al serio.

  23. Chi se ne frega della Moratti (un attimo però: indossa sempre delle bellissime spille), la neve è una consuetudine invernale. Funziona così che in primavera sbocciano i fiori e l’aria è tiepida, d’estate ci sono l’afa e le zanzare, in autunno piove e cadono le foglie. D’inverno fa freddo e talvolta nevica, sì signori. Bertolaso è l’uomo più stressato d’Italia, tra un po’ lo chiamano anche per un gatto sull’albero.

  24. Io quando vedo Bertolaso penso sempre che stanno incendiando un sacchetto di immondizia sotto casa.
    Mi assale un’ansia mortale, il suo sorriso e una serie di cerniere lampo che indossa egregiamente.

  25. “Chi se ne frega della Moratti”

    Chiunque abiti a Milano, a spanne.

    “la neve è una consuetudine invernale”.

    Appunto, quindi “Non si poteva prevedere” se lo poteva risparmiare.

    Se ci aggiungi poi che ormai pure Voyager dedica una puntata su due al fatto che ogni anno di più quando è la stagione calda farà molto molto caldo e quando è la stagione fredda farà sempre più freddo freddo (Voyager poi dice che la colpa. è dei marziani, ma vabbé), far due più due e aspettarsi che da sindaco, oltre che per una notevole fornitura di spille, spenda qualche euro preventivo su molto molto sale, non sarebbe mossa così marziana da chiedere.

1 Trackback / Pingback

  1. Jay's Anatomy

Rispondi