Esempi di coraggio

Arriva il giorno in cui il coraggio smette di essere una virtù esemplare e diventa qualcosa di scomodo da eliminare.
Quello è il giorno in cui tutti perdono perché è proprio il coraggio a permettere che le cose cambino.
Evidentemente qualcuno vuole che il mondo rimanga esattamente così com’è e preferisce commissionare esecuzioni invece che affrontare la spaventosa realtà del cambiamento.
C’è chi dice che dalla storia s’impari a non ripetere gli errori del passato, ma credo che in questo caso la storia abbia fornito a chi teme un certo tipo di coraggio una soluzione già sperimentata.

(Visited 24 times, 1 visits today)

10 Comments

  1. Certo che fare i riassunti di un’impressione con voi è inutile.
    Non mi interessa.
    Dite, fate, motivate. Finchè lo fate rispettando gli altri a me sta bene.
    Davvero.
    Non mi interessa avere torto o ragione su un post del genere.

  2. Ninna,
    a te Facci piace col tempo.
    Io sono nata già adorante.
    (la prima parola che ho detto è stata meches,
    la seconda Dipietro).

    Ho chiesto pertanto di entrare in un presepe.
    Come nick adorante.

  3. @Ninna_r : voglio sperare che tu Domenica abbia dormito pure troppo.
    (“Arriva il giorno in cui il coraggio smette di essere una virtù”
    “C’è chi dice che dalla storia s’impari a non ripetere gli errori del passato”)

  4. “Antonella: mmm, no. Io capisco. Capisco che chi viene solo per criticare l’autore non ha niente di meglio da fare e quindi sparisce.
    La frase del blog è uno spazio pubblico lascia il tempo che trova. Anche le aiuole dei giardini pubblici sono spazi pubblici ma non per questo le si rovina.”

    Beh insomma…non è proprio così. Se io lascio un commento nel tuo blog e tu mi censuri, “uccidi” il mio pensiero che è un attributo fondamentale della mente, quindi secondo questo principio se io rovinassi l’aiuola di un giardino mi si dovrebbe amputare un arto in quanto commetto un gesto fisico.
    Che poi rovinare un giardino è un reato dal punto di vista legale, mentre non mi pare ci sia una legge che vieta di deridere o provocare gli autori dei blog…e questo la dice lunga sull’attinenza del paragone che hai fatto.

    “Parli dell’esempio di coraggio ma poi tu per prima ti spaventi ogni volta che qualcuno vuole farti notare qualcosa. [..] Ma se cancelli con tanta facilità perché sei prevenuta e ti aspetti solo consensi sempre e comunque allora tu per prima non sei pronta al cambiamento e il tuo attegiamento non è molto lontano da quello di quei talebani.” Concordo in pieno.

  5. Francamente ritengo che Dario Italy sia un uomo da sposare.
    Vale 100 Ginobramieri,55 Raimondi Vianelli e un paio di Totò impilati uno sull’altro.

  6. P. S.
    Dario, mò non ti offendere che non tengo la pazienza di venire ad ‘appiccicarmi’ ogni due minuti qua sopra.
    :) (faccina…che non si sa mai)

  7. per chi non li avessi visti i commenti insulsi cancellati a sw4n erano una diretta conseguenza del commento n. 12: in essi si ostinava a ripetere di aver salvato screenshot di commenti in cui dceva di aver salvato screenshot di commenti. non credo fossero questo grande arricchimento per la discussione e per i lettori.

  8. Dario
    Grazie per la traduzione, non credo però ce ne fosse bisogno (siamo tutti dei filoimperialisti di merda, mica dei cretini)

Rispondi