Le settimana che ci ha fatto passare dall’estasi della Coca all’agonia della noce moscata

  • Avete in casa la noce moscata? Buone notizie, potete usarla in modo alternativo.
  • Ecco Cavalier Gaja, adesso lei e i blog vi conoscete meglio.
  • La messa è finita andate al wine-bar — Soluzioni anticrisi: aprire wine-bar dentro chiese e cattedrali.
  • Partita doppia — Voi date una didascalia noi olio extravergine d’oliva.
  • Carlo Cracco e la musica dell’anguria: perché?
  • Uliassi di Senigallia è il ristorante dell’anno (abbiamo finalmente scoperto).
  • Lo dicevamo noi — Gli slogan miracolistici di Barilla Alixir sono ingannevoli.
  • Come Barolo, Dolcetto e Barbera diventeranno un solo Barolo
    Dop.
  • Concita conciata: alla faccia dell’Unità.
  • (Visited 42 times, 1 visits today)

    5 Comments

    1. Contrariamente a quanto sta facendo il ministro della Pubblica Istruzione, ecco un caso in cui sarebbe opportuno rispolverare il giudizio piuttosto che il voto: non sono d’accordo sul 10 dato al wafer di Uliassi, c’è troppo patè de fois gras e risulta stucchevole. Per il resto si può essere d’accordo ma a La Polena a Pescara si mangia forse il miglior pesce (crudo) d’Italia e senza stelle Michelin e senza metterla giù così dura. Poi Cracco e soprattutto il suo sommellier andrebbero ridimensionati. Alla fine chi ci rimane? Bottura? ma basta, torniamo a mangiare normale!

    2. La petizione: “Pretendo che venga fatto cessare da subito il servizio del sommelier di Cracco in quanto deleterio per l’immagine della città di Milano. Richiedo inoltre che per il complesso della sua attività il sommelier sia processato per crimini contro l’umanità” l’ho proposta io. Basta?

      Il wafer non è per tutti.

    3. Ciao! Gentilmente, appena leggi questo commento, contattami tramite e-mail, vorrei parlarti e scambiare due chiacchiere con te, se non è un problema! Grazie!
      Il mio contatto di msn è quelcherestadelblog @hotmail.it!

    Rispondi