8 Comments

  1. “In un teatro scoppiò un incendio dietro le quinte. Un clown uscì sul palcoscenico e avvisò il pubblico. Gli spettatori pensarono che si trattasse di uno scherzo e applaudirono. Il clown ripetè l’annuncio, con sempre maggior divertimento dei presenti. E’ così, immagino, che il mondo finirà distrutto: tra l’ilarità generale dei buontemponi, convinti che sia tutto un gioco.” (Soren Kierkegaard)

  2. Parlando di sedia elettrica, mi fa specie che la Moratti e gli altri si siano indignati che qualcuno facesse delle finte esecuzioni al luna park ma che nessuno si preoccupi che in America le fanno davvero. E comunque: avete notato che Berlusconi è cambiato? Prima mai si sarebbe sognato di dire, dopo una legge ad personam, che se ne servirà immediatamente. Ora non ha neanche più il pudore di servirsene tacendo. Evviva evviva!

  3. Che diavolo di intrattenimento… pagare per non farcisi neppure un giro…..
    eppure mi ricordo di alcuni fantocci impiccati in qualche parco urbano che hanno destato nella maggioranza degli ipocriti di questo paese a targhe alterne…
    ah già dimenticavo, nessuno pagava per vedere gli appesi agli alberi…

  4. Mi fa specie pensare che i bambini impiccati di Cattelan abbiano causato tanto turbamento nei Milanesi al punto di volerli tire giù

    http://guide.supereva.com/arte_moderna/myimg/158593_1.jpg

    Ed invece la riproduzione della sofferenza di un’uomo e della sua morte inserita in un contesto goliardico,non sisciti altrettanta indignazione.
    Anche io credevo che i moralisti esistessero solo nelle parrocchie.
    Propongo la vera esecuzione dal vivo come nel medioevo,ed i bambini di cattelan li mettiamo nel Lunapark.Ad ognuno il suo posto. ;P

  5. Come ho fatto a non pensarci! Che stupido! Era così “naturale”… il morto vero nel lunapark!
    Maledetti Assassini
    Addio Alessandro!

Rispondi