Che ci hai un euro, che mi ci ricarico l’iPod?

Il GAT, ovvero il Nucleo Speciale Frodi Telematiche della Guarda di Finanza, forte di una supposta competenza in campo informatico che in quanto ad allarmismo è pari solo a quella che Don Di Noto può vantare nell’ambito della lotta pedofilia, ha lanciato l’allarme per gli “mp3 droganti”.

La notizia ha origine da TgCom (e il consiglio è di non perdervi la sobria e realistica immagine a corredo del pezzo, scelta tra le vincitrici del concorso “L’obiettivo al servizio della pretestuosa creazione di confusione tra droghe pesanti e droghe leggere”). Verificata l’autorevolezza della fonte, tutti i quotidiani italiani ci si sono buttati a pesce.

Secondo il colonnello Umberto Rapetto, insomma, nel prossimo futuro potrebbe accadere di sentirci proporre di ascoltare una canna.

Ora però ditemi voi se è più deleterio per i vostri neuroni ascoltare un sedativo, ascoltare un peyote, o visitare il sito ufficiale del GAT del colonnello Rapetto.

No, voi credete stia scherzando: dico sul serio.

(Visited 15 times, 1 visits today)

27 Comments

  1. Dai che son fortunati, che ora Google indicizza anche Flash e almeno chi cercherà termni relativi al nucleo s internet potrà rintracciarli subito ch’ebell….
    Scusare ero ancora sotto l’effetto del sito…
    Più che GAT … LOLGAT

  2. Questo link vi porterà ad osservare una famosissima cassa Subwoofer Servodrive.
    Frequenza riprodotta dai 14hz ai 125hz.Queste si usano in teatro per riprodurre suoni particolarmente grevi.
    Esistono di varie dimensioni,ma normalmente,svuotata del contenuto può contenere una persona,forse anche Giuliano Ferrara :P.Come sballarsi con frequenze così basse e con le cuffie….rimane un segreto…od una bufala.

    http://www.servodrive.com/Download_files/Contrabass/ContraBass.pdf

  3. Il sito del GAT è un ottimo esempio di quanto le “musiche droganti” possano nuocere alle persone sane.
    La definizione “delirante” è poca cosa. Bisognerebbe aggiungerci “orrendo”, “inguardabile”, totalmente lontano da ogni qualsivoglia norma W3C…e questi sarebbero “gli sceriffi della rete”?
    Ho ascoltato troppo Gigi D’Alessio e mi viene da movitare….

  4. A giudicare dal sito, si direbbe che il colonnello Rapetto si diverta un sacco.

  5. “Il fenomeno dell’i-Doser sembra sia già dilagato in nazioni come la Spagna…”

    Google Noticias

    Su búsqueda – i-Doser – no produjo ningún documento.

    maddeche?

  6. dopo aver preso visione de sito, ne sono certo. non si tratta del colonnello rApetto, ma rEpetto. mauro repetto. deve aver fatto carriera dopo aver intepretato l’orso baloo…

  7. Pur plaudendo ChandlerNeri per il gaudio che mi ha procurato il titolo del post , nonchè il sito del GAT , debbo dire che, più che ridere , il gusto finale che lascia in bocca la faccenda è di inkazzatura.
    Basta spendere soldi dei contribuenti , stipendiando varie forze dell’ ordine per fare attività di “dubbia” utilità. Tutti soldi buttati nel cesso .
    Certo pensavo che peggio che con la cannabis ( sarà un lustro che non faccio 2 tiri) , non potessero fare . Ma a quanto pare erravo , ora gli stipendiamo anche per fare la lotta agli mp3 droganti … bene , complimenti…
    (http://news.bbc.co.uk/1/hi/uk_politics/5230006.stm)

    -“Scusa , che ce l’hai un Limone?”
    -“E a che ti serve?”
    -“Mi ci devo fare una Pera”
    -“Ecche sei , un Mago ?”

  8. Cioè, la vera droga sono i giornali, che comuqnue cioè non sanno davvero che scrivere, perché poi voglio dire sempre a puntare il dito contro i giovani che si fanno la troca.

    Io preferisco sniffare il mordente mogano scuro. Oppure quella roba americana fermentata a base di m…a.

  9. il problema ora è capiree quali file MP3 ascoltava il web designer del sito della GDF mentre progettava le pagine del GAT…
    ma ci rendiamo conto che questi anziché lavorare si mettono a fare le animazioni flash?

  10. Non mi era mai capitato, ancora prima di finire di leggere l’articolo o di ascoltare il servizio, di pensare “ma che cazzate sparano?” direi che siamo davanti alla bufala record di smentita… e complimenti, uno dietro l’altro queste grandi testate a riprendere la cosa con allarmismo, per non parlare della guardia di finanza che si dovrebbe sotterrare…

  11. Ho visto parlare un generale in TV e mi sono chiesto: “Ma dove li trovano così imbecilli? Così idioti dove li trovano?”.
    Poi ho sentito parlare il colonnello Rapetti e ho capito tutto: i generali li trovano tra i colonnelli.
    Grazie infinite a Paolo Rossi.

    Per fortuna il colonello Rapetto sembra una persona simpatica, tanto da consentire alla GdF di fare un sito da videogioco di quarta categoria.

  12. A proposito di soldi nostri,buttati negli stipendi di questa gente,se questa è la professionalità delle forze dell’ordine,altro che impronte a tutti i cittadini,piuttosto mi taglio via tutte le falangi.Presumo che tutto ciò serva come termometro del rincoglionimento generale.Immaginatevi quanti poveri vecchietti,non si recheranno più al parco perchè è pieno di drogati che corrono mezzi nudi con le cuffiette nelle orecchie…queste notizie sono da piaga sociale. ;P

  13. Spero vivamente che gli autori dei commenti precedenti abbiano utilizzato una connessione VPN di qualche remota nazione extra-UE, altrimenti subiranno tremende conseguenze…

    Vorrei ricordare il caso dei commenti sul giornalista Gigi Moncalvo, giusto per rendere l’idea.

    PS: le droghe audio sono musica sparata nei timpani per mezz’ora, che equivale a prendersi a padellate in testa, ovvio che poi ti senti stordito!

6 Trackbacks / Pingbacks

  1. PlacidiAppunti
  2. ...pensierini in eccesso...
  3. Il Quiquiri Carinola
  4. il Blog di Fuoriluogo.it
  5. Allucinazioni su internet at fiore|blog
  6. Ascoltare una canna - Vittorio Pasteris

Rispondi