Smoke seller

Il Berlusca parla in campagna elettorale di Stanca come futuro ministro (al min 4:40 del video a lato). E si spertica a più non posso nell’arte in cui eccelle, il venditore di fumo; poi lo tromba per far posto ad un Brunetta qualsiasi:

(Stanca) Conosce tutti i tecnici che riguardano i computer e il digitale. Porta con se una squadra che e’ il meglio del meglio delle esperienze e del know-how per fare cio che si deve fare: digitalizzare la pubblica amministrazione.
Sarebbe veramente un errore impossibile passare da uno che per 5 anni ha studiato il problema, producendo tante cose: la carta di identità elettronica, la firma elettronica, la carta della sanità e che adesso deve soltanto riprendere ciò che la sinistra ha colpevolmente abbandonato…
(Visited 8 times, 1 visits today)

34 Comments

  1. Si deve stare proprio alla canna del gas per parlare di smoke selling tirando fuori Brunetta vs Stanca.
    Dai, puoi fare di meglio.
    Scandaglia almeno le fedine penali e i fiancheggiamenti mafiosi. Avrai senz’altro più successo.

  2. “Scegliere una donna solo se è più brava di un uomo: è questa l’emancipazione. Il governo potrebbe essere composto solo da donne oppure da nessuna”

    Clap, clap, clap.
    Grazie Facci (e non sono ironica).

  3. Virgi’, è che ho trovato il video su youtube dopo aver letto il post di Sofri (sui 12 ministri); appena ho sentito di Stanca mi è venuto da ridere.
    Le fedine penali e i fiancheggiatori sono ormai cosa comune. Siete abituati da tanto, e non vi fanno più effetto.

  4. Anche Luca Sofri poteva far di meglio che usare il pallottoliere come un ragioniere.
    Non mi sembra granchè come motivazione da parte tua.
    Superei però con serenità le conte sul sesso, il segno zodiacale, il luogo e la data di nascita, lo stato civile… Almeno per il momento.
    Guarda, ti potrei persino suggerire un’acidata più consistente: quella sulla momentanea trombata della Brambilla. Ma tremo al pensiero di un suo recupero più pesante.

  5. “Scegliere una donna solo se è più brava di un uomo: è questa l’emancipazione. Il governo potrebbe essere composto solo da donne oppure da nessuna”.
    Condivido sinceramente anch’io e senza edicola.
    E’ una cosa che in fondo pensamo in tanti ma per omologazione (ma de che?) insistiamo a dire che “no, però le donne ci vogliono” e non ci rendiamo conto di quanta discriminazione possa insidiarsi in una frase o operazione del genere. E poi se sò queste le donne, annamo bene..
    Alle volte le confondo persino, tutte quello stesso taiellurino-foulardino-capellino-giarrettierino.

  6. Questo ruolo di Tutor che Virginia si è autoassegnata e che la porta sotto ogni post a spiegare ad autore e commentatori chi sono cosa pensano cosa dicono cosa dovrebbero invece dire come sarebbe meglio scrivessero un concetto come potrebbero renderlo più ficcante come andrebbero messi giù come tesi piuttosto che come ipotesi, fa letteralmente entusiasmare.

    Ci mette un impegno, una professionalità e una costanza che in qualche modo spero prima o poi venga premiata perché un tale talento non può esaurirsi nella soddisfazione serale di aver sculacciato almeno due commentatori al giorno.

    Più leggero, me la immagino con un cavallo che nitrisce fuoricampo ogni volta che scrive il suo nome in chiusura della puntuale lezione di blogging.

  7. Mi associo a Broono. Virginia è ormai il mio supereroe preferito. Ha mostrato che il paralogismo è un’arte viva, attuale, dinamica. Però questa volta un po’ mi ha deluso: quella di prendere la cosa deliziosamente sottogamba dicendo “c’è di peggio” è robetta da dilettanti. Mi piace di più quando nega l’assunto dello scrivente con spiegazioni circostanziate…

  8. “Scegliere una donna solo se è più brava di un uomo: è questa l’emancipazione. Il governo potrebbe essere composto solo da donne oppure da nessuna”.
    No mi dispiace ma non condivido. In tutti questi anni io ho dovuto votare uomini orribili. Credo che la vera emancipazione sia avere anche la possibilità di votare donne orribili, non per forza solamente sempre e soltanto più brave degli uomini, voglio votare una donna che fa schifo.
    Questa sarebbe emancipazione. Mi sono stancata dell’analisi trita e ritrita sulle incredibili, vere o presunte, capacità delle donne. Voglio votare una donna mediocre non wonder woman. Esattamente come Berlusconi o Veltroni, uomini semplicemente mediocri.

  9. Vi ringrazio della vostra cortesia. In fondo, mi avete promossa da fan di Facci, ove non sua altra identità, a Tutor. E son già soddisfazioni.
    De Marinis, gli ho sì detto che c’era di peggio, ma non proprio tutto, data la debolezza del suo assunto. Mi rammarico tuttavia di non aver soddisfatto il tuo palato critico in stile Isotta.

  10. C’è una cosa che proprio non capisco di queste nomine ministeriali: come si fa a trombare la Brambilla e a non trombare la Carfagna?

  11. Lucio Stana? Lo stesso che ha fatto progettare il magnifico portale Italia.it spendendo 45 milioni di euro? Se questo e’ e’ il meglio del meglio delle esperienze e del know-how preferisco Brunetta.

  12. > 12 ministri invece che 23-24

    Governo Prodi: 17 con portafoglio, 8 senza, totale 25;
    Governo Berlusconi: 12 con portafoglio 9 senza, totale 21.

    Differenza: 25 – 21 = 4 solo 4 dopo tutto quello che si era detto.

    In piu’ si prepara un posto alla Salute per la Brambilla, cio’ significa che il primo provvedimento del nuovo governo sara’ la modifica della legge Bassanini che pone a dodici il limite dei ministri con portafoglio.

  13. “Credo che la vera emancipazione sia avere anche la possibilità di votare donne orribili, non per forza solamente sempre e soltanto più brave degli uomini, voglio votare una donna che fa schifo.”

    Questo ragionamento va bene per i parlamentari, che possiamo votare.
    I ministri, invece, vengono scelti dal presidente del consiglio dei ministri. E sarebbe il caso che il criterio fosse il merito. Stop.

    Io non capisco perché la Madia si rallegrasse ieri sera del fatto che la Prestigiacomo sarà ministro dell’ambiente.
    Io mi chiedo invece cosa ne sappia di ambiente, di chimica, di biologia, eccetera.

  14. 12 Ministri erano quelli senza portafoglio, lo stesso Napolitano lo ha confermato. Quello che conta è il numero totale con i sottosegretari che non dovrà superare i 60 contro i 103 della passata legislatura.

  15. Lol, cazzo c’entra Napolitano? Mica è stato lui a promettere agli elettori “12 ministri anziché 23-24” (cfr. video sullinkato). O a promettere “12 ministri, di cui 4 donne” (cfr. questo video: http://news.centrodiascolto.it/video/id=249024/d=2008-05-07 ). Oppure a dire a Primo piano:

    Roma, 14 mar. – (Adnkronos) – “Invece dei 26 ministri di questo governo noi avremo 12 ministri e almeno 4 saranno ministri donna”. Lo ha annunciato Silvio Berlusconi ospite della puntata di ‘Primo piano’ che andra’ in onda questa sera.

    E a far scrivere di conseguenza ai colleghi di Facci sul Giornale cotante perle:

    Berlusconi: solo 12 ministri e almeno 4 saranno donne
    «Nel governo del Popolo della libertà ci saranno 12 ministri, e 4 di questi saranno donne», ha sparato solennemente Silvio Berlusconi ieri sera in tivù. Era il colpo conclusivo per Primo Piano, su Rai3, che ha centrato tre obiettivi, primo fra tutti quello di rimarcar la differenza rispetto al governo Prodi coi suoi cento e passa elementi. Suscitando però, anche sospetto e timore tra i maggiorenti di Forza Italia e di An, con la prospettiva di doversi spartire soltanto 8 ministeri «buoni», cioè con portafoglio, e doversi poi accapigliare per le aggiuntive 4 poltroncine senza portafoglio. E dando il via alla corsa delle candidate, giovani o stagionate, belle oppure oscar alla carriera, novelle o già esperte che siano, tutte in lizza per far la ministra.
    ( http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=248138 )

    etc etc

    (Meraviglioso. Questi epifenomeni di elaborata automenzogna pur di non constatare la realtà dei fatti sono alquanto affascinanti.)

  16. Vabbè, la sparata dei 12 ministri totali fa parte delle cazzate elettorali per prendere voti, un pò come l’eliminazione dell’ICI o i millemila campus universitari promessi da Veltroni: non crederete mica a ‘ste cose?

    Il governo Prodi aveva il 42% di dicasteri in più (17 contro 12) e molti più membri (103), per cui non mi sembra affatto male.

  17. Non so come mai mi è venuto in mente Vittorio Sgrabi quando definì Rosy Bindi, donna più bella che intelligente.
    Generalmente concordo con le posizioni di Facci, sono contraria alle quote rosa o per i giovani o quant’altro, ma queste argomentazioni sono irritanti. E le donne che si imbruttiscono per non correre il rischio di non essere prese sul serio sono peggio di chi le accusa di essere state elette per altri meriti, dimostrano profonda insicurezza e senso di inferiorità, cose che non si addicono a chi vuole ricoprire posti di responsabilità. Da donna, preferisco donne orgogliose della loro femminilità e se hanno le gambe belle o un bel decolté tanto meglio.

  18. Murmur, voi che vi trovate a vostro agio nella merda siete indubbiamente il futuro.

    Per inciso, il vincolo dei 12 ministri con portafoglio e di un esecutivo non superiore a 60 membri è un vincolo di legge inserito nella finanziaria 2008 (articolo 8 bis, “Norme sulla formazione e composizione del Governo”, in recepimento del decreto legislativo n.300/1999 detto legge Bassanini). L’articolo 8bis è stato voluto e votato dalla scorsa maggioranza. FI, AN e Lega hanno votato contro. Insomma, se non ti sembra affatto male, ti tocca ringraziare Prodi. Condoglianze :)

    http://www.repubblica.it/2007/10/sezioni/economia/conti-pubblici-58/taglio-ministri/taglio-ministri.html
    http://www.iaconet.com/legge-finanziaria-2008-artt-8-8-bis-9-10.htm

  19. Berlusconi ha fatto le cose per bene, e la sinistra rosica con le solite percentuali usate già ai tempi dell’URSS. Vivete per quello, non cambierete mai.

  20. Http500, so che la cosa è del tutto irrilevante, ma ho voglia di dirtela lo stesso: trovo le cose che scrivi a tratti incomprensibili, e nelle restanti parti decisamente cretine (ma non è colpa tua: son le tifoserie, tutte, di qualsiasi colore, che mi fanno questo effetto).

    Per il resto, se tu sei contento che il tuo candidato del cuore ti abbia promesso dodici ministri, e te ne abbia schioccati nel culo ventuno come l’ultimo dei Prodi, affaracci tuoi. Come ho già scritto, il futuro è vostro.

  21. Hanno rotto le scatole a Prodi per mezza legislatura con questa cosa, nonostante abbia tagliato del 30% gli stipendi dei ministri il suo compreso, ridotti i costi generali , che adesso, al primo atto, anzi al primo atto e mezzo (perché il primo mezzo è stato di far fallire l’unica trattativa seria che aveva in piedi Alitalia e di bruciare 300 milioni di euro dei contribuenti. Anche qui hanno messo le mani in tasca degli italiani, cosa che avevano detto di non fare) si rimangiano una cosa che avevano sbandierato ai quattro venti, e che peraltro come dice giustamente Luca Carlucci, Prodi aveva inserito in finanziaria, e la destra non aveva votato.

    Vi stanno rendendo la vita davvero difficile a non farvi fare figure di merda a voi che l’avete votati. Saranni 5 anni d’inferno per voi. Sempre che non espatriate prima per esaurimento o prendiate il forcone per andare a Palazzo Chigi. :)

  22. Si, meno male qualcuno l’ha detto, Http500: sei un cretino, puerile, sciocco, un dodicenne idiota.

  23. Veramente, le cose non proprio così. Ripeto: al momento continuate ad imbufalirvi sul nulla.
    http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=259970
    E nel link di Carlucci: “Critica la reazione dell’opposzione, Lega compresa che pure in commissione Bilancio aveva contribuito alla messa a punto della norma. “E’ un articolo ipocrita – dice il capogruppo Roberto Castelli – Il governo più pletorico e numeroso dice agli altri che dovrà ridurli al prossimo”.

  24. Il futuro e il governo non è “nostro”, è di tutti i 60 milioni di Italiani. Così come i due anni appena passati. Io non ho problemi a ringraziare il buon vecchio democristiano Prodi. Considerato chi aveva nella compagine, da Mastella ai comunisti, è riuscito a fare pure troppo in due anni.

  25. Virginia, e chi s’imbufalisce? Qui, nell’Italia delle libertà, è tutta una risata – compresa la mitica prima pagina del Giornale di oggi vista un’oretta fa al super: titolo “Berlusconi presenta i suoi dodici ministri”, e giù sotto l’infografica coi ventuno babbioni. Rotfl.

    Poi le cose stanno esattamente come ho scritto: la norma Bassanini l’ha messa in finanziaria, rendendola vincolante, l’idropico governo Prodi (che, se interessasse la mia opinione, è stato un vero abominio dal punto di vista dell’entità dell’esecutivo), col voto contrario di Lega, ForzaItalia e AN. Il resto è ciancia.

  26. Segnalo solo come nota, che ovviamente andrà verificata nei prossimi mesi. Concentrare l’attenzione sul terzo blocco alla frase “rallentameno delle entrate fiscali rispetto all’andamento degli ultimi mesi”. E’ molto probabile che si faccia sentire il rallentamento della crescita del PIL, anche se non può essere escluso un effetto elettorale. Ricordo che ad aprile 2006 ci fu la prima grande impennata delle entrate fiscali.
    Il trend del fabbisogno invece continua ad essere più basso di quello dell’anno scorso (nonostante il peggioramento di aprile), che era già stato dell’1,9%, migliorativo del 0,5% rispetto agli obiettivi del 2007 che erano del 2,4%.
    http://www.tesoro.it/web/cs/view.asp?idc=19021

    ——————————————
    Il fabbisogno del settore statale del mese di aprile 2008 è risultato pari, in via provvisoria, a 10.500 milioni, superiore di 1.000 milioni rispetto a quello registrato nel mese di aprile del 2007, pari a 9.450 milioni.

    Nel primo quadrimestre del 2008 si è registrato complessivamente un fabbisogno di 31.000 milioni, inferiore di circa 2.700 milioni a quello dell’analogo periodo 2007, pari a 33.698 milioni.

    L’incremento del fabbisogno del mese di aprile 2008, rispetto a quello dello scorso anno, risulta determinato da un rallentamento delle entrate fiscali rispetto all’andamento degli ultimi mesi e dall’evoluzione della spesa, che rimane in linea con la previsione della Relazione Unificata sull’Economia e la Finanza Pubblica per il 2008 (RUEF 2008).

  27. a me piacerebbe leggere un commento dell’odioso ma laicista Filippo Facci sulla prossima delega governativa sui “temi etici” affidata alla sopraffina Eugenia Roccella….

    Facci ci sei?

Rispondi