Presi per il Vaffanculo.

I giornali non ne hanno parlato, da quanto so. Forse, m’han detto, l’ha fatto il Riiformista di domenica. Sicuramente non ne ha parlato Beppe Grillo nerl suo sito commerciale.
Spiegazione. L’ultimo Vaffanculo day promuoveva la firma per tre referendum, e lo sappiamo. La regola, la solita, è che per ciascun quesito referendario occorre raccogliere almeno 500mila firme nell’arco di tre mesi. Fatto questo, le firme possono essere portate in Cassazione e poi i quesiti vagliati dalla Corte Costituzionale eccetera.
Perciò, durante il Vaffanculo day del 25 aprile, e nei giorni successivi, e anche oggi, si promuove la raccolta delle firme in varie parti d’Italia. Coloro che firmano e che hanno firmato, ovviamente, vorrebbero che potessero esserci questi referendum, chiaro. Logico.
E invece no. Quelle firme non valgono nulla, e Grillo lo sa. Ma non lo dice. Non lo scrive.
Perché non valgono nulla? L’hanno spiegato a Grillo, ancor prima del 25 aprile, i massimi esperti di cose referendarie: i Radicali. L’articolo 31 della Legge 352 del 1970, hanno ricordato, recita questo: «Non può essere depositata richiesta di referendum nei sei mesi successivi alla data di convocazione dei comizi elettorali per l’elezione di una delle Camere».
Traduzione: dal giorno in cui hanno indetto le elezioni politiche, non puoi depositare firme per sei mesi.
Ora: siccome le elezioni sono state fissate il 6 febbraio scorso, significa che le firme non possono essere depositate prima del 7 agosto, appunto sei mesi dopo. Però, come ricordavamo, le firme hanno una validità di tre mesi dall’inizio della raccolta, cioè devono essere raccolte nei tre mesi precedenti la consegna.
Ergo: se la consegna è il 7 agosto, i tre mesi precedenti partono dal 7 maggio, ossia da oggi. Tutte le firme raccolte prima di oggi, durante il Vaffanculo-day e nei banchetti di tutt’Italia, valgono quindi zero.
E, ripeto, Grillo lo sapeva. Ieri, durante una trasmissione televisiva, ho chiesto a Di Pietro se lo sapeva anche lui: mi ha risposto di sì.

(Visited 11 times, 1 visits today)

48 Comments

  1. Fantastico. Il grande castigatore dell’informazione abborracciata, fasulla e complice merita la tessera dell’Ordine ad honorem.

  2. io veramente ho firmato ma sapevo la non validità delle firme per il referendum. Ne avevano parlato anche in tv, mio padre pure lo sapeva…quindi non era un informazione tanto ‘nascosta’…Ma ho deciso di firmare lostesso, la cosa mi sarebbe costata poco ma avrei contribuito a dare il mio piccolo ‘segno’
    anche se le firme non fossero per un referendum ma tanto per raccogliere firme a favore di quel che proponeva avrei firmato uguale…
    Anzi la mia ignoranza era il fatto che credevo non sarebbero state valide e basta, ora scopro che da oggi possono valere anche per il referendum. Tornerò a firmare semmai? :)

  3. Penso nn sia questo il problema visto ke Grillo nn ci metterebbe niente a raccoglierle di nuovo!il problema è:serve a qualcosa raccoglierle?o finiranno in cantina come quelle dell’8 settembre?come si possono ignorare 350.000 cittadini x quanto riguarda l’8 settembre e 1.300.000 del 25 aprile???per ieri trovo vergognoso un individuo come Gasparri ke si permette di mettere in dubbio le parole del Dott. Montanari dicendo ke nn era neanke uno scienziato o criticarlo x il fatto di essersi candidato!Gasparri è una persona squallida!!

  4. Grillo lo sapeva perfettamente, tantoché lo ha anche detto in piazza a Torino il 25 Aprile, e Matrix ha diffuso nei giorni immediatamente successivi (non ricordo precisamente) il reativo passaggio di Grillo.

    Questa volta, Facci, non sei perfettamente al corrente delle notizie.

  5. se non erro ne hanno parlato ad annozero ma avevo visto e letto in proposito anche da qualche altra parte.
    CMQ (premetto che non parteggio x grillo e non ho firmato) non capisco il senso/fine ultimo di questo post: la notizia dove sta?

  6. Cosa vuoi che importi al comico Grillo di queste regolucce, per il trust Grill la raccolta di firome è solo un’azione di marketing e come tutte le azioni di marketing si concretizza e si esaurisce nel messaggio stesso. Il dopo non ha alcun valore se non come misurazione. E nel suo caso le metriche danno risultati esaltanti, perlomeno stando al reddito dichiarato dal comico.

  7. La cosa in rete è risaputa da tempo. Non so se i giornali ne abbiano parlato o meno, ma non mi stupisce che non ne parlino.
    Comunque, referendum o meno, in una nazione normale il fatto che un sacco di gente sia insoddisfatta e si possano raccogliere così tante firme, farebbe pensare. In Italia ci si attacca a un cavillo legale per dire che quelle firme sono merda. Intendiamoci a me Grillo non piace e sul suo blog ci sarò capitato un paio di volte per sbaglio, ma mi sembra che la politica sia cieca e sorda e l’informazione abbia già sciolto gli sciacalli per fare fuori chi (a torto o ragione) non si adegua.

  8. @Caterina Sembri una girotondina al contrario, lo dicevano anche di Berlusconi che si era messo in politica per sistemare Mediaset, può essere che Grillo abbia copiato :)

  9. @Facci: forse era perchè eri troppo indaffarato a intervistare Portento e ti è sfuggito :)

  10. Io sono basita. Raccogliere firme per un referendum o firmare per esso, citando proprio la parola referendum, credendo quindi nella validità e nell’importanza di questa istituzione democratica essendo tuttavia consapevoli che il referendum stesso non possa essere richiesto e quindi verificarsi causa veti sanciti da norme costituzionali è finanche peggio di un’ignoranza manifestata postuma.

    Molto meglio un mea culpa, non lo sapevo, che un uso illegittimo della parola referendum in nome di una richiesta d’attenzione circa un malcontento popolare.

    Poi se vogliamo dire che gli articoli della costituzione li leggiamo a gran voce solo quando ci fanno comodo allora è un altro paio di maniche.

  11. Mi segnalano il come Grillo ne avrebbe, durante un comizio, apertamente e chiarissimamente parlato:

    “troveranno un cavillo, i costituzionalisti, per dire che non sono valide… ma lo diranno nel marzo 2009, io sono qui adesso! Non me ne frega che qualsiasi servo del potere mi elimina la validità di 2.500.000 persone che sono uscite di casa a mettere una firma!»

    (il cavillo si chiama legge, comunque).

  12. Scusate ma allora se tutti sapevano, e ne ha parlato anche Grillo, la gente cosa cazzo ha firmato a fare? Non facevano prima a dirsi “oggi promuoviamo i referendum ma voi firmateli solo dal 7 maggio”? Certo, cosi’ facendo Grillo si sarebbe fumato l’occasione tra qualche mese di fare un bel pistolotto contro la Casta che interpreta (!) le leggi per metterla nel culo al popolo…

  13. Cavillo o cavallo, sempre un sacco di firme sono.
    Poi, sono sicuro, la sensibilità dei nostri politici, li porterà a modificare la legge per venire incontro alla richiesta di referendum, hanno cambiato la legge elettorale in due settimane, vuoi che no riescano ad abolire un comma :)

  14. Della questione ne hanno parlato durante la diretta tv su ecotv, e l’ha pure ripetuto Grillo stesso sul palco.
    Facci parla per una volta dei *contenuti* dei referendum proposti, lascia da parte la bile…

  15. “Ma certo. Lo sapevano tutti. Non lo sapevo solo io. E’ così. ”

    forse eri troppo impegnato a cercare i peli nelle uova

  16. Facci sei solo un poveraccio…Grillo potrà anche non essere un santo,ma tu hai il pepe al culo perchè sai che se un domani veramente l’informazione fosse libera tutti gli pseudo giornalisti come te dovrebbero andarsene a casa e imparare un altro mestiere.Ti ho visto ieri sera da Mentana mi sono vergognato per te e per il tuo amico Gasparri,fate proprio una bella coppia…tanto lo so che questo post non lo pubblicherete…siete solo burattini.Continuate con la censura e la disinformazione,forse un giorno a forza di raccogliere le briciole riuscirete anche voi a mettere da parte i soldi di Grillo…invidiosi eh? andate a quel paese

  17. Si infatti xkè Facci x una volta nn parla dei referendum??cosa ne pensa di tt e 3??xkè nn si esprime??ci dici cosa ne pensi??

  18. Sono Loro che escono questi cavilli. Ma siamo 3.000.000 in piazza, inutile che Riotta non ne parli, in rete lo sanno tutti. Non ci fermano più! E’ solo l’inizio! Italiani!

  19. Lo sapeva, e lo sapevano un po’ tutti. Solo che Grillo voleva fare il secondo v-day proprio il 25 aprile, come gesto simbolico. Se avesse dovuto fare il V-day in base alla data utile per la raccolta delle firme in vista di un referendum, avrebbe dovuto farlo l’8 maggio.

    Ma la festa della mamma non sarebbe stato un simbolo cosi’ forte come il 25 aprile. O forse si?

  20. A chi dice che 500.000 firme sono tante e bisognerebbe tenerne conto anche se poi non sono valide per i referendum (ma fossero 800.000 sarebbe uguale), vorrei far presente che la lista di Ferrara contro l’aborto ha preso più di 900.000 voti. Teniamo conto anche di quelli?

  21. LA LEGGE E’ UGUALE PER TUTTI

    Ma cavilli de che!
    La legge è la legge (specie quella non fatta ad personam), e chi “se ne frega”, è un populista demagogo, come Grillo, purtroppo (perché qualche cosa giusta la dice), si sta dimostrando.
    Sarebbe ora che come con la fiumana di dissensi registrati sul suo sito a proposito della pubblicazione dei dati sulla dichiarazione dei redditi, qualcuno ricordasse a Grillo che la legge o si cambia o si rispetta.

  22. Jova, è che c’è poco da dire: se i grillini sono contenti (consapevoli o meno) di raccogliere firme che non servono a nulla, che lo facciano pure.

    Spero che la carta su cui le raccolgono sia riciclata (e che stiano attenti al cassonetto nel quale le getteranno alla fine).

    Sic transit gloria mundi.

  23. Quando pensi che non possa andare più in basso di così, facci prende una vanga e inizia a scavare.
    Ora poi è diventato ossessivo-compulsivo. Su ‘sto blog un post su due è una stupida invettiva di facci contro grillo, ma non si rende conto di essere peggio di tutti quelli contro cui si scaglia (grillo, grillini, commentatori, chiunque non sia d’accordo con lui).

  24. F. ieri sera mi sono sintonizzata su Matrix (per cercare la mia mamma che è tra il pubblico) e ho visto che dibattevi la cosa con Di Pietro. Sulla sua risposta mi sono persa devo dire la verità, ma non ho resistito fino alla fine per trarre le conclusioni su un altro contradditorio: le micro particelle prodotte dai termo-valorizzatori sono cancerogene o no? E quale sarebbe l’eventuale alternativa al problema rifiuti? E’ un divagare dal tuo post, chiedo venia, e certamente andrò sul sito di Grillo, ma mi interessa perchè debbo valutare un progetto che verte sulla questione.

  25. Ma come Grillo non era per la vera informazione? Per la libertà di “sapere”? Non capisco cosa abbia scatenato il vostro furore contro Facci di preciso; notare che tutto sommato Grillo su certi argomenti preferisca glissare, mi sembra rientri a pieno nell’idea di libera informazione accessibile a tutti su tutti da parte di tutti tanto decantata per l’appunto da Grillo.
    Detto questo, se preferite continuare a parler pour parler, suggerisco allora di tornare al topic dei boccchini.

  26. Ogni volta che finisco di leggere o di ascoltare Facci mi dico: “sì, ma il punto è un altro”.
    Ormai sono sicuro che Facci non ci faccia ma che veramente non capisca una madonna.

  27. Matilde, non so se hai notato, ma nei commenti e’ venuto fuori che la cosa era nota, che l’ha detta anche Grillo stesso, e lo scrive anche Facci in un commento.

    Dunque, Facci ha scritto l’ennesima stronzata, per sua stessa ammissione.

    Ti e’ piu’ chiaro, adesso?

  28. Facci, premetto che non mi sei molto simpatico. Però quando scrivi, di solito leggo. Ho apprezzato il titolo “Perchè non mi voti, razzista di merda?”. In una frase hai riassunto un periodo (nel senso di epoca). Qui su Grillo, sulla biografia non autorizzata, non ci sono stato tanto a perdere tempo…mi sembrava una cosa tipo “Novella 2000”. Ma effettivamente tante cose che il buon Beppe afferma, sono delle cagate inverosimili. Non voglio esprimere il mio modo di vedere su quanto dico, non faccio l’elenco delle buone e/o cattive idee che Grillo propone; voglio però esprimere i miei dubbi sul fatto che, chi accetta il Grillo-pensiero, accetta TUTTO. E se non sei daccordo, sei un servo dei padronipluripregiudicati. Questo è il problema reale.

  29. ‘M’ è così cretino che non capisce neanche l’ironia basica, ma proprio basica.
    Ragazzi, veramente: che poveracci.
    Invece di affrontare le evidenze, loro le negano. E attaccano me, così, isterici, alla cazzo.
    Pensano che ci sia un complotto mondiale e corrotto per cui io dica certe cose e vada persino in tv a dirle: non gli passa per la testa che se m’invitano, se mi ascoltano, è perchè le cose che dico hanno un senso e spesso nessuno le ha dette con chiarezza.
    Io mi occupo del mondo reale, non del vostro micro-cosmo sotto acculturato, sgrammaticato, frustrato e dove ve la cantate e ve la sgrillate.
    Beppe Grillo ha nascosto alla massa che le firme per i referendum non erano finalizzate a nessun referendum. Fine. Non è una mia opinione, poveri stronzi: è così e basta. Siete zero. Non esistete. Fine. Ciao.
    Un’aggiuntina: il 21 febbraio scorso il mercante dell’antipolitica ha pure scritto sul suo blog, pardon sul suo sito commerciale:

    “Io non ho mai chiesto niente a nessuno. Però ho sei figli, tutti a carico, e un V day alle spalle. Da quando si è saputo che a Bologna ci ho rimesso 80.000 euro ho perso il rispetto dei miei concittadini. Che figura ci faccio in giro? Sono la vergogna di Genova. Nessuno mi fa più un prestito e quando mia moglie mi manda a comprare il latte devo pagare in contanti! Se la libertà non ha prezzo, un V day comunque mi costa un casino. I miei parenti mi vogliono internare, non mi riconoscono più. Mettetevi una mano sul portafoglio e comprate il dvd del V day per finanziare il prossimo V Day del 25 aprile sulla libera informazione, la più importante. Chi vuole può riceverlo gratis (gratis, una parola che mi fa rabbirividire), ma dovrà fare i conti con la sua coscienza e con mio fratello. Che diventa matto».

    Lo straccione, intanto, col businnes dell’antipolitica, L’ANNO SCORSO, dichiarava il doppio degli anni precedenti. Però non gli basta. Di fronte ai guadagni, non vuole neanche una lira di spesa: dovete pagare voi, voi precari, disoccupati, poveracci, mazziati e probabilmente anche cornuti.

  30. Tu puoi anche cancellare i commenti, rimane il fatto che stavi suggerendo a Gasparri mentre lui ripeteva che Grillo ha ucciso un bambino, e ti hanno visto in molti.

    Grandissimo peracottaro di un odontotecnico scaricatore di cassette.

  31. Per uno (Grillo) che quando ritiene di dover promulgare una notizia bombarda, e ripeto bombarda, in maniera monotematica, ripetendo all’infinito sempre la stessa cosa come un mantra, ecco perdonami ma non mi sembra che l’inezia della non validità delle firme abbia avuto lo stesso peso da parte del medesimo.
    Che poi nessun giornalista abbia dato particolare rilievo a questa questione prima di Facci (non è bravo, ha culo) a parte Vanity Fair della scorsa, o forse quella ancora precedente, settimana ecco questo forse è ancora più interessante.

  32. Dall’ultimo mail di FF non solo si deduce che l’autore non capisce una madonna (probabilmente lo invitano a porta a porta proprio per questo) ma che non capisce neanche l’ironia basica, ma proprio basica: poveraccio.

  33. E’ come la cazzata delle 113 basi Nato ed Americane in Italia, sono alla fine 6, ma Grillo dove trova le notizie? Sul Web? Che almeno le cerchi nei posti giusti. Grande Facci, bellissima questa tua frase ” Di fronte ai guadagni, non vuole neanche una lira di spesa: dovete pagare voi, voi precari, disoccupati, poveracci, mazziati e probabilmente anche cornuti”. Ma nessuno capisce, fidati.

  34. Sì. A Gasparri ho suggerito (l’ho corretto, più che altro) che Grillo è un pregiudicato non solo per una questione bensì per due (anche la diffamazione alla Montalcini) e che non ha fatto solo un abuso fiscale, ma anche edilizio. E allora?
    La storia del bambino ucciso colposamente (che poi non è un bambino: è un’intera famiglia) la sapeva da solo, Gasparri, perchè aveva letto la mia inchiesta. E allora?
    La maniera sgradevole di raccontarla per il resto appartiene a Gasparri.

    ***

    Il cretino, M, continua a dire ‘odontotecnico’ e ‘scaricatore di cassette’.
    Preciso, per chi non lo sapesse, che prima di andare all’università mi sono diplomato in odontotecnica e che a 23 anni, rimasto disoccupato, per un breve periodo ho scaricato cassette all’ortomercato. Sinchè è durata: poi mi hanno discriminato perchè ero l’unico bianco.
    E allora?

  35. Non e’ questione di ironia basica o acida, e’ che anche da come l’hai messa tu (e hai citato solo una parte di quello che ha detto) si capisce che Grillo era al corrente della cosa, come anche molti di coloro che hanno firmato, visto che te lo hanno anche scritto qui. Senza contare i mezzi di informazione che ne hanno parlato abbondantemente.

    Sul fatto che vai “perfino” in tv a dire le tue cose, e che nientepopodimeno ti invitano a dirle e ti ascoltano pure, vorrei ricordarti che in tv a dire le cose, e lo ascoltano pure, ci invitano anche il mago Otelma. Non per niente ieri eri di fianco a Gasparri, non ti dico la mia opinione su di lui perche’ dovresti ricordarti quella che hai espresso tu sul giornale. E lo invitano anche, e lo ascoltano nientedimeno.

    Mentre tu gli suggerisci, si capisce.

  36. Facci, la maniera di Gasparri di insistere sul bambino non è solo sgradevole, è molto peggio, è demagogica, è scandalistica nel senso più triviale del termine, è voyeristica, e tenta di lavorare sulla parte peggiore degli italiani, quelli che si infervorano per i plastici al sangue di Vespa. Preferisco non pensare che quell’uomo sarà il capogruppo alla camera del PdL.

  37. Non parlar d’altro. Erano al corrente della cosa «anche coloro che hanno firmato», dici? Secondo me no. Non lo erano per niente proprio. Non lo sono i centinaia che mi stanno scrivendo, non lo erano quelli che stanno riprendendo questo post, non era nessuno ieri a Matrix (a parte Di Pietro) e il punto non è solo questo, il punto non è solo tutti quelli che non lo sapevano e che hanno firmato per un cazzo: il punto sono quelli come te che lo sapevano (almeno così dici) e che neppure capiscono quanto Beppe continui a prendervi per il culo. Siete carne da blog.
    Ora vado a dormire che ho sono, ho passato la mattinata a contabilizzare le bustarelle di regime che ho preso ieri.

    Ps: A Gasparri e inizio trasmissione, se l’hai vista, ho rinfacciato d’aver votato a suo tempo per l’abolizione della preferenza unica. E anche l’analisi sulle basi americane non mi pareva molto allineata, se l’hai ascoltata.
    ‘Notte.

  38. Gasparri è un forcaiolo. E’ uno che nel 1994 disse «Di Pietro è meglio di Mussolini». L’ho sempre scritto. Nei fuori onda mi rompeva i coglioni perchè qualche giorno fa, per dichiarazioni a raffica e non necessarie, l’ho definito il Pecoraro Scanio della destra.
    E fatemi dormire, cazzo.

  39. Guarda Facci a me di Grillo non frega un cazzo. La folla urlante e adorante mi irrita proprio. Ma e’ uno dei pochi che in Italia si affanna a cercare di fare emergere delle questioni importanti per il paese, delle magagne vere che sono le vere cause della situazione attuale del paese. Poi Grillo non e’ la soluzione di niente, ma e’ fra i pochi che cercano di far capire dove sta il marcio, quello vero.

    E voi, scribacchini di regime, state semplicemente cercando di metterlo a tacere per conto terzi, tirando fuori le sue beghe personali di cui non frega niente a nessuno.

    Non capisci: anche se avesse ammazzato la madre a me non importerebbe un cazzo, sono cazzi suoi (e della madre, chiaro) ma non fa un milionesimo dei danni al paese rispetto alle cose che denuncia.

    Un paragone: se Berlusconi fosse un privato cittadino e avesse avuto in casa Mangano, a me non importerebbe un cazzo. Cazzi suoi, di Mangano, ed eventualmente delle forze dell’ordine.

    Se Grillo ha fatto un incidente perche’ guidava come un coglione me ne sbatto i coglioni, sono cazzi suoi e dei poveracci che ha ammazzato, non ne va della situazione del paese, che sta andando a puttane, lo capisci o no?

    Anche se avesse stuprato il suo cane, le cose che denuncia sono sacrosante, riesci a fartene una ragione in quella testa da scaricatore di cassette o no?

    Per il resto, odontotecnico e scaricatore sono due mestieri dignitosissimi, ai quali ti invito a tornare.

I commenti sono bloccati.