The classifica 9. X fav mandatela! Bilancino – MI

“BILL 6 TROPPO FIGO…..PASSEROTTA 94 – MANDATELO VI PREGO!!!!!!”

La situazione è tesa come una
corda di violino. Castighi divini incombono. Proprio la prossima settimana, gli
italiani si avvieranno ubbidienti verso le urne per garantirsi un altro po’ di
allegro medioevo. E’ quindi un caso, che proprio la prossima settimana la
hit-parade sia destinata a testimoniare l’altrettanto ubbidiente tributo del
Paese al Gran Bollito, in uscita con l’ennesimo lamentoso best-seller? E’ bello
immaginarli a braccetto, Vasco & Berlusco, queste due magnifiche icone
iconoclaste della nostra epoca. E che strano destino pensare che Jovanotti,
democratico di sinistra a tutto tondo, ceda il suo premierato proprio nella
settimana in cui lo cede Prodi.

“KUSS x BIBI…..xxxxx ! – TH
SUPERFAN 96”

Ma frattanto, come si diceva,
la situazione è calmissima, di new entry mi pare di vederne una sola e al n.100
(i poveri Supergrass) e la top ten non dice nulla di nuovo o quasi: nelle prime
cinque posizioni, musica gradita ai brizzolati, con Amy Winehouse al n.2, poi
Gianna Nannini, Sergio Cammariere e i Pooh. Gianluca Grignani e Paolo Meneguzzi che avevano
fatto irruzione sette giorni addietro, ne fanno eruzione oggi. Vi rientrano
invece i Neri Per Caso, con la loro amabile sbobba da supermercato di cui non
c’è alcun bisogno, inserendosi in un quartetto assai giovane e ciuffato che si
spalma dal n.6 in giù: Sonohra, Muse (il prog-rock ciuffato), Finley e Tokio
Hotel
. E su questi ultimi va ben detto qualcosa, visto che il loro
disco si trovava in classifica da dieci mesi, e di colpo, a ciel sereno, ha impennato dal n.41.

“TOKIO HOTEL + BETTINO, 4EVER
– F.F. ‘67”

E’ successo che i pupilli di Mtv
dovevano venire in Italia in tour. Ma il cantante Bill Kaulitz, quello con le
alghe sulla testa, ha dovuto essere operato per una ciste proprio alle corde vocali, e i
concerti sono stati annullati. Immaginate il momento doppiamente difficile per
chi ama i TH, li aspettava e si preparava a omaggiarli ad esempio in questo modo:

“Ognuno di noi stamperà la
propria stella, ed in più, altre stelle che poi distribuiremo fuori al
Palalottomatica prima del concerto, alle altre ragazze che non sono a conoscenza
di questo nostro progetto!Le stelle vanno stampate su un foglio A3, andate in
copisteria, e ve le fate stampare.
Sfruttando il materiale a nostra disposizione, abbiamo deciso, di utilizzare il
cartoncino con sù stampata la stella, a double face (doppia faccia) e di
stamparci sull’altro lato un cuore in fiamme, con una frase in tedesco:
“14’000 cuori, una sola fiamma”
Dopo aver stampato la stella e il cuore, senza ritagliare, incollate i 2 fogli
sulle due facciate di un cartoncino più resistente. Ora dobbiamo cercare di
rendere la nostra stella visibile al buio… Primo tipo stelle fluorescenti,quelle
che si attaccano alle pareti, però per essere sicuri che si illuminino al buio
bisogna attaccare ad esse con dello dello scotch anche una GlowStick o chiamata
comunemente ”esca”.
Secondo tipotelle ricoperte da carta fluo (da comprare in ferramenta) o
applicando sui bordi del glitter.
Terzo Tipo: Sempre stelle di cartone ritagliate da un cartoncino F4 colorate
con il colore acrilico GIALLO FLUO che si può comprare dal ferramenta.
L’effetto finale?Immaginate di essere al concerto…luci spente!
I Tokio Hotel dal palco,si guardano intorno e vedono tante stelle
luminose,sarebbe stupendo!…sembrerebbe di star suonando nel cielo!
Come dirrebbe Bill….COOL!!!!
Io direi di fare lo stesso anche per i cuori, e cospargere sul cuore, della
porporina rossa, non è obbligatorio, stà a voi decidere.(partecipano tutti!
Parterre e Anelli)
Il cartoncino verrà alzato dalla parte della stella durante le canzoni: Sping
Nicht,1000 Meere,In Die Nacht,An Diener Seite(Ich Bin Da),Vergessene Kinder. E
invece dal lato del cuore solo durante Monsoon
LE ALTRE IDEE SONO:
*Una stella enorme, sempre gialla con scritto “Miliaia di stelle per
colmare 1000 mari”, naturalmente in tedesco.. questa stelle verrà alzata
durante l’esibizione di “1000 Meere”, da decidere se in prima fila o
a metà fossa..
ma per quello c’è tempo..
la stella sarà realizzata da lisuccia87, perciò non dovete preoccuparvi di
niente, solo delle vostre stelle!


Quante aspettative d’amore
deluse, poverine! E che paura per Bill: sapete, l’operazione poteva anche
andare male.

“In questi giorni abbiamo
letto in siti (tipo you tube) frasi skifosissime e malvage contro Bill tipo
“W LE CISTI” che ci hanno fatto incazzare da matti ma adesso che è
stato operato abbiamo un piacere per quei maligni che vivono solo delle
disgrazie altrui..cioè noi non le diremmo manco al nostro peggior nemico
“spero che muore” o cose del genere…ARSCHLOCH ANTI TOKIO HOTEL!”

Ora, dei Tokio Hotel il qui
sedicente critico musicale non ha niente da dire. Nemmeno “W le cisti”. No, in fondo mica fanno musica per lui – né
tampoco, presume, per i lettori di questa rubrichina. Ma quello che è successo
è evidente: per compensare la delusione ma anche per dimostrare ulteriormente
il proprio viscerale attaccamento ai quattro quasi coetanei tedeschi, quelle
fans che presumibilmente possedevano già tutte le canzoni in formato mp3, hanno
comprato il disco. Fondamentalmente, si sono tassate – potrebbe essere
un’indicazione sulla disponibilità ai sacrifici delle giovani generazioni, se
sufficientemente motivate; ne tengano conto Marina e Piersilvio, quando
toccherà a loro scendere in campo per infliggere alla penisola tutta la Libertà che si merita. E
tengano conto di un’altra cosa: il fenomeno è rigorosamente circoscritto
all’Europa continentale. Quel decennale gemellaggio con gli angloamericani che la Imperiale Casata
incoraggia nei modi e nei fatti, da quando il Nostro Signore dichiarò la propria
incondizionata ammirazione per Thatcher e Reagan, potrebbe vacillare in futuro, visto che i Tokio
Hotel cantano anche in inglese, ma come riporta il sito delle THgirls (con onestà giornalistica degna di nota):

Tokio Hotel flop in England
“Bill (18), Tom (18), Gustav (19) and Georg (20) started an attack at the
English charts with the single “Ready, Set, Go”. But the British
weren´t “amused” about the song. The single reached just place 77 in the official british charts
in the first week. In the second week they already disappeared from the top 100”. Priya Elan from the biggest
British music magazine “NME” knows, why Tokio Hotel flopped in
England. “Here they are compared with Emo-rockers like “My Chemical
Romance” and “Fall Out Boy”. But they are too pop-like for that
and flopped.”


E quindi, è evidente, sta
accadendo. L’aura dell’Euro luccica sempre più. Nessuno yankee nella top ten, e gli idoli delle teenagers non
vengono dall’Inghilterra né dall’America. Ma ripensandoci, forse questo è un segno che metterà a disagio non solo Nostro Signore, ma anche l’altro candidato. 

(Visited 10 times, 1 visits today)

5 Comments

  1. Che dire madeddu.
    Se non “applausi”.
    Io sono mesi che cerco di capire da dove sia stata copiata “Monsoon” che me ne ricorda mille.
    O forse è stata generata direttamente con Composer 3.0.
    Intravedo strane ed inquietanti analogie anche con la parabola dei Les Rockets, mitologico gruppo metà argento e metà tutadiacefrehley che ebbe successo solo in alcune fesse nazioni europee.

Rispondi