8 Comments

  1. Lol ; almeno si fosse optato per uno sport meno demenziale (specie ai livelli più alti).
    Se lo fa io voto per Silvio , “più NBA in Italia” sarebbe per me un deterrente maggiore anche della presenza Binetti…

    Gli altri “appelli” son, più o meno, condivisibili.
    Mi fa sorgere però qualche dubbio : ” No più donne in lista ma elette!” .
    O che richiesta sarebbe ?

  2. in fondo hanno il salary cap anche i giocatori dell’nba, come i metalmeccanici e i postelegrafonici: così l’esempio verrà dall’alto

    ahahah

  3. Veramente, la questione è aperta da un bel po’ di tempo, e Veltroni la veicola in quanto presidente onorario della Lega Basket. L’Nba discute da tempo l’apertura all’Europa, in particolare pensando ad alcune capitali selezionate: Londra, che ha la struttura ma non ha la squadra, Madrid, che ha entrambe, Parigi, che avrebbe l’interesse ma le manca tutto il resto… Poi ci sono la Grecia e l’est, Mosca in particolare. Bisogna capire che per sedersi al tavolo dell’Nba ci vuole un chip di circa 240 milioni di dollari (all’anno…), e questi soldi, anche considerando palazzetti pieni e diritti tivù, non ce li ha nessuno, in Europa. O almeno, nessuno li investirebbe sapendo che di certo qui l’interesse per il basket non sembra in grado di giustificare la cifra. In ogni caso c’è poco da ridere: Veltroni, con Petrucci, è l’uomo più potente del nostro basket (vedere Superbasket di dicembre). Prima di scrivere, informarsi…

  4. @Kluz: sarebbe che con la legge elettorale attuale, se tu le donne le metti in cima alla lista vengono elette, se le metti in fondo alla lista fanno vetrina, ma visto che non ci sono le preferenze, col piffero che vengono elette.

  5. @Giancarlo : grazie , era ovvio , lacuna mia , anche se , essendo sulla “porcellum” , in effetti , me ne vergogno un po’ meno.

    Tanto per sentirmi stupido per la seconda volta nel medesimo seguito di commenti ad un post, avrei un altrà domanda. Posto che ho espresso il mio atteggiamento verso il basket , specie quello NBA (altezza media 6’8″ …) , sperando di non aver offeso nessuno, mi chiedo come sia possibile anche in linea teorica un affiliazione di alcune città europee alla NBA.
    La lega di Hochey ad es. è una , Nordamericana (Canada e USA insieme) , la mitica NHL.
    Ora , ok che quando devi andare ad es. da L.A. a N.Y. , qualche ora di aereo devi farla , ma ad es. da Madrid/Roma/Parigi i trasferimenti sarebbero improbi , specie quando si conta che giocano ogni 4 giorni .
    Dove sta l’ inghippo ?

  6. Se ne sentiva davvero il bisogno.
    Per una Madrid finta (cercasi il risparmio) si potrebbe scegliere Managua.
    Tanto per gli americani non cambia un cazzo.

1 Trackback / Pingback

  1. Breaking Zen: il blog di Zeno Tomiolo

Rispondi