Come il Suv all’improvviso

Suv

Questa cosa del “non generalizziamo” a volte non la capisco proprio.

Esistono rari casi in cui generalizzare si può e si deve.

Per dire: un qualsiasi essere più o meno senziente che possiede un SUV abitando a Milano (quindi in una città in cui il massimo della pendenza è rappresentato al limite da un sampietrino fuori posto) è oggettivamente, inconfutabilmente, incontrovertibilmente un monumentale pirla.

E intendo una cosa del tipo che tu hai Skype, nella finestra “quale numero vuoi chiamare” scrivi “pirla” – così, generico -, e dopo tre squilli lui risponde.


(* previous title of this post was: “Fare di tutta un’erba dei fasci”)
(Visited 29 times, 1 visits today)

3 Comments

  1. La statistica forse parla a tuo favore e la mia non è una difesa dei SUV a prescindere. Ciò che non mi va è l’abbinamento immediato, la presa di partito a tutti i costi.
    Io detesto il Porsche Cayenne perché lo associo a tutta una serie di tizi che vedo che lo posseggono (sono fra le auto preferite dai calciatori e il tipo responsabile dell’incidente è un procuratore di calcio, tanto per dire). Ma pure la Smart, prerogativa di addetti di agenzie immobiliari e piccoli pr pseudoazzimati, che ti sgusciano da tutte le parti per strada con un’impunità insostenibile. Diffido anche degli anziani col cappello che guidano magari una Punto, ecc. Come vedi, le generalizzazioni le faccio anch’io, ne ho in abbondanza.
    Ma non ne faccio un manifesto politico, una questione di garantismo o forcaiolismo, sino ad arrivare a sponsorizzare punizioni corporali per chi c’ha un macchinone.
    Anni fa è capitato anche a me un episodio simile al tuo. E sai chi c’era al mio fianco? Un pullman, che mi ha distrutto la fiancata dell’auto e ha pagato. Che dovrei fare ora, una crociata contro i guidatori di pullman e disquisire sui loro hobbies o sulla loro fede politica?
    C’è un post della Bignardi “molto molto signora mia” che deplora i guidatori di SUV che parcheggiano alla cavolo dinanzi alle Grazie a Milano per andare a prendere i bambini a scuola. Se avesse assistito ad una sfilata di 500 nella stessa posa sarebbe stata più “garantista”?
    Io resto dell’idea che uno sia pirla se non è capace di guidare e pensa invece di essere un piccolo Kimi, indipendentemente dall’auto che guida.

    Caccia alle differenze:
    “Per quanto mi riguarda, i Suv basterebbe vietarli alle donne: sono loro le regine delle quattro frecce fuori dalle scuole o per andare a far la spesa.” INVIATO DA: FILIPPO FACCI , 16.02.08 22:51
    “Nella fiera delle sciocchezze c’è chi sostiene che i Suv basterebbe vietarli alle donne: sono loro le regine delle quattro frecce fuori dalle scuole o davanti ai negozi. Se questo è il clima, io allora propongo di vietare le strade a tutte le Fiat Punto, guidate quasi sempre da incapaci. Attendiamo altre proposte.”
    Il Giornale, 20 febbraio 2008

  2. Cara Virginia, scusa ma io non seguo l’automobilismo: chi è Kimi, un pilota di formula 1? Quanto al mio ultimo post, ho sì parlato di statistica, ma ho anche precisato che per me, cito quasi testualmente, “chi va in Porsche o simili non è automaticamente un coglione, nè è per forza un “figo” chi va in Panda od Opel Agila”; peraltro dal mio punto di vista una certa generalizzazione s’impone, giacchè il problema, ripeto, è ahimè innanzitutto culturale(non lo invento certo io), ossia di automobilistico consumismo beota per “minus habentes”, il che ovviamente riguarda (sempre in generale, beninteso) anche Smart e simili “motus-symbol”: i quali però, come ho già detto, soprattutto nelle strade extraurbane sono assai meno pericolosi, a mio modesto avviso, dei vari SUV e compagnia rombante, data la minor stazza; d’altronde concordo profondamente con te sul fatto che “uno sia pirla se non è capace di guidare e pensa invece di essere un piccolo Kimi, indipendentemente dall’auto che guida”: l’episodio di prepotenza che ho riferito è infatti purtroppo uno dei tanti occorsimi solo negli ultimi due anni, dentro e fuori le mura urbane, con auto di varia forma, cilindrata e “massa muscolare”…che faccio, mi prendo il porto d’armi? :)

    Quanto a Facci: per lo più i suoi post, così come i suoi cosidetti articoli, sono di una vacuità e di una volgarità così becere e sconcertanti da causare, alternativamente, il torpore più profondo agli insonni più furiosi o la nausea ai più sani di stomaco: habent sua fata Facci.

    Saluti

Rispondi