Brog Invasion

Non so se l’avete notato, ma il nuovo blog di Pierluigi Diaco fa talmente cagare che i Google Adsense compaiono scritti in braille.


Per chi non lo sapesse, Pierluigi Diaco è un celebre parto di Giuliano Ferrara (che, come recita il proverbio, è sempre incinta), scaturito dalla fecondazione di ovuli appartenuti a Maurizio Costanzo.
Con la sua creatura digitale si apre ufficialmente l’era dei brog
(contrazione di web-rogna), diari personali a metà strada tra
informazione e giardinaggio, discussioni e dislessia, giornalismo
spazzatura e discarica.
Ma soprattutto, mi raccomando, fatemi sapere!

(Visited 2 times, 1 visits today)

10 Comments

  1. Va tutto bene, la satira è “libera” come si dice. Ma dovevi proprio tirare in ballo dislessia e dislessici? I dislessici non sono un gruppo di potere, la dislessia è un problema, un disturbo serio, che coinvolge circa il 5% della popolazione. Un 5% NON di scemi: informati. Usare il termine “dislessia” come hai fatto tu, a mo’ di insulto, è inqualificabile. Prenditela pure coi diaco di questo mondo, ma l’amor di polemica non giustifica la tua ignoranza di un problema serio per alcuni milioni di persone, in Italia. Per saperne di più: http://www.aiditalia.org/

  2. Ciao, ho controllato il blog da te citato e le pubblicità google non ci sono neanche sul blog…in più non lo trovo male! Infatti l’ho inserito tra i miei favoriti. Pero’ un consiglio (se permetti): cerca di rileggere i tuoi post prima di pubblicarli perche il tuo modo di essere diciamo “simpatico, accattivante, d’attacco” non é proprio ancora a punto.
    Congratulazioni a Melba per il suo saggio commento..

    http://www.lucianobove.blogspot.com

  3. @Melba: Dovevo, sì. Per rendere un’idea attraverso un’altra idea. Non rido dei dislessici, ma di Diaco, che sembra dislessico per come “parla” sul blog. Tra le due cose c’è un abisso. Si chiama iperbole e ha un solo soggetto. L’altro è funzionale, reale, esiste. Tirarlo in ballo può solo fargli del bene. Magari qualcuno impara anche cos’è la dislessia, se non ne ha mai sentito parlare.

    s.

  4. Invece Murmur ci ride proprio, quanta simpatia.

    I dislessici posso guarire, se presi da piccoli.

    Per Murmur e’ tardi, invece.

Rispondi