33 Comments

  1. Riotta fece un gioco simile con indymedia sequestrata.

    Sono per la libertà, anche se indymedia… e via con una valanga di merda e diffamazioni che già aveva diffuso e che già erano state smentite proprio al lui medesimo.

    Questi sono quelli sofisticati, il povero Rocca ad esempio scrive delle cronache americane prese di brutto dai commentatori più americani più scartolati, è un amante delle palle dell’UPI del reverendo Moon, ci vuole stomaco e costanza per seguire le evoluzioni della propaganda dei moonies e Rocca indubbiamente ce l’ha.

    Quello sconcerta è l’estremo spirito di sacrificio che esibiscono nel lanciarsi con i loro pezzi al tritolo contro la realtà, veri kamikaze de noantri

    Che la (s)forza intelettuale della destra sia con loro

  2. Per dire. Ma Virgina e quelli che ” ragionano” come lei hanno letto il contratto di LUttazzi? SANNO cosa c’è scritto, quali clausole, quali patti ci sono stati tra l’emittente e Luttazzi? Gli era stato detto che gli altri collaboratori non si toccavano, per cui possono incolpare Luttazzi di avere rotto questi patti? ” Carta bianca ” che siginifica? E’ stato detto a Luttazzi di fare come credeva? Insomma, CHI ha rotto il rapporto di fiducia? Oh, quelli come Virginia non hanno dubbi. E’ stato Luttazzi, il volgarone, il plagiatore, e così via. MA non ne sanno niente. Vogliono solo fare finta di niente. E stanno lì a sorbirsi le furbate di chi vuole dirgli cosa è satira e cosa no. E loro appresso, come pecoroni.Ma sentendosi tanto furbi.

  3. Guardate che quello che dice Virginia ha un senso. Basta tirare le somme.

    “La tv può essere libertà finché essa si adegua alle logiche imprenditoriali”

    Il comunicato targato la7 afferma questo principio, ma in lingua boy-scout.

    Vorrei vedere se questa logica o linea imprenditoriale era scritta bella nera su bianco sul contratto di Luttazzi, oppure è l’aria fritta che fuoriesce dai cavoli in imputridimento dell’amico dell’Orto.

    Forse si, forse era bello scritto in caratteri cubitali; allora io spengo la mia tv con il convincimento che tanto, ogni parola era inutile e sprecata. Luttazzi molto peggio di uno che plagia, un pirla.

  4. Bastian contraria di chi, di grazia? C’è qualche regime che m’impedisce di dissentire da qualcosa?
    E tu, invece, fai la pappagalla per contratto?
    Se hai meno di 20 anni sei ampiamente giustificata. Altrimenti perdonami, fai pure serena trallallero, protetta dai tuoi sodali. Che tu a pecoronaggine qui stai messa molto bene.
    Ma sappi che è ormai assodato che capisci poco di quello che leggi. Esiste un comunicato stampa dell’azienda che spiega le sue ragioni e io mi attengo a quello. Ripeto col labiale e senza maiuscole: sarà condivisibile o meno.
    Delle dietrologie sul far finta di niente, manco fossi un’agente della CIA, non so che farmene.
    Ti invito a pensare con la tua testolina, ché quando non copincolli accusi solo il prossimo di dire cazzate con gli asterischi e abusi di maiuscole a caso.
    Mille volte meglio Barynia. Che, chissà, sarà pure più ggiovane di te.
    (Barynia, vai pure a teatro e poi ci ammazziamo :-))
    Pepitol, non la butterei sull’imprenditoriale, tanto per farne una battaglia sindacale. Qui non si sta parlando della classe operaia.

  5. @Virginia: cara Virginia, “solo la battaglia contro la censura” non mi sembra cosa da poco, di certo molto più alta e onorevole di una battaglia sulla qualità artistica di un comico, perlomeno in questo momento dove non può che passare per triste diversivo.
    Per quanto riguarda il pagare, credi forse che chi guarda Luttazzi non paghi un biglietto altrettanto costoso, in proporzione, di quello che si acquista andando a teatro? Lo si fa grazie a quella cosa con cui anche la7 sopravvive, e che si chiama pubblicità. Luttazzi ha un costo, che è per gran parte coperto dagli inserzionisti, attraverso i quali noi manteniamo la rete che lo manda in onda. E’la legge del mercato.
    Questo è il principale motivo per cui Grillo non può andare in tv dagli anni Novanta, perchè allora, soprattutto, ha cominciato ad attaccare chi gli pagava la messa in onda: dentifrici, auto e pannolini.

    Luttazzi, con ben altri obiettivi, non disturba gli inserzionisti (che anzi gratifica con ascolti superbi, oggettivamente), e neppure i direttori di rete, o gli autorevoli editorialisti, ma soltanto i vari responsabili che li controllano, politicizzati in e da ogni dove (e non sto pensando a Berlusconi).
    A loro non conta se faccia ridere o meno, bensì se faccia troppa audience. In quel caso, per forza di cose, diventa scomodo, eccessivo. Volgare.
    Ferrara non si è sentito offeso da quelle battute, così come l’intera redazione di la7 non ha emesso un qualche comunicato contro un qualche volgare attacco del comico a un loro collaboratore.
    Nemmeno Dall’Orto ha agito impulsivamente come appare e racconta (o vogliamo davvero credere che il suo ruolo sia quello di un barista cui girano le palle di fronte a una battuta sulla cameriera?).
    E non credo si tratti di un caso (come molti altri blogger hanno fatto notare), che la censura sia arrivata dopo la migliore, per ritmo e contenuti, di quelle andate in onda.
    Poi ognuno è libero di credere quel che crede, ma la si smetta di parlare di cose che non c’entrano un fico secco (fa ridere/copia/puzza).

    ciao,m.

  6. Dal blog di Luttazzi:

    ” Noi stand up comedian siamo una consorteria. Ciascuno aggiorna ( e migliora, secondo lui ) il repertorio dei giganti che l’hanno preceduto. E’ commedia dell’arte.

    Ecco un esempio di Bill Hicks che rifà una battuta di Lenny Bruce:

    “If Jesus had been killed twenty years ago, Catholic school children would be wearing little electric chairs around their necks instead of crosses.”
    Lenny Bruce (1925 – 1966)

    “A lot of Christians wear crosses around their necks. You think when Jesus comes back he ever wants to see a fucking cross? It’s kinda like going up to Jackie Onassis with a little sniper rifle pendant. ”Hey Jackie, just thinking of John.”” Bill Hicks (1961 – 1994) ”

  7. A me dispiace che abbiano chiuso il programma di Luttazzi. Era al posto giusto secondo le leggi del mercato. Ciò posto, delira di onnipotenza. Ciò posto, faceva ascolti molto inferiori alle aspettative. Molto. Ciò posto, è un cretino e si è comportato da stupido. Ciò posto, quelli di La7 hanno reagito sconclusionatamente e Ferrara ha voluto dare una dimostrazione di potere. Ciò posto, qui è pieno di idioti.
    Un altro ispiratore:



  8. Andrea’s version – Il Foglio

    “A SCANSO DI EQUIVOCI. A tutti coloro che interverranno su questo blog ricordo che non sono permessi: messaggi che violino la legge (diffamazione, istigazione a delinquere ecc.); messaggi non pertinenti al post (razzismo, turpiloquio, pubblicità ecc.); messaggi maniacali e parassitari (signoraggio, propaganda elettorale, segnalazione di siti personali, flamers, spammers ecc.); messaggi superiori alle 20 righe. E’ imperativo RESTARE SUL TEMA Suggerimento: i post più interessanti sono quelli che raccontano di fatti e circostanze da voi stessi vissuti. Seguite queste indicazioni e mi farete felice. Chi fa il furbastro perde l’accesso al blog. Non si deve abusare della libertà, scambiandola per licenza. In ogni caso, il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi”. Questione irachena a parte, non è una roba da cacarsi in bocca?

  9. Ciò posto haaahaahahah..che..hahahah…tu..hahahahah..sia..hahahahah…un..hahahagiornalistahahahah..mi chiedo ma non ti arrendi all’evidenza?Parli di persone che di cui non riesci neanche lontanamente a capire l’intelligenza e l’arguzia,straparli di plagi quando ampiamente è dimostrato il contrario.Sposti come al solito l’argomento (plagi,volgarità,coprofagia ecc.ecc.)per nascondere il vero motivo censorio cioè il monologo sull’enciclica del Papa.Tu parli di Luttazzi che plagia?Parliamo di Ferrara direttore di Panorama e le torture in somalia?O delle mitiche armi di distruzione di massa di Saddam avallate dallo spione della Cia Ferrara e la bufala di panorama dell’uranio nigeriano rifilata alla Cia e usata come pretesto all’attacco con la benedizione di Ferrara e Cristian Rocca.O parlando di te che ti vanti dell’amicizia di Craxi latitante e fai finta di dimenticare le prove a carico di craxi e i vari conti svizzeri di Raggio,del debito pubblico alle stelle a causa delle tangenti?Fra un presunto plagiatore di battute ed un corrotto acclarato io scelgo il primo tu fà quel che vuoi ma non pubblicare scempiaggini e insultare quando sei a corto di argomenti.Gioornaliistà tse.

  10. Facci, ma quanto ti mancano i viaggetti ad Hamamet ?
    Certo che a quei tempi, da bravo schiavetto, alzavi molto meno la cresta…

  11. Facci si ispira e cita Rocca e Ferrara.
    questa e’ satira.
    Voi non capite, ma lui ci illumina,
    rischiara e dirada le tenebre della menti ottuse da questa voglia di liberta’

    La vera liberta’ e’ fare cio’ che il padrone comanda!

    quindi la domanda sorge spontanea e fulminea:

    Craxi rubava
    berlusca ruba
    Facci?
    commenta su macchianera

  12. Virginia, il comunicato della 7 che a te sembra ” ineccepibile ” è veramente vergognoso.
    Tu prendi Luttazzi, dico , LUTTAZZI, presente? NOn Topo GIgio, non Mago Zurlì, non Pieraccioni. LUttazzi-mutandeFalchi, Luttazzicacca-pipì, etc…
    VOglaimo dire che alla 7 non conoscon chi è LUttazzi? Vuoi dirlo tu, che sono sommamente incompetenti?
    Comunque, lo prendono, gli danno MASSIMA libertà( maiuscola, così ti dà fastidio) , nemmeno nel loro comunicato che tanto ti soddisfa dicono che c’era una qualche clausola che imponeva un certo rispetto tra dipendenti. FORSE se lo aspettavano, ma non dicono che è stata discussa. Poi, però, si ” accorgono” dopo 3-tre puntate ( LUttazzi ha detto che la puntata è andata anche su satellite) che Luttazzi ha ” offeso” Ferrara. Si aspettavano che non lo facesse, per ” consorteria”. Ma in teoria potevano essere tremila le cose su cui Luttazzi doveva essere prudente. NOn so, Afef, gli azionisti della 7, tutto. Allora, se tu dai carta bianca a qualcuno, dai carta bianca.Magari potevano fare una dichiarazione di dissociazione dopo quella frase, ma massima libertà per me significa massima libertà. SE non ti sta bene lo metti in chiaro PRIMA.NOn dopo, a freddo.
    Ora, io non so quali sono stati i veri motivi dell’allontanamento di Luttazzi. Dico che però non mi si può dire che la libertà era condizionata o doveva essere ” responsabile” . CHe vuol dire ” responsabile”? Responsabile verso il pubblico, verso i collaboratori, verso il buon gusto, verso chi? Vuoi fare l’ditore liberale? Allora, fai l’edtore liberale fino in fondo, lasciando fare. Io penso che proprio in quel comunicato della 7 manchi il senso di RESPONSABILITA’. Perchè non dicono che non potevano permettersi di lasciare quella massima libertà che avevano sbandierato. No, preferiscono dire che era il comico che doveva ” capire i limiti” In una rete di nicchia, in un orario inoltrato, c’erano ancora limiti. E limiti non risolvibili con querele o con ammende o con dure reprimende. No, questi dicono solo vattene.

    Questo è quanto.
    IL resto, i plagi, la volgarità, e il va bene per il teatro e non per la televisione , non c’entrano niente. Addirittura, si arriva a tirare in ballo il fatto che Luttazzi in gioventà è stato consigliere della DC. A parte che non si capisce che cosa ci sia di male. Ma vorrei capire che c’entra.Ma , vabbeh, è Rocca, immagino non ci si possa aspettare di più.

  13. MJ, lascia stare, tanto è inutile. Sono i soliti critici a prescindere. Avrebbero criticato comunque.
    Prima si è tirata in ballo la “libertà responsabile”, argomento difficile, arrovellandosi sul quale si finisce in una posizione di stallo: c’è chi è convinto sia una cosa sensata e chi dice che sia una specie di ossimoro. È un po’ come la fede. Siamo nell’agnosticismo.
    Poi, gli stessi, se ne escono con la questione del plagio che, al limite, sarebbe un punto a favore di Luttazzi, poiché dimostra che Hicks, per la battuta originale, non è stato censurato e che Luttazzi non è un folle, isolato “mangiatore di cacca”. Ma tanto tutto fa brodo.
    Poi qualcuno dice che Luttazzi non piace a nessuno (detto da uno che non lo segue è il colmo), quando si sa che fa tournée ogni anno e i teatri sono sempre pieni. Gli ascolti di Decameron, inoltre, erano cose mai viste per la7 (e, comunque sia, superava Ferrara e la Bignardi insieme). Poi c’è chi si incazza se gli si dice che “il Giornale” è carta straccia che nessuno legge. Mutatis mutandis…
    Poi, ancora, si accusa Luttazzi di essere stato – a 20 anni – consigliere Dc, che grossa pecca. Ho linkato prima l’episodio, raccontato tranquillamente dallo stesso Luttazzi (che grande scoop che ci hanno dato i segugi).
    Fra un po’ lo attaccheranno perché, ispezionando il suo cesso, scopriranno che non usa lo spazzolone dopo aver cagato. Questi qui non sono critici, sono astiosi.
    Basta leggere e ascoltare Aldo Grasso, il quale critica duramente Luttazzi, ma ne riconosce i meriti e il valore, e si sofferma solo sull’episodio. Lo stile e la professionalità non sono per tutti.

    Sul blog di Luttazzi qualcuno ha riportato il commento di Wu Ming1 e che riporto di seguito:

    “Questa è la sua attitudine, e ci vogliono metodo e sapienza per fare variazioni di questo tipo. I tentativi di ridurle a mero “plagio” sono abbastanza goffi, e fatti da persone tendenzialmente incolte, le stesse che da giorni petano giudizi su cosa sia satira e cosa no senza aver mai dedicato alla questione nemmeno lo 0,0000000001% del tempo e dei neuroni che ci ha dedicato Luttazzi.”

    (http://www.danieleluttazzi.it/node/326#comment-11241)

  14. Dummy, non è che avessi chissà quali speranze. Volevo solo mostrare che la dichiarazione dell’emittente era molto criticabile.

    Ancora, sono stata accusata di non avere capito il senso di ciò che ho linkato. Ma il punto di 7yearwinter è che lui non intendeva ” smascherare” Luttazzi, ma fare una considerazione sul diverso trattamento ricevuto dalla stessa battuta in diverse occasioni. Però, entriamo nel merito di ciò scrive 7yearwinter, ovvero se è vero o no che anche negli Usa c’è stata censura. Intanto, Hicks si è autocensurato, NON proponendo in TV ciò che proponeva altrove? Ecco, appunto, lo ha deciso lui. LUI decide come e dove censurarsi. Perchè forse ci sono accordi su fin dove può spingersi. E questa è una cosa che un’artista accetta o meno. Luttazzi aveva avuto carta bianca. E di punto in bianco l’emittente gli dice che non va in onda.
    Ma vabbeh, che parlo a fare? Continuiamo a divagare. MI hanno detto che Luttazzi da piccolo si metteva le dita nel naso. C’è nessun altro che può riferire di altre cose atroci fatte da Luttazzi? Chi offre di più? Un Luttazzi che forse voleva farsi prete?

  15. “Afef”?
    “Che vuole dire responsabile?”?
    Luttazzi aveva avuto “carta bianca”?
    Se stai a questo punto di informazione, fossi in te ci penserei due volte prima di dire “vabbè, è Rocca” con fare sprezzante manco fossi Umberto Eco. Oppure forse non hai mai lavorato.

  16. Le Invasioni Barbariche è considerato un programma di successo, nei suoi momenti migliori se non ricordo male, ha fatto 4,5% di share, è trasmesso il venerdì dopo le 21.30. Quali erano le aspettative di ascolto nei confronti di Decameron (La7, di sabato dopo le 23.30)? Bisogna ritenere che siano stati gli ascolti dunque a motivarne la chiusura? O il Ferrara offeso? E se è per Ferrara, perché La7 ha permesso che venisse oltraggiato in replica e in podcast (sul proprio sito ufficiale)?

  17. Secondo l’Auditel, Decameron è stato visto in media da 200mila persone a puntata, tanto per completezza. Luttazzi spara i contatti, che a suo dire sono stati 2 milioni. Ma conosciamo quelli registrati da altre trasmissioni?
    Circa lo share, come è comprensibile, c’è differenza fra 3-4% in prime time e a mezzanotte. Quindi, non farei la somma come nemmeno un bambino, perché l’audience de Le Invasioni e di 8 e mezzo messi assieme è almeno cinque-sei volte quella di Decameron.

  18. A suo dire? Dici che se li è inventati i dati di ascolto e non glieli ha forniti la rete? Quindi è per i dati di ascolto che è stato segato? Last but not least, per la terza volta e me ne scuso, ma se la chiusura è motivata dall’oltraggio a Ferrara invece, perché La7 ha permesso che ciò avvenisse anche in replica e a mezzo podcast sul proprio sito ufficiale?

  19. No, con a suo dire intendevo che l’ho appreso dalle sue dichiarazioni. Quanto al resto, come ho già detto, presto fede alle motivazioni del comunicato de la7, che possono essere condivise o meno. Detto ciò, per essere stato il ritorno dell’Epurato per eccellenza acclamato in ogni dove, non si può dire che sia stato un successo. Perdeva anche dal programma di Gene Gnocchi che andava in contemporanea.

  20. Guarda, ho posto una domanda molto semplice, a cui il comunicato de La7 non risponde: se la motivazione dell’allontanamento di Luttazzi risiede nel presunto oltraggio a Ferrara, perché l’emittente stessa ha replicato la puntata incriminata e ne ha permesso la diffusione a mezzo podcast sul proprio sito ufficiale?

  21. Per quello che può valere, ti posso dire solo ciò che penso, perché non lavoro a La7 né svolgo inchieste.
    Che senso ha sopprimere la replica di qualcosa che è già andato in onda e che chiunque poteva registrare e trasmettere in rete? Io non l’avrei fatto. L’oggetto dell’interruzione del rapporto deve stare lì, visibile a tutti.

  22. (quando nel comunicato ufficiale della chiusura di Decameron da parte de La7 si accenna a responsabilità nei confronti del pubblico, sono proprio quelle a cui l’emittente viene a meno: il vero oltraggio viene praticato ai danni dell’autore e del suo pubblico.)

  23. Bene, bene. Direi che a questo punto ogni dietrologia vaticana è da scartare, o comunque da disprezzare.
    La7 espleta il suo diritto sacrosanto di far rispettare una linea editoriale (continuo a pensare che sia piuttosto imprenditoriale/personalista)fino ad ora non meglio specificata.
    Mi auguro che anche Daniele Luttazzi espleterà il suo non meno sacrosanto diritto di fare loro un culo cosi in tribunale per inadempienza contrattuale.

  24. Qualche anno fa, una commissione teologica internazionale guidata da Ratzinger si riunì per rispondere alla domanda: “Dove vanno le anime dei bambini morti senza battesimo?”. Questi temi mi affascinano. In auto ascolto sempre Radio Maria. Anche perché è inevitabile: accendi la radio, c’è Radio Maria. ..”Dove vanno le anime dei bambini morti senza battesimo?” Io avrei voluto essere in quella commissione di Ratzinger. Come fai a dare a una risposta? È come chiedere “Dove vanno le anime dei Klingon dopo morti?”. Da Decameron 6^ puntata c/o Ambra Jovinelli, via Dagospia.

  25. Luttazzi scrive a Dagospia e Christian Rocca risponde.
    In sintesi, l’Artista è arrivato al concetto di “Variazione su tema”, che risale a Shakespeare e Moliere fino a Andy Warhol.
    Da rotolarsi dal ridere. Ora sì.
    Almeno Beppe Grillo ci mette del suo. Su quel terreno il confronto è oggettivamente impari. Però, se si ricorre a Shakespeare e a Letterman che ripropone una battuta dell’Artista, allora tutto è possibile. Scommetto sul prossimo riferimento: Dante, tanto per dar noia a Benigni. Ma forse anche nella Bibbia …

  26. Rocca, dopo aver scritto che si era ripromesso di ignorare la questione Luttazzi, ci ha scritto gia’ 7 o 8 post, ma cosi’ puerili da far pensare che non gli sia andata proprio giu’ quella volta che Luttazzi l’ha sputtanato completamente sulla vicenda Niger-Cia-Gate.

  27. Rocca sarà puerile, ma a casa sua può scrivere anche 100 post sullo stesso argomento. Come mi risulta faccia anche tu, no?
    L’Artista, dall’alto del suo piedistallo e del suo superblog libertario, scrive invece lettere a Dagospia. Pur forte di milioni e milioni di adepti.
    Al momento, sul Ciagate, mi risulta difficile prestare più ascolto alla versione di un satiro copione piuttosto che ad un giornalista che sta in loco. Salvo che tu non sia a conoscenza di benaltre verità. Che ti sarai peritato di documentare, mentre davi del paraculo ad altri via mail.

  28. nel caso di epurazione, avrei previsto la pena di morte.
    Peccato la moratoria.
    Come unico modo per ristabilire (forse) un principio di civile rispetto anche per chi ha sbagliato.

  29. Virginia, Luttazzi ha scritto a Dagospia perchè è su DAgospia che è stato pubblicato un pezzo di Rocca.
    E dato che sul blog di Rocca non si può commentare…

    Per quanto rigurda il ” Ciagate” e le inesattezze di Rocca, dove cominciare? Non so, per esempio dal fatto che contrariamente a ciò che scrive lui la Plame era ” undercover”, infatti dopo che è stata vigliaccamente reso pubblico il suo ruolo hanno dovuto chiudere l’Agenzia che le forniva la copertura ,che Armitage era, sì, l’uomo di Powell, ma era anche uno dei sottoscrittori del PNac, e comunque uno che ha fatto campagna con Bush nelle ultime elezioni, poi che…Etc…etc..
    Ma questo post non parla di questo, e poi ho come idea che non vorresti saperne di più.

Rispondi