Sexpolitik 2008

Vabbeh, prima guardate le foto del calendario.
Sì, sono nude.
Poi ne parliamo.

sexpolitik2008-01.jpg
Copertina
sexpolitik2008-02.jpg
Gennaio
sexpolitik2008-03.jpg
Febbraio
sexpolitik2008-04.jpg
Marzo
sexpolitik2008-05.jpg
Aprile
sexpolitik2008-06.jpg
Maggio
sexpolitik2008-07.jpg
Giugno
sexpolitik2008-08.jpg
Luglio

sexpolitik2008-09.jpg
Agosto
sexpolitik2008-10.jpg
Settembre
sexpolitik2008-11.jpg
Ottobre
sexpolitik2008-12.jpg
Novembre
sexpolitik2008-13.jpg
Dicembre
sexpolitik2008-14.jpg
Retro 1
sexpolitik2008-15.jpg
Retro 2
sexpolitik2008-16.jpg
Retro 3

Morale: ma che Lamberto Dini, quali senatori a vita, che gerontocrazia: è tutta salute quella che tiene in piedi il governo Prodi.
Il bailamme di questi giorni rischiava di farci perdere la vera notizia politica del periodo, questa: è uscito «Sexpolitik 2008 – senza veli per Prodi», un nuovo e rivoluzionario calendario interpretato da tredici ragazze di Reggio Emilia «tutte rigorosamente con la testa ben piantata sul collo nonostante la giovane età».
Sono nude lo stesso, ma «si sono spogliate a fin di bene, per una giusta causa: si sono fatte ritrarre senza veli allo scopo nobilissimo di sostenere anima e corpo il loro celebre compaesano». Insomma: vogliono «solidarizzare senza se e senza ma con il governo in carica, continuamente minacciato dall’eventualità della crisi, quindi difendere il programma politico e la tenuta complessiva del’Unione».

Una buona causa, insomma: non è uno di quei calendari da camionisti o da berluconiani che ormai ci sommergono, roba volgare e senza obiettivi sociali. C’è anche scritto: «Politically correct, cento per cento Romano girls, il primo calendario di lotta e di governo». Dicono sul serio: «Tredici ventenni della porta accanto scendono direttamente in campo, nell’agone istituzionale, mettendoci la faccia».
La faccia. In effetti non ce n’eravamo accorti, c’è anche quella.

Conclude la cartella-stampa: «Un lunario quindi erotically correct che mira a sensibilizzare l’opinione pubblica sulla bontà della squadra di centrosinistra, la quale, pur tra mille difficoltà, sta guidando con discreta lucidità, serietà e serenità questo strano e contradditorio Belpaese». Urrà.

Sempre più surreale. In effetti non l’avevamo mai visto un calendario del genere, ed è senz’altro la nostra becera superficialità a farci sembrare le tredici pischelle reggiane come tredici semplici ragazze a culo nudo.
La correttezza politica, in fondo, è uno stato mentale: basta un attimo e al posto del consueto esibizionismo intravedi il fine anziché i mezzi, vedi tredici ministri anziché tredici biotte, vedi addirittura Prodi: mortadelle, insaccati vari, prosciutti, frutta fresca. Che genio: e noi che vedevamo tredici ignude come tutte le altre.
Tu vedi le foto, e loro posano, una si mette il rossetto, una fissa la camera in una location da muratore, un’altra gioca a biliardo in mutande, un’altra sempre in mutande sali in piedi sul jukebox (scene del Paese reale, cose che si vedono tutti i giorni, mica Berlusconi e la sua plastica) e poi c’è un’altra che si struscia contro il muro, e infine, giocoforza la più bollente, c’è quella che poggia il deretano sul caminetto.

La migliore è febbraio, non ci piove: Monia Elefante di Scandiano. Le altre sono di Canossa, Cadelbosco Sopra, Villalunga di Casalgrande e altri paesi stile ‘Novecento’ di Bernardo Bertolucci. Eccola, la società civile di sinistra. Pronte a tutto: «Tieni duro romano, noi saremo sempre con te, anima e corpo». C’è da tener duro davvero. Eccolo il ricambio generazionale: mica sciacquette come tutte le altre, si capisce subito che a queste qui di apparire non importa nulla, che non c’è esibizionismo né malizia in quegli sguardi, in quelle posture, come dire, in quelle terga: «Le giovani e bellissime protagoniste di “Sexpolitik 2008” sono tutte alla loro prima esperienza fotografica, abitano su e giù per il territorio reggiano, hanno dai 20 ai 28 anni e tra loro ci sono impiegate, parrucchiere, studentesse e persino una giovane mamma».

Ma soprattutto, hanno fatto la fila alle primarie.

Sono dilettanti, ma sono nude: conta questo, in primis. In secundis, tuttavia, l’iniziativa è ascrivibile alla miglior tradizione di militanza e di volontariato di cui questo Paese può fregiarsi: quell’Italia no-profit, ossia, che resta l’Italia migliore, il Paese che per una giusta causa già ci propose lieti calendari di casalinghe, parrucchiere, pallavoliste, hockeyste, un fracco di gente nuda, sì, ma per beneficenza, per aiutare i più deboli, soccorrere i bisognosi e quelli che non ce la fanno, che ci fanno pena, che ci fanno voltare la testa dall’altra parte.
Il governo Prodi, sì.

(Visited 42 times, 1 visits today)

5 Comments

  1. That is the correct weblog for anybody who needs to seek out out about this topic. You understand a lot its virtually laborious to argue with you (not that I truly would needHaHa). You undoubtedly put a brand new spin on a subject thats been written about for years. Nice stuff, simply nice!

  2. Oh my goodness! an amazing article dude. Thanks However I’m experiencing subject with ur rss . Don�t know why Unable to subscribe to it. Is there anybody getting an identical rss problem? Anybody who is aware of kindly respond. Thnkx

  3. Nice post. I study something tougher on totally different blogs everyday. It would all the time be stimulating to read content from other writers and follow a little bit something from their store. I�d desire to use some with the content on my blog whether you don�t mind. Natually I�ll offer you a link on your net blog. Thanks for sharing.

  4. I wish to show appreciation to this writer for rescuing me from this particular problem. After checking through the internet and getting methods which were not beneficial, I figured my life was over. Living without the strategies to the problems you’ve sorted out as a result of your main short post is a serious case, as well as those that might have badly damaged my entire career if I hadn’t encountered your web blog. Your primary ability and kindness in dealing with every item was important. I’m not sure what I would have done if I had not come upon such a point like this. I can also now look forward to my future. Thanks a lot very much for the specialized and results-oriented guide. I will not hesitate to refer the sites to any individual who needs to have guidelines on this issue.
    shoes http://www.tennendo.net/cart/cart.cgi?mode=comment&no=3

Rispondi